lunedì 7 gennaio 2013

Il punto

Giunti a metà strada, occorre fare un attimo il punto della situazione Serie A, come sempre il campionato più bello e frizzante del mondo.

Juventus 44
Brutto lo stop con la Sampdoria in casa, ma d'altronde erano due anni che la Juve non steccava una partita. Per il resto poco da dire: prima con merito. Squadra più forte - e di tanto - delle altre. Vediamo se la Champions porterà via energie, ma ci credo poco.

Lazio 39
Stagione fantastica della Lazio. Niente da dire: gioca bene, è concreta e sembrerebbe aver capito il suo valore. Hernanes e Klose fantastici, per il resto giocatori ben messi in campo e consapevoli dei loro mezzi. Attenzione alla sindrome del ritorno, sono tre anni che la Lazio fa molto bene all'andata e si perde in primavera. Forse sarebbe il caso che Lotito aprisse il portafogli, ma tanto non lo farà.

Napoli 37
Partita con l'etichetta scomoda di antijuve si perde un po' per strada, e dove non sbaglia Mazzarri ci si mette la disciplinare con due punti di penalizzazione che sanno di beffa. Da rivedere, ma con quel Cavani lì tutto è possibile.

Fiorentina 35
Splendida realtà costruita con intelligenza da Pradè (impensabile ma vero). Montella funziona, Borja Valero è splendido. Una punta vera farebbe comodo; da testare la tenuta a lungo termine (Pescara docet).

Internazionale 35
Alti, bassi e poco gioco. La qualità latita dal centrocampo in giù. Si sapeva o - almeno - si poteva intuire. Stramaccioni convince a metà.

Roma 32
Titanica l'impresa di Zeman: eguaglia i 29 punti (3 sono un gentile omaggio di Cellino) di Luis Enrique dello scorso anno. Si insiste con scelte cervellotiche ed una tattica fuori dalla realtà. Salvo un paio di apparizioni (Milan e Fiorentina su tutte) la realtà dice che la Roma è ancora una volta tanta teoria e zero pratica. Vediamo se la premiata ditta Baldini/Sabatini sarà in grado di toppare allenatore per la terza stagione di fila. Complimentoni!

Milan 30
Difficile aspettarsi di più da Yepes, Nocerino, Constant e compagni. Per fortuna c'è El Shaarawy che è fortissimo.

Parma 29
Splendido campionato finora. Il tutto nonostante Donadoni e Rosi che affosserebbero anche il Barcellona.

Udinese 27
Un po' sottotono rispetto agli ultimi anni, ma analizzando la rosa a disposizione tutto sommato va bene.

Catania 26
La solita bella squadra. Manca sempre qualcosa per dar fastidio davvero e sognare un posto in Europa, ma credo che nessuno abbia tali ambizioni.
 
Chievo 24
Sono sempre lì. Bravissimo Corini.

Atalanta 22
Marino è una certezza. La salvezza - in carrozza - pure.

Torino 20
Con fatica, ma da neopromossa si comporta tutto sommato bene.

Sampdoria 20
Dopo un periodo difficile gira bene. Obiang è fortissimo. Icardi una bella sorpresa. Palombo sarà utile. Ora ha anche l'allenatore.

Pescara 20
Miracoloso! La rosa - tolto Weiss - è inguardabile. La classifica è sontuosa.

Bologna 18
Troppo poco, ci si aspettava qualche punticino di più. Attendiamo speranzosi perché Pioli è bravo davvero.

Genoa 17
Cambiare 15 giocatori l'anno a quanto pare non paga. Borriello li può aiutare a salvarsi ma servirebbe un po’ di coerenza.

Cagliari 16
Pochini 16 punti per una bella squadra. Bravi i vari Sau, Nainggolan, Ibarbo, Conti, Cossu, Pinilla e Astori. Qualcosa non gira, ad esempio Cellino.

Palermo 15
Come detto per il Genoa, le girandole di giocatori non sempre pagano. Rischia davvero se non si da una registrata.

Siena 11
La penalizzazione incide eccome, certo che se poi a gennaio tratti le cessioni di Neto e Calaiò la Serie B è una certezza..

54 commenti:

  1. Grazie Tato.

    Qualche spunto.

    Sinceramente, la squadra che più impressiona è la Lazio. 39 punti sono tantissimi per una squadra che si e no ha 13/14 giocatori schierabili.

    La mia favorita per il secondo posto -il primo è della Juve, per forza- rimane però il Napoli (e lo dico al di là del 4 a 1 di ieri sera). Penso che tenendo Lavezzi il Napoli quest'anno avrebbe fatto lo Scudo.

    Capitolo Roma. Sei sempre duro, Tato. Alla fine la Roma sta facendo il suo campionato. Un campionato da Zeman (incanto e qualche punto di troppo lasciato per strada). Pensare al secondo posto forse è azzardato, ma perchè non alla Champions. Sono tutte lì. Ci può pure stare.

    Splendido il commento sul Parma.

    Capitolo Bologna. Mancano 3/4 punti. Mi fa incazzare perchè la squadra di Pioli gioca bene, ma in proiezione rischia di brutto (mi sa che la salvezza la fai a 38-39). E non sono sicuro che Palermo & Co siano morte, specie se spendono bene in questo mese. Vedo salve comode Chievo, Atalanta e Torino. Samp e Genoa a fatica. Il Bolo sta lì in mezzo. E il Gila deve iniziare a sbatterla dentro senza soluzione di continuità.

    ps: se Denis non si fosse mangiato questo mondo e quell'altro l'Atalanta stava con la Lazio comoda comoda.

    RispondiElimina
  2. Sarò anche duro, ma una squadra con la rosa della Roma non può fare i punti dell'Atalanta.

    Sono consapevole che la Roma non vale Juventus e Napoli, ma da qui a prendere 33 reti in 17 partite ce ne passa.

    Nessuno mi può levare dalla testa che con un allenatore normale avresti quanto meno 4/5 punti di più.

    RispondiElimina
  3. Ah su questo possiamo discutere una settimana.. quello che dico io è che questa è una stagione buona con Zeman in panchina. Poteva andare molto molto peggio.

    Una considerazione: la migliore Roma si è vista con De Rossi squalificato.
    L'unica prestazione decente con il Milan (ricevendo una grossa mano da Bradley, ma soprattutto da Nocerino&Ambrosini).

    Delle due l'una. O Zeman si adatta o tocca farsene una ragione. Certo perdere DDR per strada così mi pare assurdo.

    RispondiElimina
  4. è un campionato poco decifrabile. la Juve è meno forte dei punti che ha, e d'altro canto quest'anno ha perso tre partite, cosa che l'anno scorso non successo in tutta la stagione. e secondo me ne perderà altre, almeno altre tre.

    dietro sono tutte abbastanza scarse e non mettono pressione. la mia Inter aveva illuso tutti, dalla società ai tifosi ma oggettivamente sta dove deve stare, è una squadra da quarto/sesto posto, per arrivare terza deve avere più culo che anima, ed il culo l'ha un pò smarrito ultimamente.

    vediamo che succede nel mercato di gennaio, ma sono molto poco ottimista

    RispondiElimina
  5. anonimo sfidante8 gennaio 2013 10:41

    Zeman?
    Scusate se dico la mia.
    Ci sono allenatori che basano la rosa sulle loro idee, altri che basano le loro idee sulla rosa a disposizione.
    Zeman fa sicuramente parte della prima categoria.
    Il punto non è pero la rosa, ma la società. Quando hai uno così devi costruire la squadra adatta alle sue idee.
    Sabatini & co. lo hanno fatto?
    Per me no, è quasi identica a quella dell'anno scorso.
    La Roma non ha sbagliato allenatore, ha sbagliato giocatori. Perché delle due l'una: o tieni Zeman o cambi la rosa. Non parlo di campionissimi ma in ogni ruolo ogni giocatore deve avere certe caratteristiche, altrimenti è meglio lasciare Zeman libero di volare verso altri lidi.
    Per questo non concepisco il dibattito se il boemo sia buono o no, se sia giusto averlo o no.
    Se lo vuoi, ti adatti.
    Altrimenti non lo prendi e ti rivolgi ad altri.

    Per il resto sono d'accordo praticamente su tutte le valutazioni. Rossoneri compresi (sic).

    RispondiElimina
  6. d'accordo praticamente su tutto, tranne sul Parma e (di conseguenza) su Donadoni;
    secondo me ha fatto un girone di ritorno stellare, l'anno scorso; e quest'anno sta andando alla grande

    markovic

    RispondiElimina
  7. A mio avviso se 'le piccole' avessero un po' di coraggio quest'anno la classifica (dal 2° posto in giù, perché la Juve è già troppo avanti)darebbe delle sorprese. Guardavo la rosa di Genoa, Palermo, lo stesso Cagliari e Bologna: sono signore squadre che darebbero molto fastidio se avessero allenatori temerari e presidenti lungimiranti. Invece dobbiamo ancora sorbirci i vari ZampariniCellino che per quanto pittoreschi dovrebbero dedicarsi ad altro (musica country & centri commerciali).

