martedì 26 giugno 2012

Guida galattica allo US soccer #4


Henry in maglia Red Bulls se la ride sotto i baffi

Càpita che a un certo punto della tua vita, dopo nove ore di volo e un’altra ora buona di controlli alla dogana, ti ritrovi all’Aeroporto Liberty di Newark, New Jersey. Completamente solo. In pieno agosto. Con una valigia enorme.
Il primo impatto con il mondo esterno fuori dall’aeroporto, con quegli States che hai visto fin da bimbo solo nei film, sono le porte scorrevoli che si aprono e una ventata calda tipo fon che ti investe, rincoglionendoti ancora di più del jet lag e della sbronza colossale della sera prima, ché oramai ti eri abituato al clima polare da aria condizionata che ti aveva accompagnato per le suddette nove ore eccetera. A questo punto, nessuno può toglierti la soddisfazione di un sacrosanto paglione nell’afa americana, anche se non sai bene qua come funziona coi divieti. Ti metti buono buono in un angolo sul marciapiede, sperando che nessuno ti venga a cazziare. Attorno a te, di gente ce n’è davvero parecchia – molta di più del concetto di “parecchia” cui sei abituato – ma in fondo Newark non è uno degli scali aeroportuali più grandi del mondo? Nessuno ti cazzia, anzi, a nessuno frega proprio niente della tua esistenza, mentre sei lì intento a rimuginare su come trovare la fermata del bus che ti porterà per soli 15 dollari al Grand Central Terminal di Manhattan, da dove poi dovrai prendere un taxi e arrivare finalmente al tuo alloggio nell’Upper East Side.
Nel casino generale finisci la paglia e cerchi di guadagnare la tua fermata, scansando turisti, uomini d’affari, gente comune, tassisti e quant’altro.
Ad un certo punto, in mezzo alla folla, vedi un lungagnone coi capelli rasati e la tuta della locale squadra di soccer, i New York Red Bulls. Non ti sembra vero, ma lo riconosci. Sì, è lui, non c’è dubbio: è Thierry Henry. E nessuno – nessuno – degli astanti lo considera minimamente. Ti verrebbe da andare a stringergli la mano, se non altro per pietà. Ma poi ti ricordi che con quella mano ha eliminato da Sud Africa 2010 l’Irlanda del Trap, ed inoltre ti sovviene di quanto in realtà costui ti sia sempre stato solennemente sulle palle (le eterne sfide Italia-Francia a mondiali ed europei…). L’istinto a questo punto sarebbe quello di andarlo ad insultare, ma non è proprio il caso iniziare così la propria vacanza newyorchese, che ne dici? Imbambolato come un deficiente, lo vedi passare davanti a te. Andare via.

La sempre sobria Lady Gaga e il rappettone Jay-Z

E nessuno – nessuno – degli astanti lo considera minimamente. E dire che stiamo parlando di uno dei calciatori più famosi del mondo. Evidentemente, qua, il calcio non dev’essere così seguito. Anche perché ti renderai conto cosa significhi essere davvero famoso, a New York, quando Lady Gaga presenta il suo ultimo video in uno studio televisivo di fianco al teatro in cui ti appresti ad assistere ad un musical, ed il musical inizia con mezz’ora di ritardo poiché gli spettatori se ne fottono del musical ed escono anche solo per vederla, Lady Gaga. O quando Jay-Z una bella sera decide di andare in discoteca e, camminando per strada, ti trovi davanti a una via transennata dalla polizia, per via dell'eccesso di folla che si ammassa anche solo per vederlo, Jay-Z.

