giovedì 6 dicembre 2012

Qualche spunto (e Natalia Velez)

Willian
1) Partita attenta quella della Juventus. Vittoria facile contro un avversario che per larga parte del match ha rinunciato a giocare (Willian escluso - ma in che ruolo gioca Willian? Ieri era ovunque..). Praticamente tutte le possibili avversarie per gli Ottavi sono ora alla portata dei bianconeri. Celtic e Galatasaray quelle che sognerei se fossi Antonio Conte. Il Porto mi convince meno, non vorrei mai incontrare i portoghesi in Champions. Il Valencia ha Soldado e ha tenuto testa al Bayern. L'Arsenal è fattibile. Il Real impossibile.

2) Sinceramente, più dell'uscita del Chelsea (senza Drogba una squadra che ha solo qualche lampo ogni tanto) mi stupisce il buco del Manchester City. Fuori anche dall'Europa League a vantaggio dell'Ajax. Nonostante il girone di ferro, dopo il flop dell'anno scorso, avrei scommesso sui Quarti almeno.

3) La fase a gironi non cambia la mia idea sulle pretendenti alla vittoria finale. Real Madrid su tutti. Poi Barca (che segna tanto, ma subisce parecchio - troppo per i miei gusti) e poi le tedesche. Mi chiedo quale possa essere la storia del Paris Saint Germain in questa Coppa.

4) Lazio, Inter e Napoli devono credere nell'Europa League. Le Semifinali sono assolutamente alla portata. Delusissimo dall'Udinese, che in un autunno si è mangiata Champions e Europa League. Va bene.. nel girone c'erano Liverpool e Anzhi.. ma la qualificazione è sfumata contron lo Young Boys.. dopo che l'eliminazione ai rigori con il Braga (ultimo nel girone di Cluj e Galatasaray..). Mi fermo, perchè stimo il lavoro di Guidolin. Però scoccia.

Adrian Mutu
5) Chi l'avrebbe mai detto: la Ligue 1 a dicembre è più aperta che mai. Il PSG di Ancelotti ha steccato troppo e Lione e Marsiglia ne hanno approfittato. Bellissime finora St. Etienne e Rennes. Più bassi che alti la stagione di Adrian Mutu in quel di Ajaccio.

6) Mi è sempre piaciuta la maglia del Tolosa.

7) Il Caso Sneijder. Mi schiero dalla parte del giocatore. Le chiacchiere stanno a zero. E non si parli di scelte tecniche.

8) Severissimo Zeman sul rendimento di Daniele De Rossi. Il Boemo parla di scarsa integrazione nell'impinato di gioco giallorosso. Capitan Futuro getta acqua sul fuoco quanto ad una possibile cessione. Il PSG - nonostante abbia già in rosa quel fenomeno di Verratti - è alla finestra.

9) Nel frattempo, potremmo commentare il nuovo spot televisivo che vede protagonisti i giocatori della Roma.

Natalia Velez
10) Sembra fosse tutta un'invenzione la tresca tra Radamel Falcao e la bella Natalia Velez, modella di origini ecuadoregne. La notizia, riportata da The Sun, sarebbe stata smentita sia da Natalia che dal giocatore dell'Atletico Madrid.
Ciò detto, abbiamo imparato molto dalle vicende che hanno coinvolto Tubo Nero negli ultimi tempi e quindi non pubblicheremo foto hot di Natalia.. solo un bel primo piano.

14 commenti:

  1. Il fallimento del city ha solo un nome e un cognome: Roberto Mancini.. penso che sia veramente un allenatore mediocre. Potrebbe scendere in politica con della valle. Condividono la marchigianità, l'arroganza e il ciuffo.


    L'europa league sarebbe una bellissima impresa per la Lazio, ma è una competizione troppo imprevedibile.