    Inter e Milan (tolto El Sharroy) sono squadre pietose: pie-to-se. La prestazione dell'Inter a Udine è stata sconfortante, Poi io non capisco il mercato delle milanesi: vabbene il pareggio di bilancio, vabbene liberarsi degli ingaggi onerosi ma dovete spiegarmi le cessioni di Pato e l'acquisto del freschissimo Tommaso Rocchi. No, dico: Tommaso Rocchi. Ma anche foste giovani emergenti come, che ne so, Sau, andreste mai a giocare all'Inter in una stagione come questa? Perché? Per prendere pappine in giro per l'Italia, tanto la squadra è da rifondare e non potreste comunque fare la differenza, anzi rischiate di passare come i brocchi di turno non-da-Inter?

    Da tifoso del calcio spero che società come Inter e Milan falliscano. Stra-preferisco la Roma di Zeman che a tratti mostra bellezza, piuttosto che AllegriStramaccioni, tecnici che non valgono niente, ma niente di niente. Allegri, almeno, ha dalla sua che con una rosa da 13° posto (Constant, Nocerino, Acerbi, Yepes, Bojan Krkic, Pazzini, Antonini), è riuscito a risollevarsi e fare una stagione buona\dignitosa, ma il Milan contro le grandi (Juve esclusa) le prende 4 volte su 5.

    La Juve: bon vince e si sa. Ma la Juve non è quella dell'anno scorso. Tre sconfitte di cui due in casa, amarissime, contro non-squadre come Inter e Samp. E più in generale una supponenza espressa paradigmaticamente dall'inedia di Giovinco. A me piacciono solo Vucinic (campione), Vidal, Pirlo e Marchisio. Schierare dal 1° minuto Padoin, DeCeglie e Peluso vuol dire non aver rispetto per l'avversario e ben ti sta di prendere 2 pappine e muto in 10 vs 11. Di Buffon non riesco più nemmeno a guardare la moglie.

    RispondiElimina
  8. Vabbé, Peluso e De Ceglie giocavano perché i titolari (Chiellini e Asamoah) non ci sono, altro che mancanza di rispetto per l'avversario.
    Il problema della Juve è la mancanza di una prima punta di alto livello, problema che già c'era l'anno scorso e che non è stato risolto. A differenza della stagione passata però le giornate no si stanno pagando sempre con sconfitte, l'anno scorso erano pareggi.
    Comunque la Juve è prima e ha fatto più punti dell'anno scorso, nonostante la Champion's di mezzo, non si può criticarla troppo.

    Contento che il Pescara si è ripreso. La rosa non è così brutta come è sembrata, il problema prima era Stroppa. Non che Bergodi sia un genio della panchina, ma ha dato un po' più di solidità e ha tirato fuori giocatori che misteriosamente non giocavano mai(tipo Bjarnason e Celik).
    Sarà dura, ma lo spirito è quello giusto.

    RispondiElimina
  9. tifo sfegatato per il pescara innanzitutto. eroica la vittoria di firenze, vista in albergo. perin é la copertina del campionato finora.

    un campionato bellissimo, va detto chiaro e tondo. per me é il numero uno in europa. quasi tutte le squadre si equivalgono e alcune sono davvero ben attrezzate (non capisco come bologna e cagliari possano stare cosí giú).
    denis é fortissimo e come al solito bostero prende un granchio. ma stiamo parlando di uno che stima taider.

    ancora troppi rigori e favori arbitrali e direzioni di gare servili per i miei gusti. ma non se ne parla quasi mai.

    lasizzainpanca, la tua ultima frase é giá nella storia di questo blog, grazie

    RispondiElimina
  10. @Dionigi, pure per me Denis è una signora punta. Dico solo che quest'anno gli ha detto veramente male.

    RispondiElimina
  11. Io vorrei capire come un giocatore del livello di D'Agostino (uno che se è in forma potrebbe giocare titolare in qualsiasi squadra italiana) è stato fuori tutto il girone d'andata nel Siena.

    RispondiElimina
  12. Edo sei stato ascoltato, D'Agostino va al Pescara.

    RispondiElimina
  13. Un pò ingeneroso sulla Roma, anche se comunque concordo, e pure sul mio Napoli. Spero che il Pescara si salvi.

    RispondiElimina
  14. Come non essere d’accordo con Tato?

