lunedì 22 agosto 2016

Tutto il resto NON è noia 2015-2016 - I parte


ALBANIA

Avevamo lasciato l'Albania con lo Skënderbeu Korçë vincente e ritroviamo l'Albania con lo Skënderbeu Korçë vincente. La prima edizione di "Tutto il resto"(datata 2011) festeggiava con gioia la vittoria  della compagine di Coriza, pregustando chissà quante altre future sorprese dalla Kategoria superiore. Manco per il cazzo. Dopo 4 edizioni e un anno di pausa, ritroviamo ancora lo Skënderbeu campione.
E' come quando incontri dopo  un po' di tempo il tuo amico Peppe. Tutti abbiamo un amico Peppe, quello che non frequentiamo ma è una brava persona. La prima volta ti racconta del suo nuovo lavoro e di quella ragazza con cui si è appena messo, Livia, quella che: "Dai te la ricordi è l'amica di Elisa!" e mentre tu cerchi di ricordarti Livia e se non sbagli è la tizia dito in culo e anche sinceramente bruttina amica di Elisa, lui ti parla della sua nuova passione, ovvero, la Capoeira. A te fa piacere che i cazzi per il tuo amico Peppe vadano più che bene, certo non condividi la scelta di Livia e non capisci perché ti abbia parlato per 20 minuti di Capoeira, ma sei contento per lui. Poi passa qualche altro mese, se non qualche anno e incontri nuovamente Peppe e lui ti racconta di nuovo di Livia, dello stesso lavoro e di Capoeira. poi succede ancora un'altra volta e ancora un'altra. Alla quinta volta che ti racconta di: Capoeira, Livia e solito lavoro,  tu sfoggi il tuo solito sorriso di circostanza ma vorresti tanto dire a Peppe che non te ne frega una fava del suo lavoro, che ha lessato le palle con sta minchia di Capoeira e che speri che possa lasciarsi con quel roito inchiavabile che risponde al nome di Livia. Ecco Peppe è lo Skënderbeu, il primo anno ero contento ma dopo 6 ha asfaltato i testicoli.
Lo scorso 18 maggio i simpatici  "Ujqerit e dëborës"(lupi della neve) hanno conquistato  il loro sesto titolo consecutivo, battendo 2 a 0 il Flamurtari Valona con reti di  Latifi e Plaku. 
La differenza con l'amico Peppe è che mentre Peppe si è sempre fatto un discreto culo per la sua vita insipida e priva di sorprese, lo  Skënderbeu è nel mirino della UEFA per una serie di partite truccate. Il che starebbe a significare che l'undici "Bardhekuqtë"(biancorosso) in questi sei anni pur di non farmi scrivere qualcosa di nuovo, si è comprata interi campionati. Staremo a vedere.  Al secondo posto, beffato di 5 punti e forse derubato del titolo,  troviamo mister Andrea Agostinelli e il suo Partizan Tirana. Si! Andrea Agostinelli  è finito in Albania, noi ricordando quella bellissima Ternana di Grabbi e Borgobello non possiamo che augurare al mister di stravincere il prossimo campionato per portare una ventata di novità a questo campionato palloso e forse fasullo.
Lo scorso campionato sulla panchina del Flamurtari sedeva Ernestino Ramella, la cosa bella di Ramella è che nella sua carriera di allenatore si è ritrovato dal guidare la Solbiatese al diventare allenatore del Queretaro in Messico, per poi tornare al Legnano 2 anni e passare in seguito al Pachuca, quelle cose che non capitano neanche nelle migliori carriere di Football Manager.
Sorpresa in coppa d'Albania, meglio conosciuta come Kupa e Shqipërisë. Ha vinto per la prima volta nella sua storia il piccolo Kukësi. il club della città di Kukës batte in una sofferta finale il Laçi. Passa in vantaggio proprio il Kukësi al minuto 65 con il centrocampista brasiliano Jean Carioca. Al 73esimo il numero  9 del Kukësi, Ansi Nika, fa un'entrata sul numero 3 avversario che al confronto Fabio Bilica era una suora, il Kukësi rimane in 10 e al 94esimo il Laçi con Mitraj pareggia. L'undici di Kukes viene da 2 finali consecutive perse e 3 secondi posti in campionato. Nonostante la sfiga sia da sempre loro amica, riescono a vincere ai rigori 5 a 3. La partita è stata diretta dal nostro arbitro Guida e da quel che ho capito su espressa richiesta del Kukësi che aveva invitato la federazione albanese a contattare un arbitro straniero. Le spese sono state messe in conto proprio al Kukësi, sempre che la mia fonte sia attendibile e sempre che il traduttore di google abbia fatto il suo lavoro decentemente. La richiesta del Kukësi e la storia sullo Skenderbeu mi fanno capire che il campionato albanese non se la passa benissimo. Vi invito a guardare bene il video della finale, osservate i due gol e scegliete tra queste 3 opzioni: A) La scuola dei portieri albanesi è lievemente in ritardo B) I portieri in questione, sono lievemente in ritardo... Mentale C) Nelle peggiori agenzie di scommesse di Durazzo qualcuno aveva puntato diversi soldi sul risultato di 1 a 1.
E' un bel Kukesi
NB: quando  ho cominciato a battere il pezzo lo Skenderbeu non era stato ancora silurato dalla Uefa e sottolineo solo dalla Uefa.

LO SAPEVATE CHE ?
Dal 1967 fino al 1985 il poco paranoico "Presidentissimo"  Enver Hoxha, convinto di un prossima invasione da parte: della Yugoslavia, della Grecia, delle nazioni del patto di Varsavia, dei samoani, dei vulcaniani, della nazionale italiana cantanti e da  qualsiasi altro paese vero o immaginario che la sua fervida mente potesse partorire, fece costruire in tutto il suolo albanese circa 750.000 bunker, la bellezza di un bunker ogni 4 persone. Oggi i bunker sono un attrazione turistica, sono diventati: fienili , rifugi per animali, qualcuno è diventato un locale,  fungaie, cabine per la spiaggia, ostelli, fioriere e sale proiezione. Si narra che vengano usati in alcune zone anche come scoperie per le giovani coppie.
Anna Oxa è figlia di un nipote profugo di Enver Hoxha, in realtà questa forse è solo una leggenda e comunque anche sticazzi.
Bunker albanese

ANDORRA
Avete presente "Impressioni di settembre" della PFM? Ecco quando sono alticcio o sotto effetto di massicce dosi di THC  trovo che sia semplicemente il miglior pezzo mai scritto nella storia della musica. Quando sono sobrio però, non mi da alcuna emozione, mi fa lo stesso effetto che può farmi papaveri e papere cantata al contrario.  Che  c'entra con il campionato andorrano? Sono dell'opinione che  per essere abbonato a qualsivoglia squadra andorrana DEVI necessariamente andare allo stadio sotto pesante effetto di qualcosa e non parlo di blando Thc e 4 birre, parlo di roba seria.
Prendete la partita del 29 novembre 2015, tra Engordany ed Encamp giocata sul prestigioso manto dello stadio "Campo de la Borda Mateu" alle ore 12 e terminata con il risultato di 0 a 0 e ditemi come è possibile resistere per 90 minuti se non si è sotto effetto di un mix di Cremovo, colla industriale e Ketamina.
Il campionato  è stato vinto per il terzo anno consecutivo(e per la nona volta nella sua storia) dal Fc Santa Coloma da non confondere con i pezzenti dirimpettai della UE Santa Coloma che non sono mai riusciti nella non facile impresa di portarsi a casa il torneo. Il Santa Coloma(quello figo) domina sia la fase regular che la ronda por el campeonato, perché si, la Primera Divisiò si divide in 2, un campionato da 8 che poi si divide in 2 gruppi da 4: uno per il titolo e l'altro per decidere chi retrocede. Questo ovviamente per consentire ai propri tifosi di drogarsi più pesantemente e più a lungo.
Teresa(34 anni) 12 anni di abbonamento al Sant Julià
La sorpresa viene però dal lato sfigato della classifica. fa notizia retrocessione diretta del povero Penya Encarnada che conta in rosa ben 11 messicani(Dio solo sa come ci siano finiti) e che ha racimolato la bellezza di 3 punti( ma ne aveva sei prima che fosse penalizzata di 3 punti, forse per la presenza di troppi messicani probabilmente portati con la forza in quel di Andorra) 15 gol fatti- 58 subiti-1 partita vinta - 3 pareggiate e 15 perse. Ancor più sconvolgente però è il bubbone che scoppia nello spareggio promozione/retrocessione tra la penultima della Primera e la seconda della Segunda, rispettivamente il già citato Encamp e il Carroi. La  prima partita terminata 0 a 0 in casa del Carroi, è stata invalidata, con successivo 0 a 3 a tavolino per l'Encamp,  dopo il ricorso dello stesso Encamp per una leggerezza del Carroi che ha schierato i temibili Jose Maria Ramirez e Daniel César González, calciatori che prima dello spareggio erano in prestito(da quel che ho capito al Penya Encarnada) e che quindi non potevano disputare il match in questione. Al Carroi non è stato neanche permesso di giocare il ritorno e l'Encamp, tra la gioia dei suoi tifosi sotto effetto di nocino e  Shaboo, ha mantenuto la categoria. Bisogna sempre tenere conto che forse anche in questo caso nelle peggiori agenzie di scommesse di Durazzo qualcuno si era giocato lo 0 a 3 a tavolino.
Si porta a casa la coppa nazionale il Santa Coloma sfigato(lo UE) che batte in finale 3 a 0 l'Engordany.
Per l' Unió Esportiva Santa Coloma si tratta della seconda Copa Constituciò, dopo quella del 2013. Per la Ue a segno Boris Anton  e una doppietta di Victor Bernat.
UE Santa Coloma
LO SAPEVATE CHE
Andorra la Vella è l'unica capitale europea priva di aeroporto e stazione ferroviaria. Plausibile che la ragione sia quella di non far conoscere un altro calcio ai tifosi andorrani. "Ehi! Cosa c'è aldilà delle montagne?" - "Un cazzo! Ora sparati la tua eroina tagliata con il calfort, fatti un sorso di Strega e finisci di vedere Lusitanos - Ordino"

