martedì 10 aprile 2012

Due o tre banalità sul campionato

Amauri, facci vincere l'Europeo!
Nella settimana in cui piangiamo Giorgio Chinaglia (su cui aspettiamo l'obituary di qualcuno più laziale di me, e su cui è imprescindibile la lettura di questo storico, magnifico libro) e soprattutto il grande campione scozzese di freccette Jocky Wilson (personaggio leggendario, grazie Gegen per avermelo fatto conoscere, è già nell'Olimpo dei miei miti), volevo dire due o tre banalità sul nostro campionato e forse anche su quelli altrui.

Trovo giusto che il Milan abbia perso in casa contro la Fiorentina, perchè non si può pensare di vincere un campionato (anche questo?) solo grazie ai rigori dubbi che ti sbloccano le partite a metà del primo tempo. Questo orologio biologico che incombe su San Siro, vero e proprio "killeraggio arbitrale" (per citare le stesse parole utilizzate - in maniera ineccepibile e sacrosanta - dai milanisti su questo blog per parlare della sconfitta di Barcellona), è riuscito a rendermi digeribile anche l'idea che sia la Juventus (tertium non datur) a proclamarsi campione d'Italia (nonostante l'odio viscerale che provo per la squadra di Torino e per tutto quello che le attiene, compresi i miei amici). Se c'è una squadra che in questo campionato ha offerto qualcosa di nuovo, perlomeno nella gestione del gruppo, nella determinazione di vincere, nella volontà di potenza su tutti i campi, questa è - mi dispiace dirlo - la creatura di quel simpaticone di Antonio Conte. Dirò che provo invidia quando vedo la sua squadra imporre il proprio ritmo anche in trasferta; quando vedo il suo turn-over gradito ai giocatori; quando vedo due terzini che sanno crossare e anche difendere; quando vedo che i suoi tifosi non hanno mai provato il sapore amaro della sconfitta; quando vedo una coppia di attaccanti che si capisce che scopa una cifra (nella mia personale classifica delle coppie gol "troppo belli", Matri-Borriello sono al numero uno, seguiti da Pinilla-Ibarbo e Totti-Osvaldo. Ultimi, per distacco, Mascara-Caracciolo). Dirò che - al netto di un favoritismo ambientale arbitrale che è comunque inestirpabile - la Juventus si merita questo scudetto molto più del Milan, e alla fine lo otterrà, con un gol di Marco Borriello - the first and the last - all'ultima giornata.

In realtà, tutta questa inutile premessa partiva dal gol vittoria della Fiorentina siglato da Amauri, di cui volevo parlare. Secondo me, il bomber italo-brasiliano (così scrivono sui giornali) farà un finale di stagione pirotecnico, roba da finire in doppia cifra. Da qui la mia profezia: Amauri sarà il centravanti dell'Italia ai prossimi Europei. Sembrano lontani anni luce i giorni in cui il paese si divideva sulla questione oriundi, proprio partendo dal caso Amauri; oggi come oggi il sosia di Gesù non giocherebbe neanche nella nazionale del Lichtenstein, avesse un nonno originario anche di quel cantone (probabilmente ce l'ha); eppure guardatevi intorno e troverete che la mia intuizione non è sballata. Chi sono infatti gli attaccanti azzurri che Prandelli dovrebbe portarsi in Polonia e Ucraina? Balotelli si è tirato fuori da solo; Rossi non gioca da un anno; Destro è acerbo; Osvaldo è una pippa; Borriello non segna da un'amichevole estiva del Milan contro i Glasgow Rangers; Giovinco non lo fanno passare alla frontiera; Gilardino ha avuto un esaurimento nervoso; Pazzini fa panchina a Zarate; Miccoli non è convocabile; Pellissier è troppo una scommessa; Di Natale non è mai decisivo quando conta; Iaquinta è morto; Floccari - vabbè, ci siamo capiti. Insieme a Matri, Quagliarella e Borini, rimane una casella libera per un centravanti di peso, esperienza e gol. Dai Amauri, lancia la volata e convinci Prandelli! Io sono con te. Llorente ci fa una pippa.