    RispondiElimina
  2. city imbarazzante a dir poco. per la finale spero solo di non dover assistere all'ennesimo real-barca.

    tanta imprevedibilità in europa league, difficile fare pronostici.

    la ligue 1 quest'anno è una soddisfazione dopo l'altra e la maglia del Tolosa, che ho, sì, è bella. anche lo stadio non è poi così male, peccato non ci sia seguito popolare, son tutti impegnati col rugby. ma quello che vince è la città che ospita la squadra, una meraviglia.

    Zeman quasta volta l'ho trovato parecchio avventato nelle dichiarazioni. come se lo spogliatoio della roma non fosse già abbastanza complicato da gestire....

    RispondiElimina
  3. è impressionante come il PSG riesca ad essere totalmente bipolare: in ligue 1 soffre da cani e sblocca le partite solo grazie ad invenzioni di ibra o menez, in CL trova almeno un canovaccio di gioco, lungi dall'essere coinvolgente o spettacolare, ma almeno ha un criterio. ho come l'impressione che ai singoli importi il giusto della ligue 1 o che quantomeno diano per scontato il titolo e quindi arrivino poco concentrati sui vari campi di francia.
    a toulouse esiste solo il rugby, d'altra parte lo stade è il real madrid della palla ovale, ci mancherebbe: per le finali di heineken cup riempiono le piazze e d'accordissimo con LMH, la ville en rose merita, una vera perla, un weekend tra tolosa e bordeaux è consigliabile a tutti.
    sulla CL, gran smacco delle inglesi "oligarchiche", vanno avanti quelle che puntano più sul crescersi i giocatori in casa e il fatto che siano fuori chelsea e man city e dentro il celtic, non può che far piacere...i bhoys sono forse la squadra meno attrezzata delle 16 rimaste, ma non consiglierei a nessuno di andare al Celtic Park a giocarsi la qualificazione...
    chiudo con DDR e PSG: con il rendimento di questa stagione, in uno scambio alla pari tra de rossi e matuidi ci guadagna la roma.

    RispondiElimina
  4. io dopo questi giorni di calcio europeo mi chiedevo:
    ma scopa di più Roque Santa Cruz a Malaga o Paulo Sousa in Ungheria? (allena il Videoton)

    markovic

    RispondiElimina
  5. Sven-Göran Eriksson in Thailandia ...

    Inaki

    RispondiElimina
  6. Adesso Sven andrà a fare l'inferno in Ukraina... Basta ladyboys

    RispondiElimina
  7. Intervengo solo su questioni nostrane, perchè sono provinciale dentro ed il PSG/MC & co. mi fanno cagare.

    Piccola eccezione solo per il fenomeno Willian.

    Da dove cazzo esce questo tizio? perchè tutti i sudamericani che finiscono nello Shaktar sono fortissimi?

    Poi gli invidio molto i capelli: forse si è rivolto ad una nota marca di ricrescita per capelli che in passato cercò di chiudere la bocca a LdB??

    Capitolo Coppa UEFA:

    Bella coppa davvero. Mi chiedo perchè da noi si snobba così.

    Petkovic mi sembra che la stia prendendo per il verso giusto. Meno Mazzari e Stramaccioni. Il Napoli se la potrebbe giocare fino in fondo.

    Capitolo De Rossi:

    [pagina bianca]

    Capitolo Udinese:

    L'Udinese è il male del calcio italiano.

    Presentarsi all'ennesimo preliminare di Champions dopo non aver comprato nessuno ed anzi dopo aver venduto in 15 giorni Asamoah, Isla, Handanovic e Cuadrado è schifoso.


    Guidolin ne è il degno rappresentante. Sogno da anni di vederlo bestemmiare a 7 cm da una telecamera con gli occhi inniettati di sangue. Accadrà - spero - prima o poi.

    Altrimenti, leggeremo di lui sulla cronaca vicentina tra qualche anno, arrestato dopo un raptus omicida improvviso. I mezzi preti - si sa - sono assai pericolosi.




