mercoledì 17 luglio 2013

Tutto Il resto non è noia - Anno III - Prima parte



ALBANIA
Nella Kategoria Superiore 2013 anche detta Superliga Shqiptare o volendo: quella competizione in cui un cospicuo numero di albanesi cerca di imitare i maggiori tornei calcistici europei con scarso successo, ha rivinto lo Skënderbeu. Ora, questo è il terzo anno che mi ritrovo a battere questa rubrica e nelle 2 precedenti stagioni ha vinto sempre lo Skënderbeu, cosa potrei mai dirvi di nuovo? Vabbè, direte, lo Skënderbeu sarà tipo il Real Madrid di Albania, no proprio no, lo Skënderbeu ha vinto questi 3 campionati di fila e un altro nel 1933 quando probabilmente in Albania si disputavano interi campionati di calcio ma senza il pallone (e finiva comunque a rissa). Retrocede malamente l'Apolonia Fer, 13 punti conquistati in totale, una sola vittoria, ottenuta contro Besa Kavajë che proprio per questo,  nonostante la salvezza, riuscirà a vincere la palma di squadra più stronza. Grandi emozioni in coppa, in finale arrivano due squadre sfigate che non hanno mai vinto una beneamata mazza. A spuntarla sarà il K.F. Laçì che a un solo minuto dai rigori, grazie a un gol del centrocampista Emiliano Çela, schianta il povero Bylis Ballshi.
LO SAPEVATE CHE Nel 2005 in Italia è uscito il film con protagonista il ballerino albanese Kledi Kladiu: Passo a due. Quanto segue è un estratto della fantastica recensione (a cura di Pietro Salvatori) della pellicola, scovata sul sito Movieplayer.it .
Intervallato da numerose e per lo più estemporanee coreografie di Kledi (alcune delle quali, ci dicono, molto belle), il tentativo del regista è quello di porre l'accento sulla drammaticità della situazione di un ballerino albanese in Italia, sfruttato e senza permesso di soggiorno. Ma Barzini non fa nulla per ovviare alle palesi carenze attoriali del protagonista (che si sussurra per le scene dialogate abbia usato un comodino come controfigura), ma le incancrenisce, sottolineando, con ridondanti effetti sonori e movimenti di macchina, momenti del film che di emozionante recano solo la consapevolezza che si è un minuto, un secondo, più vicini ai titoli di coda. L'effetto che ripetutamente cerca di creare, anche attraverso l'uso incomprensibile di immagini in trasversale, non solo non è quello voluto, ma ha la capacità di sfiorare il ridicolo in più momenti dunque, rendendo ancora più amara la visione al povero malcapitato. Ovviamente, parallela a quella del ballerino emigrante, c'è la storia della classica figlia di papà tormentata, lacerata, dall'incomprensione familiare nei confronti della sua passione e trascurata dal ragazzo in carriera. I due s'incontreranno, e nulla ci si sente di dire per rovinare la sorpresa di un finale insolito (ma provate a immaginarlo, è proprio quello che avete pensato)

ANDORRA
Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? Ma soprattutto....Perchè Andorra ha un proprio campionato di calcio?
Bis dei Lusitanos, la squadra della comunità portoghese. Vittoria in coppa (la prima) per la UE Santa Coloma, ex squadra B del Fc Santa Coloma.
LO SAPEVATE CHE- Andorra la Vella è la capitale più alta d'Europa (si...ma anche sticazzi).
I Lusitanos festeggiano il loro secondo campionato

ARMENIA
Da quando ho scritto che il Pyunik avrebbe vinto 56 campionati di fila due edizioni fa, il Pyunik ha smesso di vincere, quindi amici armeni, dovreste ringraziarmi per averla tirata al Pyunik e aver reso minimamente interessante il vostro campionato. Quarto titolo della sua storia per lo Shirak, squadra che non trionfava dal 1999. Il club ha sede a Gyumri, seconda città del simpaticissimo stato ex sovietico. A Gyumri potete ammirare una statua dedicata al Frank Sinatra francese Charles Aznavour, quello  che canta: "Io sono un istrione a cui la scena dà la giusta dimensione". In realtà c'è una statua di Aznavour anche a Yerevan e probabilmente una in tutte le città della fottuta Armenia. No, per carità, ci sta, però io avrei fatto una statua anche a Djorkaeff e Boghossian. Si ok sto divagando, ma volete realmente sapere altro sul campionato armeno? Direi di no. La coppa comunque è stata vinta dal Pyunik che in finale ha superato proprio lo Shirak.
Tanto per aggiungere qualcosa, è retrocesso il Banants, squadra della capitale fondata nel 1992 che nel 2003 ha deciso di fondersi con lo Spartak Yerevan. L'obiettivo era quello di far cessare il dominio dell'altra squadra capitolina, il (solito, eccheppalle) Pyunik. E' stato un successo a quanto pare.
LO SAPEVATE CHE- In Armenia sono froci per gli scacchi. Lo studio e il gioco degli scacchi sono materia scolastica obbligatoria. Praticamente in America quello che tromba più di tutti è il quarterback della squadra di football. In Armenia invece è il capitano della squadra di scacchi. Quindi se avete intenzione di andare a fare del turismo sessuale  in Armenia, prima fatevi un corso accelerato di scacchi. Non si scopa senza conoscere l'arrocco.

