domenica 26 febbraio 2012

Autolesionismo a Roma


Occhio Luis, c'è Borini che stamattina non si è lavato bene i denti

Dopo la farsa messa in scena dalla Lazio nel corso della settimana appena conclusa ho pensato che questa città avesse toccato il fondo. Ma come fai a rompere le palle a un signore, peraltro più anziano, che con pizza e fichi ti ha portato al terzo posto in classifica, anche dopo che gli hai venduto due dei quattro attaccanti in rosa? Dev'essere stato da morire dal ridere il cazziatone che gli improponibili Lotito e Tare (ma vi rendete conto di chi stiamo parlando? Due personaggi che come - rispettivamente - presidente e direttore sportivo di una società di calcio sarebbero inverosimili anche sul palco del Salone Margherita, più inverosimili anche di Pippo Franco che entra col vestito rosso e dice con accento napoletano "buonasera sono Sofia Loren", personaggi che non a caso allo stadio si accompagnano proprio con un reduce del Bagaglino) hanno rifiliato al povero Reja. Roba da ridere in faccia a quei due e tornarsene a casa, come infatti il vecchio Edi aveva fatto. Poi la marcia indietro, la partenza per Madrid, resto ma non resto, non resto ma resto, non ci si è capito niente. Per finire col teatrino dell'allenamento svolto mentre Zola era negli uffici del presidente, a prendere accordi - a questo punto - per l'anno prossimo. Una tristezza (forse) senza precedenti a Formello che per una volta mi ha fatto provare più pena che sarcasmo nei confronti degli amici biancocelesti. Forse perchè sentivo che questo folle autolesionismo avrebbe contagiato a breve anche l'altra sponda del fiume.

De Rossi è stato mandato in tribuna a Bergamo - nella partita che la Roma ha stranamente perso in maniera vergognosa - per essere arrivato qualche minuto in ritardo alla riunione tecnica. Questo è quello che dicono le fonti di informazione e non ho motivi per non crederlo - anche se mi piacerebbe sapere che cos' è una riunione tecnica e perchè è così importante non perdersi i primi minuti (di solito nei primi minuti delle riunioni, di tutte le riunioni, non succede mai nulla; non sono come i primi minuti di un film, in cui magari il regista infila - ancora prima dei titoli di testa - la chiave cifrata per capire il film, nonostante quello che ci disse una volta la vecchia bigliettaia del cinema Gioiello, del compianto cinema Gioiello, quando le chiedemmo - arrivati alla biglietteria a "Fucking Amal" già iniziato da una decina di minuti - se ci eravamo persi qualcosa: "nun ve preoccupate, ce stanno solo dei pischelli che se stanno a drogà"). La prossima volta Gago verrà escluso per non aver svuotato il vassoio nel refettorio di Trigoria; Pjanic per aver parcheggiato la macchina fuori dalle strisce nel parcheggio; Heinze per essere andato a dormire dopo le undici (l'unico che non può mai essere punito è Bojan, per la sua "specialità" che tutti conosciamo). Ai microfoni di Sky ho sentito il nostro allenatore dire che De Rossi l'ha mandato in tribuna perchè non l'ha visto pronto. Pronto a cosa? A l'ennesima figuraccia? A prendere tre gol da Denis? A rincorrere Marilungo nello spazio lasciato libero da Rosi? Per una volta - e potete immaginare quanto mi costi dirlo - sono d'accordo con Caressa (la cosa dev'essere veramente e gravemente lampante, per averla capita anche lui), che quasi al termine di Diretta Gol (sì, alla fine mi sono spostato su Diretta Gol, tanto era il vomito che mi stava soffocando guardando la partita) si è lanciato  in una filippica di cinque minuti contro il modo in cui viene gestita la Roma, dentro (la Roma è più prevedibile di un film dei Taviani) e fuori (l'eterogenesi dei fini della "tolleranza zero" dal campo - una filippica condivisibile in ogni sua parola (anche se non ho capito cos'è questo "asilo Mariuccia" di cui ha parlato). 

Questa non è più una squadra, è un ammasso di gente senza capo nè coda. Ci sono calciatori di ogni tipo: vecchi, ragazzini, spacconi, timidoni, prestiti, senza contratto, appena sbarcati (e soprattutto ci sono giocatori solo mancini, peccato abbiano dato via Riise altrimenti facevamo l'en plein). E' una squadra che alle volte non riconosco più, ed è come se non riconoscessi più me stesso. Non lo so neanche io cosa sto tifando, perchè sto tifando, chi sto tifando. Chi sono quei carneadi in maglia bianca che corrono per lo stadio Azzurri d'Italia? Tutti contrassegnati da un unico elemento: guadagnano poco e non fanno polemiche. D'altronde se il governo Monti può parlare dell'abolizione dell'art. 18 senza che nessuno del milione (un milione!) di persone che Cofferati aveva portato in piazza si lamenti (anzi sembra che tutti non aspettino altro), non vedo perchè a Roma non si può parlare degli americani, del progetto, della squadra che viene prima di tutto, senza che a nessuno venga in mente di dire che forse abbiamo a che fare con degli squallidi truffatori. Non mi metterò a ripetere cose che ho già detto, perchè in cuor mio speravo che sarei stato smentito e ancora lo spero, ma mi pare evidente che sono riusciti a venderci il Colosseo. Mentre Pizarro segna con la maglia del Manchester City, noi guardiamo un tale Marquinho farsi rubare palla da Brighi (oddio, un altro nome che mi suona). Ma certamente tutto avviene per il nostro bene, per il progetto a lungo termine, per la rivoluzione a stelle e strisce! E chi se ne importa se ogni trasferta è un'umiliazione che neanche ai tempi di Carlos Bianchi, se i peggiori allenatori della serie A ci prendono in giro e si sfregano le mani ogni volta che devono ricevere la Roma, perchè sanno che saranno tre punti facili e sicuri (la riunione tecnica del martedì dura trenta secondi: "Ragazzi, domenica arriva la Roma: tutti dietro e appena rubate palla la lanciate a caso in avanti ed è gol, o al limite rigore"). Perchè poi anche questo conta: l'umiliazione attesa. Catania, Cagliari, Siena, Bergamo: quattro trasferte di fila immonde, in cui siamo stati presi a pallate dal primo all'ultimo minuto, con la beffa che ci prendevano a pallate mentre avevamo la palla noi! Ma poi all'Olimpico Borini segna (e meno male che lo fa) e nessuno pensa più agli americani che invece di comprarci Torres o Neymar hanno pensato solo a liberarsi di tutti gli stipendi pesanti e a prendere qualche discreto giocatore dal salario leggero, ovviamente a prestito. E tra poco si tornerà a parlare dello stadio, che ovviamente (e per fortuna) non si farà mai. E lì giù risate con i nostri amici kansas city vero...