Il Giants stadium di East Rutherford, NJ

I New York Red Bulls una volta si chiamavano New York MetroStars. Anzi, per essere precisi, la loro denominazione originaria era New York/New Jersey MetroStars, anche perché con the City that never sleeps ci sono sempre entrati come i cavoli a merenda. La citazione dello Stato sulla riva destra dell’Hudson river fu ritenuta d’obbligo, dato che dal 1995 (anno della loro fondazione) al 2009 hanno giocato praticamente tutte le loro partite per l’appunto in New Jersey, al Giants Stadium di East Rutherford. Dal 1998 si decise poi salomonicamente di chiamarli semplicemente MetroStars, senza indicazioni geografiche. Maglia bianca, poi rossonera (si dice in onore del Milan), i MetroStars fin da subito si caratterizzarono per l’ingaggio di grandi stelle del calcio internazionale sul viale del tramonto, abitudine poi divenuta consueta per tutti i club della MSL, come per altro già era accaduto negli anni ’70 per la NASL. Del primo roster, agli ordini di quell’Eddie Firmani di “cosmosiana” memoria, faceva parte Roberto Donadoni, il primo italiano assieme a Walter Zenga (nei New England Revolution) a tentare l’avventura americana negli anni ’90. Dopo di lui, tra il 1997 e il 2005, fu il turno di Branco, Lothar Matthaeus e Youri Djorkaeff, solo per fare alcuni nomi, oltre che di alcuni tra i migliori esponenti del soccer USA (Ramos, Meola, Lalas) ed insospettabili ex della Serie A (Nicola Caricola ed il colombiano Adolfo Valencia). Completano il quadro delle celebrità alcuni coach del calibro di Bora Milutinovic e Carlos Parreira. Nonostante i grandi nomi, niente da fare: i migliori risultati ottenuti dai MetroStars negli States furono un primo posto nella regular season della East Conference nel 2000 e una finale di US Open Cup nel 2003, persa contro i Chicago Fire. Nel 2004, però, i MetroStars riuscirono nell’impresa di diventare la prima squadra della MLS in assoluto a vincere un torneo al di fuori dell’America del Nord. Si trattava della Copa La Manga, un torneo invernale giocato ogni anno a Murcia, Spagna, tra club che militano in campionati strutturati sul calendario solare. I MetroStars ebbero la meglio sui norvegesi del Bodø/Glimt, sulla Dinamo Kiev e in finale sul Viking, altra squadra norvegese. Trionfo.

L'Altes Rathaus di Lipsia, capolavoro dell'architettura rinascimentale tedesca

Oggi i MetroStars non esistono più. Nel 2006 la Red Bull, azienda austriaca produttrice del famoso energy drink, ha comprato la società, e, con un’operazione commerciale già effettuata l’anno precedente con l’Austria Salisburgo, ne ha cambiato nome, simbolo e colori (a quanto sembra, senza suscitare le ire dei tifosi come nel caso austriaco). Da allora ci sono i New York Red Bulls: via la maglia rossonera, via lo stemma con i grattacieli o quello successivo, più “europeo”, ora la maglia è biancorossa (blu in trasferta) con i due enormi tori rossi ai lati che tutti conosciamo. I Red Bulls possono inoltre contare, oltre al Salisburgo, su diverse squadre “gemellate” da questioni di proprietà e sponsor: l’omonima squadra/B di New York, che milita in un campionato USA semiprofessionistico, il Red Bull Lipsia, il Red Bull Brasile ed il Red Bull Ghana. I grandi nomi (Rafael Marquez, Henry) continuano a venire attratti dalla Grande Mela, forse ignorando che, nonostante il cambio di denominazione, la base geografica della squadra è rimasta identica. Dal 2009, infatti, è stato abbandonato il Giants Stadium  per la Red Bull Arena di Harrison, città che è anche l’attuale sede del club, situata invariabilmente in New Jersey. Oltre alle locations, nemmeno i risultati sono cambiati con la nuova proprietà. Negli ultimi sei anni i Red Bulls hanno raggiunto solo una finale nei playoff del 2008 (sconfitta contro i Columbus Crew), un  primo posto nella regular season della East Conference nel 2010 ed una qualificazione alla CONCACAF Champions League dell’anno successivo (con relativa eliminazione al primo turno). Forse anche perché - al di là dei grandi nomi - al momento attuale, i due giocatori più rappresentativi del club sono lo semisconosciuto Mike Petke per numero di presenze ed il colombiano José Angel per numero di gol segnati.