ARMENIA
Nel paese dove regnano gli scacchi e le canzoni dell'istrionico Charles Aznavour, che tutti noi ricordiamo per il capolavoro "Lei" , vince il primo "Scudetto" della sua storia l'Alashkert. Dovete sapere che 2 stagioni fa il povero Alashkert era retrocesso, poi il mancato arrivo di squadre dalla seconda divisione (le prime classificate erano tutte squadre riserva di quelle del massimo campionato e quindi non aventi diritto alla promozione)ha permesso il ripescaggio e in soli due anni, la squadra fondata nel 1990 a Martuni, fallita nel 2000 e rifondata a Yerevan nel 2011, si è portata a casa il  Bardsragujn chumb.
L'Alashkert deve tutto alla miglior coppia d'attacco d'Europa dai tempi della Lucchese di Paci e Rastelli, si perché il il tandem formato dal brasiliano Heber Araujo Dos Santos  e dalla stella armena Mihran Manasyan mette a segno 32 gol(16 a testa).
Persone splendide
Brutta storia per quanto riguarda l'Ulisses, la squadra che nel 2012 aveva posto fine all'interminabile  regno del Pyunik, vincendo meritatamente il campionato. I biancorossi a fine febbraio dopo 2 sole vittorie 8 gol fatti e 37 subiti si sono ritirati dal campionato per problemi finanziari, tutto questo dopo che il 12 gennaio l'allenatore Gagik Simonyan, il suo vice, il centrale difensivo Hayk Hunanyan  e un amministratore del club erano stati arrestati dalla polizia armena per aver aggiustato diversi risultati(sicuramente un ordine partito dalle peggiori agenzie di scommesse di Durazzo). Ciao piccolo Ulisses! Ora vai e insegna agli angeli come si pone fine al regno del Pyunik.
Vince la  Hayastani Ankaxowt'yan Gavat'(645 lettere quando si poteva tranquillamente chiamare coppa d'Armenia) il Banants, che domina la finale contro il Mika battendolo per 2 reti a 0 e si aggiudica la sua terza coppa della storia.

LO SAPEVATE CHE
Il Khash brodo tradizionale armeno a base di zampe di vitello(ma anche testa e stomaco) viene mangiato solo nei mesi che contengono la R.
Roman Sahradyan ha effettuato in una triste palestra armena, 152 rotazioni appeso a un'asta(si non è il termine tecnico giusto ma  non lo trovo fondamentale) un record inutile, almeno quanto mangiare un piatto tipico solo nei mesi che contengono la R.
C'è bisogno di mettere la regola dei mesi con la R? Si, ho capito che si fa per non mangiarla quando c'è troppo caldo ma è come metterla sulla polenta con il sugo delle spuntature, chi cazzo la mangia il 13 agosto? Ho controllato la temperatura di Yerevan, ci sono 33 gradi con il 29% di umidità, non proprio un tempo da brodo con zampe e testa.
E che non ta la scoli la vodka con il Khash?
(Ma i Seattle super sonics... Non si sono estinti? Sempre al passo con i tempi questi armeni)



AUSTRIA

Arriva la stella per i Red Bull Salisburgo. Decimo campionato vinto, il settimo dal 2005 anno dell'avvento della Red Bull. Quarto campionato conquistato grazie ai gol della punta catalana  Jonathan Soriano Casas, orfano del suo storico compagno di reparto Alan Douglas Borges de Carvalho, passato nel gennaio 2015 in Cina al Guangzhou. Questa volta Soriano ne butta dentro soltanto 21, tanto basta però a vincere per il terzo anno di fila capocannoniere. Ora io mi chiedo, ma perché un club medio alto di Liga, Bundesliga o Serie A, non possa dare una piccola chance a questo signor attaccante?
Jonathan Soriano Casas(il più forte di tutti)
Il Rapid ci ha creduto, non vince dal 2007 e sembrava poter approfittare del momento di appannamento del Salisburgo alle prese a dicembre con il cambio di allenatore(Oscar Garcia ha preso il posto di Peiter Zedler), ha tenuto la testa della classifica per un totale di 9 giornate, salvo poi arrendersi al dominio di Soriano e soci dalla 26esima giornata in poi. Merita una menzione anche l'ala sinistra del Rapid Florian Kainz(classe 1992) , autore di una stagione mostruosa e per questo acquistato dal Werder Brema, ne risentiremo parlare, ovviamente in negativo visto che ogni volta che adocchio un calciatore regolarmente va a fare figure di merda per i campi di mezza Europa e finisce la sua carriera chiedendo l'elemosina con il culo di fuori ad un semaforo.
Sappiate comunque che la coppa  è stata vinta  a sorpresa dai Red Bull Salisburgo(o Salzburg... fate voi) contro l'Admira Wacker, non senza però soffrire, visto che l'incontro è terminato con il modesto risultato di 0 a 5, con ovvia tripletta di quel fantastico uomo che risponde al nome di Jonathan Soriano Casas e gol di Naby Keita(guineano classe 1995 passato alla consorella RB Lipsia, appena promossa in Bundesliga) e del giovane Konrad Laimer(centrocampista centrale classe 1997).
Sono 3 anni 3 che il Salisburgo fa la doppietta coppa e campionato, la bundes austriaca sta diventando quasi più triste della serie A, più ripetitiva di una puntata di Casa Vianello. Casa Vianello aveva sempre la stessa fottuta trama in quasi ogni cazzo di puntata. Sono a casa, arriva nella vita di tutti i giorni un avvocato/poliziotta/vicina straniera/postina/infermiera fregna, lui s'ingarella e prova a bombarsela, la tata fa la spia, Sandra si vendica, lui legge la gazzetta, lei che noia-che barba e calci sotto le lenzuola . 338 puntate così. Trecentotrentotto! Tutto si poteva risolvere alla 12esima puntata con Sandra che chiede un cazzo di divorzio, oppure con Raimondo che licenzia quella spia infame della tata.
Tata infame! Per te solo lame
LO SAPEVATE CHE?
Allo scoccare del 30esimo minuto del secondo tempo, i tifosi del Rapid(qualsiasi sia il risultato) effettuano la Rapid-viertelstunde praticamente un battito di mani ritmato. Non parliamo di una moda del momento ma di un qualcosa che fanno dai primi anni del 900.
Nel 2011 il Rapid viertelstunde è stato in lizza per essere inserito tra i patrimoni orali e immateriali dell'Unesco. Evidentemente la presidentessa della commissione austriaca dell'UNESCO Eva Nowotny, non ha preso la proposta molto sul serio, dubitando che tali manifestazioni possano entrare a far parte dei patrimoni immateriali. Probabilmente la dottoressa Nowotny non segue il calcio o è tifosa dell'Austria Vienna.
Carsten Jancker è l'allenatore in seconda del Rapid(credo sia giusto farvelo sapere)

AZERBAIGIAN
Dici...  Ma magari in terra azera è successo qualcosa di nuovo, ovviamente no! Ha rivinto il Qarabag di cui (abbiamo già parlato abbondantemente), sia in campionato che in coppa.  Partiamo dalla finale di coppa che ha almeno registrato qualche brivido. Si ripete la sfida della scorsa stagione tra Qarabag e Neftchi(finita 3a 1 per la squadra di Agdam,che di Agdam non è, andate a rileggervi le passate edizioni per saperne di più) e si tratta di una sfida tiratissima, dominata dal Qarabag, ma che il Neftchi era riuscita a portare quasi ai calci di rigore. Quasi dicevamo, perchè al 120esimo un perfetto cross del terzino albanese  Ansi Agolli, trova il fantastico inserimento dello spagnolo ex Getafe: Miguel Marcos Madera "Michel", il colpo di testa è impeccabile e per l'estremo difensore (dalle sopracciglia decisamente importanti) del Neftchi , tal Mammadov, non c'è niente da fare. La partita finisce così:  abbracci, complimenti, calciatori che corrono mano nella mano raccogliendo margherite. No, non è vero una minchia, nel minuto e mezzo rimasto si sono saccagnati di botte, tanto che sono arrivate le espulsioni del paraguayano del Neftchi Eric Ramos e della punta brasiliana del Qarabag Reynaldo.
In campionato il Qarabag arriva appena di 22 punti sopra il disperato Zira FK che come se non bastasse non ottiene neanche la licenza Uefa e non parteciperà quindi all'Europa league. Lo Zira, storico club di Baku, fondato la bellezza di due anni fa, non ha fatto ricorso, probabilmente perché non ha idea di come fare ricorso vista la giovine età.
Lo spagnolo Dani Quintana, 10 del Qarabag, si è laureato "Pichichi" con 15 reti. Parliamo di uno che ha passato gran parte della sua  vita calcistica in segunda B e che ora è il miglior calciatore del campionato azero. Non so voi ma io stimo i  Dani Quintana, meglio essere re in Azerbaijan, piuttosto che un pezzente in  Spagna.
Dani Quintana RE di Baku

LO SAPEVATE CHE
Girando sul prezioso "Viaggiare sicuri" si può scoprire che...
E’ vietato esportare dall'Azerbaigian quantità di caviale superiori a 125 grammi a persona. Con quantità superiori ai 200 grammi, secondo me,  rischiate di finire come Billy Hayes in Turchia.

Il traffico è spesso indisciplinato e non di rado capita di vedere automobili procedere contromano.