AUSTRIA
L'Austria  è il paese che ha regalato al mondo: Adolf Hitler, Josef Fritzl e la Zwiebelsuppe con quel suo vago sapore di metro B affollata in pieno agosto. Ha anche la colpa di aver donato al pianeta la storia della principessa Sissi. Parliamoci chiaro, la principessa Sissi ci ha polverizzato i testicoli. Non capisco perchè ogni estate, a qualunque orario e su qualsiasi canale, venga riproposta regolarmente una delle 481 versioni cinematografiche di Sissi. Su Rai tre alle 4 di pomeriggio c'è Sissi, su rete 4 alle 21 c'è Sissi, su telepace alle 4 del mattino c'è la versione di Sissi del 1951 in bianco e nero e con l'audio disturbato. Credo la facciano anche su tele padre Pio. Avete mai visto tele Padre Pio sul satellite? 24 ore su 24 con una telecamera puntata sulla cripta e rosari recitati in sottofondo. Di notte è un spettacolo perchè andando avanti o indietro da tele Padre Pio, incapperete inevitabilmente in canali con chat line erotiche. Metti su tele padre Pio, vai avanti e c'è una sbuciona che ansima, vai indietro e c'è una che si fa la doccia con scritte tipo: "Zitto e godi". Davvero fuori luogo e irrispettoso. Soprattutto per chi cerca una chat line.
L'Austria è riuscita a farsi perdonare qualche sua colpa in questa stagione calcistica. Non tanto per il campionato vinto meritatamente dopo 7 anni dall'Austria Vienna (gran maglia), per merito della punta classe '89  Philipp Hosiner, ma per ciò che riguarda la coppa nazionale. La ÖFB-Cup è andata infatti al piccolo Pasching, paesino di 7.000 anime dell'alta Austria, famoso soprattutto per la statua davanti al municipio di Charles Aznavour (no...non è vero...non hanno un municipio). Il Pasching milita nella terza serie austriaca, la regionalliga. I nero verdi hanno superato nell'ordine: l'Austria Salzsburg (squadra che milita in regionalliga fondata dopo il cambio di nome dell'Austria Salisburgo in Red Bull Salisburgo nel 2005), l'Austria Lustenau (serie b austriaca o Erste liga), l'Austria Klagenfurt (regionalliga), il Rapid Vienna e in finale l'Austria Vienna. Emergono 2 dati da questa lista. Uno è che il Pasching ha tenuto testa e superato senza troppi problemi due mostri sacri come  il Rapid e l'Austria Vienna. L'altro è che il 90 % delle squadre austriache ha nel proprio nome  "Austria" che a quanto ho capito è una sorta di "Puffare", forse si usa anche nella vita di tutti i giorni: "Ehi, hai per caso visto le mie Austria chiavi ?"- "No! ma se stai uscendo comprami due pacchi di Austria farina". Il Pasching vince 1 a 0 in finale al Ernst-Happel-Stadion, grazie a un gol di testa al minuto 47 del centrocampista Daniel Sobkova, su assist della punta spagnola Nacho Casanova. Ma secondo voi uno che si chiama Nacho Casanova...Quante austriache avrà "Sdraiato" in questi anni?
LO SAPEVATE CHE-  A proposito di chat line e Austria. Tempo fa (Dionigi lo sa bene), ero andato in fissa con un canale erotico austriaco (non sono sicuro al 100% che fosse austriaco) Eurotic Tv (potete trovarlo in altri canali su Sky). La particolarità di questo fantastico canale è che le modelle sono al 90% dei cofani abbozzati e inoltre hanno una sensualità pari a quella di  Lallo il castoro del Canadà mascotte di Aiazzone. Potete controllare di persona.
Nacho Casanova. Dal suo arrivo a Pasching la popolazione è aumentata di 200 abitanti.

AZERBAIGIAN
Ci sono: un cileno, 3 brasiliani, un argentino, un maliano un tedesco (con passaporto azero), un ucraino, un georgiano, un sierraleonese, un marocchino un bosniaco, un rumeno, un lituano un greco e un senegalese che entrano in un bar..... no, non è una barzelletta ma la classifica cannonieri del campionato azero. Diciamo che i calciatori locali non influiscono troppo sull'esito del torneo. Ammesso sempre che esistano. Campionato vinto dal Neftchi Baku (banali...io l'avrei chiamato Austria Baku), che si regala il terzo titolo consecutivo, prima volta nella gloriosa storia del calcio azero. In coppa vince...Il Neftchi Baku ai rigori contro il Khazar Lenkoran, squadra allenata dal gallese Toshack (ma quanti anni è che gira questo?) che può contare su un fuoriclasse come Adrian Pit.
LO SAPEVATE CHE- Berti Vogts è l'allenatore della nazionale azera. Berti Vogts, Toshack.... Non mi stupirei a questo punto di trovare in Azerbaigian anche Matt Busby, Edmondo Fabbri e Vicente Feola.
Lo staff della nazionale Azera scongela Berti Vogts prima della partita.