A quanto pare, i MetroStars e poi i Red Bulls dispongono anche di una tifoseria organizzata, con tanto di inno e rivalità con i New England Revolution di Boston ed i Philadelphia Union. Ma la squadra più odiata dai supporters dei Red Bulls è sicuramente il DC United, specialmente da quando nell’incontro di ritorno della regular season del 2006 (la cosiddetta Atlantic Cup), il giocatore dello United Alecko Eskandarian, dopo aver segnato il primo gol del match, si recò a bordo campo e sorseggiò una lattina di Red Bull/energy drink per poi sputarlo a terra in segno di disprezzo.

Alecko Eskandarian si bulla come un bimbo scemo

Nelle due settimane successive all’incontro con Henry, per tutti i cinque boroughs di NYC, non un segno della presenza di una locale squadra di soccer, se non qualche maglietta del suddetto Henry in un angolo buio al piano interrato di un anonimo negozio di articoli sportivi sulla 3rd Avenue. Per il resto, a chiedere dei Red Bulls, sei finito a farti vendere la bibita, o in alternativa a far credere che t’interessassi di basket (“Chicago Bulls?” “No, no: New York RED Bulls” – nel contempo venendo considerato così scemo da aver scambiato New York con Chicago). E a specificare che si trattava di una squadra di calcio, “soccer team”, sei spesso riuscito a far cadere il discorso nell’incomunicabilità TOTALE con il tuo interlocutore, il quale ti sembrava avesse soltanto un grosso punto interrogativo stampato in faccia.
Dopo qualche tempo di permanenza, a chiedere in giro della squadra locale gliel'hai data su, ma a quel punto, sui Red Bulls e su Thierry Henry che se ne esce dall’aeroporto di Newark nel completo anonimato, forse, una cosa l’hai capita. Sarà il discorso del New Jersey. Sarà che a New York giocano già gli Yankees, i Mets, i Giants e i Knicks. Ma quando hai iniziato a notare, ad ogni angolo di Manhattan, Brooklyn Heights e giù fino a Coney Island, gli adesivi con lo stemma dei New York Cosmos, ti sei reso conto con certezza quasi assoluta che un fantasma stava aleggiando nella Grande Mela: un fantasma il cui nome era Beckenbauer, Pelé, Chinaglia. Finché poi, ad informarti bene, hai scoperto che il fantasma avrebbe aleggiato ancora per poco tra streets ed avenues, parchi e grattacieli, West Village e Queens.
Ché, dicono i beninformati, dal 2013 la franchigia Cosmos sarà regolarmente iscritta alla MLS.
Ed improvvisamente ti è stato tutto chiaro.

I tre Cosmos più famosi

8 commenti:

  1. Splendida la foto finale.
    E splendida Lady Gaga.
    Si, lo confesso. Per Lady Gaga ho un debole. Ci sa fare, si sa apparecchiare. Insomma, ci starei.. se mai fosse.

    Diciamo poi che se dovessi mai andare a vivere a NY da vecchio, sceglierei Coney Island.
    Per la ruota panoramica, perchè da Coney Island viene Virgil Starkwell -il protagonista di Prendi i soldi e scappa- e perchè a Coney Island devono tornare i Warriors in I Guerrieri della Notte.

    Ciò detto, un pò di classifiche.

    Eastern Conference

    1 D.C. United 30
    2 New York Red Bulls 30
    3 Sporting Kansas City 29
    4 Chicago Fire 24
    5 Houston Dynamo 20
    6 Columbus Crew 19
    7 New England Revolution 18
    8 Montreal Impact 18
    9 Philadelphia Union 11
    10 Toronto FC 5

    Western Conference

    1 San Jose Earthquakes 33
    2 Real Salt Lake 32
    3 Vancouver Whitecaps FC 26
    4 Seattle Sounders FC 25
    5 LA Galaxy 20
    6 Colorado Rapids 19
    7 Chivas USA 19
    8 Portland Timbers 16
    9 FC Dallas 14

    Tiratissima a Est.

