sabato 20 luglio 2013

Literaria. "Milan Story". La leggenda rossonera dal 1899 a oggi


Imprescindibile per ogni milanista che non si accontenti di seguire minuto per minuto l’evolversi della trattativa per un dinamico e talentuoso centrocampista nipponico, “Milan Story: La leggenda rossonera dal 1899 a oggi” (Edizioni della Sera pp.191) è il libro perfetto da sfogliare sotto l’ombrellone, per ripassare il conosciuto e esplorare lo sconosciuto delle mille storie che compongono la Storia del più glorioso club italiano. In attesa dell'Honda giusta.



In attesa di capire se nella prossima stagione l’intesa tra Balotelli ed El Shaarawy sarà finalmente efficace, o se Allegri riuscirà a rovinarli entrambi. L’agile struttura a brevi capitoli del libro permette una lettura serena e rilassata, che siate sul pareo in spiaggia, sulle panche di legno di un rifugio montano, o su una panchina del parco in pausa pranzo. E l'autore Sergio Taccone, oltre a collaborare con gli amici di Storie di Calcio, al terzo libro sulla squadra rossonera è certamente uno scrittore che conosce il valore della materia che sta plasmando. In questo Milan Story l’ha fatto con un certosino lavoro di indagine storica, scavando come talpa di marxiana memoria tra trafiletti dei quotidiani degli albori del ventesimo secolo come negli editoriali contemporanei, tra vecchie riviste fuori commercio e contemporanei video di youtube, per riuscire a raccontare come si fosse disputata ieri l’amichevole del 29 giugno 1955: in cui il Milan supera la temibilissima Honved Budapest mentre sugli spalti di San Siro la delegazione del PCI di Sesto San Giovanni tifa compatta e fedele alla linea per i compagni magiari. O la successiva amichevole dei rossoneri a Mosca contro la Dinamo: la prima volta per una squadra italiana al di là della Cortina di Ferro, per la partita che Calcio Illustrato definisce entusiasta come “un inizio di collaborazione tra le due nazioni”.



Il pregio del libro è poi quello di giustapporre le varie piccole storie con un montaggio dialettico degno della scuola sovietica di Eisenstein. E così, senza apparente soluzione di continuità - quando invece la successione dei capitoli rivela a mio parere una precisa e azzeccata scelta narrativa - si passa dalle grandi vittorie alle clamorose sconfitte, dalle storie più note a quelle sconosciute anche alla maggior parte dei tifosi. Manchester e Istanbul, il gol di Capra con l'Inter e quello di Weah col Verona. Le prodezze di Marco Van Basten e quelle di Walter De Vecchi: “’avvocato del diavolo che fece meglio di Perry Mason, vincendo una causa persa”, nelle parole dell’indimenticato Beppe Viola, uno degli ultimi milanesi (sempre che Milano sia mai esistita) cui è dedicato un nostalgico capitolo. E così, via via scorrendo con la lettura, dopo una storica vittoria contro il Grande Torino negli anni Quaranta arriva la altrettanto storica sconfitta con la Cavese “il controesodo dei tifosi ospiti fu memorabile: dodici pullman granturismo, due aerei, tre treni e una carovana sterminata di automobili, camper, e ogni tipo di autoveicolo che scendeva da Milano”. Le pagine omeriche che immortalano le magnifiche gesta del capitano Franco Baresi “la maglia rossonera è stata la divisa della sua esistenza”, precedono di poco quelle relative al misconosciuto Andrea Bonomi, che invece “occupa un posto alla voce capitani e bandiere insieme a colonne del calibro di Liedholm, Rivera, Baresi e Maldini. Superfluo aggiungere altro”.