    RispondiElimina
  8. In Champions non sottovalutate il Porto.. la squadra che gioca meglio.. forse non la più forte, ma la più bella di sicuro.. Spero il misconosciuto e canterano Pereira sia il prossimo Pep piuttosto che l’ennesimo Villas Boas.. Comunque, al solito, quand’anche Porto e Shaktar facessero sfracelli, al massimo sarà loro consentito arrivare in semifinale.. la finale è affare di Mou, poi di Klop (non foss’altro che viene da Magonza..)

    RispondiElimina
  9. da interista sono assolutamente con la società sulla vicenda Snejider.

    la Juve arriverà in semifinale, ne sono stracerto.

    il PSG è la dimostrazione che un accozzaglia di mercenari ben pagati sono concetto diverso da quello di squadra.

    l'EL merita maggiore attenzione da parte delle italiane

    RispondiElimina
  10. Sottoscrivo tutte le critiche all'Udinese, squadra simpatia e giovani stocazzo, una volta che arrivi a giocarti palcoscenici del genere non puoi farlo con Allan e Fabbrini(che mi piaceva ma mi sta deludendo). Anche perchè prendi per il culo i tifosi, che saranno pure 3 gatti imbriachi di vin brulè, però poracci. L'Arsenal vende i pezzi grossi e tira su i giovani, non vince niente ma quantomeno è sempre lì. Guidolin scopa coi nani.

    Willian, data la mia fede, l'ho potuto apprezzare e temere in entrambe le partite. Ogni volta che tocca palla mi cagavo in mano, gioca con una tranquillità disarmante. Sembra cammini e va a mille all'ora, sembra giochi tanto per e tira fuori colpi allucinanti. Purtroppo finirà in qualche supermercato. In generale comunque giocano benissimo tutti: passaggi sempre al millimetro, fortissimi, errori pressochè inesistenti, anche i difensori totalmente a loro agio con la palla nei piedi. Ieri erano palesemente fuori condizione (ora hanno la megapausa campionato mi pare).

    Sull'EL posso solo esprimere il mio disappunto per i puntuali buchi nell'acqua della mia bolletta del giovedì: tutte le partite over 1,5. Prima o poi la becco.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  11. anche io sottoscrivo la tesi Udinese e aggiungo che il giro di giocatori (scarsi) che fa Pozzo fra le sue tre squadre (tre quelle che conosco,potrebbe averne altre cento chissà dove) è veramente disgustoso

    RispondiElimina
  12. Che bello vedere qualche altro che non apprezza il "modello" Udinese.
    Per il resto, quest'anno in EL c'è stato molto meno lo stillicidio degli anni passati (tipo l'anno scorso con Palermo e Roma che escono ad Agosto, o quando la Samp rimediava figuracce da squadre di dopolavoristi ucraini), andare avanti con tre squadre su quattro non è male. Meglio ha fatto solo la Germania.
    Certo non sono sicuro si impegneranno al massimo nei prossimi turni, ma sulla carta Napoli e Inter sono da quarti/semifinali. La Lazio in teoria potrebbe giocarsela meglio, perché ha una squadra forse un gradino meno forte delle altre, ma ha ricambi tutti dello stesso livello, mentre il Napoli se fa turn-over mette certi bidoni in campo.

    RispondiElimina
  13. Sottoscrivo sul "modello" Udinese: per me è una cagata pazzesca.

    Adoro l'EL, dove in qualsiasi momento può succedere qualsiasi cosa. Occhio al Levante, gli spagnoli, alla resa dei conti, qualcuno presentano sempre.

    Capitolo PSG. La Ligue 1 per adesso è una soddisfazione. Splendido, sabato scorso, lo Stade du Ray (quando segna il Nice dalle curve rotola una valanga umana). E un gran bel Joey Barton nella vittoria del Marsiglia a Brest.

    Collettivo Mauro Repetto

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina