mercoledì 20 marzo 2013

Il miele e la medicina

Avete presente l’estate? In Liguria è la prova che esiste un Dio maligno e malvagio, proprio come pensava Cartesio.
Turisti, caldo, ospitalità forzata: insomma, un qualsiasi albergatore di Alassio preferirebbe una stilettata al cuore che l’apertura della stagione turistica. Ma l’estate del 2012, per me, è stata tutta un’altra musica.
L’intervallo di tempo tra il 18 ed il 28 Agosto, per me, ha avuto un sapore amaro: per fortuna che c’è la Samp.
Si, infatti la Samp ha alleviato le mie pene spirituali.
Catarsi blucerchiata, e Gaetano  Berardi a suonare l’arpa.
Arriviamo alla sera del 20 Agosto 2012. Caldo, afa, umidità. 95Kg di persona spiaggiati su un letto fradicio di sudore. In TV, Sportitalia: di solito si vede la Ligue 1, o il football americano, o le V8 Superstars.
Per me, invece, era un ritorno al passato.

20 Maggio 1992, Ronald Koeman dice no. 

Io sono nato nel 1995, quindi ho visto l’ultima Samp di Paolo Mantovani (scomparso nel 1993) lasciare la scia e schiantarsi come un aereo senza controllo per un rigore che, chissà, forse non c’era.
Non ricordo cosa successe in finale di Coppa delle Coppe ’89, o tantomeno nell’ultima partita di Coppa Campioni ’92: solo lacrime amarcord, di chi ha avuto il coraggio di ripartire da zero e la codardia di non diventare nessuno.
Chi cazzo erano Pagliuca, Vierchowod, Vialli, Pellegrini, Mannini, Mancini, Cerezo? Eroi di una poesia interrotta senza lieto fine, Cappuccetto Rosso mangiata dal lupo e il cacciatore smarrito nel bosco.
Ho vissuto la risalita in A, e poi Brema, Eindhoven, Kharkiv.
E poi Brescia, Cesena, Palermo.
Poi le lacrime, di farabutti pagati, di rigori sbagliati, di gente che non segna mai e argentini che non lo sapevano.
Inferno, Gubbio-Castellammare-Nocera.
Sassuolo e Varese, un eroe della favola a lieto fine cacciato come l’ultimo dei pezzenti.
E infine Barcellona, palinsesto di Sportitalia, ore 20:30: da una parte i miei eroi, dall’altra parte i miei incubi.

La gratitudine, questa sconosciuta.

Non è una partita come le altre, non ci sono né Coppe Europee né Campionati: solo un pezzo di metallo ben forgiato, messo in palio da una delle squadre più forti della storia, che ti ospita mettendo a repentaglio la tua credibilità a livello internazionale.
Finto come un cenone di Natale coi parenti che non vedi da una vita, e ti chiedi perfino cos’hai in comune con una 55enne chiattona coi leggins leopardati che millanta pure di essere vestita elegante.
Al tavolo sono seduti Romero, Berardi, Gastaldello, Rossini, Costa, Soriano, Tissone, Obiang, Juan Antonio, Maxi Lopez, Estigarribia: sapore di vendetta.
E infatti, passa un minuto e Roberto Soriano raccoglie un ghiotto assist di Pedro Obiang e di testa spiazza Pinto, 1-0. Wembley è ripagata.
Poi, 89 minuti di tiki-taka, sostituzioni, terzini col QI di Peter Griffin che fermano capocannonieri di Mondiali e triplice fischio. Nel tempio del calcio, una squadretta neopromossa batte la (seconda) squadra più forte del Mondo. Ho visto un pezzo di storia.

Daniele Gastaldello felice come una Pasqua.

La storia continua: sbronze, serate storte, amori finiti o manco iniziati, Serie A.
26 Agosto 2012: tra Genovesi e Milanesi non scorre buon sangue, solo un’autostrada.
C’è chi si lamenta delle nostre cittadine sul mare, dei nostri gelati o della nostra ospitalità.
Avete mai visto un Genovese in vacanza a San Siro? Io si.
I soliti (Romero, De Silvestri, Gastaldello, Rossini, Costa, Berardi, Obiang, Tissone, Poli, Estigarribia, Eder, Krsticic), di fronte al “club più titolato e meno modesto del Mondo, che non ha i soldi per comprare uno meglio di Constant.”
Calci, pugni, turbanti insanguinati, corner.
Alla fine è 0-1, e quella sera più tardi avrei perso pure il mio portafogli.
E da qui qualche partita vinta, un po' di pareggi, crisi d’identità, predestinati che esplodono sul campo e spazzano via allenatori con la forza d’urto.
Un altro anno matto, come ormai siamo abituati a vivere.

14 commenti:

  1. Grazie, Paolo. E benvenuto.

    Mai capito perchè la Samp non ha proseguito con Iachini. Ma soprattutto mai capito il sostituto.
    Ora con Delio Rossi molto meglio, per come la vedo io.

    Qualcuno mi aiuta a capire Icardi. E' forte o normale o solo uno che ogni tanto azzecca le partite?

    ps: brutta storia il rigore di Klas. Genesi di una rivalità del presente.

    pps: la torta di riso è una droga.

    RispondiElimina
  2. Grazie a voi ragazzi!!

    Purtroppo Iachini viene chiamato a metà stagione come traghettatore (vedi Brescia e ora Siena), e poi alla fine viene puntualmente scaricato... Tuttavia gli auguro una grande salvezza con il Siena, per noi ha fatto davvero tanto, e lo abbiamo invocato a lungo nel periodo buio di Ferrara...
    E poi un Sampdoriano che fa retrocedere il Genoa è qualcosa di idilliaco.

    Icardi, secondo me, è forte ma è da scoprire: l'anno scorso in B ha giocato poco e bene (vedi Stabia-Samp), quest'anno ha avuto la fortuna di fare due gol alla Juve, sennò non se lo sarebbe filato nessuno.
    Inoltre spinge già per andare in una big e di rinnovo manco a parlarne (stando alle sue cifre per il contratto potremmo prenderci Van Persie): speriamo che si mantenga su livelli alti per tutto il Campionato e poi basta che paghino, se va bene amen, e se va male ci siamo tolti un peso per qualche milione, what else?

    E' un caso che tra Sampdoriani e rossoblù non ci siano mai buoni rapporti?

    Si, la torta di riso è davvero uno spettacolo: a dire la verità conosco solo la versione salata (con la prescinseua poi...), presto mi metterò alla ricerca anche della variante dolce!!

    RispondiElimina
  3. Il calcio estivo è un terreno del sogno...

    ancora ricordo una lazio corsara al Bernabeu con Fiori in veste di para rigori....

    RispondiElimina
  4. Grazie Paolo..è davvero interessante il punto di vista di un 95.......io mi ricordo tutto della Samp dei Mantovani.... Sono cresciuto con i vari Mancini,Vialli e Lombardo....quel goal di Koeman ha fatto male non solo ai doriani...ma anche al resto d'Italia.....

    ho vissuto una situazione come la tua...Io da romanista nato nel 1983...non mi sono goduto il periodo di Falcao e Di Bartolomei, dello scudetto e della coppa campioni

    Bellissimi i filmati...avevo completamente rimosso l'inutile Doriva...se la Samp non avesse esonerato Spalletti forse non sarebbe scesa....

    Iachini in A non ingrana quasi mai(am me piace come tecnico...e mi piaceva ancor di più come calciatore)...ma allontanarlo per prendere Ferrara è una bestemmia.....
    Garrone jr sembra però ambizioso, lo dimostra il corteggiamento della scorsa stagione a Rafa Benitez....l'errore Ferrara alla fine sarà di lezione.

    fossi stato un tifoso della Samp....probabilmente non mi sarei ancora ripreso dal gol di Boselli....il Dio del calcio è veramente sadico....

    Icardi per me è un Bluff......

    RispondiElimina
  5. icardi è una sega come precedenti. il nuovo magallanes per intenderci.

    grazie paolo per questa lacrima di giovinezza, quasi di nesquik...

    se posso aggiungere un ricordo di calcio estivo, mi piace ricordare - anche a me, come a gegen - un real madrid - roma di tanti anni fa. ero da mio nonno. per qualche strano motivo, era la partita d'addio di butragueno. per motivi meno strani, perdemmo quattro o cinque a zero.

    RispondiElimina
  6. "Il calcio estivo è un terreno del sogno".
    Verissimo.
    Se poi le amichevoli estive sono contro le due grandi di spagna alle volte si entra nell'ipnagogia pura.
    Ricordo un Real-Toro, giocato ad Elche.
    Il Toro era in B quell'anno.
    Finì 1 a 1, gol di Florijancic e Raul.
    Grande esaltazione.
    A fine campionato arrivammo noni in serie B con la squadra e l'allenatore più tristi che la storia ricordi.
    La serie B è un terreno dell'incubo.

    RispondiElimina
  7. Come non ricordare la doppietta di gustavo bartelt in Un Roma santos (in cui perdemmo) di presentazione della squadra all olimpico...mi illusi di avere in squadra un fortissimo centravanti sudamericano...fini con delvecchio che divenne idolo della curva dopo la doppietta al derby del "vi ho purgato ancora"...

    RispondiElimina
  8. Idem Soriano, dopo il Camp Nou è diventato una cosa inguardabile, pare abbia due carciofi al posto dei piedi.
    Per fortuna le alternative ci sono (Obiang, Krsticic, Maresca se non è rotto, Munari), ma spero che al più presto trovi una sistemazione altrove: peccato, perché era partito bene...

    RispondiElimina
  9. Oppure uno storico Foggia-Real Madrid 1987 allo Zaccheria, con il Foggia che fece soffrire il Real del Buitre. Non so voi, ma C. Ronaldo allo Zaccheria di 'sti tempi non ce lo vedo...

    RispondiElimina
  10. icardi secondo me è grammo.

    iachini è un tecnico imbarazzante, il che lo mette due gradini sopra ciro ferrara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere che anche kalle abbia iniziato a parlare "bostero"...grammo sarebbe..?

      Elimina
    2. Grammo vuol dire cattivo, sia nel senso spirituale (es: Una persona gramma) sia in quello sensoriale (es: Un cibo grammo)

      Elimina
  11. Come diceva un proverbio yiddish: una lingua non è altro che un dialetto con una marina e un esercito....

    RispondiElimina
  12. benvenuto anche da me Paolo, e grazie per il post bellissimo.. per il resto essendo tu del ’95 io potrei raccontarti delle squadre dei tuoi padri, e di quelle dei tuoi nonni.. per cui approfittando del sapore di madeleine che trasuda dalla torta di riso del tuo racconto.. mi ritiro sulla poltrona e la lacrima la riservo alla mia artrosi perduta..

    RispondiElimina