Storie di campo che hanno segnato l’infanzia di chi vi scrive, ovvero il mitico gol del centravanti britannico Mark Hateley nel derby d’andata della stagione 1984/85. Il gesto tecnico di Attila, il suo stacco poderoso a sovrastare il traditore Collovati sono “un ascensore per il paradiso” che trasuda speranza dopo le due retrocessioni di fila e una lunga e lenta ricostruzione. Sono alternate a storie di vita come quella di Ferdinando Valletti, ex componente della Brigata Garibaldi che nel marzo del 1943 è arrestato dalla sbirraglia fascista dopo aver organizzato uno sciopero davanti ai cancelli dell’Alfa Romeo. Panchinaro rossonero, in pochi mesi si trova deportato a Mauthausen dove è spersonalizzato dal concentrazionismo capitalista fino a diventare un numero: il I57633. Tra i mille altri capitoli, si passa dal racconto surreale delle gesta del tecnico ungherese Bela Guttmann (quello della maledizione del Benfica), uno zemaniano ante litteram che sulla panchina rossonera nella stagione 1954/55 parte alla grande con nove vittorie di fila, ma alle prime difficoltà è esonerato senza motivo apparente alcuno. Fino alla bellissima e inutile prodezza di Roberto Antonelli, soprannominato Dustin per la somiglianza con l’attore, che non evita al Milan la seconda serie B in tre anni e fa esclamare all’avvocato Prisco “dopo la retrocessione a pagamento ecco quella gratis”. Perché un milanista è orgoglioso delle sue retrocessioni quanto dei suoi trionfi: perché noi siamo e resteremo ciasciavit, altro che quei bauscia nerazzurri che hanno il coraggio di presentarsi a San Siro solo quando noi siamo in trasferta…

15 commenti:

  1. Devo averlo subito questo libro. Grazie per la segnalazione.
    Gianni

    RispondiElimina
  2. libraccio di un "giornalista" di Libero.

    RispondiElimina
  3. se il libro è come la recensione allora me lo leggo pure io...sugli anni di liedholm e di bartolomei si dice niente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dionigi.. come ben sai la mia memoria storica è paragonabile a quella di un baldini.. ovvero pari a zero.. ma a memoria nella squadra del gol di hateley giostrava agostino a centrocampo e sedeva in panchina il barone.. gloriosa età dell'oro..

      Elimina
  4. Lafitte, conosco personalmente l'autore. A parte che su Libero curava (parlo all'imperfetto perchè da quattro anni non ci collabora più, me lo ha detto l'autore stesso) soltanto fatti di cronaca generale e non politica, è uno scrittore di grande talento che ha già avuto importanti riconoscimenti giornalistici e letterari. Oltre a Milan Story ha pubblicato Quando il Milan era un piccolo diavolo e "La Mitropa Cup del Milan del 1982 (il primo l'ho letto almeno cinque volte, da cima a fondo). Milan Story lo comprerò perchè, oltre alla conoscenza diretta dell'autore, mi fido della recensione appena letta.
    Gianluca

    RispondiElimina
  5. Lafitte, fuori la politica da LdB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro anonimo, lascia perdere o piuttosto rispondi nel merito, ma "fuori la politica da.." non si può sentire, è lo slogan con cui la peggio destra si è impadronita delle curve..

      Elimina
    2. Si certo, volevo proprio prendermi beffa di quel terribile slogan da curva di destra...

      Elimina
    3. Lo zio vede "Destra" ovunque.....

      Elimina
    4. è noto, ad esempio, che lo zio ha due mani sinistre (unico caso al mondo di bi-mancino)

      Elimina
  6. chissá se quelli della delegazione del PCI di Sesto San Giovanni tifano ancora il Milan come lo Zio.

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma soprattutto io e loro votiamo ancora pci anche se non esiste più da vent'anni..

      Elimina
  7. anonimo sfidante25 luglio 2013 13:39

    30. Dal giugno 84.
    Ormai il dibattito sulla questione morale interna alla sinistra si è trasferita sul tifo rossonero.
    Allora si era sicuramente puri perché non contaminati dal potere.
    Oggi, si possono dire puri i milanisti nati tali prima della discesa in campo dell'uomo di maggior potere. Quindi, anche dello Zio.
    Compagno Zio, il mese prossimo porterò anche il tuo saluto/omaggio al Compagno Ulianov.

    RispondiElimina
  8. Dopo la recensione di LdB ho acquistato Milan Story. Libro strepitoso. Grazie per la segnalazione. Imperdibile. Le pagine su Valletti, Brevedan, Hateley, Rocco e Beppe Viola sono poesia rossonera pura. Dalla prima all'ultima storia una lettura scorrevole e piacevolissima.
    Ciao
    Massimo

    RispondiElimina