Inoltre su un sito di biciclettari ho trovato anche questa perla che a quanto pare è tratta dalla Lonely Planet

La gente del posto (Georgia, Armenia, Azerbaijan) tende a guardare i ciclisti dall’alto al basso. Chi non possiede un’automobile non viene considerato da nessuno! Tuttavia alcuni intrepidi ciclisti stranieri, che si sono avventurati per quelle strade, hanno riferito che la bicicletta è il mezzo di trasporto ideale per visitare Georgia e Armenia, mentre in Azerbaigian i rischi sono maggiori. Pare che alcuni camionisti si divertano a spingere fuori strada i ciclisti.(I camionisti azeri realizzano i miei sogni)

BELGIO
Non è cambiata una fava. Sono 5 anni che prego il Belgio di cambiare formula al suo campionato e niente.
Partiamo con i vincitori che regalano comunque un pizzico di emozione. Rivince dopo 11 anni la Jupiler League l'allegro Club Brugge Koninklijke Voetbalvereniging o più semplicemente Bruges. Il Bruges chiude la stagione regolare con 4 punti di distacco sopra il Gent(campione in carica) e chiude il discorso nel play- off scudetto  dando 7 punti di distacco al solito Anderlecht. Aldilà della punta maliana Diaby, gran parte del merito va sicuramente al suo allenatore, idolo assoluto della mia giovinezza, ma cosa più importante, tecnico con due enormi palle: Michelle Preud'homme. Ora io mi chiedo come sia possibile che la federazione belga non abbia ancora offerto la panchina della nazionale (peraltro deformata dalle enormi chiappe di quel buzzicone di Wilmots) a questo monumento vivente. Questo è il palmares da allenatore di Preud'homme: 2 campionati nazionali(Standard e Bruges), 2 coppe di Belgio(Gent e Bruges), 1 supercoppa(Bruges) 1 coppa e 1 supercoppa d'Olanda(Twente, con cui è stato vicecampione d'Olanda)un campionato saudita(con qualche Alchecazzonesoio). Si ok non sarà tantissimo, ma quanti allenatori con passaporto belga possono vantare questo curriculum?
Passiamo alla coppa. Il Bruges arriva in finale ma perde 2 a 1 a 2 minuti dalla fine contro il grande amore di Preud'homme, ovvero lo Standard Liegi. Eroe della serata Ivan Santin, croato classe 1989 che a 2 minuti dalla fine insacca di testa il goal del 2 a 1 per lo Standard(vantaggio Standard del francese 1995 Dompé, calciatore che tocca tenere d'occhio e pareggio su punizione della bandiera Blauw en Zwart,  l'israeliano Rafaelov). Per lo Standard si tratta della settima coppa della storia, coppa che peraltro per motivi di sponsorizzazione si chiama "Croky". Cosa sono le Croky? Patatine belga in svariati gusti, potete provare quelle gusto cetriolo o magari avventurarvi in un pacchetto di patatine alla "Bolognese". Ne discutiamo da anni a LdB, qualcuno deve fermare questa cazzata della "Bolognaise", ogni volta che qualcuno acquista un prodotto alla bolognaise, da qualche parte un bambino felsineo muore.
Preferirei calarmi una bustina di puntine da disegno

Tornando al campionato segnalo i 15 gol stagionali di Okaka, che in Belgio sembra aver trovato la sua giusta dimensione. Ci fa piacere per Stefano. Posso dirvi con certezza che in 18 anni di abbonamento di Roma il tacco di Okaka su assist di Pit contro il Siena è la cosa più assurda mai vista dal vivo dentro uno stadio.
Scandalo in Proximus league(serie B belga) dove i White Star Bruxelles vincono un campionato tiratissimo all'ultima giornata, ma non ottengono la licenza non solo per la Jupiler ma neanche per la Proximus e quindi vengo retrocessi nella terza serie Belga. Promosso quindi L'Eupen, una squadra che nel 2010 era stata allenata da Eziolino Capuano per 3 giornate(prima delle sue dimissioni) e che sotto la sua guida aveva conquistato il primo punto del club nella massima serie. Va detto che Capuano è riuscito a lasciare una perla anche in Belgio durante la sua presentazione:

«Quand un joueur le mérite, qu'il travaille, alors je lui dis bravo. Je l'encourage, je suis comme ça. Dans le cas contraire, je lui dis plutôt va fan culo»

LO SAPEVATE CHE
Il "Popopopopoo" o come diamine lo chiamate voi altri è nato per colpa dei tifosi del Bruges. Durante i sedicesimi di finale di Europa League nel febbraio 2006, la Roma affronta il Bruges. I giallorossi passano in vantaggio grazie a un autogol di  Vanaudenaerde al minuto 44. Inizia il secondo tempo e al 61esimo pareggia Javier Portillo, non scherzo ha segnato davvero Portillo, al tempo(ma anche oggi) dopo ogni goal del Bruges partiva Seven Nation Army, con tanto di tifosi che accompagnavano la base con appunto il "Popopopopopoo". Quando Perrotta segnò il gol del nuovo vantaggio al 74esimo i romanisti per prendere per il culo i tifosi locali rifecero il "Popopopopopoo". Quel coro divenne la colonna sonora di quella stagione romanista(quella delle 11 vittorie) e poi arrivò in Germania con la nazionale. Ora sapete con chi prendervela.
Mi chiedevo come sia visto Wilmots in questo momento in Belgio. Quello che mi sorprende è che effettivamente questo europeo poteva essere vinto con le mani in tasca dai Diables Rouges, bastava un allenatore vero, ma volendo anche un tizio preso alla fermata del 105 sarebbe riuscito a fare una figura più dignitosa. Wilmots per quel che mi riguarda dovrebbe essere schifato più dell'olio di palma. Avete fatto caso a questa storia dell'olio di palma? Proporre a determinate persone qualcosa che contenga olio di palma equivale tipo a stuprare tutta la sua famiglia, è decisamente più accettato uno che spaccia eroina, mentre  prende a catenate in faccia dei bambini negando l'olocausto, piuttosto che uno che tenta di venderti qualcosa con l'olio di palma. Che poi ci sono quelli che ti cazziano perché ti mangi la nutella e cercano di convincerti che l'imitazione, magari quella equosolidale fatta in Ecuador con sudore di Alpaca, brecciolino e lacci di scarpe,  è più buona ma soprattutto priva del demoniaco olio di palma.  Ora amici miei vi do una notizia, tutto ciò che cerca di somigliare alla nutella ma non è nutella...  ha un vago sapore di buco di culo, e non parlo delle creme alle nocciole con i controcazzi che costano 17 euro a barattolo. Preferirei mangiare un pacchetto di Croky al gusto formaggio alle erbe(si esistono anche queste, credo ci sia anche il gusto lampadario e senape), accompagnate con del brodo Kash in un mese che non contenga la lettera R
LB è amica dell'olio di palma
BOSNIA
Se prima eravamo in 16 a giocare il campionato bosniaco, l'anno prossimo saremo in 12 a giocare il campionato bosniaco.  Torneo tranquillo in Bosnia, dove sono state retrocesse le ultime 6 squadre per permettere di tagliare il numero dei partecipanti alla prima divisione. Ci salutano quindi Borac Banja Luka, Slavija, Travnik, Drina Zvornik, Rudar Prijedor e Velež Mostar. Trovo crudele che l'undicesima e la dodicesima su 16 siano retrocesse, credo che financo Arkan avrebbe trovato disumana questa situazione.
Vince la Premijer Liga lo Zrinjski Mostar che torna sul gradino più alto 2 anni dopo l'ultimo successo. Veder vincere lo Zrinjski è un qualcosa di decisamente positivo, parliamo di un club che ha cessato le sua attività dal  1945 fino al 2002, perchè al governo Yugoslavo non andava a genio che il club fosse dichiaratamente filocroato(Fondato da croati, Zrinjski è una nota famiglia nobile croata e il logo richiama ovviamente il Šahovnica). Il godimento per lo Zrinjski Mostar è doppio perchè i concittadini del  Velez sono retrocessi in malo modo  con appena 9 punti conquistati. Uno dei derby più "Pesanti" del pianeta  il prossimo anno non si disputerà e questo ci dispiace parecchio.
Grandissima stagione per lo Sloboda Tuzia tarapia tapioco come se fosse antani, squadra che un tempo quando la Yugoslavia era unita e i treni arrivavano in orario ha contato qualcosina,tipo un terzo posto nei ruggenti anni 70 yugoslavi. Lo Slobodia ha vinto  nel 1983 una Coppa Piano Karl Rappan, una sorta di antenata della coppa intertoto che però a differenza dell'intertoto, non dava diritto a nulla se non il bullarsi inutilmente con i tuoi conoscenti.
Slobodia Tuzia 1977
Da sottolineare che nella classifica cannonieri dopo il croato Leon Benko del Sarajevo con 18 gol, troviamo il brasiliano Wagner Lago del Široki Brijeg, classe 1978, autore di 12 reti e in totale di più di 80 goal in 10 anni di militanza come trequartista dei biancoblu.
La coppa nazionale regala gioia con la prima storica affermazione del Radnik Bijeljina a farne le spese (andata 1 a 1 ritorno 3 a 0 per il Radnik) il povero Sloboda Tuzia guardi, guardi, guardi. Lo vede il dito? Lo vede che stuzzica? Che prematura anche?

