martedì 24 luglio 2012

SOGNO DIMEZZATO DI UN ESTATE

Calura infernale. Declassamento estivo. Spendig Review Italia. 
Luglio e Agosto, stand- by  me del calcio giocato. Cosa sei Paese d’estate, una spiaggia libera, un lido, un bordello?
Ridistensione dei ruoli. Rilassamento, defecazione senza catarsi, isterica necessità di fermare l’andazzo- che invece e per dispetto va lo stesso, per di più a far danni.

Tuttosport, di I.Asimov
Lido La Conchiglia. Estate 76-77.
La casalinga mostra al sole il candore dei tessuti adiposi accumulati lungo l’inverno casalingo.
Il marito panciuto, in costume a mutanda sotto l’ombrellone arcobaleno. 
Medio homo italicus, idiota et illerato, quotidiano sportivo alla mano:  un occhio liquoroso osserva le giovenche straniere, esotiche promesse di lussuria; l’altro occhio, assopito, già trasogna il godimento visivo. 
Erezione da calciomercato. Fanciulli terroni, grassi come le madri, luccicanti di sudore nelle magliette del Real tarocche, chiedono al padre  “Cos’è l’inferno?”.
Balotelli palpeggia le carni della sua bionda viziosa sulle sabbie.
Lo Padre risponde al bambino  “l’inferno è la sofferenza di non poter più amare.”.
Lava sul bagnasciuga l’onda  ricordi di gioventù passate: generose tette bavaresi, gonfie come boccali, culi brasiliani shakerati nella samba, cosce argentine nell’azzardo di un Tango, ottimo ballo e miglior pallone da pischello.
Non c’è rimasto nulla da amare, nemmeno sul giornale.
Bunga bunga dietro l’angolo e già altro tempo. Morto un Maurizio Mosca, non se ne fece un altro.
Sogno di una serie A di mezz’estate. Formazioni inventate con calciatori immaginati.

Compromesso storico e D.C.  alle spalle, il 1980 c’avrebbe sedotti e abbandonati. Sarà così.I monti di Avellino ebbero il carnevale di Juary, la grigia Udine il Pallone d’oro Zico, Roma idolatrava Falcao. Altri preferiscono le bionde, quando la Germania faceva tedeschi; Karl- Heinz Rummenigge e Matthaus strappati al Bayern, Voeller nella Capitale, e perfino Verona fatal o meno, ebbe il suo Briegel. A Torino con Boniek, si fecero la polacca: oggi sinonimo di badante, ieri di baldracca. Lo straniero in epoca di Coppa Campioni e nuova tv commerciale.
L’uomo della provvidenza, del sogno e del desiderio. Laudrup, la francesina raffinata Platinì, un Socrates dimezzato veste il viola di Firenze. Non importa. Agosto è il mese dei sogni e il sogno è in sognamento. 
Tutto è credibile, la verità non esiste: tutto è realizzabile.
Il campione può arrivare ovunque, a stravolgere le noie del contabile di Brescia, del ragioniere di Cagliari.
Il Calciomercato come sublimazione dello spettacolo, narrazione del narrativo e dell’ immaginario: le giocate che saranno, lo strappo alla rivale, la nuova bandiera passeggera, la rivoluzione tattica, il riscatto o la conferma della futura stella, il nero veloce, il nordico possente.

Esotismo amatriciano.

Berlusconi raccoglie e sublima la velleità popolare. Il Super Milan di Van Basten, Riijkard, Gullit. S’apre epoca della grande abbuffata. Vogliono scopare tutti, pure i brutti, pure i poveracci. Nella quieta Parma si sogna lo scudetto con campioni del mondo come Thuram e fuoriclasse come Crespo e Veron. La Lazio prende Salas, Simeone, Boksic, Nedved. L’Inter di Moratti strappa con cifre folli Ronaldo al Barcellona, Vieri all’Atletico Madrid.