La cosa inquietante è che non hanno ancora finito di rompere tutto. Se non l'avete ancora capito, con i pochi minuti di ritardo alla riunione tecnica oggi è iniziata l'operazione "biscotto De Rossi". Già li vedo che indorano la pillola; già li vedo colti con le dita nel barattolo di vaselina. L'anno prossimo ci sarà ancora il miglior centrocampo che la Roma ha avuto negli ultimi dieci anni (De Rossi - Pizarro), ma sarà lontanissmo da qui. Noi però avremo Josè Angel che sfreccia sull'esterno. Noi però avremo un allenatore che non ha paura di lanciare i giovani. Noi però avremo preso un altro gol da calcio d'angolo per noi.

Non voglio aggiungere niente su Luis Enrique, che mi sta simpatico e mi piace per il calcio che propone. Mi limito a considerare che non ha capito niente di Roma, dei romani, del calcio italiano, di questa città. Una città in cui nulla di buono è mai stato fatto in armonia, ma è sempre uscito fuori da situazioni conflittuali. La Lazio ha vinto lo scudetto con le pistole e due clan divisi; la Roma con Totti che rosicava quando Nakata lo sostituiva e giocatori che neanche si parlavano. A me personalmente non frega niente, ma proprio niente, che De Rossi arrivi con due minuti di ritardo a una riunione tecnica, o che Osvaldo attacchi al muro Lamela; meno ancora mi interessa che ci sia disciplina, il collettivo, i discorsi tipo "la squadra prima di tutto". A me frega che quando Gago perde palla nella trequarti avversaria ci sia De Rossi, e non Marquinho, a interrompere il contropiede dell'Atalanta. Non mi è piaciuto per niente che, sempre a Sky, Luis Enrique abbia detto che lui sta cercando di cambiare una mentalità che a Roma ha portato solo tre scudetti in tutta la storia; non so a che mentalità si riferisce, ma so solo che a me nessuno deve cambiare proprio niente, mentre lui dovrebbe guardarsi cento volte di fila Aalst-Roma 0-0 per capire che noi siamo disposti ad accettare con gioia tutto, ma proprio tutto, anche Daniele Berretta mezzapunta, ma non quest'autolesionismo da Savonarola de' noantri.

Buona settimana pre-derby a tutti, ora vi saluto che vado a denunciare ad Equitalia una multa che ho preso due anni fa e che non mi è ancora arrivata...

49 commenti:

  1. Qual'è la specialità di Bojan?

    RispondiElimina
  2. non credo di essere d accordo su nulla......

    su Reja....beh...si la Lazio ha una dirigenza ridicola...lo sappiamo tutti e per primi lo sanno i laziali stessi.....ma stiamo parlando di un allenatore(per me uno dei tanti miracolati)che si era dimesso già ad ottobre...ora non so voi...ma io in panchina non vorrei mai una mestruata...che come succede qualcosa minaccia di dimettersi e poi non ha le palle di farlo....fossi in un tifoso laziale...me lo mangerei.....perchè parliamoci chiaro...Reja è un allenatore anonimo......fa un gioco orrendo..ed è totalmente privo di coraggio....è un allenatore da 0 a 0....come da me detto parecchie volte è un Ranieri versione discount......lo scorso anno la Lazio DOVEVA arrivare in champions....la colpa per me è solamente di una guida tecnica incapace di trasmettere un po' di palle alla squadra.


    Luis Enrique....è questo....lo sappiamo....lo abbiamo capito...Dio solo sa se funzionerà il prossimo anno.....abbiamo visto belle cose...e cose pessime....personalmente me lo tengo...troppo belle alcune partite per non rischiare.....

    sulla società...siamo stati ostaggi per anni di una banda.....non so chi ci sia a capo...davvero...non so chi "Finanzia"..so solo che in estate abbiamo comprato 11 giocatori.....e mettendo da parte un Kjaer troppo brutto per essere vero..l unico veramente da bocciare è J. Angel...anche se è giovane e non si sa mai.....per il resto...rimpiangere giocatori strapagati per il loro valore...mi sembra follia pura....se abbassare i costi di una rosa comprando giocatori di pari valore se non superiori è un errore non so cosa dire....si piange pizarro che in questi ultimi due anni fingeva malattie e restava in Cile..se non sbaglio uno tra scaglia e andreazzolli è andato a recuperarlo fin la..vucinic che ha fatto 3 goal...uno in meno di Bojan...BOJAN!.....menez che litiga con tutta Parigi...Borriello... e addirittura Brighi...mah......il mio unico rimpianto è proprio Riise...per il resto arrivederci e grazie a tutti.....non vedo truffe...sono incazzato con questa società per un mancato ricambio in difesa..ma posso capire la scusa del non comprare a caso Gennaio...addirittura si insiste sulla partenza di De Rossi dopo un rinnovo contrattuale....ok saranno dei morti di fame...meglio questi di morti di fame che il 31 agosto comprano Pjanic e Gago piuttosto di quelli che ti compravano Zamblera e Lobont...calcolando poi che invece di mettere cognati sorelle e amici... mettono dirigenti veri.....si si...mi tengo questi di straccioni.....

    Sulla frase di luis Enrique su Roma...non potrei essere più d accordo....il senso è....potete aspettare...non cagate il cazzo...

    io a differenza di Dionigi non voglio rimanere quello di Roma Aalst con Berretta mezzapunta.....il fatto che ci stia provando qualcuno per me è già qualcosa...e se non funzionerà pazienza....

    per quanto riguarda il ritardo alla riunione...è una cagata...lo dico tranquillamente...multalo...menaje...ma fallo giocare......

    RispondiElimina
  3. Io resto un sostenitore del buon Luis, ma deve rinunciare a queste prese di posizione da maestro con la penna rossa, anche perchè la Roma ad oggi non può regalare a nessun avversario, nè De Rossi, nè Osvaldo, nè qualsiasi altro dei titolari. Detto questo apettarsi qualcosa di più dalla Roma è secondo me lecito, soprattutto in un campionato mediocre come questo, ma ormai sembra scontato che per questo campionato non debba raggiungere nessun traguardo, quindi si resta in attesa della prossima stagione, sperando che il buon Luis (di cui sopra) non si faccia fuori da solo, con decisioni cervellotiche come quella di ieri.

    RispondiElimina
  4. Sto con Nesat, su tutta la linea.
    Il bicchiere è mezzo pieno e sti cazzi se ogni tanto stecchi. Ad agosto avrei pronosticato una Roma più giù in classifica.