BELGIO
Rischio di essere ripetitivo ma non mi do pace. Passi per il play off scudetto con il mini torneo a 6, passi per il play out salvezza, ma qualcuno deve spiegarmi i Play off per l'Europa League.

"Le squadre classificate dal 7º al 14º posto partecipano ai play-off per l'Europa League. Le squadre sono divise in due gironi di 4, con partite di andata e ritorno per un totale di 6 giornate. Le vincenti dei due gironi si affrontano in partite di andata e ritorno. La squadra vincente affronta quindi la quarta classificata dei playoff scudetto in un test match con partite di andata e ritorno. La vincente del test match si qualifica per il secondo turno di qualificazione della UEFA Europa League 2013-2014."

A che cazzo servono 48 partite se poi una volta vinto il play off, ti ritrovi ad affrontare un ulteriore test match per l'Europa League? A CHE CAZZO SERVE il test match???
Test match particolarmente tirato quest'anno, con il Gent che vince l'andata contro lo Standard 1 a 0 ma perde di misura il ritorno con il risultato di 7 a 0.
Campionato vinto dall'Anderlecht, ma la notizia è lo Zulte Waregem per la prima volta in Champions League. Coppa al Genk che batte in finale il Cercle Bruges.
LO SAPEVATE CHE- Il Belgio vanta il periodo più lungo senza un governo ufficiale (540 giorni). Almeno questo è quello che crede il resto del mondo. In realtà il sistema elettorale belga è tipo il loro campionato di calcio, non è che fossero senza governo, è che i candidati stavano ancora disputando i play-off per arrivare al ballottaggio.

BOSNIA
No vi prego, che palle! La Bosnia no, non ce la posso fare. Coppa al Široki Brijeg  e campionato allo Željezničar.
LO SAPEVATE CHE- NO che palle! La Bosnia NO!


BULGARIA
Dimitar Vezalov, 26 anni difensore del Levski è il grande protagonista del campionato bulgaro 2012/2013.
La stagione parte con la conferma del Ludogorets, l'ex matricola che da neopromossa la scorsa stagione, era riuscita a centrare il treble nazionale. La squadra di Razgrad rimane in testa fino a 3 giornate dalla fine, quando si trova ad affrontare in trasferta la seconda forza del campionato, il Levski, distante soltanto 2 punti. La partita è tiratissima, il Levski ci prova, ma il Ludogorets sembra reggere. Al minuto 92 il capitano del Levski Stanislav Angelov lascia partire un tiro da fuori area, non troppo insidioso che trova però la deviazione del pittoresco difensore olandese Mitchell Burgzorg. 1 a 0 e il Levski diventa capolista. Scene di panico allo stadio, sembra il gol di una finale mondiale, il tecnico di casa Nikolay Mitov (ex assistente subentrato poche giornate prima) viene espulso per l'esultanza eccessiva e finisce la partita in mezzo ai propri tifosi. Al fischio finale la metà blu di Sofia festeggia quella vittoria come se avesse già il titolo in tasca. Mancano 2 giornate non troppo impegnative, il Ludogorets cade invece nello sconforto. A due dalla fine vincono entrambe le contendenti al titolo. Il Ludogorets supera l'insidioso esame casalingo contro il Botev Plovdiv quarta forza del campionato. Il Levski abbatte il già retrocesso Tarnovo. L'ultima giornata vede la compagine di Rezgrad contro il Montana ultimo in classifica e il Levski in casa contro i cugini, salvi e senza obiettivi, dello Slavia Sofia. Il Ludogorets  fa il suo dovere e chiude l'incontro con un secco 3 a 0.  A Sofia, il Levski non lascia respiro e al 33' passa in vantaggio con il capocannoniere del torneo Basile de Carvalho. Il Levski sciupa diverse occasioni, finchè al 74esimo il giapponese dello Slavia, Daisuke Matsui (che tutti noi ricordiamo per questo gol), lascia partire una punizione alla ricerca di una deviazione vincente, deviazione che arriva non da un suo compagno di squadra ma da Dimitar Vezalov che preso dal panico nel tentativo di spazzare, infila il pallone nella propria porta (Si..si.. puzza anche a me). Il risultato non cambia e per il secondo anno consecutivo il Ludogorets festeggia. Annata maledetta per il Levski che perde ai rigori anche la coppa di Bulgaria contro il Beroe Stara Zagora (Stara Zagora sembra il nome d'arte di un'attrice porno. Le Calde notti  bagnate di Stara Zagora). Il Cska è stato escluso dalla competizioni europee per problemi finanziari.
LO SAPEVATE CHE- Il difensore/centrocampista olandese del Ludogorets Mitchell Burgzorg è anche un rapper sotto contratto con  la casa discografica Nindo. Il suo nome d'arte è Priester.
Mitchell Burgzorg in arte "Priester".Tutti noi lo ricordiamo nella parte della sensitiva in Ghost