(A proposito di Fernando Llorente. Il gol con cui ha sbloccato (e risolto) la partita contro il Siviglia è di rara bellezza. Peccato non ci sia su YouTube. Lo so che un normale gol di testa alla Llorente, ma in Italia ormai quasi non si vedono più gol così, col centravanti che taglia sul primo palo e incorna sotto la traversa. Dev'essere un movimento che non insegnano più nelle scuole-calcio)

Non fosse stato per la Roma (per una volta vi risparmio le lacrime giallorosse), la lotta per la retrocessione sarebbe già bella che finita, e invece il Lecce ha ancora qualche chance di salvarsi (ma a discapito di chi?). E' un peccato perchè, arrivati a questo punto della stagione, la bagarre della parte destra della classifica è ciò che più mi avvince. Traggo alcune conclusioni. Il Cesena ha fatto il passo più lungo della gamba e ben le sta (fermo restando che, nonostante quello che tu dici, caro Nesat, a Cesena si scopa e noi lo dimostreremo l'ultima di campionato, invadendo con le nostre figure il lungomare che non esiste e le piadinerie del centro storico che neanche esiste). Nel campionato italiano non si vince con le figurine (Mutu, Santana, Iaquinta) ma con i giocatori veri (Bradley, Portanova, Nainggolan). Il Novara al contrario aveva fatto il mercato perfetto, assicurandosi una coppia gol che, almeno sulla carta, garantiva una salvezza tranquilla: in questo senso, Morimoto-Granoche sono meglio di un assegno circolare. Non capisco dove abbia fallito il piano (cito il titolo di un pezzo della Gazzetta dello Sport dello scorso 28 luglio: "Morimoto-Granoche, che coppia. Attacco nuovo, Novara sogna"). Il Lecce forse paga la mancanza di derby (a proposito: la pagina che si è aperta a Bari è davvero brutta, forse un giorno dovremo entrarci anche noi). Le altre squadre si equivalgono, ma una ha un giocatore in più: Pinilla. Probabilmente il centravanti più figo del campionato. Se la smettesse di farsi espellere per delle cazzate, potrebbe portare i sardi in Europa. Oriundizziamo lui e sacrifichiamo quella sega di Amauri?

Una postilla sulla Spagna. Sarò un dietrologo, ma non credo che dietro questo calo del Real Madrid (sei punti persi in quattro partite) ci sia solamente una spiegazione tecnica. Con il rischio che il prossimo (l'ennesimo, ma forse neanche l'ultimo, considerando la possibile finale Champions - che palle cazzo) clàsico diventasse attraente come un Novara-Cesena di fine stagione, a causa del divario incolmabile di dieci punti, secondo me la Federazione spagnola, i giornali sportivi, le radio e le due società si sono sedute a tavolino e hanno programmato la messa in scena. In questo modo, la partita (mi pare si giochi tra un paio di settimane) riacquista valore, tensione, incertezza, decisività - tutto traducibile in dollaroni, yen, rupie, etc. In questo periodo di crisi, per quanto al Mattarello si mangi ancora co' du' scudi, i soldi fanno comodo a tutti. Quindi prevedo che il riavvicinamento avvenuto in queste settimane si confermi per la data del classico (è capace che il Real lasci due punti anche dopodomani al Calderòn, nel derby che l'Atletico non vince da quando avevo ancora i baffetti preadolescenziali, ma poi il Barça ricambierebbe il favore), e poi prevedo una partita modesta, tanto non vige la formula del soddisfatti o rimborsati. Un classico uno a uno (che sia un pari è un semplice corollario della mia teoria) modello Ruben Sosa risponde al rigore di Rudi Voller (con botta finale da distanza siderale di Piacentini che finisce alta di quindici metri ma il pubblico fa comunque "ooooh").