    Ecco, poi si può discutere che il prossimo anno servirà un centrocampista forte (ma forte forte, non solo forte. Tipo impatto Toure-ManCity) e una linea di difesa rivista in almeno due elementi (centrale forte - Dedè? - e terzino.. facciamo due terzini).

    Su Reja, per come la vedo io, sta cavando il sangue dalle rape.
    Il problema insormontabile sono i due che gli stanno sopra.

    RispondiElimina
  5. Caro Dionigi,

    già da ieri rifletto sulla tua idea su De Rossi..

    Credo (e spero) che l'imboscata da te immaginata resti una fantasia, perché sarebbe troppo squallido ed ingiusto, anche per questa Roma spaesata.

    Su Luis Enrique purtroppo si può dire solo una cosa:

    "Tolta la partita la domenica, Luis Enrique è il miglior allenatore del mondo"!

    In concreto, sapete già come la penso, è da ottobre che sogno il suo esonero, causa manifestà incapacità.

    Non dubito che possa diventare un buon allenatore in qualche campionato esotico minore (tipo quello spagnolo, per intenderci) ma non aver capito dopo 7 mesi che con la difesa a centrocampo in Italia ti prendono a pallate tutti è ottusa cecità.

    Figuriamoci se poi gli esterni sono Taddei (che dio lo abbia in gloria, almeno ci mette faccia e gambe) e quella pippa al sugo di Rosi.

    Ciò detto, salviamo il salvabile: pochi mesi ed il campionato è finito. Continuiamo a vincere in casa ed a perdere sonoramente in trasferta, fintanto che qualcuno dei senatori non deciderà di appendere al muro l'allenatore.

    L'unico obiettivo vero deve essere per giugno: un allenatore vero, non un fenomeno da baraccone, né un santone da presentare ai tifosi con la bacchetta magica in mano.

    Un allenatore normale, possibilmente con l'esperienza necessaria a reggere la pressione, cui affidare la squadra a lungo termine.

    Continuo a ritenere che la rosa non sia malaccio, con l'aggiunta degli esterni - a Trigoria non se ne vedono da troppi anni - si può far bene.

    RispondiElimina
  6. Io tutto questo biscotto-De Rossi proprio non lo vedo. Non vedo neanche una proprietà che vende il Colosseo ai Romani. Stiamo andando male, ma queste persone hanno fatto degli investimenti grossi, prendendo una società in mano a dei pezzenti e dei ladri, sull'orlo del botto e l'hanno rimessa in sesto (dal punto di vista dei conti).

    Preferisco mille volte fare il botto con questi qui, che far mangiare (ancora) analfabeti come Maria, Rosella Sensi e tutto il cucuzzaro.

    Non c'è nessun piano di distruzione della Roma: l'unico errore fatto da questa dirigenza è Luis Enrique. Non può durare, non può funzionare. Manca la pazienza, mancano i giocatori (Rosi e Taddei terzini non si possono vedere, Juan è un ex-giocatore, Kjaer che te lo dico a fare).

    Quello che mi chiedo è che bisogno c'era di andare a prendere un allenatore dal Barcellona B, per un progetto basato su giovani in Italia. Non c'era veramente nessuno adatto con un po' più d'esperienza in Italia o in Europa? Dubito che non ci fossero alternative.

    Sugli stipendi pesanti: vorrei capire bene cosa intendi. Vucinic voleva andare via, dovevano tenerlo? Borriello non lo faceva giocare neanche se c'ero io come punta titolare. Menez? Menez una partita si, dieci no. Pizarro? Vado in Cile che mia sorella è malata, ma torno solo quando mi vendi..

    RispondiElimina
  7. Do seguito a qualcuna (non tutte, sono troppe) delle vostre riflessioni, soprattutto quelle che non capisco:
    - Andrea, "queste persone hanno fatto degli investimenti grossi"? Ma di che stai parlando? Hanno comprato la Roma con i soldi di una pizza...così come che hanno rimesso in sesto i conti, ma quando mai? In che modo? Al limite hanno rimesso in sesto Bruno Conti, finalmente togliendogli le chiavi di Trigoria...
    - che c'entra fare sempre riferimento alla vecchia dirigenza? Dove porta questo discorso alla "eh però è sempre meglio di come stavamo prima"? E' ovvio che peggio dell'ultima fase della presidenza dei Sensi non ci sia niente, è scontato che tutti abbiamo odiato quegli intrallazzatori in saldo, è pleonastico che tutti preferiremmo abbandonare il calcio piuttosto che vincere un'altra partita 1 a 0 con Ranieri - ma perchè questo pregresso dovrebbe fornire un alibi alla nuova dirigenza e al nuovo allenatore? Per me le due cose non hanno alcun legame, gli americani li giudico per quello che fanno, non per quello che avrebbero potuto fare quelli che c'erano prima;
    - su Luis Enrique mi pare ci sia un sostanziale pareggio di opinioni: io li condivido entrambi, chi viene allo stadio con me lo sa, gli ho dato un'enorme apertura di credito e lo continuo a sostenere, ma quello che mi dà fastidio è che dopo sei mesi continui a ripetere gli stessi macroscopici errori, siamo condannati ad un continuo ripetersi di Roma-Slovan Bratislava, e questo non va bene, se l'uomo non impara dall'esperienza allora non è un uomo, è un principio assoluto, e la vita è troppo complicata per risolverla con i principi...quello che mi dà fastidio è quello che scrivono Goliardia, Tato e Andrea, e cioè che non dimostra un minimo di umiltà, intesa come volontà di mettere in discussione i propri valori per valorizzare quelli della città in cui allena, ma preferisce brandire la penna rossa della sua intransigibilità; e poi mi dà fastidio l'infantilismo che ci hanno assegnato ammantando la venuta di Luis Enrique come la panacea a tutti i mali dell'ambiente, come se veramente fosse stato così facile (prendere l'allenatore del Barcellona B e trapiantarne il know how a Trigoria)...è tipo il governo Monti che pretende superare la crisi aumentando il numero delle edicole...ma vaffanculo;
    - Bostero, qui la questione non è "pazienza se ogni tanto stecchi": qui la questione è che stecchi una partita su due, e non vedi come potresti non steccare, perchè come scrive giustamente Tato, non ci vuole un genio a capire che con la difesa a centrocampo in Italia ti fotte anche il primo Marilungo che passa di lì...poi magari la Roma sarebbe prima in classifica in Liga, ma tant'è, a noi tocca giocare a Bergamo, non a Santander;
    - toccherà aspettare un'altra stagione, va bene, ne abbiamo aspettate tanti, figuriamoci una in più o una in meno, basta però che si vedono dei progressi, altrimenti diventiamo tutti Beckett, e in questo teatro dell'assurdo continuiamo ad aspettare e aspettare e aspettare....

    RispondiElimina
  8. A me Luis Enrique sta simpatico, voglio dire mi piace la sua filosofia (se mi sente Caressa, gran deficiente), il suo modo di interpretare il calcio (frase fatta lo so). Però c'è un problema. Siamo in Italia, punto. E' come cercare di far funzionare un negozio di biciclette sul Nanga Parbat. La bicicletta è di per se bella ma...

    RispondiElimina
  9. Queste persone hanno comprato la roma al prezzo di una pizza...perchè la Roma stessa era stata trasformata in una pizza....la banca(perchè la proprietaria era ed E' ancora in parte la banca)ha venduto a chi si è accollato il debito.....debito......per la prima volta dopo 10 anni ho visto una campagna acquisti......tanto mi basta per essere contento....
    anche se involontariamente il primo che ha tirato fuori la vecchia società sei stato proprio tu.....
    in ogni caso non ti so dire che fine faremo...magari il prossimo anno compreranno solo Sardo,Cirillo e Moscardelli.....per adesso non vedo perchè prendersela con chi sta ristrutturando un rustico completamente devastato da dei simpatici squatter(questo erano...squatter).....

    RispondiElimina
  10. - Andrea, "queste persone hanno fatto degli investimenti grossi"? Ma di che stai parlando? Hanno comprato la Roma con i soldi di una pizza...così come che hanno rimesso in sesto i conti, ma quando mai? In che modo? Al limite hanno rimesso in sesto Bruno Conti, finalmente togliendogli le chiavi di Trigoria...

    Io vedo un aumento di capitale deliberato. L'aumento di capitale, negli accordi, non è a carico della banca, ma a carico dei soci Americani.

    Comunque sicurezze io non ne ho, so soltanto che questa proprietà è stata osteggiata dall'inizio da Marione, Iladio e compagnia cantante. Tanto mi basta per fare il tifo spudorato per gli Americani e mettere in mezzo i Sensi. Se stiamo così, se siamo finiti così, se abbiamo dubbi sui nuovi proprietari e se stiamo a mezzi con una banca, lo dobbiamo solo ed esclusivamente a loro.

    Credo sia normale metterli in mezzo. Semplicemente io non vedo questa truffa Americana: ho visto un mercato fatto con soldi veri e non con Adriano pagato al Kg. Di chi sono questi soldi? Poco importa. M'interessa vedere un'idea. Questa squadra era da terzo posto facile (viste le stagioni di Napoli e Inter) senza Luis Enrique. Probabilmente avessimo avuto un cammino diverso, non nutriresti dubbi sulla bontà del progetto Americano.

    RispondiElimina
  11. Se non si fosse notato ce l'ho a morte con i Sensi. Lo ammetto. Manco di obiettività sull'argomento.

    RispondiElimina
  12. Andrea, chi l'ha scelto Luis Enrique? La "nuova proprietà" (che sinceramente non ho ancora capito quale sia) o i Sensi? Ma la vera domanda - che poi è anche una risposta - è "perchè" hanno scelto Luis Enrique. Di tutte le possibili spiegazioni non me ne convince nemmeno una. A questo punto non mi sorprenderebbe se il Catania arrivasse sopra di noi...

    ps capisco l'astio verso tutto e tutti, ma i Sensi ci avevano anche regalato la Roma di Spalletti. Una Roma, ben inteso, che nel suo anno più glorioso non è andata più sopra dell'attuale posizione in classifica, ma almeno lì eravamo "dentro" qualcosa, vi era un'identificazione, sembrava il migliore dei mondi possibili, e a ripensarci oggi quella squadra - con mancini, vucinic, taddei, pizzarro e de rossi dietro totti e un grande allenatore in panchina - fa venire nostalgia. Forse non mi sono mai ripreso mai del tutto dall'abbandono dell'icona gay di Certaldo, avevo capito che se mollava lui non c'era veramente modo di uscirne fuori...

    Ad ogni modo, vi ripeto: rivediamoci il giorno in cui diranno agli americani che non possono fare lo stadio. Per citare - al contrario - il messaggio che mi ha mandato ieri un amico mio e del blog, che nutre grandi speranze nell'attuale progetto, vi aspetto al varco. Quando sul carro gremito (per lanciare i pomodori) ci saranno solo posti in piedi.

    RispondiElimina
  13. Vediamo Dionigi. Io non penso che dovrò salire sul carro per il lancio dei pomodori, però tutto può essere.

    La controprova se c'è l'intenzione di fare qualcosa di buono o no, l'avrai nel prossimo mercato estivo. Se non mettono soldi lì, dopo che, presumibilmente, arriverai settimo, allora probabilmente comincierò a pensare anch'io che ci siano cose strane sotto. Prima sospendo il mio giudizio e li sostengo.

    Tutto il mio ragionamento è subordinato ad un OR:

    - O Luis Enrique capisce che esistono varie filosofie di gioco e si possono usare tutte, senza fare il Talebano.

    - O Luis Enrique va a casa e si prende qualcun altro.

    Scusate lo sfogo di prima, probabilmente sono pure sembrato ignorante.

    RispondiElimina
  14. squatter per definire la famiglia sensi...caro Nesat, io credo che questo sia la piú bella ed azzeccata definizione che abbia mai letto su LdB...questa famiglia, compreso il padre franco, ha rovinato quasi 20 anni di storia della roma...

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  15. Non so Dionigi, non sono così convinto delle tue previsioni nefaste...
    come ti dissi qualche mese fa, il problema è stato che, in una squadra che doveva cambiare praticamente 9 giocatori su 11, hanno deciso di puntare forte sull'attacco, facendo tanti acquisti secondo me molto buoni (pjanic come rapporto qualità/prezzo secondo me è incredibile), e scelto soluzioni di ripiego per la difesa. Essendo un tradizionalista penso sempre che una squadra di calcio si costruisce dal basso, e non che venga invece, metaforicamente, trainata "dall'alto", dal bomber e dai gol segnati. Per cui penso che facendo la seconda metà della campagna acquisti l'estate che viene poi si potrà giudicare meglio questa squadra.
    Peraltro è vero che ci sono state prestazioni imbarazzanti, però è anche vero che quando la Roma ha vinto l'ha fatto con un'identità, e secondo me non è poco.
    Secondo me basterebbe proporre Bostero come direttore sportivo della Roma, che mi sembra abbia le idee chiare, e le cose miglioreranno sensibilmente...

    Ciao a tutti,
    Albis

    RispondiElimina
  16. P.S. siamo ancora tutti ansiosi di capire in cosa consista la "specialità" di Bojan...

    Albis

    RispondiElimina
  17. Nesat Gulunoglu ha detto...

    ma chi? bimbo "Speciale" Bojan?è il mio idolo......c'è davvero speranza per tutti......sono straconvinto che per convicerlo a firmare per la Roma Sabatini ha promesso al giovane Krkic un Mountaine bike con le rotelle... il game boy con il gioco dei pokemon e un costume da teletubbies...

    12 settembre 2011 20:36

    RispondiElimina
  18. Concordo con Albis.
    Non si perde a prescindere con questo schema.
    Servono semplicemente 4 difensori (o almeno 2 terzini decenti), che corrono e sappiano cosa sia un uno contro uno (Heinze escluso).
    Immagino che, dopo il numero di domenica, Luis Enrique capisca che escludere giocatori per cavolate, facendone questioni di principio, non fa bene allo spogliatoio, anzi.
    Che poi si parla fondamentalmente del miglior mediano (nonché secondo me miglior centrale difensivo) del Campionato.
    Al Barca se escludi per ritardo Xavi hai Thiago Alcantara.
    Noi abbiamo Marquinho.

    RispondiElimina
  19. Della vicenda De Rossi qualunque interpretazione si possa o ai voglia dare è pericolosa.
    Se Luis Enrique lo ha escluso davvero per la questione dei 5 minuti di ritardo è semplicemente un deficiente, uno che non è adatto, psicologicamente, a fare l'allenatore di una squadra di prima fascia. La sua scelta, infatti, è folle su due fronti: priva la squadra del giocatore più forte, baricentro e perno della Roma (parliamoci chiaro, la stagione della roma non lascia adito a dubbi: con DDR da champions, senza da parte destra della classifica) in trasferta, dove già il modulo barcelona predicato dall'asturiano si scioglie come neve al sole. Il secondo errore è che, così facendo, rende pubblica una questione privata, di spogliatoio, che doveva rimanere lì e finire con un rimbrotto. DDR è un fenomeno ma sono 2 anni che è sui giornali: per la figlia, per l'alcolismo, per la forma, per il contratto e ora che tutto sembrava risolto che facciamo? lo rimettiamo nell'occhio del ciclone. Se la causa è il ritardo, dunque, l'esclusione è una piazzata da cretini, quale forse lucho, come tutti gli amanti del fitness, è. Non meno inquietante è la lettura complottista, ossia quella paventata da dionigi. E' verosimile che Daniele De Rossi sia un peso economico pazzesco per la società, nonché una evidente anomalia economica che scardina gli equilibri del gruppo. La retorica delle "due carriere per la roma" possono placare gli animi dei tifosi da radio, ma come spieghi agli altri un ingaggio così fuori dai parametri? con la romanità? Non credo. E' verosimile, dunque, che nella scelta di Luis enrique ci sia la volontà di dimostrare al gruppo che, almeno per quanto è in suo potere, l'asse dei romani (l'oligarchia etnica composta da Totti e proprio da DDR che negli ultimi anni ha deciso panchine e mercato grazie alla fragilità società) non continuerà a fare il bello e cattivo tempo. Non dimentichiamoci che appena arrivato attaccò totti senza mezzi termini Comunque la si veda è una vicenda penosa, destinata a lasciare strascichi.

    RispondiElimina
  20. Vorrei anche dire una cosa a Nesat e a tutti quelli che difendono L. Enrique.
    Come si può allo stato attuale essere soddisfatti della stagione? siamo pazzi? in un campionato dove l'udinese e la Lazio, squadra che gioca in questo momento con 11 giocatori contati, sono terze a pari punti, la Roma con l'organico che ha non potrebbe esimersi dall'essere già abbondantemente qualificata per la champions. Dire che la rosa della Roma non è pronta è una cosa in malafede. Gli acquisti chiesti, e ottenuti, dall'asturiano sono tutti giocatori con esperienza internazionale. A cominciare da Stekelemburg, passando per Heinze, Kjaer, Pjanic, Gago, Osvaldo e Bojan. Tutti giocatori di prima fascia abituati a giocare in champions o comunque ad alti livelli. Solo lamela e Borini sono in effetti scommesse (anche se comunque provenienti da grandi club), e peraltro scommesse vinte. Gli altri sono giocatori di razza che in seria A nessuno (a parte le grandi) ha. Questa squadra oltre ad essere un "progetto" dovrebbe essere una realtà. Negare questo è pura miopia. Le ragioni di questa miopia, a mio giudizio, risiedono nella lettura ideolgica del calcio. Una lettura, di cui Nesat è alfiere principe, in cui si preferisce morire nella torre d'avorio di Luis Enrique che sfiorare uno scudetto con ranieri o arrivare in champions con Guidolin.. L'intellettualismo va bene, ma va manifestato, non vale spacciare dei giocatori di fama internazionale come dei pischelli da plasmare.
    Da questa visione deriva anche l'assurdo scherno a Reja, uno capace di portare quasi in champions (colpa del gol "fantasma" di Brocchi a Napoli) una squadra con floccari centravanti va solo premiato. Senza contare la stampa, che prima dice che dovrebbe dimettersi per il mercato assurdo di lotito e poi stigmatizarlo quando lo fa. Reja ha dignità, non è mestruato, instabile sarà Luis enrique, uno che non ha fatto gavetta, non si è mai sacrificato e pensa di spiegare a tutti come va il mondo..
    In conclusione:
    - Su Zola posso dire che al circo della Lazio mancava un nano per essere completo, l'anno prossimo lo avremo.
    - una sconfitta 4-1 a Bergamo è il miglior viatico per il derby. Lo avete già vinto.

    RispondiElimina
  21. Dato che abbiamo sviscerato l'argomento Luis Enrique e ne stiamo ancora parlando, voi chi avreste preso ad inizio anno o chi prendereste al suo posto? Non sparatemi Ancelotti per favore. Sono millenni che dice che vuole allenare la Roma: tra l'altro pure oggi ha ribadito.. Più facile che vada alla Lazio.

    Io credo che in ogni caso bisognerà tenerlo anche l'anno prossimo: ho l'impressione che Baldini non lo manderà via neanche sotto tortura. Sarebbe ammettere che ha preso una toppa.

    L'atteggiamento di Baldini risulta inquietante per certi versi: più prendiamo pizze, più rinnova la fiducia all'allenatore e alle sue idee.. Le partite però non le vinci con le idee e neanche con la legge marziale.

    Ho l'impressione che tutta la dirigenza ha un'idea abbastanza romantica di squadra vincente: senza stronzi, prime donne e litigi non esiste squadra vincente.

    RispondiElimina
  22. (giuro che quest'ultimo commento non l'ho scritto io usando lo pseudonimo di Andrea ma egli stesso)

    Un solo nome: Gigi De Canio da Matera. la sua Reggina è la squadra che come gioco più si avvicina al Barcellona. A parte lui, probabilmente si poteva tentare un progetto serio con Montella, visto anche il bene che sta facendo a Catania. Ma comunque va bene anche lo spagnolo, figuriamoci, purchè si metta in testa che non è bello perdere quasi tutte le partite.

    RispondiElimina
  23. ho toccato qualche nervetto scoperto?

    beh intanto mi piace che Gegen mi metta in bocca parole mai dette(in questo caso scritte) soddisfatto?...non posso essere soddisfatto di una squadra che prende 9 goal tra cagliari siena e Bergamo....una squadra che non ha idea di cosa sia il pareggio..ho semplicemente scritto che mi rischio un altra stagione con luis enrique in panchina...perchè in alcune occasioni la Roma mi ha entusiasmato....non mi sembra una bestemmia.....

    la rosa è buona..e si può fare di più...ma sinceramente vedi una Roma superiore a Napoli o Inter?con Rosi e Taddei titolari? miopia?posso sapere... dove ho parlato di progetto o di rosa inesperta?anzi semmai ho detto il contrario elogiando la campagna acquisti...perchè caro Gegen appiccichi etichette?il fatto di detestare un allenatore come Ranieri....non significa avere chissà quale visione romantica ed inutile del gioco del calcio...ma semmai significa conoscere la storia di un allenatore perdente...che ha allenato sempre(Dio solo sa perchè) grandi squadre e non ha mai concluso una beneamata minchia...con l'aggravante dello sbadiglio allo stadio......di Guidolin o altri non ho mai parlato...e mi sembra ingiusto paragonare Guidolin a Ranieri....sarei stato contento di un arrivo del genere..benchè il ciclista sia simpatico come un ombrello aperto nel deretano...è un tecnico ideale per aprire un nuovo ciclo...a luglio non facevo il tifo per L. Enrique...ma ora che c'è me lo tengo..e ci spero...

    alla fine del tuo commento ho capito tutto.......
    sei andato in puzza per Reja....
    Beh!mi dispiace aver "Schernito" il buon Edy..anzi mi auguro che non legga LB...altrimenti potrebbe decidere di dimettersi per la terza volta......però ci tengo a chiarire una cosa....io non stavo schernendo nessuno.....io sono convito di quello che ho scritto...la mia era un opinione...uno che si dimette due volte e poi torna con la coda fra le gambe è ridicolo.....e ti assicuro che non ne faccio una squallida questione Roma-Lazio(come invece hai fatto tu nel finale del tuo commento)...sono stato...anzi.. particolarmente obiettivo....voglio aggiungere una cosa su Mister dimissioni.....la prima volta che ha lasciato l'incarico lo ha fatto per i fischi dei suoi tifosi...dopo Lazio Genoa(se non sbaglio)..tifosi che oggi lo difendono non perchè si siano accorti di chissà quali grandi qualità....ma perchè sanno che il mister è in rotta con la proprietà....l'odio verso Lotito-Tare evidentemente unisce.......


    tu puoi sguazzare nel parlare di Roma e noi giustamente te lo permettiamo......però appena qualcuno mette bocca sulla lazio...ti si gonfia la vena e ti trasformi nel tifoso che...."Nun semo annati in cempions pe er go fantasma de Brocchi".......o sbaglio?

    RispondiElimina
  24. Emozioni Nesat....mi esalti!!

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  25. http://www.youtube.com/watch?v=MzW0hZNVcNU

    EL PERNACHO DE UNO LO PAGAN TODOS!

    RispondiElimina
  26. Io non faccio una questione di lazialità, semplicemente ti dico che io in panchina ho avuto CASO e BALLARDINI e quindi salvo Reja e non vedo come lo si possa criticare allo stato dei fatti.
    Ha certamente dei limiti, ma dalla parte sua ci sono due anni ottimi, con gente imbarazzante e un mercato ogni volta più deludente.
    Invece le tue considerazione su Luis Enrique sono figlie solo di una visione astratta del calcio. Dove è il buono? Le vittorie col Bologna e la MANITA col Cesena? Lui ha chiesto e ottenuto tutto quello che voleva e, se proprio ti dico la verità, l'organico della roma è superiore a quello del napoli. La difesa lo è nettamente, centrocampo anche, forse l'attacco no, ma non è certamente inferiore visto che vanta il più grande goleador italiano in attività, una schiera di giovani interessantissimi e un centravanti di livello. Senza contare che tutti i giocatori della Roma (anche il da te bistrattato Taddei,che ingratitudine, uno che ha dato il fritto per la Roma, ti meriteresti Garrido ) hanno una lunga esperienza internazionale. Sono giocatori prontissimi, di quale progetto parliamo??
    Il tuo difendere Luis enrique è un discorso ideologico, non diverso da quello che porta i camerati a difendere il regime per la bonifica o i comunisti di ferro a dire che in Unione sovietica non c'erano i barboni agli angoli delle strade. Ti prego, dammi tre motivi per parlare bene della stagione della Roma e motivameli, sennò sarò convinto che il tuo è il classico romanismo "da montagna di puntarelle che pare l'everest".. Quanto ci manca il profeta....

    RispondiElimina
  27. (però augurare Garrido è un colpo basso)

    RispondiElimina
  28. seriamente.. delle volte ti leggo e provo tenerezza....mi sembra di parlare con Osvaldo...ma non il calciatore...bensì lo stalker radiofonico di dichiarata fede laziale(che tu ovviamente conosci).....ora non so cosa ci sia di sbagliato per te nel mio discorso sul tecnico asturiano(da sottolineare che saranno state 5righe...abbastanza semplici)....tento di spiegartelo in maniera chiara.... se prendi un allenatore dalla serie B spagnola e cambi 7/11 di una squadra...è necessario dare al tecnico ed alla squadra... più di 6 miseri mesi per capire l'effettivo valore.....esonerare un allenatore straniero dopo 5 mesi perchè non sei tra le prime 3 in una stagione dove hai cambiato: società, calciatori e appunto allenatore per me non ha un cazzo di senso. Si può anche sostenere che l'errore sia a monte....che non si doveva puntare su di lui...ma su un mister italiano...ma non puoi in alcun modo essere certo di una roma più in alto...con un Delio Rossi in panchina. Non c'è una fava di ideologico...credo sia buon senso...non c'è un motivo logico per cui io debba trovarti 3 motivi per parlare bene di luis Enrique o della stagione della roma....mi piace Luis Enrique(perchè continui a dire che ha avuto tutto quello che ha chiesto?ma che ne sai?). perchè è totalmente estraneo a questo ambiente...perchè se ne fotte di quello che dice la stampa....di quello che dice la dirigenza e di quello che dicono i tifosi.....mi piace perchè è innegabile che la roma abbia disputato partite incantevoli(senza elencartele..si parla delle vittorie..esclusa quella con il Palermo....e del primo tempo del derby)...mi piace perchè uno come Borini in questo campionato non sarebbe titolare da nessuna parte(c'è gente che non fa giocare El Sharaawy...se non per disperazione...)...perchè ha le palle di mettere Viviani dal primo minuto contro la Juve........mi piace perchè non frigna come una scolaretta...quando perde...quando un arbitro fa una minchiata o quando non arriva nessuno al mercato di Gennaio(e pensa... non si dimette neanche)....NON mi piace per tanti altri motivi...in cima alla lista il suo essere convinto di non dover imparare niente dal nostro calcio.....il resto non sto neanche a spiegartelo...basta guardare la partita di Siena o quella di bergamo...per capire cosa non piace di L.E.......ci spero....ma se ora ne perde 6 di seguito o il prossimo anno dopo nove giornate continua a vincere 4 a 0 in casa con l'Inter per poi prenderne 5 in contropiede a Sassuolo...può prendere la bici i cani e la famiglia e tornare a Gijon...

    "Bistrattato Taddei".....sostenere che Taddei..calciatore che ha passato una carriera come sterno a destra...non sia il massimo della vita come terzino sinistro TITOLARE...sarebbe ingratitudine? ....evidentemente deve essere frutto della mia visione astratta del calcio....che non so esattamente quale sia...però che tu continui a tirar fuori a sproposito....non so quale sia la mia...però se la tua è quella che stravede per gente che prima ringhia e poi appena qualcuno fa "Pssst" torna guaendo in panchina...mi tengo la mia...una visione talmente astratta... che pensa..mi fa ribadire senza problemi che la rosa del Napoli è superiore...specialmente in difesa...dove noi abbiamo solo Heinze e Juan (Juan che ne combina parecchie...le poche volte che è sano)

    RispondiElimina
  29. in conclusione... la cosa più importante..il tuo continuo sminuire il mercato della Lazio...è dovuto ad una critica preventiva alla società qualunque cosa faccia?(Klose è opera di Reja?non credo..no?)...o peggio mi sento serve per esaltare il tuo attuale tecnico(uno che era finito a Spalato...SPALATO)....no perchè questo continuo mettere le mani avanti..dopo che da due stagioni la lazio è fissa tra le prime posizioni mi sembra ridicolo....dove sta il mercato disastroso?...non è che serve come alibi perchè non si riesce ad arrivare più in alto?dammi 3 motivi per parlare male di questa Lazio ..altrimenti comincio seriamente a pensare che quello che scala una montagna di puntarelle credendo che sia l'everest.... sia tu...quanto non mi manca il profeta...

    RispondiElimina
  30. Dopo oggi non so più cosa pensare.

    Per l'ennesima volta mi tocca vedere l'imbucata centrale, con l'attaccante che passa nel mezzo dopo un lancio a superare i centrali... Va bene che era una palla persa.. Ma possibile che non esistano contromisure ai gol in fotocopia? Proprio Talebano Luis Enrique.

    E che cazzo.

    Per favore spiegatemi come posso fare la professione di Llorente: in pratica è pagato per battere le mani dalla panchina e per far fare il cerchio prima della partita. E che cazzo un'altra volta.

    RispondiElimina
  31. In genere non parlo di arbitri, però quanto visto ieri un pò mi lascia perplesso. L'espulsione di Stekelenburg è severa. La grazia a Biava e altri incoerente.

    Poi tutto vien da se. Prendi gol.. sei uno in meno.. come qualche mese fa sei costretto a giocarti un derby ad armi impari..
    Tutto ciò rafforza la mia convinzione:

    ".. il prossimo anno servirà un centrocampista forte (ma forte forte, non solo forte. Tipo impatto Toure-ManCity) e una linea di difesa rivista in almeno due elementi (centrale forte - Dedè? - e terzino.. facciamo due terzini)".

    Non sono infatti convinto che questa rosa sia definitiva e neanche che si avvicini ad un ideale di rosa per il gioco di Luis Enrique. Che sia interessante e che quella della scorsa estate sia stata un'ottima campagna acquisti si. Ma è tutto un altro discorso.

    RispondiElimina
  32. "Non so cosa abbiamo fatto per meritare questa merda...".

    Però di una cosa gli va dato atto: nonostante tutto, ci è mancato poco che pareggiavamo. L'espulsione (e il successivo gol) presa come al solito mi ha ucciso e per un attimo ho anche pensato di abbandonare lo stadio e il calcio, poi però devo dire che i restanti ottantacinque minuti mi hanno confortato. Ho visto un Bojan pimpante e finalmente un giocatore in grado di crossare (il misterioso Marquinho). Sposo la linea Nesat: adesso è inutile cambiare, stringiamoci intorno alla squadra e al tecnico - che tanto non c'è più niente in ballo, che tanto peggio di così non può andare - e a fine maggio, con la mente fredda e sgombra, ci sediamo a un tavolo del Timoniere e decidiamo che fare.

    (Purchè non prendiamo quattro gol pure a Palermo, e che cazzo...)

    RispondiElimina
  33. Ti ha ucciso ma è da strofinarsi gli occhi come Klose attacca quello spazio. Juan non è infilato, Stekelenburg non è in ritardo. E' che il tedesco fa una magia ad arrivare così bene su quella palla.

    Aggiungo: nonostante la partita superba di ieri, Juan non va bene per questo modulo. Se lo metti nel Real, nel Man Utd, nel City.. è tra i primi 5 al mondo. In questa Roma, con questo gioco, è un centrale buono e nulla più.

    RispondiElimina
  34. ragazzi poco da discutere....per regolamento è espulsione tutta la vita....e il secondo giallo di Biava è una situazione diversa....più confusa....magari pensa.. lo caccio alla prossima......a Palermo è davvero pericolosa......devi dare un segnale in trasferta....subito.altrimenti rischia di finire male....

    bella partita di Garrido........

    RispondiElimina
  35. Però non mi avete risposto su Llorente.. a che serve? Alla fine non gli trovo un ruolo.

    RispondiElimina
  36. Secondo me le critiche sull'arbitro lasciano il tempo che trovano: l'espulsione di Stek è giusta a norma di regolamento (Juan non ci sarebbe mai potuto arrivare, salvo un miracolo e credo l'arbitro debba giudicare pensando a ciò che accade normalmente), la mancata espulsione di Biava è un errore ma nel primo tempo c'era stata una gestione dei cartellini piuttosto schizofrenica (così su due piedi mi viene in mente un giallo a Matuzalem quantomeno dubbio e Biava prima incomprensibilmente graziato e poi ammonito altrettanto incomprensibilmente)quindi niente in grado di condizionare, a mio modestissimo parere, l'andamento della partita. Io ieri ho visto un De Rossi colossale che ha retto da solo due reparti, un Totti molto generoso e una Roma che ha sì sfiorato il pareggio ma ha anche seriamente rischiato di prendere il terzo.

    P.S. Sono un Laziale credente e praticante ma cerco di essere il più obiettivo possibile. Non sempre ci riesco.

    RispondiElimina
  37. Scusate il ritardo, ma ero a Londra.. Sono tornato solo per ribadire che dopo averlo visto nel derby x me Jose Angel resta il miglior terzino sinistro del campionato.. capisco che molti di voi vorrebbero rimandarmi a Londra (per non dire affanculo) per questo, ma lo ribadisco con convinzione..

    O forse no..

    (Piuttosto dopo 10 minuti che è entrato e 11 palle che ha perso mi sono davvero chiesto quale maglia indossasse Marquinho..)

    Ribadisco invece con convinzione che il problema della squadra allenata da Luigi Enrico non è tanto il giocare sempre alti, né tantomeno i crateri che si aprono sulle palle perse a metà campo.. ci possono stare, se sai che fare in avanti.. Il problema è non avere manco uno schema in attacco.. Non è che ammassando tre punte, uno o due centrocampisti e due terzini che salgono a ridosso dell’area avversaria poi succede sempre qualcosa, e in sei-sette uno la butterà pur dentro..

    Alla fine hanno più opzioni le punte solitarie di Mutti, Mondonico o chivoletevoi, che almeno sanno dove sta il compagno al momento in cui ricevono la palla e dove sarà quando la lanciano.. e viceversa.. Due schemi due.. Qui sono tutti fermi a vedere che succede, e se e dove si spostano i compagni.. Poi vabbeh, al Cesena puoi pure fare la manita..

    E per non farmi troppi amici dico anche che per me la Lazio terza in classifica è un mistero paragonabile solo alla seduta spiritica da cui uscì il nome Gradoli ai tempi del rapimento Moro.. E’ una squadra che gioca uno dei peggiori calci possibili, in superiorità numerica li avrò visti forse una volta con quattro uomini oltre la linea della palla..

    Certo che fossi tifoso laziale per andare contro Lotito preferirei leccare lo stomaco di un lombrico o essere stato “amico” di Dalla che non appoggiare le stolide battaglie di retroguardia, in tutti i sensi, dell’uterino friulano..

    PS. Mai visto un barbone in URSS..

    RispondiElimina
  38. Sarò monotono, forse all'antica, ma secondo me il problema della roma è e rimane uno solo: il tecnico.

    La roma ieri ha lottato e sfigurato meno di quanto mi attendevo dopo l'espulsione (giusta) di Stekelemburg.

    Ha preso però due gol uguali a tutti gli altri presi finora. Tutti uguali.

    Non capisco proprio come un uomo di calcio non riesca a capire i limiti della sua squadra ed a porne rimedio. E' veramente ridicolo o, se vogliamo, provocatorio.

    Ieri poi in conferenza stampa ha detto ciò che più temevo, per quanto fosse ormai chiaro a tutti: "noi sulle palle inattive marchiamo a zona".

    Bravo, bel coglione che sei, hai preso qualcosa come 25 gol su calcio da fermo e continui a marcare a zona.?

    Sei un coglione, e per di più recidivo !

    D'altronde non sarà un caso se tutti gli allenatori avversari dicono di lui che sia un grande tecnico....

    Ciò detto, mi sembra giusto chiudere la stagione con Luigino, che quanto meno è una bella persona.

    Si dia però spazio - sempre - a Angel, Kjaer e Bojan, giusto per capire se l'anno prossimo saranno utili o da buttare, nella speranza di presentarci ai nastri di partenza armati di un allenatore.

    RispondiElimina
  39. Nel frattempo Juan si e' sbragato.

    RispondiElimina
  40. il rigore? generoso..l'espulsione? ingiusta.. si vabbè la prevede il regolamento.. ma è scandaloso non poterla cambiare in corsa..borini? migliore in campo.. mauri? doveva stare ar gabbio.., la nord superba come i bei tempi? tutti razzisti e poi con i fax nn vale..palla a voi? ve l'abbiamo regalata noi..il goal di mauri? juan era infortunato..la prova di matusalem? quella tv per il pugno a borini..la lazio ha vinto meritatamente? no è la roma che si è persa il progetto..stiamo a rosica? noooo ne abbiamo vinti 5...e il bruco? mai avuto..ho ristabilito un pò di verità perchè anche L.B si allinei a tutto il resto dell'informazione..ed io così sono molto più contento..

    Janos Boka

    RispondiElimina
  41. Touché caro Janos...peraltro ti sei dimenticato di farmi il solito squilletto dopo il fischio finale, non è che stai diventado buono?

    RispondiElimina
  42. Osservatorio autolesionismo:

    Cosa succede a Borini? Perché i senatori hanno lanciato una fatwa contro di lui?
    davvero sono bastate le poche dichiarazioni rilasciate dal giocatore per emarginarlo totalmente?
    Ieri era l'unico non presente alla festa di Taddei e anche De rossi gli imputa di aver fatto troppo il primo della classe per aver detto in nazionale "io arrivo sempre puntuale e a volte anche un'ora prima".

    Sinceramente non capisco, queste cose sembrano fantasia eppure diventano realtà e condizionano carriere. Borini mi sembra l'unica nota positiva della stagione della roma, oltre ai 30' minuti di Bologna tanto cari a Nesat, perché mandare tutto in vacca?

    RispondiElimina
  43. Secondo me, non esiste alcun problema. É proprio Borini a non andare a queste cene. Lo disse pure lui in un'intervista successiva alla famosa cena, in cui secondo qualcuno (Catapano, sì proprio lui), alcuni invitati superarono il limite.

    Solite costruzioni della stampa Romana. É ora di chiudere radio e giornali sportivi.

    RispondiElimina
  44. i minuti di bologna sono cari a tutti..piccolo Gegen...mi sembra la stessa storia di quando osvaldo non andò alla cena della società prima di natale.......

    sai quante volte sarà successo alla lazio?...solo che formello non fa notizia...
    la lazio a livello mediatico (e non è per deridere o parlar male...anzi è una fortuna)a Roma non se la caga nessuno......
    soprattutto i laziali....Gegen ne è un chiaro esempio......

    RispondiElimina
  45. Infatti Fabio sembrerebbe proprio pagare un "atteggiamento da primo della classe"...

    RispondiElimina