mercoledì 14 marzo 2012

Lettera alla Vecchia Signora

Una Regimental perfetta
Tra sfuriate e guerre mediatiche contro la truppa rossonera di Allegri, ultimamente la Vecchia Signora sembra aver perso buona parte dello stile che, a detta di molti (ma non di tutti), l'ha contraddistinta nel corso degli anni. Lo stile brevettato dall'Avvocato, tanto per intenderci.

Diciamo che in questa stagione ne abbiamo viste parecchie di "trovate" quantomai antipatiche. In primis, il piano in tre mosse raccontato ai media dalla nuova dirigenza per uscire dalla melma di Calciopoli. Poi la richiesta di risarcimento al TAR nel ricorso contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (per una cifra superiore ai quattrocentro milioni di Euro) per i provvedimenti adottati nell'estate del 2006, seguita dalla infinita querelle sull'assegnazione dello relativo scudetto (quello del 2006). Infine, le varie ricriminazioni contro le dubbie (?) condotte arbitrali.

Parliamoci chiaro. La Juventus è una buona squadra. Non un'ottima squadra, specie se rapportata alle varie realtà europee, ma molto più che sufficiente per il campionato italiano.

Il punto però non è assolutamente questo. Ciò che penso è che la Juventus stia giocando una competizione diversa. Che la Juventus stia con cattiveria cercando una resurrezione che le è dovuta. Che stia, a ragion sua, giocando sola contro il mondo.

Non dico che la Juventus dopo Calciopoli abbia perso ogni diritto possibile immaginabile, per carità. Ognuno rimane libero di gestire una società come crede. Di espremirsi come preferisce, specie dopo aver pagato (più degli altri). Semplicemente richiamo ai modi.

Il silenzio stampa dopo la partita con il Genoa è solo l'ultimo di una lunga serie di episodi sgradevoli - peraltro, entrando nel merito delle scellerate decisioni arbitrali di Marassi ho avuto la forte impressione che pure il Genoa qualcosina avesse da recriminare.. che evidentemente, non solo la dirigenza juventina si trovi in una posizione scomoda nei confronti della FIGC, come molti già insinuano.

Ma come si fa a schiacciare una palla così?
Qualche errore di troppo? Pazienza.. Qualche rigore non fiaschiato.. Pazienza. Agli altri succede da quando hanno creato il campionato, decine di anni fa. A Muntari - guarda un pò.. - è successo di recente. Cioè, se la Juventus è davvero già con il dossier in mano.. chiediamoci anche gli altri cosa dovrebbero fare?

Insomma, che la Juve giochi al calcio, come ben sa fare grazie a Conte (che trovo antipatico ma che è un buon tecnico). Che la Juve impari a non smarrirsi in provincia. Che si goda il suo bellissimo stadio e vinca lo scudetto (in fondo, non mi pare serva tutto questo sforzo). Ma ci lasci stare fuori dal campo. Ricopra i nervi. Ritrovi lo stile e dimentichi di attaccar briga dopo ogni partita. "Abbassiamo i toni" direbbe un tale di Setúbal.

Un'ultima cosa, che la Juventus per la prossima stagione non si azzardi a sfoggiare una maglia rosa fluo. La "seconda" di quest'anno è lo schiaffo che fa più male.

22 commenti:

  1. (ora che ho visto la foto, in cui si vede chiaramente come il guardialinee fosse perfettamente in linea con la porta e senza la visuale ostruita, e più ci penso e ci ripenso, l'unica spiegazione che mi do sul fatto che il guardialinee di milan-juve non ha convalidato il gol di muntari è questa: in tribuna doveva esserci nicole minetti e lui, giustamente, le stava guardando le sise)

    RispondiElimina
  2. Condivido e sottoscrivo ogni singola riga, ma mi continuo a chiedere da giorni una cosa: come mai non si parla neanche un pò del fatto che il massimo dirigente di una squadra di calcio, legittimamente infuriato per un torto evidente, si sia arrogato il diritto di scendere, durante l'intervallo, nello spogliatoio e di insultare ferocemente l'arbitro? Come dargli torto, ma perché nessuno ne dice una parola?
    Perchè queste cose in un calcio ormai “pulito” (post calciopoli) continuano ad esistere e ad essere celate nell'omertà.
    La Juve e Conte di certo sbagliano toni e modi, ma siamo così certi che la sostanza sia così sbagliata? siamo così certi che quel goal non assegnato a Muntri non abbia di fatto costituito un vantaggio ed un facile alibi per il Milan…. intravedo un triplete che potrebbe olvidare il mago di Setubal…

    RispondiElimina
  3. Caro Bostero.. scusa tanto ma qui ‘le palle ancora ci girano’ parafrasando l’avvocato quello vero, con o senza cravatta, quando canta Bartali..