    Milan, Udinese, Chievo e soprattutto Bologna stanno facendo un gran campionato: grazie all’acume tattico dei loro grandi allenatori strateghi, se manca qualche punticino è colpa di una rosa non all’altezza. Mentre Roma e Parma sono due compagini allo sbando proprio per via dell’incapacità dei loro tecnici.

    Nonostante gli emiliani possideano una rosa da Champions League, grazie ai prestigiosi innesti di Pabon, Belfodil e Sotiris, subito soprannominati i Big Three in omaggio a LeBron, Wade e Bosh. E soprattutto all’arrivo di Alejandro Rosi, cui è spesso accostato il giovane portoghese Cristiano Ronaldo soprannominato ‘il Rosi di Funchal’.

    O, nel caso dei giallorossi, una rosa da scudetto, con gli acquisti della stella del Man United Destro e degli idoli del Borussia Dortmund Balzaretti e del Barcellona Bradley. Per non parlare dei fenomeni Piris, Marquinho e Castan, per tutta l’estate ad un passo dal Real Madrid, e della razzia prepotente dei migliori della B italiana (il campionato più difficile del mondo) Tachsidis, Florenzi.

    Brigata Roberto Donadoni

    @lasizzainpanca: già adesso premio per l’aforisma più geniale del 2013 (e probabilmente anche del 2014)

    RispondiElimina
  15. anonimo sfidante9 gennaio 2013 21:04

    Zio:

    mi limito al Milan. Non penso che Tato intendesse che "ho visto un gran campionato dei rossoneri grazie all'allenatore perché la rosa è quella che è".
    Penso intendesse che la squadra è da 7° posto, a 14 punti dalla prima. Difficile aspettarsi di più, salvati dal Faraone (che, tra le altre cose ha appena segnato).
    Squadra di (quasi) mezza classifica, allenatore da C (anche se in C ho visto in tanti anni molto di meglio).
    In pratica, "difficile aspettarsi meno schifo da Constant etc." piuttosto che "difficile aspettarsi più qualità da Constant etc.".
    Come non concordare?

    RispondiElimina
  16. ovvio, provocavo..

    ma mexes chi cazzo è? ma l'avete visto stasera? uno che mi fa sperare che scenda in campo bonera pensavo non potesse esistere nemmeno nei miei peggiori incubi.. mi sto rilassando e rifacendo la bocca dopo la partita con l'ennesima comparsata di barbara d'urso a porta a porta.. e ho detto tutto..

    RispondiElimina
  17. Mexes, Bonera e Yepes sono quello che sono.. mai stati fenomeni, mai stati ottimi. Mi aspettavo, invece, qualcosa di più da Acerbi.

    Il vero fenomeno è De Sciglio. Bella stagione.

    Gran colpo Saponara.

    RispondiElimina
  18. zio non toccare "Rugantino"...

    Albis

    RispondiElimina
  19. Donadoni è l'ultimo allenatore che vorrei vedere nella mia squadra...ma Parma è la perfezione per lui..e sta facendo benissimo....

    Concordo con Tato la Roma ha sbagliato allenatore...per la seconda stagione...serviva normalità dopo Lucho.....c'è di buono però che Zeman(il miglior allenatore in Italia quando non allena la tua squadra)può fare lo stesso percorso di 14 anni fa.... ti valorizza i giocatori in attesa di chi magari riesce a centrare qualcosina in più di un quarto posto..... vedi Marquinho e Lamela... sempre che la società non si riveli improvvisamente un Bluff e cominci a vendere i suoi gioielli...in quel caso sono cazzi....

    Continuo ancora a non capire chi in questo blog non ritiene Mazzarri un buon allenatore....parliamo di un personaggio (autore di questo blog..tifoso del milan.. di cui non voglio fare il nome) che per dirla in maniera elegante è "Omosessuale con il deretano altrui"....

    piccolo appunto sulle due siciliane.......
    Il Catania a me piace da morire...Maran ha fatto un gran lavoro..e spero possa arrivare il più in alto possibile...
    Sul Palermo....Fa riflettere che senza la penalizzazione del Siena sarebbe ultimo...ma un po' di pazienza in più con Sannino? mah!

    Il Bologna è troppo in basso per la squadra che si ritrova...per me invece la colpa è di Pioli......

    detesto le svendite dell'Udinese(la squadra in se mi sta simpatica)Pozzo merita di perdere l'europa per i prossimi 30 anni....

