lunedì 28 maggio 2012

Guida galattica allo US Soccer #3

Bud's Bar Burger
Sul punto le recensioni sono concordanti: il miglior panino in Colorado lo mangi al Bud's Bar, al 5453 di Manhart St., Sedalia.   "Bud's Bar is a survivor. It survived a change in ownership and the smoking ban, and it still came out on top. We've eaten burger after burger across the metro area, but we always return to Bud's", scrive ad esempio il Denver Westword (non spiegando, però, il collegamento tra un buon panino e lo smoking ban).

Nel frattempo che Dionigi si convince e decide di portarmi a Sedalia (va bene anche non a Sedalia, l'importante è poter gustare un'ottima lombata di bisonte delle Rocky Mountains), facciamo il punto sul Colorado.

Cartman
In Colorado è ambientato il cartone South Park e, a giudicare dall'abbigliamento dei personaggi, fa un gran freddo.   I confini dello Stato sono tracciati da meridiani e paralleli e da Denver viene John Fante.   La Castle Rock del Colorado, poi, non è la Castle Rock in cui Stephen King ambienta Il Corpo, il racconto di Stagioni diverse da cui è stato tratto il film Stand by me, perché quella Castle Rock è una città immaginaria del Maine.

Se dovessi scegliere una città degli Stati Uniti dove trasferirmi, Denver potrebbe essere un'ottima opzione. A misura d'uomo.. a due passi da Aspen.. città che ospita tante franchigie.
I Nuggets per la stagione NBA, i Rockies se hai voglia di baseball o i Broncos per l'inverno del football americano.

In primavera, poi, c'è pure la possibilità di seguire i Colorado Rapids, la squadra di calcio locale iscritta alla MLS.


I Rapids nascono a Commerce City, un sobborgo di Denver, nel 1995.

Nel corso degli anni non hanno messo in bacheca praticamente nulla, arrivando però alla finale nell'edizione della MLS Cup del 1997 e nell'edizione del 1999 di US Open Cup. Questo nonostante dalla città delle pepite siano passati anche grandissimi campioni: Anders Limpar, Carlos Valderrama, Claudio el Piojo Lopez e Zizi Roberts su tutti.

Solamente nel 2010, grazie alla coppia d'attacco formata da Omar Cummings e Conor Casey, la prima affermazione in campionato, a scapito dell'FC Dallas.

Un tempo i Rapids vestivano di verde, poi una serie di rivisitazioni di loghi e tenute, dovuta principalmente a cambi di proprietà ed esigenze di marketing, ha portato all'attuale maglia granata. In ogni caso, mai la maglia è stata "sporcata" da uno sponsor.

Travagliata la storia della tifoseria. Nel corso degli anni, diversi gruppi organizzati si sono succeduti sugli spalti del Dick's Sporting Goods Park, ma per una ragione o per l'altra, nessuno di questi è sopravvissuto, si dice, per croniche mancanze di leadership. A seguire The Pids sono ora i Bulldogs e la PID Army.

I Rapids non hanno una sola mascot. Ne hanno quattro: Edson The Eagle, la classica bald eagle americana, Marco Van Bison, un bisonte che cerca di sensibilizzare la gente quanto all'estinzione dei suoi simili, Jorge El Mapache, un procione che di ruolo gioca portiere e Franz The Fox. Un tempo anche Rapidman è stato mascot.. ma forse è meglio andare oltre.

Attualmente i Rapids, allenati dal colombiano Oscar Pareja, sono quarti nella Western Conference, staccati di 10 punti dalla capolista Real Salt Lake.   All'ultima giornata hanno affrontato i Montreal Impact, in una partita in cui è successo di tutto. Il gran gol dei canadesi (bella la marcatura esterna di Kimura..), un rigore che si.. facciamo che si può dare.. l'allungo dei Rapids e il 2 a 2 degli Impacts.   Infine, un gollonzo di Castrillon, vera anima del centrocampo granata.
Non capisco granchè di calcio.. ma viste le distanze della linea di difesa, penso che per i Rapids raggiungere i play-off non sarà una passeggiata.

Una seconda punta da perdere la testa

10 commenti:

  1. Zizì Roberts...raccomandato da Weah...grande!me lo ricordo a Monza.....

    RispondiElimina
  2. che partita ignobile bostero...bellissimo però il rigore procurato dal colored dei bianchi. zizi roberts nesat è tipo un ali dia venuto meglio...grande el piojo, indiscutibilmente somigliante a un nostro amico che si addormenta dopo le partite sulle panchine di piazza mancini

    bostero non ti porterò mai a sedalia per mangiare un hamburger di tale fattezze finchè non la smetti di seguire a) il campionato americano b) quel programma ignobile su italia uno che guardavi ieri sera in cui si sfidavano il pirata e il cavaliere

    ps comunque con tutte le cose legate al mondo del calcio che sono successe oggi LB, con questo post sul colorado, si dimostra sempre sul pezzo...

    RispondiElimina
  3. Aò, sulle Vostre pregiate colonne mi è stato detto - in poche settimane - che sarei uguale a pippoinzaghi e al piojolopez. Mi sa che dovevo giocare di punta.

    qui piazza mancini, a voi la linea

    RispondiElimina
  4. comunque tutta gente che scopa una cifra...

    RispondiElimina
  5. Valderrama è il primo Abatantuono. Non ci sono dubbi. Me lo immagino che si avvicina al dischetto del rigore dicendo Viuleeenza.

    RispondiElimina
  6. Un duello impari quello tra pirata e cavaliere medievale.
    A senso unico fino al colpo finale (per chi non fosse sintonizzato su Italia1.. il pirata che spara dentro l'elmo del cavaliere).
    Il momento più bello sicuramente il commento del dopo-scontro del "tecnico" sostenitore del pirata: "la tattica del pirata alla fine si è rivelata vincente". Ma quale tattica e tattica.. Grazie al cazzo che vince il pirata.. uno c'aveva pistole e cannoni.. l'altro uno spadino che manco ci tagli la torta..

    Insomma, il momento più basso della TV dai tempi di Robot Wars.
    Ad ogni modo, lo zapping è zapping. Non si contesta.

    RispondiElimina
  7. Rispetto per i programmi monnezza di italia 1........merita di essere citato Fratello maggiore con Clemente Russo.

    RispondiElimina
  8. E il 5 giugno arriva il nuovo reality dal fantastico titolo di "Mammoni"...

    Vincenzo

    p.s. non ho visto lo scotro epico fra cavaliere medievale e pirata ma terrò sempre per il cavaliere!

    RispondiElimina
  9. parlando di stronzate, se qualcuno per caso questo fine settimana è a barcellona per il primavera sound mi mandasse una mail (dionigi@lacrimediborghetti.com) che organizziamo un gruppo Lisabo pieno di disagio siderurgico

    RispondiElimina
  10. Il cavaliere sconfitto su italia 1 non si era mai visto...

    Qui via ostiense a voi la linea

    RispondiElimina