    Ovviamente non condivido una sillaba.. Quale sarebbe il vecchio stile da anteporre a questa tristissima nouvelle vague, ridotta a pastiche nostalgico dei uno swing mai ballato?

    Quello dei cinque scudetti degli anni venti dopo gli accordi di Valletta con Mussolini, che certificano l’apertura dei salotti buoni al fascismo.. Quello della stella degli anni cinquanta/sessanta con Sivori e Charles e con gli aiuti di stato per la privatizzazione dei profitti e la socializzazione delle perdite.. Quello degli anni settanta di Allodi, usato per la deportazione coatta dei figli del sud e per gli intrallazzi mafiosi in campo europeo, e poi scaricato per ripulirsi la coscienza.. Quello degli anni ottanta del mitico Trap e del cocainomane ignorante che faceva battute orribili che solo pennivendoli servi della gleba potevano trovare esilaranti.. Quello degli anni novanta e duemila della triade.. Quale?

    La Juventus di adesso è né più né meno che la Juventus di sempre.. altro che una vecchia signora.. è una perenne troia.. La sua cifra stilistica è l’arroganza, il suo potere di seduzione è l’ignoranza e la sua forza l’altrui acquiescenza..

    RispondiElimina
  4. @Zio, io non sono tra quei molti. Mi trovo meglio dentro la parentesi. Ben lo so che dietro la piacioneria o lo stile o chessò dei vari Boniperti e Agnelli c'era il gusto di metterlo al culo ai più.
    Il senso è che un tempo fregavano sorridendo, senza farsi notare. Ora fanno una gran caciara. Ben coadiuvati dal resto del calcio che conta in Italia, sia chiaro. Però stufano, annoiano, con questo fare da bambini permalosi.

    RispondiElimina
  5. Vogliamo aggiungere il 28esimo scudetto, quello revocato ed assegnato ad altri, che, se non ricordo male, è stato festeggiato e mostrato al pubblico di fede juventina e al mondo intenro durante l'inaugurazione del nuovo stadio e che, se davvero non mi sto giocando il cervello, è ancora presente in qualche forma (scudetto, tricolore, puntino, stella, siringa) all'interno del medesimo stadio? Assurdo.

    RispondiElimina
  6. Anche io credo che la Juve sia la stessa di ieri, senza la stampa asservita e Moggi e Giraudo.
    Tutti i tifosi della Juve ritengono calciopoli un diktat, un'imposizione, una versailles, sono sicuro che torneranno le voglie di riconquistare lo spazio vitale, tornerà un fueher a guidarla.. Non è cambiato nulla, siamo negli anni 30, nel periodo del riarmo, delle schermaglie coi vicini, tra poco la Renania sarà rimilitarizzata e scoppierà di nuovo tutto...

    RispondiElimina
  7. quoto in pieno il post!
    ero juventino fino ai fatti di calciopoli, poi mollata la fede avevo tenuto aperto uno spiraglio nel caso in cui la juventus fosse ripartita rifondando una società diversa, una società calcistica che io definisco più "europea" sia nella gestione sia nel gioco. non so il motivo ma sembra che agnelli abbia ritenuto piu produttivo tornare ad essere quegli arroganti e antipatici che eravamo!

    RispondiElimina
  8. la storia dello stile Juve mi fa ridere. E' una cosa che si sono inventati loro.....nessuno ha mai riconosciuto alla Juve di avere stile....come quando uno dice di essere un artista perchè dipinge un tramonto.

    cercando di essere obiettivo(riesco ad esserlo addirittura con la Lazio ma con la Juve mi viene difficile)ho visto la partita con il Genoa e strameritava di vincerla......per quel che riguarda i torti...non ho visto niente di clamoroso...come non ho visto nulla di clamoroso nelle altre partite....l'unica cosa assurda che ho visto in questo campionato è il goal di Muntari PUNTO. La Juve(e quanto mi pesa dirlo) quando è in giornata è bella da vedere......però se pareggi 12 partite.....non puoi pretendere di vincere il campionato....e non devi usare come scusa l'arbitro...

    mi piacerebbe vedere la faccia dello Zio dopo un Triplete di Allegri.

    "Ma come si fa a schiacciare una palla così?"
    se non l'avesse schiacciata ora un bambino di Somma Lombardo starebbe giocando con un pallone ufficiale del Milan trovato in una fratta....parliamo di Muntari Bostero.....

    RispondiElimina
  9. Sono juventino e prima ancora un innamorato del calcio. Da un pò di tempo leggo con piacere i post di questo blog, con le sue storie stupende e romantiche.
    Ho trovato qualche commento livoroso e non in linea con lo stile del blog, ma non è questo il punto.
    Sono juventino ma non mi piace l'atteggiamento della dirigenza bianconera e in primis del presidente Agnelli.
    Sono "contento" del fatto che siamo finiti in B, perchè abbiamo sbagliato ed è giusto che abbiamo pagato.
    Sono contento del nuovo stadio, stupendo e di proprietà (ma quando il calcio italiano entrerà nell'era moderna?).
    Sono contento di questa juve che finalmente da piacere a vederla, che vinca o meno, perchè gioca a calcio, dimostra di avere un'idea.
    Non mi piace questo piagnisteo, motivato o meno, ad ogni rigore negato (ce ne sono stati, ma che se ne frega!!!). Se anche fosse vero che sulla juve aleggia un vento contrario dovuto a calciopoli, continuare ad agitarne il fantasma non aiuta certo ad uscire dalla situazione.
    Penso che alla fin fine, il clamoroso non-gol di Muntari abbia penalizzato il Milan una volta, e la Juve da qui all'eternità (Se anche vincessimo il campionato con 10 punti di vantaggio, sarebbe solo grazie a quel gol)

    continuo a leggervi con immenso piacere

    RispondiElimina
  10. Quoto globalmente il post sopra al mio.
    Pure io ho la "sfortuna" di essere Juventino, innamoratomi giovane della prima Juve lippiana, quella di Baggio/Vialli e della Coppa dei Campioni 95/96, senza sapere nient'altro.
    Ultimamente però ne ho davvero le scatole piene della dirigenza che si lamenta ogni tre per due. Dovrebbe farsi i cavoli loro e lavorare. Sono contento che sono andati in silenzio stampa così almeno evitiamo di sentire altri interventi fuori luogo e a fomentare l'ambiente. Dovrebbero essere tutti in brodo di giuggiole per i risultati davvero sorprendenti che si stanno ottenendo quest'anno e partire da qui. Tanto vincere lo Scudetto quest'anno o l'anno prossimo non cambia niente, abbiamo aspettato finora, possiamo farlo pure per un altro anno.

    RispondiElimina
  11. più che di stile (per favore..) parlerei di avere 7 vite.

    http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Antonio_Conte

    Janos Boka

    RispondiElimina
  12. Continua l'omertà sullo zio fester negli spogliatoi di San siro...
    magari uscirà nella prossima calciopoli... e finalmente sapremo qualcosa...

    RispondiElimina
  13. Attenzione Dionigi prendo la linea dallo zini di cremona per segnalarvi questa bella iniziativa sul cinema argentino:

    http://www.ilkino.it/el-kino-argentino/

    non dico la mia sullo stile juve. mi conosco, poi esagero.

    p.s quanto era bello lo striscione "sanitarium" dei tifosi della cremonese.

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  14. Lo stile della Juve è perfettamente in sintonia con i capelli del suo allenatore.

    RispondiElimina
  15. grazie fornaretto, Valentìn è uno dei miei film preferiti

    RispondiElimina
  16. Stile, non stile. Gol, non gol. Martina Maestri, non Martina Maestri. Qui si scansano i veri problemi dell'annata calcistica 2011\2012.

    Q: Conte secondo voi è un allenatore da serie A?
    A: No, non lo è. Potrebbe diventarlo. La Juve gioca discretamente male e non segna perché l'agonismo non è una tattica. O meglio: lo diventa se a) il campionato è ridicolo b) hai una rosa di 30 titolari e combatti solo su un fronte.

    Q: Muntari è un giocatore di calcio?
    A: No, è un picchiatore. Un ignorante. Ad Udine lo chiamavano la rana ne(g)ra o il Bulgarùt (questo secondo nomignolo non so da cosa derivi). Lo odiavano anche a Portsmouth...

    Q: Se la Juve, simpatica o antipatica che sia, non vincesse lo scudetto(ormai è già perso), quali scenari si aprirebbero?
    A: Che lo vince il Milan. Ed è questa motivazione che dovrebbe spingere tutta l'Italia pallonara a 'tifare' blanco y negro. Con Allegri che si mette con un seno di Ela Weber, la Sellerona, Berlusconi che sproloquia sul Milan campione dell'Universo, Galliani che fa Galliani e una foto di Pato abbracciato a Barbra Anne lui berrettino da baseball e lei in pareo, mentre si scolano un daiquiri fragola con due cannucce aspettando il tizio con il fumo. E Abatantuono che per l'ennesima volta strabuzza gli occhi e gioisce alla 'terruncello'. Non se ne può più.

    Q:

    RispondiElimina
  17. Trovo questi commenti alquanto patetici e ottusi nel senso che ignorano la vera natura del calcio contemporaneo.
    Si parla ancora di Moggi e Giraudo , si parla di calciopoli trascurando il fatto che il calcio oggi è il piu grande gioco d'azzardo del paese e non solo per via delle scommesse ( un affare comunque non trascurabile visto che coinvolge milioni di scommettitori e capitali miliardari) , ma anche per il gioco degli sponsor , del merchandising , dei contratti televisivi.
    Staremo a vedere ad esempio se sarà possibile alla povera Udinese partecipare alla ricchissima Champions League o se i poteri forti di quest'enorme casino favorirà squadre come Napoli o Roma che contano un numero largamente superiore di tifosi garantendo quindi un indotto e un guadagno decisamente maggiori.
    Sento ancora gente parlare di calciopoli come della svolta del calcio italiano.
    La svolta c'è stata ma solo negli assetti finanziari di un impero economico che viveva un momento di sbandamento dovuto a diatribe di successione.
    Questa situazione è stata presa poi come palla al balzo da chi voleva in tutti i modi riaccendere l'entusiasmo in quei tifosi (o fetta di mercato) che da tempo immemore aveva perso la voglia di investire in questo gioco ( ogni riferimento all'Inter è puramente casuale) .
    A chi interessa che una decina di milioni di tifosi facciano abbonamenti per vedere la propria squadra del cuore?anche qui ogni riferimento a un uomo basso e ricco è puramente casuale.
    Se il giocatore d'azzardo non vince più per troppo tempo poi non gioca più.....facciamolo vincere ogni tanto , quel poco che basta per farcelo credere e a quanto leggo voi tutti ancora ci credete , convinti di aver capito il sistema quando invece siete stati un'altra volta fregati.....beata ignoranza!

    RispondiElimina
  18. ah! ma mi ero perso questo capolavoro! caro anonimo(però dai firmati..) così...per pura curiosità.........di che squadra sei?
    no perchè se sei del Modena o del Mantova...o magari anche del Chievo...posso anche apprezzare(pur non condividendolo) il tuo discorso...(tolta la parte dei commenti patetici e ottusi....Puoi sempre andarti a leggere il blog di Zazzaroni)...però se sei della Juve...di che stiamo parlando?..calciopoli quindi è stata una manovra milanese per estromettere la Juve e permettere Moratti di vincere lo scudetto(e quindi di continuare ad investire) e al presidente del Milan di far abbonare grazie al ritrovato entusiasmo decine di migliaia di tifosi a mediaset premium....la Juve quindi recita la parte di Maria Goretti pura ed innocente.
    MAH!
    Beata ignoranza dici.....

    "Staremo a vedere ad esempio se sarà possibile alla povera Udinese partecipare alla ricchissima Champions League"

    perdonami..sai dirmi a quale competizione europea ha partecipato l'Udinese la scorsa stagione?a danno peraltro di Lazio e Roma........

    RispondiElimina
  19. A proposito di calcio & potere.. segnalo che con l’elezione di Squinzi il Sassuolo è praticamente già promosso in Serie A..
    Que Viva Zdenek che non ce la farà nemmeno quest’anno..

    RispondiElimina
  20. E bene per Sansone, mio nuovo idolo indiscusso.

    RispondiElimina