Penso di aver detto sufficienti banalità. Per restare in tema, ora vi saluto che scappo sul set del film di Woody Allen (peccato per il titolo melenso "To Rome with love", avrebbe dovuto leggere LB e chiamarlo "A mountain of puntarelle") a suonare il mandolino mentre mangio la pizza con la mozzarella filante e dico "bellissima" alle passanti facendo un grosso schiocco con le mani...sapete, interpreto il ruolo di un portiere in the piazzetta di Trevi very nice...

25 commenti:

  1. Il film di Woody Allen ha però un grandissimo pregio: è infatti l'unico film uscito nelle sale negli ultimi anni senza Pierfrancesco Favino.

    Il buon Woody Allen, tuttavia, non ha potuto rinunciare alla sempre meno attraente - laddove lo sia mai stata - Isabella Ferrari.

    Hai perfettamente ragione sulla rimonta del Barcellona e sui centravanti della Nazionale da portare all'Europeo (porca vacca ma dov'è finito il Gila?!?!).
    Manca solo un dato, già che ci siamo: applausi all'allenatore del Siena Sannino, che ha costruito una classifica di tutto rispetto.

    Sentivo in TV venerdì che per farcela il Lecce avrebbe bisogno di cinque vittorie. Ora sarebbero quattro, chiaramente. Tra Catania, Napoli, Lazio, Parma, Juventus, Fiorentina e Chievo.
    Spazio ce ne sarebbe eccome. In un calcio perfetto (quale questo non è) potrebbe far tranquillamente i punti che servono.

    Vedremo. Purtroppo, ho sempre il dubbio che tutto sia già deciso e che solo noi poveracci non sappiamo ancora nulla.

    RispondiElimina
  2. Mah, vedrai che alla fine una comparsata a Favino gliel'hanno fatta fare, magari nel ruolo di un autista di botticelle che beve il caffè e canta 'O sole mio ai clienti...

    Sulla Ferrari prevedo pareri discordanti.

    Mi fa piacere che accogli la mozione Amauri. Amauri siamo tutti noi d'altronde: gente senza arte nè parte, costretta dalla vita a reinventarsi in ogni occasione, sempre alla deriva in attesa della Svolta che ci riabiliti...io ci credo, meglio lui che El Sharaawy.

    Sul Siena sono d'accordo. Forse ha la peggior rosa della serie A. Onore al testosteronico Sannino (una sera vorrei uscire a Milano Marittima con lui e Colantuono, sai che panico) che ha salvato la squadra alla faccia dei nomi (D'Agostino, Gonzalez) e degli infortuni (Calaiò). Ciò detto, per quanto mi riguarda Destro farà la fine di Cacia.

    Scusami Bostero ma io quattro vittorie del Lecce non le vedo proprio in quel lotto che mi propini (al limite se la gioca con Parma e Chievo, ma a quel punto è troppo tardi). Non c'è neanche il Bologna!

    RispondiElimina
  3. Beh ce le puoi vedere se consideri il Catania appagato e Lazio e Fiorentina le squadre più discontinue in questo momento in Serie A. Se poi fa bottino col Parma, bastano anche tre vittorie e un pareggio.

    RispondiElimina
  4. Mah, da juventino ho perso la pazienza con Amauri, meglio Balotelli, con gli svaghi extra-curricolari annessi.

    E Dionigi ha il talento cristallino di Zola secondo me, di quelli che si apprezzano soprattutto all'Estero. Il nostro Magic Box.

    RispondiElimina
  5. Non mi hai convinto. Il Catania asfalta il Lecce e la Lazio ha troppe motivazioni per perdere punti così ingenuamente; la Fiorentina ha Amauri, che te lo dico a fa'...Il Lecce va in B con la stessa velocità con cui è scomparsa Terri de Nicolò dalle pagine dei quotidiani...

    ps Mi sbaglio ma siamo rimasti solo io e te sul blog? Ultimi baluardi contro le vacanze pasquali...potremmo anche andare avanti parlando del più e del meno

    RispondiElimina
  6. Sul Lecce che paga l'assenza di derby ho riso sonoramente. Grazie.