CIPRO
Vince l'Apoel che saluta dopo 5 stagioni il tecnico del miracolo Champions Ivan Jovanović (destinazione AL Nasr). Derby di Limassol in finale di coppa, partita tiratissima vissuta tra botte, gol annullati, rigori inesistenti e rigori sbagliati. La spunta ai supplementari l'Apollon (1 - 2 il risultato).
LO SAPEVATE CHE - Limassol detiene il record per il  bicchiere da vino più grande del mondo (3 metri e 37 x 1,73 di larghezza). Mi sa tanto che a Limassol non hanno una fava di meglio da fare. Questa notizia fa molto Studio Aperto, sono fiero di me stesso.
Non avere proprio un cazzo da fare


CROAZIA
No, no...Non c'è che dire, bello eh! In fondo è soltanto l'ottava stagione di fila che la Dinamo Zagabria si porta a casa il campionato con 718 punti di distacco sulla seconda. Emozionante la Prva hrvatska nogometna liga,  più meno come un pomeriggio passato a guardare tua nonna che lavora a maglia davanti al soporifero "Agenzia matrimoniale" di Marta Flavi, mentre fuori diluvia. Vince la coppa nazionale l'Hajduk Spalato.
LO SAPEVATE CHE-  La "Torcida", gruppo ultras dell'Hajduk Split nato nel 1950 è il più vecchio gruppo organizzato d'Europa.

DANIMARCA
Torna a vincere il Copenaghen. Questa volta il Nordsbadabem (si insomma quelli  che sono finiti nel girone champions della Juve) non è riuscito ad andare oltre il secondo posto. La squadra della capitale trionfa grazie ai gol del bomber classe '93 Andreas Cornelius, fresco di trasferimento al Cardiff City. Retrocede il Silkeborg campione intertoto 1996, che da tifoso romanista ho avuto il piacere di affrontare in coppa Uefa. In coppa, finale tirata Randers - Esbjerg. Con un gol di testa al 55esimo di Youssef Toutouh, l'Esbjerg torna a vincere la coppa nazionale dopo 37 anni di attesa. Un gol pesante quello di Toutouh, pesante almeno quanto quei cazzo di biscotti al burro danesi, venduti in quella scatola di latta blu, che tutte le nostre mamme, zie, nonne hanno poi usato come contenitore delle cose per cucire (e adesso ditemi che non è vero).
LO SAPEVATE CHE-  L'F.C. Copenaghen è nato il primo luglio del 1992 dalla fusione del Kjøbenhavns Boldklub  meglio conosciuto come KB, vincitore di 15 campionati danesi (ancora oggi il club più titolato) e il Boldklubben 1903 (7 titoli nazionali all'attivo).

GALLES
In stile Croazia i New Saints (più di 20 punti sulla seconda) regalano il bis vincendo anche in questa stagione. Come in Belgio, anche qui si gioca il play off per l'Europa League. Solo che a differenza del Belgio non esiste alcun cazzo test match, chi vince il play off va veramente in Europa League e quest'anno è toccato al Bala Town. Coppa al  Prestatyn Town che supera ai supplementari il Bangor city e si aggiudica per la prima volta la competizione.
LO SAPEVATE CHE- La mia cultura, figlia di una relazione sporca tra la settimana enigmistica e topolino, mi ha fatto credere per anni che la città di Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch (Chiesa di Santa Maria nella valletta del nocciolo bianco, vicino alle rapide e alla chiesa di San Tysilio nei pressi della caverna rossa Zwolle merda) detenesse il record di città dal nome più lungo. Mi sbagliavo. Viene dopo Il vero nome di Bangkok che è tipo una bestemmia in thailandese e un altro inutile paesino della Nuova Zelanda.
Anche Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch ha una squadra di calcio, ovvero, il Clwb Pel Droed Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch Football Club, che milita nella terza serie gallese. Comunque non mi è mai piaciuto topolino, guardavo solo le pubblicità. Le pubblicità erano fantastiche. Le avventure in rima della colla Pritt erano un capolavoro.

GEORGIA
Tutte le cose belle prima o poi finiscono. Però quando succede fa veramente male. Nella nostra vita un po' tutti abbiamo sopportato la fine di  un grande amore e molti di noi hanno sopportato anche la fine dei porno soft notturni su T9. Però, quando dopo due anni di trionfi, vedi il tuo Zestafoni arrancare in Umaglesi Liga e non riuscire neanche a qualificarsi per l'Europa League, non puoi non  andare in depressione. Jaba Dvali tradisce, passa alla Dinamo Tblisi e con 20 paste regala lo scudetto e la coppa alla compagine capitolina. Con tutto l'odio che si può giustamente provare per bomber Dvali, trovo vergognoso che un calciatore simile sia ancora costretto a marcire in Georgia. Il grande protagonista del campionato georgiano è stato però il compagno di reparto, lo spagnolo Francisco Javier Muñoz Llompart, meglio noto come Xisco (ex Valencia, Betis, Levante), che con 24 marcature ha vinto la classifica cannonieri.
LO SAPEVATE CHE- K'akhaber Kaladze è l'attuale Ministro dell'Energia e delle Risorse Naturali della Georgia. Sicuramente più credibile di Gasparri alle comunicazioni. No, non è una polemica gratuita, fu proprio Gasparri a bloccare i porno soft di T9.