LO SAPEVATE CHE
Nel dicembre 2014 una scolaresca bosniaca composta da 28 studenti ha passato qualche giorno in gita a Sarajevo. Il fatto è che  sette ragazzine tra i 13 e i 15 anni  sono rimaste incinta. Aldilà che spero per lui che il padre non sia lo stesso( o forse lo spero perchè in un certo senso trattasi di eroe) riflettevo però sulle mie gite delle medie dove se riuscivi a sfiorare le labbra di una era un miracolo. Fottuta generazione 2000 che si trova tutte le strade aperte, noi dovevamo improvvisare anche la masturbazione con squallidi giornalini o altro e  loro comodi, comodi hanno il pornostreaming. Aprirei anche una piccola parentesi sulle categorie del porno streaming  in continuo aumento, ne esistono certe che sono sicuro che neanche Pacciani in preda a un raptus riuscirebbe anche solo a  pensare di aprire.
Esempio: naneuzbekelegateconilfilodeltelefonoepreseacolpidimazzadacricket sex

BULGARIA
Dio che bordello. Mi piacerebbe non attaccarvi il pippone anche sulla Bulgaria, ma sono obbligato dai vari eventi. Lo scorso anno a fine campionato, il Lokomotiv Sofia terzo classificato viene escluso dalla serie A bulgara per via dei debiti accumulati, la squadra fallisce e viene rifondata, ripartirà dalla quarta divisione(che vincerà). Fino a qua tutto normale, se non fosse che la stessa identicasorte per i 5,6 milioni di debito con il fisco viene fatta fare  ai mammasantissima del calcio bulgaro, ovvero, il CSKA Sofia. Il CSKA non fallisce ma viene retrocesso in terza divisione, terza divisione dove arriverà prima vincendo tutte le partite e pareggiandone una. Nel mentre  nella sempre elettrizzante A Profesionalna Futbolna Grupa, il Ludogorets vince il suo quinto campionato di fila dando un qualcosa come 652 punti alla seconda classificata(il Levski) e rendendo il campionato bulgaro sorprendente come la 312esima puntata di "Casa Vianello". Il 12 dicembre del 2015 era però accaduto un altro fattaccio. Si sta giocando Levski Sofia-Litex Lovech siamo al 44esimo e il Litex si trova sotto di 1 gol e con un uomo in meno (l'attaccante Johnsen), il difensore  colombiano Rafael Perez commette fallo in area di rigore, per l'arbitro non ci sono dubbi: rigore ed espulsione. Dalla tribuna e dalla panchina parte un ordine per i calciatori del Litex "Abbandonate il campo" i giocatori non se lo fanno ripetere e si dirigono verso gli spogliatoi(Scene bellissime!). Risultato? 10.000 euro di multa, 3 a 0 a tavolino ed esclusione dal campionato bulgaro e stiamo parlando dello stesso 11 che ha vinto l'ultimo campionato prima del dominio Ludogorets e che conta 4 titoli, 4 coppe e una supercoppa di Bulgaria. Le stranezze però non finiscono qui. Lo scorso anno, nel giugno del 2015, Grisha Ganchev oligarca bulgaro re del petrolio,  già proprietario del Litex Lovech, compra il CSKA. La squadra come già detto vola in terza divisione e viene promossa, ma non si limita solo a questo, perchè a sorpresa ma non troppo, si ritrova in finale di coppa di Bulgaria che vince a spese del povero Montana 1 a 0 con gol di testa di Malamov.  Il CSKA è così la prima squadra di terza divisione a vincere la coppa in Bulgaria. Il 27 maggio del 2016 il CSKA si fonde con il Chavdar e il 2 luglio fa la stessa cosa con il Litex(ricordiamo retrocesso d'ufficio in serie B). La federazione bulgara approva una nuova formula in campionato, ispirata a quella belga(ma come cazzo si fa?) le squadre passano da 10 a 14 e sorpresa! Sorpresa! Il club del potente Grisha Granchev viene ammesso alla serie A bulgara senza passare dalla seconda serie. Il Litex ha così cessato di esistere(una nuova società dovrebbe ripartire dalla terza serie). Non rimane che tifare Ludogorets che già si era lamentato dei presunti favori arbitrali al Levski e che ora dovrà guardarsi anche dal CSKA.

LO SAPEVATE CHE
Nel 2014 è scoppiato in Bulgaria il caso del gatto verde smeraldo. Ne hanno parlato tutti, anche in Italia(e figurati se Studio Aperto tra un paio di zinne e un omicidio se lo faceva scappare) il gatto verde di Varna è diventato un caso nazionale. Ovviamente sono state formulate migliaia di ipotesi, si è pensato però principalmente allo scherzo crudele di qualcuno e si sono anche cercati i colpevoli, probabilmente perchè a Varda non hanno niente di meglio da fare. Alla fine però la verità è venuta a galla, questo minchione di un gatto si è addormentato in un magazzino abbandonato di vernici in polvere. Il gatto sta bene ed è stato comprato da Grisha Ganchev, inoltre è stato ripescato e disputerà la serie A bulgara.
Il gatto verde di Varna e un altro gatto anch'esso di Varna

CIPRO
Torniamo alla normalità (si fa per dire) con il campionato cipriota. Vince per il quarto anno consecutivo la A' Katīgoria l'Apoel. Nella regular season l'Apoel arriva sopra di un solo misero punto al vispo Aek Lanarca, nella poule scudetto i punti di distacco diventano però 8, confermando che nel panorama del calcio cipriota non esiste squadra più forte del cazzuto 11 di Nicosia.
Da segnalare i 19 gol in campionato per l'Apoel dell'eterna promessa Fernando Cavenaghi, uno che con D'Alessandro avrebbe dovuto spaccare il mondo ma che ha finito per avere una carriera parecchio al di sotto delle sue possibilità. Cavenaghi è la dimostrazione che in Argentina quando cominciano a paragonarti a qualcuno è meglio che cominci a pregare il signore. Oggi si ritrova con un infortunio al ginocchio e svincolato, essendo noi fan del talento dilapidato, non possiamo che augurare a Fernando il miglior finale di carriera possibile. Cavenaghi che è stato comunque assistito alla grande da un altro argentino, il trequartista Tomas De Vincenti autore di 15 reti. Ottima annata anche per la seconda punta maltese Andrè Schembri(Omoni), anche per lui 15 reti e un prestigioso trasferimento al Boavista.
Fernando Ezequiel "El torito" Cavenaghi
In coda pessimo campionato  per Athlitikos Omilos Ayia Napa  che su 26 incontri non riesce a vincerne neanche una e chiude con 6 punti, grazie a 6 pareggi, 17 gol fatti e 64 subiti. Dopo il gironcino play out fa la stessa fine dell' Ayia Napa anche il tenero Pafos FC. La curiosità del Pafos(squadra nata due anni fa dalla fusione tra AEK Kouklia  AEP Paphos) è che credo sia l'unico logo di squadra di calcio con una effigie , trattasi di Evagoras Pallikaridis che a soli 15 anni, durante le celebrazioni per l'incoronazione della regina Elisabetta II nel 1953, tolse personalmente la "Union Jack" dall'ingresso della propria scuola per non permettere che fosse issata in segno di festa. Insieme a dei suoi compagni di scuola piegò anche tutte le aste delle bandiere lungo la via principale di Pafos. Entrerà a far parte dell'EOKA(l'organizzazione paramilitare filo greca contro l'occupazione britannica) due anni più tardi, nel 1956 venne arrestato per possesso di armi e nel 1957 venne impiccato a soli 19 anni.
Pafos FC
LO SAPEVATE CHE
Santo Spiridione di Trimitonte è un famoso santo cipriota. Inizialmente faceva il pastore, poi però dopo che la moglie si è svegliata fredda, ha sbroccato e ha cominciato a fare della santezza il suo mestiere, diventando vescovo della sua città. Dopo la sua morte la sua tomba fu profanata dagli ottomani ma il suo corpo risultava intatto e anzi profumava di basilico, chiara prova della sua santità. E' il santo patrono di Corfù, dei vasai, dei ceramisti e viene invocato per le difficoltà economiche. Effettivamente quando mi arriva qualcosa di grosso da pagare, magari inaspettato, anche io invoco diversi santi, ma mai San Spiridione di Trimitonte, mi piace il nome! Da oggi lo farò. La mano destra del santo fu donata a Papa Clemente VIII, se volete potete trovarla a Roma nella Chiesa di Santa Maria in Vallicella. Comunque è un'ottima idea regalo,sicuramente originale, immagino la gioia di papa Clemente nel ritrovarsi una mano mozza di un vescovo cipriota  che puzzava di basilico. Secondo me ha avuto la stessa reazione di quando a natale un tuo parente ti regala un libro di cui non te ne frega un cazzo. "Uhhh grazie! Ma non dovevate! E'  na mano mummificata al sapore di basilico,tipo n'arbre Magique, bella sul serio! Davvero di classe! Poi è una mano destra, proprio quella che mi serviva, grazie sul serio ragazzi"
Una simpatica idea regalo

CROAZIA
Avete presente i film di Van Damme? Van Damme è un ex berretto verde/Navy Seals/Marines, i cattivi rapiscono sua figlia/moglie/sorella e lui passa 90 minuti a tirare calci volanti in faccia alla gente, finché non riesce a salvarla. Visto uno! Visti tutti! Esattamente come il campionato croato da 11 anni a questa parte.  Secondo double di fila per la Dinamo Zagabria, undicesima Prva hrvatska nogometna liga consecutiva, 14esima coppa di Croazia in bacheca.
Van Damme mentre tira una bestemmia durante la lettura del copione di  un suo film
Quindi? Tutto qui? No, ovviamente.  Vince la classifica marcatori con 25 gol:  Ilija Nestorovski, macedone classe 1990, che con l'Inter Zepresic aveva vinto anche le ultime due classifiche cannonieri  della serie B croata, ce lo ritroveremo al Palermo e probabilmente spenderemo svariati fantacrediti al fantacalcio(con l'immancabile tizio che pur non partecipando all' asta dirà: " Questo a 12 è buono!") e sicuramente farà meno presenze di Cesar Gomez o peggio ancora segnerà durante le prime giornate, illudendoci di aver fatto il colpo del secolo, per poi sparire dai campi di gioco e cominciare a vendere frittola(se non avete mai mangiato frittola, siete dei mezzi uomini) a Ballarò. Si salva ai play out(promozione- retrocessione) l'Istria 1961, pareggia con il Sibenik all'andata 1-1, stesso risultato al ritorno e vince ai rigori. La cosa bella è che non sono stati disputati i tempi supplementari, allo scoccare del 90esimo si è andati direttamente ai rigori e fanculo alla Uefa e ai suoi assurdi regolamenti. Il prossimo anno, in caso di parità,  si è già deciso che la salvezza verrà decisa da una sessione di "Strega comanda color".
Rodney Strasser è retrocesso insieme al NK Zagabria ed è tornato alla base, visto che il campioncino formatosi nella scuola di Mimmo Kallon è di proprietà della Lupa Castelli Romani, diventata nel frattempo Racing Roma, con sede nella ridente Ardea. Nel NK gioca anche tale Bruno Boban, che è tipo quando ti si rigeneravano i calciatori in PC calcio, quando andavi avanti con le stagioni e trovavi i vari Alessio Baggio o Francesco Maldini.

