mercoledì 4 aprile 2012

Esquina Blaugrana


Ha un bel da lamentarsi il Milan. Non c'è che dire. Ha un bel da scrivere la stampa che i rossoneri escono a testa alta.
La verità è che il rigore (dubbio, per carità) assegnato al Barcellona rende tuttto molto - troppo - semplice. Perchè una giustificazione del genere fa estremamente comodo, specie se neanche sei sceso in campo.

Il punto è proprio questo: su 360 minuti totali in stagione, il Milan è stato in partita per un quarto d'ora.

Ieri sera ho visto un buon Barcellona, non ottimo ma in grado di giocare una partita con poche sbavature. La difesa a tre non mi convince ancora del tutto, ma ieri sera è stata sufficiente. Necessario Cuenca al posto di Sanchez nel momento in cui decidi di giocare con Fabregas punta centrale. Fondamentale Xavi anche se acciaccato.
Di fronte una squadra al limite dell'impresentabile. Due-ripartenze-due e una marea di falli, mai un timido tentativo di far gioco.
Seedorf e Robinho spenti, Ibrahimovic concentrato solo a fare a sportellate e Ambrosini sempre in ritardo.
Insomma, credo che al di là del rigore (che comunque ancora non pareggia quanto negato al Barcellona all'andata) Allegri abbia molto a cui pensare.

Rispondendo ai vari sondaggi in rete.. se non fosse stato concesso il rigore.. il Milan avrebbe passato il turno?.. cliccherei un bel "No". Non scherziamo. Il gap tra le italiane (il calcio italiano) e le big d'Europa in questo momento è incolmabile. Vuoi per i fatturati, vuoi per l'unfair play economico o semplicemente per i nomi in campo. Il gap tra Barcellona e Milan, poi, è mostruoso.

Detto ciò, mi sembra che questo Barcellona sia ora come ora una spanna sotto rispetto a Real Madrid e Bayern Monaco.
La squadra di Mou ha prenotato la Decima e rimane strafavorita. I tedeschi sono entrati in forma nel momento giusto e giocano un calcio prepotente (col Marsiglia è stata una passeggiata).
Sarà con ogni probabilità Real-Barca la finale. Non solo per il campo, ma soprattutto perchè - a Manchester United fuori dai giochi -  venderebbe tantissimo. Perchè sarebbe il massimo, sia per la competizione che per le TV.

18 commenti:

  1. Bostero, dobbiamo abbozzare finché questa squadra, la più falsa e bugiarda del nostro tempo, continuerà ad imperversare per i campi da gioco d'europa.

    Ci vorrebbe un Brera per spiegarti che al calcio italiano basta un quarto d'ora per passare un turno di champions, io non ne sono capace

    Secondo una recente statistica, il barcellona è una delle squadre più tifate dai bambini italiani, che abbandonano sempre di più le nostre compagini, per diventare tifosi balugrana....

    RispondiElimina
  2. E' diverso. Pure l'Inter in dieci minuti ha purgato il Barca due anni fa. Ma era anche stata in partita per ben più di 180 minuti.

    RispondiElimina
  3. Spero che a questa batosta segua inesorabile la fine dell'era Allegri.

    Non amo il Milan - anzi - ma se c'è una cosa che ho sempre apprezzato della compagine meneghina è l'attitudine/abitudine a giocare un calcio europeo, fatto di palla a terra e geometrie.

    Quello disegnato e voluto da Allegri è l'esatto contrario: una squadra guardinga, legnosa, più italiana tra le italiane.

    Sarà anche sufficiente per vincere con una certa facilità il nostro campionato, ora come mai mediocre e senza discontinuità, ma in europa la musica è diversa.

    Credo di poter dire che quest'anno il Milan non abbia vinto neanche una trasferta europea.

    Il dato la dice lunga. Prova tanto.

    Sarà contento Allegri per quel rigore un po' così.

    Quando la fai sporca, un alibi non si rifiuta mai.

    RispondiElimina
  4. se nel calcio vincesse sempre chi gioca meglio sarebbe uno sport pallosissimo.. tipo il rugby.. scontato che tutti preferiamo l’olanda, zeman e il barcellona, è bello che qualche volta vinca la squadra che si è difesa per 89 minuti con un orribile gol di fortuna..

    un’(o un? esquina è maschile o femminile? o entrambi come piquè?)esquina blaugrana sulla superiorità tecnico tattica del barca dopo la partita di ieri sera è quanto di meno ci voleva al mondo.. ci mancherebbe che non giochino meglio loro.. allegri è un servo, un pavido, un provinciale (calcistico) e is unfit to lead ac milan (come lo era il suo padrone per l’economist) l’ho scritto dappertutto e l’ho urlato a squarciagola all’andata e al ritorno..

    altro che alibi.. il problema ieri non è chi abbia fatto 21 tiri e chi 3.. il problema è un arbitraggio killer in ogni decisione, fino ad un rigore che non ci può stare e anche oltre.. è una tendenza blaugrana che è diventata più insopportabile della tendenza veronica.. uno sponsor unicef che è più volgare di angelina jolie che si fa fotografare coi biafra.. un pelato glamour che quando parla davanti alle telecamere è più vomitevole di un editoriale di minzolini..

    ma la cosa più vergognosa di tutte è sentir dire che il barcellona ruba a sua insaputa, come quella famosa casa con vista colosseo..

    que viva mou!

    RispondiElimina
  5. Non credo ci sia nulla di obiettivo nel tuo commento, Zio. Nulla.

    Parlare di arbitraggio killer, poi.. mi sembra del tutto fuori luogo. Il Milan ha macellato per 180 minuti.. al Barca mancano altri due rigori nel doppio scontro..

    Più che di Allegri (sicuramente non all'altezza) parlerei di giocatori lontani dall'essere protagonisti possibili in Europa.

    L'inciso sul gol di culo non mi basta come spiegazione riguardo ciò che allora volete dal calcio.

    RispondiElimina
  6. anonimo sfidante4 aprile 2012 15:53

    Io, milanista, appoggio questo post.
    Però mi sento di correggere i numeri, se mi è consentito: altro che 16 minuti!
    Nella partita del girone a S. Siro Milan e Barca giocarono alla pari e per 90 minuti ci fu gioco da entrambi.
    Era però una partita inutile, proprio come acciughina:
    quando il gioco si fa duro le acciughe iniziano a scappare.
    Era qua, nello scontro secco che doveva giocarsela, esattamente come nella partita di pochi mesi fa. Era qua, su due palcoscenici unici, che doveva far interpretare la parte del Milan al Milan: giocare senza paura, contro chiunque. La squadra è andata in campo, sia a S. Siro che al Camp Nou, come un’Inter qualunque.
    Non nascondiamoci, c’è di che vergognarsi.

    Però, va anche detto che nella storia blaugrana si segnalano il goal di Sheva di testa (sempre con il Milan, cazzo!) e l’arbitraggio londinese, sponda Chelsea. Non c’è Coppa Campioni pulita in bacheca. Tutte, o quasi, portano la macchia indelebile dell’infamia. Spiace, lo dico da milanista, perché di squadre così in Europa se ne vedono raramente, per filosofia di gioco. L’ultima era proprio rossonera e, fato infame, nacque proprio al Camp Nou, in una finale di Coppa Campioni di quasi 30 anni fa. Spero rinasca, partendo proprio da qui. Liberando i rami secchi e le vittorie inutili, quelle italiane di questi anni (contro il nulla), utili solo a far da alibi all’incapacità del condottiero livornese.

    RispondiElimina
  7. A me il Barcellona sta ormai ampiamente sul cazzo. Gioca un calcio noioso per il 90% del tempo, le partite del Barcellona sono noiose per il 95% del tempo. E in difesa sono veramente ma veramente discutibili. Hanno preso gol da Nocerino.

    Poi che siano fortissimi non ci piove, ma, quotando qualcuno qui sopra, a volte(se non spesso) capita che grazie a 10 minuti si vincano le partite. Il rigore è imbarazzante, addirittura a palla non in gioco. È ovvio che il Barca non stia rubando i suoi traguardi, ma la maniera in cui sia loro reso tutto una passeggiata da videogame è patetica. A volte ho come l'impressione che si stia cercando di rendere il calcio noioso: calciatori/attori, che recitano una parte, i buoni che vincono, i cattivi forti che alla fine perdono. Un cartone animato.

    E io non sopporto Allegri, eh.

    p.s. postilla sullo scandaloso atteggiamento dei tifosi del Barcellona. Minuto 92. Siete qualificati in semifinale di Champions League. Avete la palla. Il Milan è morto. Voi cosa fate? Siete MUTI. Narcotizzati e camomillizzati.
    Il coro per Messi? MESSI MESSI. cantilena.
    Per Xavi? XAVI XAVI. nenia.
    Per Puyol? PUYOL PUYOL. i bambini.

    che palle amici

    Giuseppe

    RispondiElimina
  8. Bello come nel calcio ognuno abbia le sue opinioni. Per me il Barcellona è la squadra meno noiosa del mondo. Il rigore c'era. Ce n'erano peraltro anche due all'andata, uno dei quali clamoroso. E' vero che non è così spumeggiante come l'anno scorso e infatti perderà la Liga e non è favorito nella Champions.

    RispondiElimina
  9. Ibrahimovic che inizia l'intervista parlando del rigore e richiama Mourinho è semplicemente PATETICO...pensasse al fatto che in europa non incide NULLA...

    Albis

    RispondiElimina
  10. Resto indifferente da questo circo. Indifferente. Guardo il dualismo Barça-Madrid e non mi trasmette niente. Guardo la nostra Serie A e non mi trasmette niente. Leggo tutto questo e resto indifferente. Mi chiedo: ho talmente nostalgia della Salernitana che ormai sono diventato abulico oppure c'è un'altra possibilità? Vi voglio bene, volete elevare il dibattito ma rendetevi conto della cosa: siete un'oasi nel vuoto del dibattito pallonaro di oggi.

    P.S. "uno sport pallosissimo... tipo il Rugby" è una ferita al mio cuore di praticante della palla ovale

    RispondiElimina
  11. commento per punti. e non voglio provocare nessuno, tantomeno gegen per il quale nutro una stima profonda, nonostante la sua somiglianza, pazzesca, con il responsabile della comunicazione del pd.

    1. criticare il barcellona per partito preso rischia di diventare una sorta di conformismo anti politically correct. mi fanno schifo i giornali e le tv (che non guardo e non leggo) che dipingono il barca come la squadra del secolo. allo stesso tempo, una squadra con quasi tutti canterani che gioca in modo splendido e che vince e domina dappertutto non si puó definire falsa e bugiarda. mi dirai che l'imagine mediatica che si é venuta a creare é l'antiromanticismo per eccellenza. ma a livello calcistico mi tolgo il cappello. personalmente, non mi esalta perché a me del lato calcistico frega poco. eppoi, diciamolo, preferisco sempre chi perde.
    gegen, la recente statistica sui bambini italiani dove l'hai sentita? tg2 o studio aperto?

    2. sulla partita con il milan, che dire? se avessero dato al barca quei due rigori sacrosanti a san siro non staremmo a parlare della trattenuta di nesta. il milan sta cadendo nella trappola di conte e se questa fase mestruale con crisi isteriche annesse non finisce presto, rischia di perdere lo scudetto.
    forse ha ragione lo zio quando dice che il calcio é bello perché anché le squadre meno forti possono vincere. allora vi porgo una domanda. perché in italia, negli ultimi 20 anni, con l'eccezione di lazio e roma, le tre squadre piú forti o presunte tali hanno sempre vinto? anche grazie a qualche arbitraggio killer. secondo me, girando il tuo ragionamento, il brutto del calcio é proprio che chi é piú forte (non solo in campo)vince. in italia avere una maglia a strisce verticali aiuta, in europa avere il passaporto italiano invece ti incula.

    per conlcudere, vorrei sapere se vi ho giá parlato dei tempi in cui intrattenevo lunghe conversazioni telefoniche con roberto da crema. se giá l'ho fatto chiedo scusa. altrimenti dobbiamo organizzare al piú presto una serata allo shamrock.

    un abbraccio a tutti,
    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  12. Fornaretto non ci credo. Se è davvero così, metto sul comodino una tua foto scattata mentre parli al telefono SIP bianco e blu.

    RispondiElimina
  13. Caro Bostero, chiedermi obiettività dopo una partita del genere è come chiedere al Sig. Creosoto di dividere con te l’ultima mentina, uno sforzo inutile.. A mente fredda, ripeto però ciò che ho detto a caldo..