Poeta dell’estasi è chiamato Maurizio Mosca: nell’euforia degli anni 90, la realtà è superflua.

Maurizio Mosca,
Roma 24 giugno 1940, Pavia 3 Aprile 2010.
Sognatore.

Nuovo miracolo italiano delle Bombe di mercato. Stranieri che lo più scarso lo paghi 30 miliardi. Campionato Italiano: il più bello senz'anima, il più falso in bilancio.
7 sorelle per tutti gli Italiani.
Spread alle stelle. Rischio default.
Scoprirsi nel 2012 figli di madre si bella si puttana. L’ Italia non tira più.
Andropausa economica et esistenziale. Cessione generalizzata. Restringimento dell’affare. Lucas resta in Brasile. Ibra, Lavezzi, Thiago e Verratti nell’harem del Sultano. Scomparsa del tutto la mezza sinistra, scatta l’asta intorno al mezzo Destro. La spunta la Roma.
Contare le monetine da dare al vucumprà per regalare un braccialetto, e il Russo con la collana d’oro offre champagne alle tue figlie.

Sotto l’ombrellone, non si sogna più.
Nomi impronunciabili e inconoscibili rappezzeranno la difesa del Milan. In previsione Kakà scaricato, tornerò a San Siro per il sentiero di Santiago? E’ fallita la Spal è fallito il Foggia. La Juventus aspetta un top player innominato. Qualcuno sfugge alle galere. A Palermo un nuovo argentino farà sognare ancora le pecorelle senza più un Pastore? Insigne scugnizzo tira fuori eppalle per o' SanPaolo.
Resta il campionato dei soliti vecchi. Pirlo, Totti, Cassano, Di Natale. 4 Ragazzini dal cuore malandato e il piede d'oro.

Totti, souvenir d'Italie

E si che dopotutto bisogna essere uomini veri per apprezzare la coscia lunga, la tetta generosa e felliniana, quei chili di troppo che fanno buon brodo. Piacere antico della gallina vecchia. Quel che da l’esperta Serie A, non lo danno certo le tante squadre di gomma.

Fanculo Belen, torneremo a Giovannona. Anche la puttana di quartiere, regala emozioni impreviste, basta apprezzare il pelo al posto giusto. Questo è il paese del mare. Questo è il paese del sole. Mare nostrum, che sei anche il cielo, possa Zemanlandia salvare il tondo.

Il culo di Ilary Blasi è assolutamente il più bello, e si che se ne sono visti tanti.

6 commenti:

  1. l'anno scorso sono entrato nel bar sotto la sede della samp a prendermi il caffè.
    ero andato a prendermi i bilgietti per vedere il pescara di zeman.

    entro e noto che tutti fissavano alessia merz, chissà che cazzo ci faceva lì.

    pivelli.

    io avevo occhi solo per il tavolo nel quale juary e invernizzi parlavano fitto fitto.

    solo ora capisco che avrei dovuto ordinare un borghetti.

    RispondiElimina
  2. OronzoArachide25 luglio 2012 18:33

    Questo post mi da una strana speranza. Che contro ogni aspettativa, il prossimo sará un campionato bellissimo e da ricordare. La Roma di Zeman ci fara' sognare fino in fondo? Insigne sara' il nuovo re di Napoli?

    RispondiElimina
  3. C'e' qualcosa di piu' bello e felice dell'esultanza di Juary alla bandierina?

    RispondiElimina
  4. splendido..........


    Già sogno Sau in doppia cifra e il Cagliari che lotta per l'europa league....già mi vedo una magia di Mati Fernandez a Firenze.....Muriel che a Udine fa l'inferno....l'islandese del pescara rivelazione......Maxi Lopez e Immobile che infiammano il Ferraris....Insigne sotto la curva B...
    Si sta decisamente meglio oggi che si sta peggio.....

    RispondiElimina
  5. a me è piaciuto più il culo della Hunziker

    RispondiElimina