    RispondiElimina
  20. secondo me, ma non lo scopro adesso, Nesat é un genio assoluto. a parte il fatto di condividere tutto quello che dice, sono rimasto estasiato dai racconti fatti da una terza persona sull'amicizia di nesat con gabriele paolini. alla prossima all'olimpico ci dobbiamo vedere quattro ore prima cosí mi racconti tutto di nuovo.

    p.s la diversitá sessuale con il deretano altrui di quell'autore del blog di fede berlusconiana ormai non é un mistero per nessuno

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  21. Pescara miracolato, se non arriva qualcuno che faccia gol si scende a "pid cuppj", come si dice in riva all'adriatico. Se non altro Bergodi ha dato una parvenza di squadra e ha recuperato Celik, Bjarnason e, speriamo, recupererà Quintero, che ricorda il primissimo Verratti. Come mi ha detto un mio amico svedese "Celi-Bjar-Nie sarà il nuovo Gre-no-li".
    La Roma senza i tre suicidi in casa con Bologna, Udinese e Samp sarebbe seconda. E si ritrova, rispetto all'anno scorso, giocatori iper-valorizzati come Lamela, Marquinho e Florenzi.
    Io la butto lì: arriva in Champions.

    RispondiElimina
  22. Udinese.
    Pozzo è un piazzista con la cantilena. Uno dei pochi che col calcio c'ha guadagnato alla stragrande, ma non lo scopriamo oggi. Tra l'altro c'è una lista infinita di giocatori in attività o meno che sono passati per Udine, prima di approdare a realtà 'più importanti'. E di questi almeno il 90% di loro non hanno ripetuto le straordinarie annate in terra friulana. Conservo una gazzetta dello sport di fine anni'90 che in prima pagina reca il titolone: Colpo Juve: Ametrano. Non riesco a separarmene. Quando sono triste la tiro fuori dal cassetto e sto meglio.Ma il top bidone scaricato dall'Udinese, sempre alla Juve, è stato Jonathan Bachini: uno che amava di più la 'settimana bianca' al ritiro pre-campionato. Ma ce ne sono tantissimi: Dossena (che pareva un fenomeno), el nino maravilla (che vede più tribuna che altro a Barcellona), il cammellone Iaquinta (anche lui un bambaccione).
    Armero, ve lo dico io che sono di Udine, è una pippa con problemi motori. Secondo me verrà fuori che è tipo idrocefalo e dovranno trapanargli il cranio d'urgenza. Hanno fatto un affare a rifilarlo al Napul'è.
    Mazzarri è un ottimo tecnico, ma non sta bene. C'ha i complessi di inferiorità. Si crede di aver inventato lui il 3-5-2; pur tuttavia s'è calato benissimo nel ruolo del napoletano doc tutto cuore, superstizione e nemici invisibili. Manca poco che diventi un paroliere neo-melodico, perché cantante non lo può diventare per via dell'accento livornese appena accennato.

    RispondiElimina
  23. Oramai Nesat è la sapienza incarnata.. concordo su tutto.
    Debbo dire che la scusa "se la Roma avesse vinto contro .... sarebbe seconda" è una formula assolutoria che dovrebbe far infuriare ancora di più quelli, come Nesat, che gli non utilizzano deretani altrui.

    L'incompatibilità tra De Rossi è Zeman è innazitutto ideologico-calcistica. ricordo benissimo un'intervista al centrocampista della Roma in cui diceva "so che la gente preferisce le partite spettacolari che finiscono tre a tre, quattro a due, ma io sono uno che ama giocare e vedere una partita tattica e tirata che finisce zero a zero, perché tanti gol significano anche tanti errori".
    Mi pare evidente che il caos calmo di zeman sia l'opposto di questo. Sono convinto che Roma fiorentina sia stata, infatti, una partita spettacolare, ma non bella, solo un grandissimo casino, una partita impasticciata da tantissimi errori che dovrebbero far riflettere `più che gioire.
    Ricordiamo poi l'ignobile sciacallaggio dei tre punti al cagliari, una delle pagine più infime del calcio italiano degli ultimi anni, una speculazione davvero opportunistica.

    Sulla Lazio bisogna dire che sta girando davvero tutto bene, speriamo non ci siano infortuni e arrivino quel paio di rinforzi che servirebbero come il pane.
    Vorrei vedere ancora le facce di chi, ad inizio anno, rimpiangeva Diakite...
    Comunque Lotito ha un gran culo.

    Nesat, cosa dicevamo su Reja l'anno scorso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda sono praticamente d accordo su tutto quello che dici..... tranne che su questo...
      "Ricordiamo poi l'ignobile sciacallaggio dei tre punti al cagliari, una delle pagine più infime del calcio italiano degli ultimi anni, una speculazione davvero opportunistica"
      Secondo te la Lazio non avrebbe accettato la decisione del 3 a 0 a tavolino del giudice sportivo?vabbè che cominci ad amare Lotito...però non esageriamo...

      Reja-Petkovic la differenza tra un turista del calcio e un allenatore.....la domanda è di chi è stata l'intuizione di portare Petkovic?

      Elimina
  24. Comunque non volevo assolvere il Maestro dalle sue colpe, con ipotesi del se e ma. Si è perso punti allucinanti e ci sta.
    Ma tutto questo pessimismo sulla Roma mi pare fuori luogo, vedo un abisso tra la gestione Luis Enrique e quella di quest'anno.
    L'anno scorso erano schiaffi da tutti i punti di vista. Quest'anno, partita a Torino a parte, no.
    Semplicemente giochi bene (a memoria l'unica vittoria immeritata è quella di Pescara): a volte perdi, stupidamente o meno, a volte no.
    Poi, come domenica, finisce la partita e ti chiedi: "ma come cazzo abbiamo fatto a perde."
    Accetto anche questo, ma non fatico ad immaginare che, ragionando alla DDR, alla maggior parte dei tifosi romanisti stia sul culo questa imprevedibilità dei risultati.
    Che poi De Rossi se "gioca da De Rossi" viene incensato pubblicamente da Zeman. Il Boemo non guarda in faccia a nessuno.
    Vabbè, poi come si può dedurre dalla foto, sono di parte.
    Per me vincere è volgare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non è prendere schiaffi perdere due volte in rimonta in casa con squadre di medio bassa classifica in vantaggio di 2 reti....boh.....ti ripeto AMO Zeman ma lo amo a distanza.....

      Elimina
    2. Più che altro sono stati schiaffi morali, non dal punto di vista del gioco. Gli schiaffi a cui mi riferivo io erano quelli luisenriquegni, per esempio, di Lecce, Bergamo, Cagliari (e ne avrò dimenticati altri).

      Elimina
    3. Perdonami eltibe....ma secondo te giocare 30 minuti come il Brasile 58 e poi il resto della partita come cuoiocappiano..incassando 3 goal in meno di un tempo...può farmi uscire dallo stadio più felice di un 4 a 0 rimediato a lecce?

      Elimina
  25. Vincere è molto volgare, ma anche perdere pensando di essere dei geni lo è... Io rimango della mia idea: Zeman è stato un grande, un grandissimo personaggio, un maestro, ma semplicemente pratica un calcio vecchio e prevedibile Anche dal punto di vista comunicativo è ripetitivo, stantio. Chi ama il calcio deve saper anche riconoscere e cogliere gli aspetti innovativi del gioco, altrimenti si acquisice inevitabilmente l'attegiamento passatista e conservatore tipico dell'ex rivoluzionario imbolsito.
    Andiamo avanti...

    RispondiElimina
  26. Il Milan deve tutto ad El Sharawy. Senza di lui sarebbe al livello del Bologna. Forse.
    Dovrebbero ringraziare il pulcino Pato, sempre rotto, altrimenti il genio di Allegri avrebbe tenuto il faraone in naftalina in + occasioni.
    Se non hai i soldi ci sta che vendi, ma allora punta sui giovani e su un allenatore che sappia insegnare loro qualcosa...

    Zeman è Zeman, e questo la dice lunga sulla capacità evolutiva del boemo. Le sue squadre saranno sempre potenziali, tanti gol (fatti e presi) e tanti punti persi. Per puntare in alto a Zeman servirebbero Tassoti, Maldini, Costacurta, Baresi.

    Inter: Strama è anche simpatico, ma la squadra è quello che è e il gioco non si vede (manco quando faceva punti). Dopo qualche anno di riposo inoltre la società ha riaperto la caccia selvaggia al bidone...

    Il Napoli è una buona squadra da contropiede, con un Cavani da urlo, ma non va oltre.

    Tanto di cappello alla Lazio: Hernanes e Mauri + Klose sono davvero fortissimi e dietro tanta gente che fa il suo senza farla fuori dal vaso.

    Applausi anche alla viola dell'aeroplanino, alla solita/solida Atalanta, al Catania e al Parma.

    Per il resto basta con questi presidenti incompetenti, che gettano soldi, allenatori e giocatori che manco all'asta del fantacalcio...
    Sannino e Cosmi erano poi così male?
    Mah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti prego....in che mondo Strama può risultare "Simpatico"?

      concordo su Sannino e Cosmi(che però deve smettere di accettare incarichi impossibili)

      Elimina
  27. Se la Lazio avesse preso 3 punti i quel modo mi vergognerei... Sicuramente lotito li avrebbe presi, anzi si sarebbe fatto pure indennizzare per le spese sostenute per la trasferta etc.

    La chiamata di petkovic è evidentemente culo.

    Su Lotito non posso dire altro che uno che va a cortina con il sosia di di Pietro del bagaglino a cantare o sarracino al karaoke non solo non merita la mia stima, ma neanche una mia riga di commento

    RispondiElimina
  28. tu! ti saresti vergognato tu!? ma falla finita....ma poi di cosa?

    RispondiElimina
  29. Nesat sono tre punti regalati, stacci...

    RispondiElimina
  30. Ciao Sono Gagan nai vinciamo salo sul Campo! Parchè siamo tifosi Onasti e Spartivi......

    ma falla finita.......

    RispondiElimina
  31. Non capisco dove sia il problema nell'ammettere che quei tre punti sono un regalo. Tanto semplice, mica perde la faccia la Roma. Ha lucrato su una situazione di cattiva organizzazione con cinismo e pragmatismo. Però, se preferisci dire che sono 3 punti meritati, sudati e sacrosanti, zemaniani, per me va bene

    RispondiElimina
  32. Ma la decisione è presa dal giudice sportivo...Roma o Gavorrano che sia.... non capisco di cosa dovrei "Vergognarmi"?appunto perchè la Roma non perde la faccia......

    dai questa è degna di Pantano.........è proprio una lazialata......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco dove sia il problema nell'ammettere che sono stati tre punti piovuti dal cielo in un momento difficile, per giunta evitando una partita storicamente su un campo avverso.. Basterebbe ammettere questo..

      Elimina
    2. ma secondo te a me sarebbe fregato qualcosa di rigiocarla? il problema non è ammettere che sono punti piovuti dal cielo..è ovvio che lo siano...sono punti presi a tavolino che peraltro sarebbero arrivati anche dopo 4 vittorie di fila......il problema è questa affermazione

      "una delle pagine più infime del calcio italiano degli ultimi anni, una speculazione davvero opportunistica"
      dove?perchè?

      senza contare questa......

      "Se la Lazio avesse preso 3 punti i quel modo mi vergognerei..."

      dai stai a fa er buzzanca...stacce....chiama radio 6...pijate un caffè co osvardo e bacia il poster de Sclosa..dopo aver donato una manciata di euro a qualche associazione gestita da suor paola....

      Elimina
  33. Anche io sono d'accordo sulla struffolizzazione del Mazzarri..altrettanto sulla sua bravura, specie nella gestione del gruppo.
    Purtroppo sono quasi sicuro che, se non a fine di quest'anno, alla fine del prossimo smetta.

    Saponara tra un anno è in nazionale. (se c'è già stato quella pippa Fabbrini, poi...)

    RispondiElimina
  34. Diciamo questo: tuffarsi nella richiesta per 3 punti che da regolamento sarebbero comunque arrivati non è stata una vera e propria lezione di eleganza. Poi ci sta - e in pochi non l'avrebbero fatto - visti gli interessi in gioco (alla fine la Champions può pure essere un discorso di tre punti).

    RispondiElimina
  35. Tralasciando la querelle dei punti per diritto divino o per diritto sportivo, che a fine anno fanno champions, Europa League o mercoledì libero, mi auguro vivamente che i vari Mazzarri, Stramaccioni e in genere i figli italiani di una coppa minore la smettano di snobbare tale competizione, accecati come sono da un anacronistico senso di grandeur da nobili decaduti. Schierano seconde e terze linee e poi rimediano solo figure peregrine in giro per il continente.

    RispondiElimina
  36. pensavo a un derby roma-lazio, quello interrotto perchè girava voce che una macchina della polizia aveva ucciso un bambino...quel derby fu interrotto dai tifosi e giocatori della roma. Quella partita fu rigiocata senza polemiche, senza che nessuno chiedesse tre punti a tavolino. Tra l'altro quella sera la Lazio era in grande giornata, con palo nel primo tempo di Fiore. In soldoni i tre punti di Cagliari sono uno scandalo, non perchè sono una punizione per il Cagliari (Cellino si merita molto peggio) ma perchè sono anche un premio per la Roma e per che cosa? Avrei invece penalizzato il Cagliari ma fatto giocare la partita in altra data, magari in campo neutro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i giocatori di ENTRAMBE le squadre, di comune accordo, chiesero la sospensione della partita rifiutandosi di giocare...poi se vuoi continuare a vivere in una realtà parallela fai pure...