    RispondiElimina
  2. Grazie Greezo per il bellissimo reportage.
    A NY tutta la vita al Queens, Astoria quartiere della mia vita.
    Comunque quest'anno vedo che non stanno andando male i newyorchesi, se arriva pure Nesta possono fare il colpaccio. Ma il Toronto fanalino di coda a 5 punti è quello in cui gioca Corradi? Sarebbe tutto chiaro.

    Una considerazione paradossale: lo US soccer è completamente inutile, mentre la vostra guida allo US soccer è fondamentale.

    RispondiElimina
  3. Ottimo articolo, come tutti i precedenti della guida galattica, del resto.

    Per la verità, quando si dice che a NY giocano gli Yankees, i Mets e i Giants, bisogna considerare che per questi ultimi vale esattamente lo stesso discorso fatto per i MetroStars/Red Bulls: sede e stadio sono nel New Jersey (così come per i Jets), ma mi risulta siano piuttosto amati nella grande mela.

    evidentemente, del soccer non è che glie ne freghi poi tanto, a meno che non si trasformi in ricordo nostalgico dei favolosi anni '70 (si veda l'operazione Cosmos, per i quali, tra l'altro, Umbro ha disegnato un kit spettacolare).


    Colgo l'occasione per farvi i complimenti per il blog, che visito assiduamente ormai da un po' di tempo :)

    RispondiElimina
  4. davvero ottimo......Greezo dovresti scrivere più spesso.....

    Va detto che se avessi incontrato Henry... mi sarei inginocchiato piangendo....

    trovo splendida l'esultanza di Eskadarian.....che purtroppo si è ritirato nonostante sia un classe 1992.

    bellissima la copa la manga...ma si gioca ancora?

    Mi ricordo un goal di Valencia in un Reggiana Roma....segnò anche Tommasi se non sbaglio.

    RispondiElimina
  5. @ Nesat, partitona deve essere stata..

    @ tespi, benvenuto.

    RispondiElimina
  6. Innanzitutto grazie a tutti.
    Alcune annotazioni:

    -Coney Island mi ha dato un senso di decadenza incredibile, tipo Morte a Venezia... sarà che ero a fine viaggio, sarà che i luna park mi mettono tristezza, sarà che a causa della recente immigrazione più che a NY sembra di essere in un paesello russo (non sono mai stato in un paesello russo, ma me lo immagino esattamente così)... Non ricordavo fosse la meta finale dei Warriors, ha comunque tutta la mia simpatia (se di simpatia si può parlare per un luogo) in quanto citata in alcune canzoni dei mitici Ramones;

    -Corradi gioca nel Montreal Impact, assieme a Nelson Rivas e da un po' di tempo a questa parte Marco Di Vaio. Nel Toronto FC gioca Torsten Frings ed è allenato da Aron Winter;

    -E' vero, i Giants giocano in NJ ma nella popolarità li aiuta il tipo di sport decisamente più americano;

    -Il merchandising dei Cosmos della Umbro è una figata... tra l'altro nell'anonimo negozio della 3rd avenue quello dei Red Bulls era nell'angolino buio e quello dei Cosmos decisamente più in bella vista (non ho potuto esimermi dall'acquisto di una meravigliosa felpa vintage in triacetato);

    -Eskandarian è ufficialmente il mio nuovo idolo;

    -La Copa La Manga esiste ancora, quest'anno pare che abbiano vinto i danesi del Nordsjaelland: http://en.wikipedia.org/wiki/2012_La_Manga_Cup.

    Un saluto a tutti e statemi benone.

    RispondiElimina
  7. http://www.corrieredellosport.it/video/curiosita/2012/08/14-49778/Soriano%2C+un+rigore+da+football+americano

    Mai visto un rigore sbagliato di così tanto.

    RispondiElimina
  8. Sempre elegantissimo.

    http://video.repubblica.it/dossier/top-flop/henry-show-la-rovesciata-fa-impazzire-i-tifosi/127806/126307?ref=HRESS-6

    RispondiElimina