LO SAPEVATE CHE
Ivan Stoiljkovic (7 anni) di  Koprinivika è in grado di attrarre metalli per un totale di 55 kg sulla parte superiore del suo corpo. Secondo sua madre è anche un guaritore, visto che è riuscito ad alleviare i dolori di un suo vicino di casa reduce da un incidente ed è inoltre riuscito a far passare un terribile mal di pancia a suo nonno. A giudicare dal suo peso forma è in grado di attrarre anche 55kg di lasagne al giorno nel suo stomaco.
E io che pensavo di aver avuto un'infanzia di merda...
DANIMARCA
Ultima stagione "Normale" in terra danese, che dalla prossima stagione finirà per ispirarsi al campionato belga(finitela di complicarmi la vita...  Bastardi!). Torna alla vittoria il Copenaghen che dopo 2 anni di assenza dal gradino più alto, riesce a dare 9 punti di distacco alla seconda.
Al secondo posto troviamo un improbabile SønderjyskE(non è un errore di battitura, la E va maiuscola, vai a capì perchè) squadra mai vincitrice di una beata minchia ma che quantomeno ci prova.
Un coso del SønderjyskE.
Questo e molto altro sul negozio on-line della squadra

Retrocede malamente er poro Hobro con appena 70 gol al passivo in 33 giornate. Sorpresa dalla classifica cannonieri vinta dal classe 94 lituano Lukas Spalvis(Aalborg) che ne butta 18 in fondo al sacco e viene acquistato a fine stagione dallo Sporting per 2 milioni 2, Sporting che potrà vederlo all'opera soltanto a partire dal 2017, visto che è arrivato con un ginocchio fradicio.  Coppa sempre al Copenaghen, che batte 2 a 1 in finale l'AGF. Tutto qui? si amici miei, stavolta si! Perchè fondamentalmente la Danimarca non regala mai nessuna dannata gioia.
Raschietto da Ghiaccio del SønderjyskE, un'altra utile idea regalo!
Se ti presenti con questo a San Valentino... Parti già scopato
LO SAPEVATE CHE
Hans Christian Andersen è cresciuto dentro una stanza in casa della nonna con tutta la sua famiglia. I suoi genitori avevano una bisnonna in comune. Suo nonno paterno era totalmente pazzo. La sua zia materna gestiva un bordello. Era alto e dinoccolato e portava 50 di piede. Si pensava soffrisse di dislessia per via dei suoi numerosi errori di ortografia, motivo per il quale veniva preso per il culo dal resto dei suoi compagni di classe. Aveva chiare inclinazioni omosessuali che nella Danimarca di metà 800,  non è che fosse esattamente una passeggiata. Perché scrivo tutto questo? Intanto perché nonostante tutto ha comunque avuto un' infanzia migliore del bimbo croato che si appiccica pezzi di ferro sulla panza e poi perché in tutto questo dannato disagio, almeno si riesce a dare un senso di come possa aver partorito una fiaba come "Scarpette rosse". Scarpette rosse è un qualcosa di atroce, un qualcosa che solo una mente semi disturbata poteva partorire.
No, de profilo no! Nun lo posso vede'! Voltatelo, voltatelo! È teribbile! È teribbile! (Cit.)
BREVE RIASSUNTO DI SCARPETTE ROSSE
Uh! mia madre è morta - Ti prendo io bimba - Grazie signora ricca, dato che avevo delle scarpe di merda quando ero una pezzente, posso avere quelle scarpette rosse che ho sempre desiderato, per la mia cresima? - So gonfia de sordi, tieni! ma non mettertele per la cresima- Signora ricca, tanto non ci vedi una ceppa perchè sei mezza orba, me le metto lo stesso - Io in chiesa penso solo alle mie scarpe rosse e non mi cago la cerimonia- Si! ma sei più infame di una simulazione di Rodrigo Taddei, ti avevo detto di non metterle    - Ciao sono un soldato non c'entro una ceppa con la storia, ma ti dico che quelle scarpe sono da ballo e quindi senza alcun motivo apparente, se non che l'autore di questa fiaba è un depresso del cazzo con 50 di piede, tu ti metterai a ballare - Oh mio Dio! non riesco a smettere di ballare, toglietemele!- Ora che ti sei tolta le scarpe, sappi che io, la vecchia signora che mortacci mia ti ha adottato, sto molto male - Frega cazzo, vado a una festa figa e mi metto le mie scarpe fighe, oh merda! ho riattaccato a ballare, ballo ovunque, per i campi e per le strade, uh sono arrivata al cimitero- Ciao sono l'angelo con la spada infuocata, tu danzerai in eterno come monito per i giovani vanitosi - Cci tua! E' stirata pure la signora e io non faccio che ballare, toh! la casa del boia, non è che mi mozzeresti i piedi?-  Non aspettavo altro, hai massacrato i coglioni a 3/4 della città co sto fatto che balli H24 - Sono senza piedi, ma se vado in chiesa a chiedere perdono i miei piedi mozzi con tanto di scarpette mi spaventano e quindi mi tocca pregare a casa - Ciao bella, sono sempre l'angelo con la spada infuocata, ora ti è tutto perdonato e per dimostrartelo ti faccio svegliare sotto un cipresso, però ti mando in paradiso - Cci tua di nuovo.

GALLES
E sono sei, sei per i New Saints. Se in quel di Andorra si drogano, qui forse la droga non basterebbe. Un modo per rendere il campionato gallese più sfizioso? Facciamo tornare le gallesi che giocano in Inghilterra
(Cardiff City, Swansea City, Wrexham, Colwyn Bay, Merthyr Tydfil, Newport County)nel campionato locale, certo vista la tristezza vedo molto poco probabile che uno Swansea o un Cardiff possano accettare, ma sono certo che in questa maniera la Welsh Premier League sarebbe sul livello del campionato scozzese. Non so sinceramente cosa raccontarvi di nuovo, questa stagione gallese mi ha dato meno spunti di conversazione di quando vai al bar e non piove, non fa caldo e non è neanche una bella giornata e quindi il barista di turno non avrà una mazza da dire a voi e voi non avrete una mazza da dire al barista. Non sto scherzando, in coppa vincono ancora i TNS(The New Saints) 2 a 0 contro L'Airbus qualcosa. Fermi tutti però, c'è l'asso nella manica, la coppa di lega gallese! Dove arriva in finale per la prima volta nella sua storia il Denbigh Town(Cymru league - serie b del Galles) state già sentendo il profumo di favola? La squadra piccola che fa gridare al demente di turno: " Il nuovo Leicester!!",  ecco! Un po' come nelle fiabe di quel deforme nipote di matto, con la zia pappona e un tantino mignotta di Andersen, arriva sempre il finale semi angosciante e il Denbigh Town perde la coppa di lega contro chi? Devo davvero scriverlo? devo perdere 4 secondi della mia vita? Tanto avete capito, sono sempre loro i TNS. Credo comunque sia giusto annunciarvi che il Port Talbot è fallito e che il Connah's Quay dopo lo spareggio si è qualificato per l'Europa League dove si è anche permesso il lusso di eliminare lo Stabaek, per poi uscire con il Vojvodina ma a testa altissima.
Spot the dog(mascotte dei TNS) e un tipico abitante di Llansantffraid-ym-Mechain
LO SAPEVATE CHE
Un piccolo genio  a Swansea ha vinto una causa  per poter continuare a vivere in tutto e per tutto come un Apache. un associazione animalista  l'aveva denunciato per via dei suoi copricapo fatti con  piume di uccelli rari e per la sua collezione di zampe di tasso.  Il 60enne Mangas Colaradas  ora può continuare senza problemi la sua vita da stramboide. La cosa più deprimente è che questa storia inutile è decisamente più interessante delle poche(ma anche troppe) righe sul campionato del Galles
Mangas Colaradas
GEORGIA
Alla fine di certezze noi di Ldb ne abbiamo poche. Una è che lo Zwolle è una merda, poi crediamo che Archimede Morleo avrebbe meritato almeno una convocazione in azzurro, siamo certi che l'età mentale di Bojan sia massimo 13 anni e  infine abbiamo sempre voluto bene allo Zestafoni. Dopo aver scoperto cosa è successo al povero Zesta, possiamo senz'altro dirvi che noi lo amiamo visceralmente.
Noi non siamo da fair play e non amiamo le squadre da "Terzo tempo", il lato sporco del calcio ci piace, le botte e le risse in campo ci esaltano, le rivalità accese ci fanno sognare e non possiamo non trovare sfiziose le schermaglie dialettiche tra le tifoserie e aggiungiamo anche un sincero "Vaffanculo" alle famiglie allo stadio. Una cosa che ci fa cagare però, sono le partite truccate o i campionati decisi a tavolino. Niente di più infame.
Nel non lontano aprile del 2015(il 19 se non erro) a Zestafoni si deve giocare la partita tra la squadra locale e il Dila Gori(che a fine anno vincerà il campionato), pochi giorni prima un calciatore della squadra dell'Imerezia viene contattato da un mister X che propone soldi in cambio di una pessima prestazione. La dirigenza zestafoniana viene messa al corrente del fatto e denuncia tutto alla federcalcio georgiana, che però non interviene e così  lo Zestafoni decide di non presentarsi in campo. 0 a 3 a tavolino ed esclusione del campionato.