    Al massimo alle accuse ad Acciughina posso aggiungere gli insulti ad Ibra, che però ha da tempo già dimostrato di essere un pavido forte coi deboli e debole coi forti.. nessuna novità sul fronte occidentale quindi..

    Non me ne frega niente sapere se senza il rigore saremmo passati noi, o se con due rigori a San Siro.. tanto quanto non mi interessa sapere quanti i tiri in porta o quanto il possesso palla.. non me ne frega niente proprio niente.. E’ scontato che il Barca gioca meglio del Milan e del 98% delle squadre europee.. E con ciò, allora non giochiamo nemmeno?

    Martedì abbiamo giocato e, se non ci fosse stato un arbitraggio killer, brutti sporchi e cattivi avremmo pure potuto rischiare di passare il turno.. Forse sì, forse no.. chi lo sa? Non lo sapremo mai.. ce n’è stata preclusa la possibilità..

    Se il Barca in Europa diventa, e lo è diventato, quello che in Italia sono le ‘squadre a strisce’ secondo me dovrebbe attirarsi l’antipatia dei tifosi del resto del mondo.. dovrebbe fare schifo, come dovrebbero repellere Inter, Juve e Milan in Italia.. E invece no, le tre strisciate sono le squadre con più tifosi.. perché vincono, non per altro.. e così lo è il Barcellona..

    In realtà la vera moda, nonostante tentativi di dialettica servo-padrone hegeliana del Fornaretto di rovesciare la questione, è sempre e solo il conformismo.. Il conformismo di correre in soccorso al vincitore..

    Ecco, io sono milanista perché lo nacqui geograficamente (e perché l’Inter è una merda) e vorrei che fosse tifoso del Barca solo chi lo nacque geograficamente.. Tutti gli altri no, vorrei che detestassero, cordialmente o meno, questa arroganza padronale di chi deve sempre e solo vincere..

    Lode agli ultimi, perché rimarranno gli ultimi, e le porte del paradiso sto cazzo che gliele apriranno.. al massimo San Pietro gliele farà ridipingere per poi licenziarli senza giusta causa.. Amen

    RispondiElimina
  14. Caro Fornaretto,

    io SONO il responsabile della comunicazione del PD. Mi hanno assunto da poco, io ho appena preso Sara Tommasi come segretaria personale. Proprio dalla mia posizione sono riuscito ad ottenere questa statistica, commissionata da Veltroni in persona, da sempre attento a queste stronzate piuttosto che alle cose serie. Comunque, stai attento, un domani i tuoi figli alla domanda per chi tifano potrebbero rispondere "Barcellona e Italia", a quel punto spero che tu reagisca come Mario Carotenuto padre padrone del bar Forza Lupi.

    Il Barcellona oramai è una squadra senza territorio, infatti si incarna con una sedicente nazione che non esiste, proprio come una franchigia NBA o NFL, è un marchio seduttivo e mellifluo, adatto per tutte le razze. La cosa gravissima di questa squadra è che chi vince è, generalmente, odiato (v. Real Madrid), il Barca invece vuole dominare convincendo le masse di piacere, di essere il verbo, il giusto.
    E' l'appendice calcistica del lumpenproletariato...


    Sul resto sono d'accordissimo con lo Zio...
    Onore al catenaccio, a Gianni Brera e ad una tradizione calcistica che non può essere svenduta così..

    RispondiElimina
  15. La grande verità è che secondo Gegen tutto quello che ha un minimo legame con il sottoscritto non esiste.

    Ciò detto, la vera noia è l'anticonformismo ben evidenziato dal Fornaretto.
    Un forzato disprezzo malamente giustificato da baggianate tipo Unicef, Qatar e spirito catalano.

    @Zio, capisco quello che dici. Ma il senso è un altro. QUESTO Milan - rigore o non rigore - non è stato all'altezza di niente. Brutti sporchi e cattivi magari! Manco quello.

    RispondiElimina
  16. ps: il vero furto è invece andato in scena ieri sera a Stamford Bridge. Fidatevi.

    RispondiElimina
  17. Hai ragione Bostero, Anche una squadra inglese faceva comodo in semifinale...

    Ma il tris spagnolo nelle semifinali di europa league?

    RispondiElimina
  18. .. meglio del tris portoghese dell'anno scorso..

    RispondiElimina