      Albis

      Elimina
    2. GALLIANI: «HO DECISO IO DI SOSPENDERE LA PARTITA» - «Ho deciso io di far sospendere Lazio-Roma». Adriano Galliani, presidente della Lega, chiarisce parte di quanto avvenuto nei momenti convulsi che hanno portato alla sospensione del derby romano. «Ero io - aggiunge - la persona al telefono con l'arbitro».
      «La decisione l'ho presa - aggiunge Galliani - perché mi sono fatto la convinzione che fosse impossibile giocare. Ho parlato con molte persone che erano in campo, e ho scelto per il minore dei mali. Certo, è stata una decisione difficile. Ho parlato non solo con Rosetti, ma anche con Capello, Baldini, Cinquini: anzi, il telefono cellulare era di quest'ultimo. Cosa e successo davvero? Io sono a Milano, a me la questura ha detto che la notizia del bambino morto è falsa. Ma ho detto all'arbitro di sospendere. La partita dunque sarà sicuramente rigiocata perché la decisione è stata presa dalla Lega. Quindi la rigiocheremo.

      Elimina
  37. Perdonami...ma io mi ricordo un palo di Totti allo scadere del primo tempo...ma forse è una mia fantasia....

    Io non metto in dubbio che sarebbe stato più giusto rigiocarla...ma te la devi prendere con il regolamento..e non con la Roma.....

    RispondiElimina
  38. Ma che c'entra chi ha preso la decisione di sospendere la partita, il problema semmai riguarda chi ha causato la situazione che ha portato alla sospensione.
    Comunque è vero che in quel derby tutte e due le tifoserie chiesero la sospensione per tutto il primo tempo. Ricordiamoci che era avvenuta una tragedia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qua ci starebbe bene una bestemmia.....

      fai così al posto di questi puntini che seguono mettine una tu, quella che preferisci

      .............

      ma come che c'entra chi ha preso la decisione? mi si dice che il derby è stato interrotto dai giocatori della roma..

      ma dai gesù bambino..sappiamo tutti cosa è successo quella sera....di certo non se ne parlerà su questo blog...ma lo sappiamo....

      Elimina
    2. Comunque Nesat io nn dicevo che fosse colpa della Roma, anzi. Dicevo solo che ai fini di una eventuale sanzione di chi sia la decisione di sospendere la partita è irrilevante. Quindi irrilevante è il pezzo di intervista che travaglisticamente hai copiato e incollato. Mi pare chiaro che sia la polemica sterile dell'anno e la stiamo onorando alla grande. Peraltro ancora non hai citato l'articolo del regolamento sulla cui base hanno punito il Cagliari e scandalosamente omaggiato la Roma.

      Elimina
    3. Ah scusa!...ora sei in preda ai tuoi deliri da Fonzie.....sei Ganzo!(bel termine...molto anni 80..)

      http://www.youtube.com/watch?v=AwPeIjlQH4Q

      Elimina
  39. La verità è che cellino è un grandissimo idiota e presuntuoso, che pensava di poter giocare anche senza avere le carte in regola perché in Italia il senso di illegalità èvdiffuso, e non devo certo approfondire questo aspetto della nostra cultura.
    Gli è andata male e ha pagato, a norma di regolamento. Quelli che ha fatto la Roma lo avrebbe fatto qualunque altra società, e questo non può essere messo in discussione anche se non è dimostrabile: è anapodittico.
    Non c è stato nessun premio per la Roma, ma solo l applicazione delle regole: ma, stando in Italia, anche chi pratica il gioco del pallone vede come stranezza il fatto che le regole vengano applicate, per la sopracitata diffidenzaballa legalita




    RispondiElimina
  40. Caro Winston come tu ben sai c'è una differenza abissale tra legalità e giustizia. Il regolamento è stato applicato e il criterio di legalità così rispettato, mentre la giustizia è ben altra cosa e di questo stiamo discutendo.

    RispondiElimina
  41. Se ci fosse una differenza abissale vivremmo nella preistoria. Corrono su binari che a volte sono vicini, a volte si sovrappongono, a volte sono paralleli e si distanziano.
    Nel caso specifico a me non sembra che ci fosse molta distanza: cellino si è messo in quella situazione consapevolmente sperando che finisse a tarallucci e vino (come ad es. Con calciopoli), ma gli è andata male....comunque ne abbiamo già parlato e le nostre visioni sono diverse, la mia statalista la tua romantica...

    RispondiElimina