19/04/2015 il Dila Gori attende l'entrata in campo dello Zestafoni... Inutilmente
Una punizione crudele in maniera smisurata, neanche avessero contrabbandato olio di palma.
Sembra assurdo, ma non finisce qui, la federcalcio tira fuori  dei pagamenti arretrati che la società deve a due giocatori ed a un allenatore e nel caso lo Zestafoni non regolasse questi pagamenti, la federazione georgiana si riserverà il diritto di lasciare fuori la squadra da tutti i campionati. A quanto pare così è stato. L'onesto Zestafoni non è presente in alcuna serie da 2 anni a questa parte, il suo sito è fermo, talmente fermo che in home page in alto a destra campeggia ancora un babbo natale trainato dalle renne con tanto di auguri di buon natale e felice anno nuovo, il che un tantinello stona con i 35 gradi di oggi.
Il campionato è comunque tornato saldamente nelle mani della Dinamo Tblisi, lo vince con 13 punti di distacco, grazie soprattutto alle reti del Luca Toni di Georgia, tale Giorgi Kvilitaia, ragazzo del 93 passato da poco al Rapid Vienna. Alla Dinamo anche la coppa nazionale, vinta in finale contro il Sioni Bolnisi(1-0)

Il babbo natale presente sulla home di Zestafoni.ge
 LO SAPEVATE CHE
una serie di superstizioni georgiane pescate su un sito di viaggi:
-Se accidentalmente si rovescia del sale, andrà cosparso con zucchero e innaffiato con abbondante acqua.
-Se qualcuno dice qualche cosa di bello, è necessario tamburellare con le dita o bussare su qualche cosa di legno per non rovinarla.
-In casa non si può pulire a  terra fino a quando l’ospite, appena uscito, non è arrivato a destinazione; al contrario si deve pulire per evitare di far tornare in casa un’ospite non gradito.
-E’ di buon auspicio lanciare dell’acqua con un bicchiere quando un ospite se ne va.
-Non si può tagliare le unghie in un’abitazione altrui, altrimenti si rovina la famiglia.
-Bomber Jaba Dvali nel maggio 2016 ha firmato per il/lo  Tskhinvali.

GIBILTERRA
E siamo a 14 per i Lincoln Red  Imps. 14 dannati campionati di fila. La novità sta nella vittoria nel secondo turno preliminare di Champions, dove la squadra con i 200 Casciaro in rosa si è presa il lusso di sconfiggere il Celtic di Rodgers (E guarda caso ha segnato un Casciaro). Mi fa ovviamente piacere per i Lincoln, quel che mi disgusta, sono tutti i siti o i minchioni che gridano al miracolo, alla favola e quel "Il nuovo Leicester" che sinceramente mi fa maledire Vardy, Ranieri e tutta la premier league. Era chiaro che il ritorno si sarebbe chiuso con l'unico risultato possibile e infatti il Celtic ne ha fatti 3 dal 23esimo al 29esimo archiviando la pratica. La vera notizia è che i Lincoln hanno passato per il secondo anno consecutivo il primo turno e se lo scorso anno a farne le spese è stato un modesto Santa Coloma in questa stagione hanno superato il Flora Tallinn, una squadra non invincibile ma con una storia. Probabilmente il calcio gibilterrino non è così scarso come volevano farci credere, sicuramente non è inferiore alle altre piccole. A Minsk stanno ancora rosicando(per chi non lo sapesse, la Bielorussia votò insieme alla Spagna contro l'ingresso di Gibilterra nella Uefa). I Lincoln oltre al campionato si sono portati a casa anche la terza Rock Cup di fila.
Ah!E' importante sapere che da maggio anche la Fifa ha deciso che in fondo  Gibilterra può esistere, questo fa si cha la nazione più odiata dai bielorussi disputerà le prossime qualificazioni mondiali.
Un Casciaro a caso
LO SAPEVATE CHE
L'aeroporto di Gibilterra  ha la pista d'atterraggio che passa dalla strada principale della città, la Winston Churchill Avenue, ogni qual volta decolla o atterra un aereo la strada viene chiusa tramite un passaggio a livello.
Scimmie che ti rapinano, bielorussi che ti odiano, aerei che ti tagliano la strada... Bella vita del cazzo a Gibilterra
GRECIA
L'Olympiacos ha preso la testa della classifica alla terza di campionato e da allora non l'ha più mollata. Arriva a 6 di fila e sembra improbabile che in questa stagione non riesca a portare a casa il settimo titolo consecutivo, d'altronde i  30 punti dalla seconda (il Panatinaikos) e i 31 dalla terza(AEK) parlano chiaro.
Mi chiedo come sia possibile che nessuno si sia raccattato quel piccolo genietto del calcio che risponde al nome di Kostas Fortounis, stagione da 18 gol(da trequartista) e 12 assist.
Stagione di esoneri importanti, principalmente quelli di Igor Tudor dal Paok  e quello inspiegabile(divergenze con la dirigenza) di Gus Poyet dall'AEK, che lasciando la squadra il 19 aprile da l'opportunità a Stelios Manolas(zio del romanista Kostas) di guidare la squadra alla vittoria in coppa di Grecia il 17 maggio del 2016 contro l'armata Olympiacos, che cede sotto i colpi di   capitan Mantalos e Djebbour(2 a 1 il finale con gol del Chori Dominguez per i biancorossi). L'AEK chiude così il suo periodo del terrore cominciato 3 anni fa con la retrocessione in terza serie. Bentornati!
Finale di una tristezza unica comunque, giocata in uno stadio praticamente vuoto per via dei disordini in semifinale tra Paok e Olympiacos, dopo un rigore negato al Paok. Il ministro dello sport greco aveva addirittura deciso di annullare questa edizione della coppa, che però per fortuna dell'AEK si è giocata grazie all'intervento della Fifa.
Non è stata una stagione tranquilla per il calcio ellenico, viste anche le penalizzazioni per Atromitros e AEK in campionato(3 punti a testa) e per quella inflitta al Panathinaikos  dopo il derby vinto contro l'Olympiakos, tutte dovute ovviamente ai vari scontri sugli spalti. Pana, Atromitros e AEK tutte e 3 squadre Ateniesi, devo ricordarmelo quando andrò a visitarla, mi metterò in un angolo e mi farò i cazzi miei.
Una giornata tipo ad Atene: "Buongiorno buonuomo! Saprebbe indicarmi la fermata della metropolitana più vicina?"- "Ti spacco il culo bastardo!!! Olympiacos merda!"
-"Scusi! Sa mica l'ora?" - "Vai a farti fottere!"- Un giorno come un altro nella calma Atene
In tutto questo il classico turista italiano, non sembra essersi trovato male da quelle parti. Parliamo ovviamente di Andrea " Er mejo tacco de San Giovanni" Stramaccioni, che alla fine, dopo essere subentrato a novembre, è arrivato tranquillo, tranquillo in seconda posizione, buttando le basi per questa stagione. E' un mio immenso limite, ma credo di non aver inquadrato ancora Stramaccioni, che chiaramente, non era pronto per l'Inter e soprattutto quell'Inter ma che comunque a livello di giovanili a Roma aveva incantato. Per quanto abbia aspetti e modi da quello che ti dice: "Ahoo se o sparamo 'n tiramisello alla fragola da Pompi?" e di quello che ad Atene è andato co Ryan, peraltro comprando il pacchetto da 10 gratta e vinci, ma solo dopo aver protestato animatamente per il suo bagaglio messo in stiva,  potrebbe comunque riciclarsi in Grecia per poi ricominciare da una piazza media in Italia. Molti sono certi della sua morte calcistica, io, consapevole di fare collezione di vaffanculo dai vari interisti che leggeranno questo post, ancora no. Comunque sono convinto che il Pana l'abbia ingaggiato dopo averlo trovato in offerta su Groupon
"Te dico fermete!"
LO SAPEVATE CHE
Secondo un sondaggio di una nota industria di preservativi, la Grecia è il paese sessualmente più attivo del mondo. Tutto ciò però non serve a far rilassare questo popolo, visto l'alto numero di penalizzazioni in campionato.