GIBILTERRA
Si! esiste. Qualcosa in contrario? Gibilterra non può forse avere un campionato? Ce l'ha e ha vinto il Lincoln. Non solo ha un campionato ma ha anche una coppa, portata a casa dal Sanqualchecosa.
LO SAPEVATE CHE- Dallo scorso 24 maggio, Gibilterra è a tutti gli effetti un membro della Uefa. Già nel 2006 aveva avanzato la candidatura ricevendo però 45 voti contrari e 3 favorevoli (Inghilterra, Scozia e Galles). Il 24 maggio 2013 la situazione si è capovolta, solo 2 infatti sono stati i voti contrari. Uno della Spagna che ritiene Gibilterra territorio spagnolo, l'altro inspiegabilmente dalla Bielorussia. E' bello immaginare il delegato uefa bielorusso che urla un "No" (o un niama o un net) incazzato lanciando i fogli in aria. Magari anche la Bielorussia ritiene Gibilterra parte del suo territorio, chi può saperlo. Gibilterra parteciperà alle qualificazioni per euro 2016. San Marino e Andorra stanno provando la stessa sensazione di sollievo che provano gli sfigati della classe, quando a metà anno in classe arriva uno ancora più sfigato di loro.
Il presidente della Gibraltar Football Association stizzito dopo il no della Bielorussia

GRECIA
Dramma AEK. Il glorioso club di Atene, retrocede per la prima volta in 89 anni di storia. Il 14 aprile 2013 L'Aek in piena zona retrocessione, affronta tra le mura amiche, il Panthrakikos distante solo 3 lunghezze. Al minuto 87 il difensore giallo nero Mavroudis Bougaidis, spedisce il pallone nella propria porta, i tifosi non la prendono in maniera serena e invadono il campo non proprio amichevolmente. La partita viene sospesa. 5 giorni dopo, viene dato lo scontato 0-3 a tavolino al Panthrakikos e inoltre l'AEK viene penalizzato di 3 punti, 3 punti fatali che retrocedono aritmeticamente i "Kitrinomavroi" e rendono inutile l'ultimo match contro l'Atromitros. Non finisce qui, a quanto pare l'AEK non ha i soldi per iscriversi alla B greca e ripartirà quindi dalla terza serie. Campionato e coppa all'Olympiacos che batte in finale a fatica l'Asteras Tripoli. Il Pas Giannina non ha purtroppo ottenuto la licenza per disputare la prossima Europa League, ufficialmente per problemi finanziari, in realtà la Uefa ha probabilmente escluso il Pas Giannina per il suo nome idiota. Il posto del Pas Giannina è stato preso dal Panathinaikos, che è stato escluso a sua volta. Alla fine quindi toccherà allo Skoda Xanthi giocare in Europa. Sempre che la Bielorussia non abbia nulla da ridire.
LO SAPEVATE CHE- La Grecia a Euro 2004 era data a 150. Io ovviamente ho giocato la Svezia... E solo perchè il Mali non può disputare l'europeo.

IRLANDA DEL NORD
Che poi in fondo il campionato di calcio nordirlandese è l'occasione per pestarsi allegramente. Si può capire. Vince il campionato dopo 15 anni il Cliftonville, che pone fine al decennio di vittorie del "Big two" di Belfast (Glentoran e Linfield). Il Cliftonville è di tradizione cattolica, il che vi può far immaginare quanto possa essere amato dalle altre compagini della capitale. Preferirei essere un gibilterrino a Minsk, piuttosto che un tifoso del Cliftonville a Belfast. La coppa invece viene vinta dal Glentoran proprio in finale con il Cliftonville (3-1).
LO SAPEVATE CHE- Non è una regola fissa, ma solitamente il derby di Belfast tra le Big Two, si gioca nel "Boxing day". Qualche Derby fa i tifosi del Glentoran liberarono in campo un maiale dipinto di blu (colore sociale del Linfield).

ISRAELE
La notizia è che per questa stagione nessuna delle squadre israeliane è stata multata o penalizzata. Campionato stranamente tranquillo vinto dal Maccabi Tel Aviv. Nonostante la retrocessione nella seconda serie l'Hapoel Ramat Gan, vince la coppa d'Israele ai rigori contro l'Ironi Kiryat Shmona. Tal Banin che tutti noi ricordiamo a Brescia è stato esonerato a marzo dal Maccabi Netanya (che retrocederà nonostante il cambio in panchina).
LO SAPEVATE CHE- L'Hapoel Ramat Gan è una delle due squadre che nel 2012 causò la sospensione delle prime due serie del campionato israeliano. Aprile 2012, si gioca lo scontro promozione tra Hapoel Ramat Gan e l'Hapoel Bnei Lod (squadra mista arabo-ebraica), l'incontro termina con un pareggio ma dopo il triplice fischio le squadre metteranno in atto una loro personale versione del terzo tempo.

LIECHTENSTEIN
Non si disputa il campionato (le squadre del principato giocano nei campionati svizzeri) ma soltanto la coppa nazionale vinta dal Vaduz in finale contro il Balzers.
LO SAPEVATE CHE- Il  Liechtenstein è un paese demilitarizzato. La difesa dei confini e la tutela dell'indipendenza del Liechtenstein sono assicurate, tramite accordi bilaterali, dalla Svizzera. Se volete in questi giorni organizziamo una macchinata e andiamo a rompergli il culo. Ci troviamo alle 8 sotto la statua di Charles Aznavour della vostra città.
Ogni tanto Nacho Casanova, stanco della solita zuppa, lascia Pasching e l'Austria per andarsi a scopare l'intero Liechtenstein.