    E sono d'accordo con te su Pinilla che, porca puttana, è tutto quello che io vorrei essere e probabilmente non sarò mai. È fortissimo bellissimo tatuatissimo pazzissimo e hardcorissimo, purtroppo gioca nel Cagliari.

    Agli europei Balotelli lo si porta per forza, giustificando la cosa in mille modi da bravo pretino(Prandelli) e finalmente rendendo palese che la storia del codice etico è stata una pagliacciata da quando è nata e lo sarà fino a quando, speriamo presto, morirà.
    A proposito di pretini temo moltissimo Guidolin per il dopo-Prandelli e l'Italia tutta umiltà cilici e ritiri sulla cima Coppi senza twitter e con le scarpe della kronos.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  7. anonimo sfidante10 aprile 2012 17:46

    Pinilla mi risulta già essere oriundo, ma non convocabile in quanto ha già giocato nella nazionale cilena. Per altro, se Balotelli causa comportamenti si è tirato fuori da solo - spero di no, come del resto spero di veder sparire qualunque cosa riguardi codici etici o morali - Pinilla non si sarebbe mai tirato nemmeno dentro.
    Dipendenze da alcool con annesso soggiorno in un rehab, rissa in un locale con un giocatore dopo avergli scopato la moglie (e aver giustificato la presenza della moglie in casa sua con la seguente frase "in realtà stavamo guardando in tv "Il Re Leone"), etc. etc.
    Insomma, in confronto Balotelli è Madre Teresa.

    (e, ovviamente, vorrei vedere Balotelli - Pinilla indossare la maglia della mia squadra del cuore. Per me sono due idoli)

    RispondiElimina
  8. Oggi è stato fondato qui il gruppo "Amauri agli europei".. Cena sociale ar Matterello!

    RispondiElimina
  9. ndò se trova 'sto Mattarello?

    markovic

    RispondiElimina
  10. http://www.youtube.com/watch?v=RoICOdCY4xc

    Full HD, ovviamente. Anche un paio di settimane fa che avevo visto in diretta lo svenimento di Susanna Petrone a Guida al Campionato, ho trovato un filmato su youtube (pochi minuti dopo l'ictus), in cui uno riprendeva con un telefonino dalla tv la scena. E' l'unico modo per aggirare l'inflessibile polizia postale o la finanza mandata dagli uomini di Murdoch?

    Tornando IN topic:
    Ma solo io penso che Balotelli, essendo un protetto di Raiola, sia una dei più grandi bluff di sempre? Solo io penso che sia un deficiente, che si veste da coglione, si taglia i capelli da stronzo e si comporta come una merda quale è? (e sia chiaro non è mia intenzione fare alcuna illazione sul colore della pelle). Perché Prandelli dovrebbe convocare uno che ci lascia in dieci al 9' del primo tempo mentre Iniesta ci trattora, pennellando per Llorente? Tanto si sa che contro il Trap è 1-1. Contro la Spagna perdiamo e ci giochiamo gli ottavi contro la Croazia. Prevedo un 2-2 con reti di Suker e Vlaovic per la Croazia e per l'Italia Schillaci su rig. e Dossena direttamente da cross.

    Indipendentemente dai 'talenti' che porteremo in attacco, l'Europeo non frega un cazzo a nessuno e storicamente ci dice male.

    RispondiElimina
  11. quante vaccate Dionigi...di vero nel tuo post c'è solo che dal Mattarello con du scudi ancora ce magni.....
    lascio da parte la polemica su chi merita lo scudetto.....
    Amauri in nazionale?devi smetterla di aspirare colla industriale(rigorosamente spalmata su piatti quadrati colmi di aneto).....sei un ragazzo ancora giovane perchè buttare la tua vita così?...
    e basta anche con questa storia che Osvaldo è una pippa...ti ha smentito con i fatti.....inoltre sono sicuro che neanche Pinilla riuscirebbe a scopare a Cesena....

    @lagrataviuccide io impazzisco per balotelli però la tua descrizione è stupenda......aspetto le convocazioni......non metto neanche in conto una non chiamata di Balotelli...mi rifiuto...non credo che Prandelli sia tanto stupido da rinunciare al solo giocatore capace di farti vincere il torneo(e allo stesso tempo capace di dare fuoco a casa azzurri per noia..)....io Comunque voto per el Shaarawy....


    ps: Ma scopa di meno Mascara-Caracciolo? o la coppia di riserva Morimoto-Jeda?

    RispondiElimina
  12. Io a Cesena non ci vivrei mai.

    Comunque, Jovetic col bulbo corto e' meno fico. Ha perso gran parte del suo fascino.

    RispondiElimina
  13. "forse un giorno dovremo entrarci anche noi", concordo e lancio uno spunto. Faccio notare che non riguarda solo il Bari. Tutto il calcio in Puglia è sull'orlo del baratro, nei capoluoghi e nelle squadre sparse nella provincia pugliese.

    P.S. Nel Cagliari, più che Pinilla, ci sarebbe il grandissimo Andrea Cossu. Meriterebbe una lacrima

    RispondiElimina
  14. Dionigi, io vorrei sottoscrivere tutto, sta di fatto che Amauri ieri ha segnato solo di mano (gesto davvero metafisico, non so se l'avete visto) e per l'ammonizione salterà la Roma. Temo che il gol di San Siro sia dovuto, come da sua candida ammissione, all'anniversario di matrimonio (il decennale) con la moglie.
    Contro la Roma, state invece attenti a Cerci, perché mi hanno detto che ricorra l'onomastico della zia.

    RispondiElimina
  15. La citazione del Mattarello porta questo pezzo di diritto nella mia Top 5. Ancora rido.

    Per la Nazionale io porterei Osvaldone.

    RispondiElimina
  16. no sempre più convinto che Amauri meriti il nostro appoggio, caro Arturo, anche e forse soprattutto per queste sue debolezze. Ti dirò di più: meriterebbe l'Europeo anche se da qui alla fine non mettesse più dentro neanche una palla. Tutti dobbiamo ritrovarci in lui: anche noi siamo oriundi di nazionalità e cultura, siamo giramondo e giralavori, ci arrabbattiamo nella vita anche provando a segnare con le mani, abbiamo a che fare con fidanzate cesse, nessuno si fida di noi...

    Cerci sicuro ci fa gol.

    Edo, al Mattarello non si sbaglia mai. Dobbiamo provare la nuova sede di piazza Ungheria. Dicono che i fritti so da' paura e il cacio e pepe da' lacrima. Io poi ho sempre odiato gli chef maitre gourmet haute cuisine...

    Nesat come fai a portare El Sharaawy agli Europei? Chi è El Sharaawy? A questo punto meglio Cassano...

    RispondiElimina
  17. El Sharaawy è inferiore solo ad Archimede Morleo.....Cassano lo do per scontato....Ma qualcuno sa se al mattarello le fettuccine so gnoranti?

    RispondiElimina
  18. che te lo dico a fa...gli involtini primavera dalli ar gatto.....

    RispondiElimina
  19. Dionigi, io proporrei un raduno di LDB al matterello, vediamo se la pizza ha il bordino "sbrusciacchiato" come dicono sul sito, se le fettuccine sono ignoranti e male che va abbiamo buttato via du' scudi, almeno ci togliamo questi dubbi esistenziali.

    http://www.mattarello.net/

    Il video è valido...

    RispondiElimina
  20. La Panini, che nei pronostici notoriamente è l'unica a prenderci meno di Sconcerti, per l'europeo propone questi attaccanti: Sebastian Giovinco, Pablo Daniel Osvaldo, Antonio Di Natale, Giampaolo Pazzini e Mario Balotelli..

    Fuori Antonio Cassano e, grandissima sorpresa, il nuovo totem di LdB Amauri Carvalho de Oliveira, della cui moglie potranno quindi godere le migliaia di tifosi che non partiranno per Polonia e Ucraina..

    Fuori anche il miglior giocatore italiano degli ultimi trent'anni Stephan El Shaarawy, cui chi lo paragona ad Archimede Morleo o chi non lo fa giocare da due mesi tenendolo in tribuna, non gli sputo in faccia per non profumarlo..

    RispondiElimina
  21. Adesso non bisogna essere così aggressivi....e solo perchè uno scudetto già vinto sta sfumando per colpa della mancanza di un terzino sinistro come Archimede Morleo...oltre alla perversione di preferire chiunque in avanti al posto del faraone......

    perdono il tuo nervosismo.....ti consiglio per calmarti.. di andare ad una partita di polo dove.. come ben sai...se scopa.....volendo anche a Cesena.....il massimo sarebbe una partita di polo a Cesena...


    vi prego Pazzini ad euro 2012 NO!

    RispondiElimina
  22. no nesat, il massimo sarebbe che aprissero il mattarello a cesena ed andarci dopo una partita di polo...

    el sharaawy agli europei non me lo accollo. però preferisco lui a tutti quelli della panini...

    morleo è l'unico degno erede di benarrivo...vogliamo lui in nazionale a pennellare cross per amauri

    allora, capitolo mattarello. sabato sera (e quando sennò?) lo abbiamo provato in formazione ridotta e clandestina. le mie prime impressioni sono le seguenti:
    - le fettuccine so' ignoranti, soprattutto la cacio e pepe "co 'a lacrima"
    - i fritti so freschi ma non so' tutti da paura
    - se prendete le mozzarelle in carrozza ve ne portano 18, state attenti
    - c'è così tanto frastuono che puoi parlare solo col tuo vicino di posto e a volte col dirimpettaio
    - fa un caldo incredibile
    - memorabili accoppiate camicia/felpa con la zip
    - non si scopa

    seguirà cena invocata da edo, pizza romana per tutti ahò, ma guai a chi chiede le mozzarelle in carrozza, ancora devo terminare quelle di sabato

    RispondiElimina
  23. Salve ragazzi di LdB, volevo lasciarmi un mio personalissimo quanto inutile e stupido pronostico-attaccanti. Occhio a Borini, che domenica sicuro torna titolare, e se torna tignoso come prima all'Europeo ci va sicuro. La coppia Osvaldo-Borini davanti secondo me sarebbe fantastica, insieme avrebbero più coglioni di tutto il resto della Nazionale. Il pronostico: Matri, Pazzini, Osvaldo, Borini, Giovinco e una x che va a uno fra Cassano se si riprende e Balotelli se non si fa arrestare.

    RispondiElimina
  24. Cesena è una città bellissima, in cui qualche settimana fa mi sono seduto al tavolo di un bar accanto a Iaquinta e Del Nero, e Pablo Daniel Osvaldo è un fenomeno.
    ciao raga

    RispondiElimina
  25. Per la cronaca, ieri ho avuto la sfortuna di imbattermi in To Rome with love al cinema.

    Un film allucinante, stereotipato all'eccesso e piacione.
    Il tocco di classe? Beh.. gli studenti di architettura che studiano in una casa da paura a Trastevere (pagata non si capisce da chi) con una tavola da surf in salotto.

    Insomma, stavo per alzarmi a chiedere il rimborso del biglietto. Poi è arrivata Penelope Cruz. E il dolore è diventato un sorriso.

    RispondiElimina