IRLANDA DEL NORD

Scrivere alle ore 1:53 di campionato nordirlandese è un qualcosa di straziante. Preferirei guardarmi l'olio di Lorenzo senza audio o un puntata di Paperissima Sprint con l'audio(e se parliamo di angoscia e tristezza sono due tipi d'intrattenimento molto simili) piuttosto che scrivere ora della   NIFL Premiership. Non che il calcio in Nord Irlanda sia peggio di altri luoghi, ma le cose fiche e interessanti su questo posto me le sono già sparate nelle precedenti edizioni e quindi sinceramente non so che cosa scrivere di vagamente coinvolgente. Hanno vinto i Crusaders per il secondo anno di fila, lo scorso anno erano tornati alla vittoria dopo 13 anni. I Crusaders danno vita insieme al Cliftonville al derby del nord di Belfast, ora , se immagino un derby a Belfast tra 2 squadre neanche troppo importanti, vedo già il sangue che scorre a fiumi e pagine e pagine di scontri da spulciare e invece alle 2 passate vedo solo la noia di un derby a quanto pare pacifico in uno dei paesi più incazzati nel mondo. Mi manca Atene in questo momento! Minchia siete un derby del Nord Irlanda, ma datevele un paio di pizze in faccia per qualche ragione insensata.
Coppa al Glenavon. Coppa di lega al Cliftonville che batte l'Ards e diventa la prima squadra nordirlandese ad aver distupato e vinto 4 coppe di lega di seguito. L'Ards è la seconda squadra di seconda divisione ad aver raggiunto la finale, la prima era stata il Portadown nel 2009.
Ho finito grazie a Dio! Credo che per riprendermi mi farò di olio di palma.
Stemma fantastico
LO SAPEVATE CHE
Ho un odio mostruso per Paperissima, i motivetti, le vocine  i vari effetti sonori  delle cadute, mi mettono tristezza è in assoluto il programma che mi fa bestemmiare anche al solo sentire la sigla. Esattamente cosa c'entra questo con il Nord Irlanda? Nulla! Ma voi credete veramente che possa esistere qualche curiosità spicciola sul Nord Irlanda? Se ci buttassimo su tragedie e conflitti potremmo anche parlarne per ore, ma di cose frivole? Ci sarebbe la storia di Little Archie, il toro più piccolo del mondo(76 cm) nato nella contea di Antrim. Ora che lo sapete non credo possa cambiarvi la vita, proprio come il mio odio verso paperissima. Dio le botte che vorrei dare a quello che fa la voce del Gabibbo.
Diversi record in questa foto: Il toro pià piccolo del mondo, l'uomo vestito più a cazzo di cane del mondo e la staccionata del colore più inutile del mondo


ISRAELE

Siamo nel 1976 e in Africa viene scoperto l'ebola. Siamo nel 1976 e in Italia nasce "Domenica In" che a guardarlo oggi ti fa capire che l'ebola per distacco non è la cosa peggiore capitata in quel dannato anno, anzi ti verrebbe quasi voglia di coccolarlo e abbracciarlo il virus ebola, piuttosto che guardare 3 minuti di "Domenica In". E' il 1976 e nei juke box italiani vengono consumati due eterni capolavori della musica: Ramaya di Afric Simone(scritta insieme al virus Ebola) e Johnny Bassotto di un mai scontato Lino Toffolo.
E' il 1976 e in Israele, in un clima al solito rilassato e tranquillo da quelle parti, nessuno balla con Lino Toffolo ma a Be'er Sheva ballano tutti con L'Hapoel, la squadra locale, che per il secondo anno consecutivo conquista il campionato israeliano(il numero 2 della sua storia). Passano 40 anni, l'Ebola è tornata di moda, Afric Simone no, la buonanima di Lino Toffolo ha finito per lasciarci qualche mese fa e Domenica In è presentata da Paola Perego e Salvo Sottile con Stefano Masciarelli ospite fisso.
Il virus Ebola, prossimo co conduttore di "Domenica In"
In tutto questo l'Hapoel Be'er Sheva che in questi 40 anni si era concesso soltanto una coppa d'Israele nel 1997, rivince il campionato. Una premier dominata in lungo e in largo grazie soprattutto al prodotto locale, Elyaniv Barda, nato proprio  nella città principale del deserto del Negev. Barda ha giocato con L'Hapoel Be'er Sheva dal 1998 al 2002 e dopa vari giri è ritornato alla base nel 2013 arricchito da una buona esperienza al Genk. Capocannoniere  una vecchia conoscenza del cacio italiano, l'istrionico Eran Zahavi, che nel 2011 era stato acquistato con grandi speranze dal Palermo. Zahavi ha segnato 35 gol in 36 partite con il Maccabi Tel Aviv, ricevendo la chiamata del Guangzhou R&F. Tanto per aggiungere qualcosa di sfizioso, sappiate che nel 2014  Zahavi è stato aggredito da un tifoso dell'Hapoel durante il derby di Tel Aviv . Il Maccabi Haifa vince la coppa di stato contro il Maccabi Tel Aviv.
Zahavi e uno che pare il tizio dei Negramaro mentre se le danno in maniera virile
LO SAPEVATE CHE
Nel 2013 l'avvocato kenyota Dola Indidis si è rivolto alla corte penale internazionale dell'Aia sostenendo che: "La crocifissione di Gesù fu illegale e violò i diritti umani"  accusando  lo stato israeliano e quello italiano per quello scempio. Ovviamente si è preso diversi "Fottiti!".
Poco tempo fa ho visto "La passione di Cristo", devo dire che mi è piaciuto più il libro.


Avv. Dola Indidis
KOSOVO
E così d'emblée ti ritrovi in mezzo alle palle un Kosovo qualunque. Ogni edizione spunta un paese nuovo, tipo che l'anno prossimo dovrò parlare della Premier League molisana con i Bojano Pirates o i VenafroWanderers.
Il Kosovo fa parte della Uefa dal 3 maggio(28 favorevoli- 24 contrari e mi sembra scontato che uno dei 24 voti contrari sia quello della Bielorussia) e quindi i suoi campionati sono riconosciuti e le se squadre a quello che ho capito debutteranno la prossima stagione in Europa(2017-2018). Dal 13 maggio fa parte anche della Fifa e difatti il Kosovo prenderà parte alle prossime qualificazioni mondiali. Purtroppo non è stato inserito nel girone della Serbia, sarebbe stata una gara all'insegna del Fair Play.
Peraltro ragionavo sul fatto che la Serbia ogni anno perde un pezzo, ormai è grande come Velletri. La nazionale kosovara ha fatto il suo esordio nel 2014 in un pirotecnico incontro finito 0 a 0 in casa contro Haiti. No dico, fai un esordio internazionale, un qualcosa di storico e vai a chiamare Haiti? Non ti dico il Brasile o l'Argentina, ma cazzo Haiti!? Ma poi Haiti come minchia ha trovato il Kosovo? Haiti sa dell'esistenza del Kosovo? Non lo sapeva neanche la Serbia e lo sa Haiti?
Kosovo e Haiti. Una faccia, una razza
Haiti Dio santo! 200 nazioni e vai a scegliere Haiti. Come  se domani uno arrivasse e mi dicesse: "Ehi! Ho tutti i biglietti dei concerti del mondo! Te ne regalo uno, scegli quale"  e io mi fiondassi sul concerto dei Dik Dik in piazza ad Alatri.
La Superliga e Futbollit të Kosovës 2015-2016 è stata vinta dal KF Feronikeli(squadra di Glogovac) al suo secondo titolo consecutivo(ma anche secondo titolo nella storia. "Superliga" sono nati l'altro ieri e con grande umiltà chiamano il loro campionato "Superliga". In realtà il Kosovo gioca un proprio campionato fin dal 1945. L'albo d'oro viene preso però in considerazione dalla stagione 1992-1993 anno della prima lega indipendente del Kosovo. la squadra con più titoli è il Prishtina(10) seguito dal Besa a 3.

LO SAPEVATE CHE
Esiste un Kosovo nel Kosovo che non vuole essere Kosovo. E' il caso del Kosovo del nord, la cui popolazione è a maggioranza serba. Il Kosovo del nord che è comunque indipendente dal governo di Prishtina,partecipa alle elezioni serbe(boicottate dal resto del paese) il problema è che lo stesso Kosovo del Nord è tagliato dal fiume Ibar e nella parte a nord la popolazione è quasi esclusivamente serba mentre a sud del fiume sono presenti le altre etnie. Praticamente c'è un Kosovo del nord nel Kosovo del nord o a nord del Kosovo del nord. Per risolvere questo problema si è pensato di separare le terre a nord dell'Ibar dal resto della nazione, ovviamente contro questa decisione  si sono apertamente schierati: La Serbia, le nazioni unite, il Kosovo, l' Umbria e il mio edicolante  Gianfranco. Lo stesso Kosovo del nord è contrario ma solo perchè non ci sta capendo più una ceppa(una ceppa del nord), esattamente come voi che state leggendo e io che sto scrivendo. Ormai il Kosovo del nord è in preda a serie crisi d'identità, probabilmente entro 1 anno si farà chiamare Ilenia(o Ilenia del nord) e proclamerà la propria indipendenza.
PS: potrei aver scritto diverse inesattezze, nel caso chiedo scusa a kosovari, serbi, nord kosovari, umbri e al mio edicolante.

LIECHTENSTEIN
Ricordiamo per l'ennesima volta che in Liechvabbèavetecapito non si gioca il campionato ma solo la coppa. Trionfo del Vaduz che tolta la stagione 2011-2012(vittoria del sublime Eschen/Mauren) ha portato a casa le ultime 18 edizioni. Non è stata una passeggiata per il Vaduz che ha dovuto vedersela con un affamato Schaan in finale. Lo Schaan(che detto così ricorda un ipermercato) si è battuto come un leone, giocando la finale con il coltello tra i denti e concedendo pochissimo alla corazzata Vaduz, parliamo però dei primi 11 minuti, perchè dopo il primo goal del paraguaiano Mauro Andrés Caballero Aguilera, ne arriveranno altri 10.
Fate un favore all'umanità, abolite questa coppa, siete più ridicoli del Kosovo del nord quando fa la voce grossa.
Esultano pure
LO SAPEVATE CHE
Il Liechtenstein ha avuto solo 3 atleti in queste ultime  olimpiadi: 2 nuotatori e una tennista. Tutti e 3 sono stati ovviamente eliminati.
Solo alle Olimpiadi del 1936 Haiti e Liechtenstein si accorsero di avere la stessa identica bandiera, da quel giorno  i due stati decisero di aggiungere una il proprio araldo(Haiti) e l'altra una corona. Hanno fatto bene c'era il rischio di scambiare 2 paesi fondamentalmente identici per pil, paesaggio e folklore. Se Vaduz avesse il mare, sarebbe una piccola Port-au-Prince.