LUSSEMBURGO
Dopo 83 anni di attesa il Fola Esch può finalmente festeggiare il suo sesto titolo nazionale. Alla faccia dei cugini dello Jeunesse. Possiamo solo immaginare il delirio per le strade della scalmanata Esch-sur-Alzette. Il Jeunesse Esch si rifà vincendo la coppa nazionale dopo 13 anni contro una squadra che finisce tipo in ange.
LO SAPEVATE CHE- Jeff Strasser attuale allenatore del Fola Esch, con un importante passato calcistico in Germania e Francia, detiene il record di presenze (98) con la nazionale dei leoni rossi. Si! si chiamano "Leoni rossi", prendono pizze ovunque, perdono a botte di 9 a 0 a partita ma si chiamano Leoni rossi. "Pippe rossastre" anche se più appropriato, sarebbe stato decisamente meno carino.
Il delirio per le strade di Esch-sur-Alzette dopo la vittoria del Fola Esch

MACEDONIA
Uh! ha rivinto il Vardar...E il Teteks in coppa.     
LO SAPEVATE CHE-  La Grecia è andata più e più volte in puzza per il nome Macedonia, in virtù del fatto che il termine indica anche l'odierna regione greca. La Grecia ha proposto di cambiare il nome in: "Alta Macedonia", "Nuova Macedonia", "Macedonia-Skopje" e soprattutto "Austria Macedonia". Il governo macedone ha così risposto: "Ancora co sta stronzata? State a pezzi... Fateve na vita". Interrogato sulla questione, il ministro degli esteri bielorusso, ha risposto con un rutto, poi ha urlato un NO! e infine ha bruciato una bandiera di Gibilterra.

MALTA
Vince il campionato il Birkirkara dopo un appassionante spareggio scudetto contro l' Hibernians (3-1).
Ma voglio e devo raccontarvi una storia. E' la triste storia del Qormi. Il Qormi non ha mai contato un cazzo nella storia del cacio maltese. Non ha mai vinto il campionato o la coppa. Da qualche anno la squadra è tornata in Premier League e nel 2010 ha la prima grande occasione per contare qualcosa. Il 23 maggio 2010 disputa la finale di coppa di Malta contro Valletta. Dai piccolo Qormi ce la puoi fare. Dopo 21 minuti è già sotto di due. Le distanze verranno accorciate a 12 dalla fine, ma la coppa andrà alla squadra della capitale. Capita. Il primo giugno dello stesso anno, il Qormi ha la sua seconda occasione, gioca infatti lo spareggio per accedere ai preliminari di Europa League. Vai Qormi scrivi la storia! La partita si chiude al 95esimo con un rotondo 2 a 0 per lo Sliema. Succede. Nel 2012 il Qormi ritorna in finale di coppa. Contro gli Hibs è dura, ma è arrivato il momento di uscire dell'anonimato. Dopo 47 minuti il Qormi è già sotto di 3 gol. Tanto per farsi più male al 95esimo mette a segno un inutile rigore. Ci può stare. In questa stagione il Qormi, arriva nuovamente in finale di coppa e ancora contro l'Hibernians. Vai Qormi, forza Qormi. Dopo 66 minuti i Peacocks (leggi Hibernians) si trovano avanti di due reti. Al primo minuto di recupero il Qormi accorcia le distanze. Crediamoci ragazzi! Prendiamoci la coppa. 2 minuti dopo Jackson fissa il risultato sul 3 a 1. Eccheccazzo Qormi.
LO SAPEVATE CHE- Quando a Malta vi attraversa la strada un tifoso del Qormi è meglio accostare e aspettare che passi prima un'altra macchina per evitare anni di sventure. Se pronunciate Qormi al contrario allo specchio, la vostra squadra perderà 4 finali di fila. I giovani maltesi quando vedono uno con la sciarpa del Qormi, toccano un coetaneo urlando: "Qormi tuo!".
In regalo con l'abbonamento del Qormi


MOLDAVIA
Dodicesimo campionato in 13 stagioni per lo Sheriff Tiraspol. Coppa ai cugini del FC Tiraspol.
LO SAPEVATE CHE- Tiraspol fa parte della Transnistria stato "De facto" non riconosciuto.  Lo Sheriff Tiraspol appartiene alla compagnia Sheriff, una società con un giro di affari di circa 4 miliardi di dollari, pari a 47 volte il pil della Transnistria. La Sheriff ha in mano tutto: benzina, casinò, supermercati, società di comunicazioni, lo stadio. Ovviamente, anche se non ufficialmente, gestiscono la squadra locale. Una maglietta dello Sheriff nello shop della squadra costa circa 30 euro, ovvero, il 70% di uno stipendio medio in Transnistria. Questo simpatico staterello, è una sorta di discount delle armi. Mi sa tanto che lo Sheriff è destinato a vincere per altri 12 anni.

MONTENEGRO
Sutjeska Nikšić in campionato, Budućnost Podgorica in coppa.

31 commenti:

  1. EPICO!!!!
    solidarietà a gibilterra (la spagna, che rompe le palle per due rocce e dieci scimmie, ha però in compenso ottenuto di non avere gibilterra nel girone. evidentemente temevano scontri tipo serbia-croazia dei bei tempi...), per festeggiare la loro affiliazione all'UEFA, hanno deciso di erigere una statua di aznavour!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Spagna è in crisi.....e come ben sai... Tira più un pelo di scimmia....

      Elimina
  2. Mi auguro che tra i tifosi del Benfica ci sia qualcuno che, per assonanza linguistica, abbia seguito trepidante le sorti del Lusitanos. In un'annata da tragedia uno scudetto ad Andorra non si butta via.

    RispondiElimina
  3. Tristissima la storia del Qormi, ancora più triste il nome, sembra un gruppo metal Finlandese, o un giocattolo di quelli Cinesi a 3€ che appena lo tocchi prendi l'ebola...

    Ma il senso della Coppa Nazionale del Liechtenstein? Cos'è, una rimpatriata tra vecchi compagni di classe che lavorano oltre confine? SE NON HANNO IL CAMPIONATO, PERCHE' FARE LA COPPA?!

    Non so cosa darei per avere Bielorussia e Gibilterra insieme nel girone di qualificazione per Francia 2016...

    L'Azerbaigian come il Portogallo, gli attaccanti sono visti peggio di una figlia femmina in pieno Medioevo.

    La storia del Pasching mi ha stretto il cuore, in pieno stile Calais, anche se il finale (per fortuna) è andato nell'altra direzione... Ora va in Europa League o resta tra i patrii confini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Paolo...il pasching non solo andrà in Europa League ma partirà dai Play off...quindi superando il turno si ritroverebbe nella fase a gironi.

      come non darti ragione sul Qormi?

      Elimina
    2. segnalo che l'avventura dei simpatici amici di andorra dell'FC Lusitanos è già finita...sono stati presi a pizze dall'EB-Streymur, campioni delle isole far oer su cui sono sicuro nesat ci delizierà nella seconda parte...

      Elimina
    3. ...a loro volta presi a pizze dal traditore di Jaba Dvali (un gol per lui) e compagni, l'altro ieri a Tblisi.

      Elimina
  4. Piccolo aneddoto di calcio irlandese, precisamente di fai cup.
    L'inverno scorso ero a Derry, cittadina dell'Irlanda del Nord, prevalentemente cattolica, dove nel 1972 successe il Bloody Sunday per intenderci. Lavoravo in una primary school cattolica (in Irlanda del Nord il 95% delle scuole sono confessionali).Il Derry City è l'unica squadra nordirlandese che partecipa alle competizioni della repubblica d'Irlanda, lega e fai cup. Arriva 5° su 12 in campionato (i tornei sono sull'arco dell'anno solare, quindi stagione 2012) ma -miracolo!- arriva in finale di fai cup. Si gioca una domenica di novembre a Dublino, contro i locali St.Patrick's, e il Derry vince di sculata ai supplementari 3-2. La città impazzisce, il Derry d'altronde non vince quasi mai, e l'allenatore (tale Declan Devine) due giorni dopo viene a visitare la scuola dove lavoravo e fa il giro delle classi con la coppa e poi tutti in palestra per le domande (dei bambini!) al mister e per festeggiare. Quei giorni furono una fi-ga-ta. Domani sera fanno i preliminari di Europa League in casa del Trabzonspor.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Davide.... storia assolutamente fantastica.....

      Elimina
    2. la storia del derry, dei suoi morti ammazzati e del suo girovagare merita un post, è vero

      Elimina
  5. Il post che stavo aspettando. Ma quante Ne-sat?

    RispondiElimina
  6. Nesat sei un cazzo di genio. Che bello sarà condividere lo stesso scalino l'anno prossimo. Parleremo solo di scacchi.

    p.s pietro salvatori, quello della recensione del film del ballerino albanese, stava all'università con me.

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  7. nesat, non ci sono parole, solo risate. quante verità contenute in questo post!

    qualche commento sparso:
    1) prima di morire voglio vedere jaba dvali in italia (anche se è un traditore)
    2) i play-off in belgio...non ne parlare troppo altrimenti ce li ritroviamo pure qui (sono partite secche in più)
    3) grande solidarietà ai tifosi del qormi
    4) davvero indisponente l'atteggiamento della bielorussia nei confronti di gibilterra, mi domando da dove provenga tanta acredine (peraltro sul sito di quei massoni dell'uefa il voto contrario è stato messo a tacere
    5) nacho casanova è chiaramente un nome d'arte, però è bellissimo, soprattutto immaginarselo che parte per vaduz con la sua seat ibizia rossa
    6) grazie per la dritta sull'armenia, siamo tutti scacchisti
    7) la sensitiva di ghost...ma come ti viene?
    8) un austria saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dionigi, la Bielorussia ha detto picche (Пика) solo per stroncare sul nascere le smanie autonomiste ed indipendentiste di alcune sue regioni. E direi che ha fatto pure bene. Te lo immagini un girone agli Europei con Germania, Spagna, Slovacchia e Voblasc' di Vicebsk??