LUSSEMBURGO

Io voglio bene al Lussemburgo, ma dopo aver scritto già di 20 campionati la mia voglia di parlare della Division Nationale è pari a 0. Giuro!! arrivato a questo punto preferirei aprire una di quelle bizzarre categorie del porno streaming di cui parlavamo prima tipo: Donneconipiedilunghichemassaggianougandesipelosiconunferrodastiro sex.
Ha vinto l'F91 Dudelange arrivato a pari merito con il Fola Esch ma con una differenza reti migliore(+44 a +38) .F91 e Fola si stanno alternando in questi anni e hanno dato vita al nuovo clasico del calcio mondiale. Purtroppo però nessuna tv ve lo trasmetterà mai, potete trovarlo se volete suqualsiasi sito di porno video sharing sotto la voce: Lussemburghesichetentanodigiocarealpallone sex. L'F91 ha vinto anche la coppa contro il Mondorf les non mi ricordo.
L'F91 alza al cielo un portafrutta in finto argento che il presidente della federcalcio lussemburghese ha riciclato come trofeo
LO SAPEVATE CHE
Il vecchio inno lussemburghese era cantato sulla melodia di:  "To Anacreon in Heaven" la stessa melodia su cui è cantata The Star-Spangled Banner inno degli Stati Uniti d'America.  Unica cosa in comune tra i due stati. Anzi! Entrambi hanno un campionato del cazzo. Anzi mi sa che piuttosto che guardarmi una sola partita della MLS, mi abbono a vita alla Fola Esch. Che problemi ha la MLS? Ho provato tante volte a guardarmi una partita, perchè non corrono? Perchè non riescono a fare un azione? Quanto può valere un campionato che ti fa pensare che Donadel sia da nazionale?
Marco se la comanda in  MLS.
"Ragazzino quanti anni hai?" -"Ne ho 21"- "E tu non lo sai che a 21 anni a Marco Donadel si da del lei?"
MACEDONIA
Vardar, ancora Vardar. Nessuna emozione particolare dal campionato macedone, il Vardar superati i suoi problemi(ne abbiamo già parlato)  è tornata a fare ciò che sapeva fare meglio, vincere la Prva liga. L'unica squadra a reggere botta è lo Shkëndija(vincitori nel 2011) che finisce la sua corsa 5 punti sotto i campioni.
Per lo Shkëndija arriva però il premio di consolazione, per la prima volta nella sua storia ha vinto infatti la coppa nazionale battendo in finale il Rabotnički per 2 reti a 0 (Radeski e Junior). Il gruppo ultras dello Shkëndija il Ballistët(Ne avevo già scritto nel 2011) in questi anni ha dato non pochi problemi al calcio macedone e non solo. Lo Shkëndija è un club di Tetovo, città quasi interamente albanese, i Ballistët prendono il nome dai Balli Kombëtar, gruppo combattente  nazionalista albanese anti comunista e anti monarchico che, durante la seconda guerra mondiale, si  alleò con i nazisti. Si dovrebbe fare un post a parte per spiegare tutta la situazione politica, ma tornando ai Ballistët in questi ultimi sei anni hanno creato il panico in mezza Macedonia, avendo rivalità con tutte le squadre del paese, ma in modo particola con i concittadini del Teteks(filomacedoni) e ovviamente con il Vardar. Nel 2012 hanno incontrato il Partizan nelle qualificazioni alla champions, ha vinto il Partizan per 4 a 0 in casa e 1 a 0 all'Ecolog arena, Aleksandar Stanojević allora allenatore del Partizan, giustifico la vittoria risicata per via delle forte intimidazioni ricevute dai tifosi avversari durante tutta la partita. Effettivamente il coro più dolce è stato l'intramontabile "Ubi ubi srbina" (uccidi i serbi). Ne risentiremo parlare.
Tornando al campionato il capocannoniere è stato Besart Ibraimi(Shkëndija), classe 1986 con un passato allo Schalke(ma senza gioie)autore di ben 26 reti in 32 partite. Dietro di lui si piazza il fratello di Goran Pandev, Sashko,  che ne mette in rete 16 ma non evita una dolorosa retrocessione all'Horizont Turnovo che perde lo spareggio promozione/retrocessione con il  Pelister.
Sashko Pandev
LO SAPEVATE CHE
La macedonia e parlo della frutta tagliata, prende il nome da questo paese composto da una moltitudine di etnie, che come abbiamo potuto ben vedere, vivono in totale armonia tra di loro.

MALTA
No! Non ce l'ha fatta, si è lasciato andare, alla fine ha vinto il lato oscuro, quello che ha causato solo sventure e che ha definitivamente staccato la spina. Ci avevano provato con tutte le loro forze ma non è bastato, si sono lasciati morire con la certezza che non si possa lottare ad armi pari contro una sorte spregevolmente avversa. Il Qormi... Il piccolo,tenero edolce Qormi  è retrocesso e anche in malomodo(solo 9 i punti raccolti). 3 finali di coppa perse con l'aggiunta di uno spareggio per l'Europa league, troppo dolore, tanto vale tornare in B a comandarsela. Forse.
Vince il suo 23esimo titolo il Valletta che supera di 4 punti l'Hibernians e di 6 il Birkirkara.
Buonissima la prova del Balzan che centra il quarto posto in campionato e quindi l'Europa per il secondo anno consecutivo, oltre alla finale di coppa di malta, persa purtroppo contro lo Sliema ai rigori.
Quinto posto per il Floriana che deve tutto al bomber di Napoli Mario Fontanella(27 anni) che ne piazza 15 in fondo al sacco.  Noi Mario ti apprezziamo! Vivi da Re anche per noi!
Tutto questo comunque, nonostante il nome da pittore di quadri che vengono venduti alle 3 di notte sulle tv locali da ambigui venditori vestiti con completi degni di Mas: "Signori (pausa di 10 secondi)guardate questo capolavoro(pausa di 17 secondi) una natura morta del maestro Fontanella(pausa di 34 secondi) un pezzo U-N-I-C-O(audio/video disturbato e pausa di 14 secondi) solo 1.700 euro!! Un affare signori miei!(telefono che squilla in modalità antica e tu che cambi canale sperando di trovare qualcosa di vagamente guardabile, ma tutto ciò che trovi è una replica di Classe di ferro e ti rendi conto che Giampiero Ingrassia non ha fatto successo solo perchè in possesso di una sola e quanto mai inutile espressione facciale)
solo 1.700 euro
LO SAPEVATE CHE
I pastizzi maltesi... Ecco i pastizzi Maltesi sono il male, credo sia meno deleterio un bidone di olio di palma. Sono prodotti esclusivamente creati per il post ubriacatura o per la  fame chimica. Il pastizz alla ricotta lo digerisci nello stesso tempo in cui un pitone digerisce un sorcio e il sorcio è comunque meno unto dei pastizzi.
Esperienza che comunque consiglio, ma solo durante i mesi che contengono la lettera R
Pastizzi maltesi
MOLDAVIA
Emozioni forti in  Divizia Națională. La scorsa stagione(2014-2015) il Dacia Chisinau ha perso il titolo all'ultima giornata nello scontro diretto contro il Milsami Orhei, che arrivata a pari punti con Dacia e Sheriff ha portato a casa il campionato per via della classifica avulsa. E' stata la prima squadra al di fuori di Tiraspol e Chisinau a vincere la Divizia Națională. Il presidente del Milsami, Ilan Shor, businessman moldavo nato a Tel Aviv, si è fatto qualche bella giornata ai domiciliari(peraltro mentre la sua squadra trionfava) per aver causato un buco finanziario di circa un miliardo di euro in un periodo che va dal 2012 al 2014 in 3 diversi istituti di credito: Banca de Economii (BEM), Banca Socială e Unibank din Republica Moldova . Nonostante tutto  il signor Shor è riuscito nel luglio del 2015 a diventare sindaco di Milsami. A noi del signor Shor, di Milsami e dello scorso anno ce ne fotte però il giusto
In questa stagione il Dacia Chisinau ha riperso il campionato per un soffio, questa volta allo spareggio scudetto contro il cazzutissimo e sempre chiacchierato Sheriff. 1 a 0 al minuto 88, con un gol veramente inguardabile del bosniaco Goran Galešić.
Coppa di Moldavia per la prima volta allo Zaria Balti, che sconfigge ai supplementari il Milsami, grazie alla rete di Gheorghe Boghiu. Da guardare e riguardare il video della finale per cercare di dare una spiegazione al paracaduttista moldavo nel pre match. 
Alzala al cielo capitano! Alzala alta perché oggi è più bello essere Zarianisti! 
Lo scorso anno il Tiraspol(quello normale senza Sheriff davanti) si è sciolto, cercandone i motivi mi sono imbattuto in questo bel sito sul calcio dell'est. Parlano anche e meglio di me del presidente del Milsami.
Ah! sti cazzi comunque dei motivi che hanno portato il Tiraspol a sciogliersi, in fondo erano già nati come Constructorul Chișinău, mi chiedo solo: Cosa ne sarà dei poveri tifosi? Un giorno ti ritrovi sulle gradinate dello Stadionul Municipal tronfio di birra ,con la tua sciarpa verde e nera e il giorno dopo ti ritrovi tronfio di birra ma senza sciarpa e senza stadio.

LO SAPEVATE CHE
Cleopatra Stratan è la più giovane cantante della storia ad aver mai realizzato un disco. Inoltre insieme a Shirley Temple è  la più giovane artista mai apparsa sulle scene. Il suo disco "La vârsta de trei ani"(all'età di 3 anni) ha vinto un doppio disco di platino con 150.000 copie vendute in Romania. Cleopatra ha cominciato a cantare prendendo un microfono mentre suo padre Pavel(cantante moldavo discretamente famoso) stava registrando un disco, quelli dello studio non si sono più cagati il padre e hanno alzato due spicci con la bimba. Dopo il secondo disco "La vârsta de 5 ani"(all'età di 5 anni... La fantasia non fa parte del popolo moldavo)  il padre ha deciso di ritirare la bambina dalle scene per tutelarla o più probabilmente perchè ha rosicato parecchio, visto che sua figlia a 3 anni ha raccolto più di lui in 40. Il pezzo più apprezzato e tradotto in più lingue è stato "Ghita"