      Elimina
  8. Io per una sera sono stato bielorusso.

    Giocavano ad Empoli le under 21 di Italia e Bielorussia, erano i tempi di Cassano in under 21.
    Tutti i bambini facevano la fila per entrare in campo stringendo la mano a lui o a qualche italiano mentre a me toccò un anonimo numero 6 bielorusso (chissà che farà adesso, magari gioca nel Lusitanos ad Andorra o pulisce pesce al mercato di Minsk). Questo se la rideva della grossa durante l'inno italiano con un suo compagno, e del resto lo capisco.

    La cosa bella però è che quando entrammo in campo lo speaker urlò "ecco entrare in campo insieme ai giocatori alcuni bambini bielorussi e ucraini da Chernobyl che sono stati ospitati in questi giorni dalle famiglie empolesi".

    Questo, mi rendo conto, getta una luce inquietanti su tutto ciò che di benefico è collegato al calcio.

    Comunque sull'importanza degli scacchi in Armenia posso confermare, mio padre che è scacchista veramente (maestro internazionale, negli anni '80 era pure in selezioni nazionali) è stato a Yerevan prima dell'indipendenza e mi raccontava che lì oltre ai busti di Aznavour è pieno pure di busti del campione Petrosian.
    Chissà se anche il mio babbo si è divertito nella brulicante vita notturna di Yerevan sfruttando il fascino dell'arrocco corto...

    RispondiElimina
  9. http://tinypic.com/view.php?pic=2nurt3t&s=5

    sono il secondo bielorusso da destra, notare la mia chiara sofferenza per i postumi delle radiazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Gaizka...sei stato un bimbo mascotte........ma la tuta era della bielorussia? e se si... è ancora con te?

      ma sbaglio o c'è un giovane Hleb in quella bielorussia?

      Probabile che un giorno ti ritroverai un fratello o una sorella armena alla porta...





      Elimina
    2. Si Nesat, in quella Bielorussia giocava un giovanissimo Hleb, sono andato a controllare, non lo sapevo neanch'io.

      Purtroppo quella è la tuta della squadra in cui giocavo, il Giglio Rosso Pozzale...

      Sul terzo punto, probabile...

      Elimina
    3. hleb non ha avuto la carriera che si meritava...

      chissà se quel giorno a empoli c'era anche l'indimenticato gurenko

      Elimina
  10. Il post dell'anno è finalmente arrivato.
    E quanti aneddoti anche nei commenti!
    Mi dispiace dare una brutta notizia, ma pare che dall'anno prossimo i play-off in Belgio non ci saranno più. Non so se verranno sostituiti da qualcos'altro (tipo il lancio del nano, una gara di rutti, o banalmente una partita a scacchi) o in Belgio decideranno di allinearsi alla noia del resto del continente.
    Segnalo che in una delle squadre del Liechtenstein (il Balzers per l'esattezza) gioca ancora l'indimenticato Mario Frick.
    Austria saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. veramente? basta play off in belgio?....Come lo sai?

      Elimina
    2. l'avevo letto sull'account twitter di un giornalista inglese specializzato in calcio belga. Non so ovviamente quanto attendibile fosse, ma c'è il rischio che accada.

      Elimina
  11. Però che pallosi questi armeni.. Ancora con Aznavourian (così il suo vero nome armeno) e sto cavolo di genocidio.. Dovrebbero cominciare ad aggiornare il parco celebrità e tirare su statue in onore delle sorelle Kardashian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che il turismo in Armenia avrebbe un picco clamoroso.

      Elimina
  12. Che dire?
    Non ridevo così di gusto da un pezzo (un pezzo che non ricordo perché l'ho letto molto tempo fa).
    Bravo e bravo e bravo.
    Non vado a leggere altro per non rimanere deluso.

    RispondiElimina
  13. Cominciassero a mettere qualcosa dei SOAD a Yerevan, allora.

    Bellissimo post, complimenti.

    RispondiElimina
  14. gegno nesat.. questi post sono la sublimazione del senso di ldb..

    RispondiElimina
  15. vorrei essere amico di Nesat.

    RispondiElimina
  16. I miei complimenti più sentiti a Nesat per questa ennesima perla, mi ha regalato delle sane risate e non vedo l'ora di leggere la seconda parte!

    Aggiungo una cosa: non ci crederete mai, ma io ho assistito dal vivo a una vittoria del Qormi (che ho scoperto pronunciarsi Hormi, con la C aspirata toscana) durante un soggiorno a Malta. Per la precisione era il Boxing Day del campionato maltese 2009, disputato allo stadio Ta' Qali. In quell'occasione i gialloneri fecero mordere lo straccio nientemeno che allo Sliema Wanderers col risultato di 2-1. Spettatori cento circa.

    Per il resto nel passaggio sul campionato bulgaro mi aspettavo una digressione sulle vicissitudini di quel fantastico talento che è stato Yordan Lechkov, finito al centro di vicende giudiziarie poco simpatiche :D

    RispondiElimina
  17. http://www.milannews.it/altre-notizie/enoch-barwuah-fratello-di-mario-balotelli-giochera-nel-campionato-maltese-118263

    NEL QORMI !!!

    RispondiElimina