martedì 31 gennaio 2012

Timido post scriptum a Ovolollo, o del calciomercato


Marco Antônio de Mattos Filho, detto Marquinho
Già che parliamo di calciomercato, tanto vale riflettere su un paio di cose.
Scorrendo il tabellone del calciomercato mi sono reso conto di una cosa. Al di là dei talenti, degli osservatori e dei bidoni, la Serie A ha definitivamente assimilato il lato a mio avviso peggiore del campionato in questo momento punto di riferimento in Europa, la Premier.

Mi spiego. Fino a qualche tempo fa, una trattativa, un acquisto o un prestito erano merce rara e ben ponderata. Ora, invece, i giocatori sembrano diventati usa e getta.
Basta scorrere il tabellone del calciomercato per rendersi conto che praticamente tutti i ds sono fuori controllo.
Con le "grandi" a saccheggiare e le "piccole" a stanare conigli da improbabili cilindri. Formule magiche di contratto - la più in voga da qualche anno è senza dubbio quella del prestito con obbligo di riscatto, sintetizzabile in un semplice "voglio ma non posso e neanche tu potresti" - e vecchie glorie che sbarcano in provincia.
Sembra, in altre parole, che un giocatore ben possa ormai essere preso in prestito o acquistato semplicemente per un singolo gol o tackle o cross. Ed ecco allora Muntari e Maxi Lopez al Milan, Kucka all'Inter e Padoin e Borriello alla Juve.
Il tutto ben lonatno da logiche di lungo periodo. Il tutto pronto a bruciare chiunque per 3 punti 3 fuori casa.
Il margine di errore per un giocatore è quindi ormai ridotto a zero. Anche un solo allenamento saltato o dove non rendi al meglio e ti sei giocato un'esperienza della carriera.
Alcune trattative, grazie al Cielo, hanno ancora un sapore poco speculativo. Mi riferisco ad Inzaghi al Siena, a Iaquinta a Cesena.
Alcuni progetti, quelli delle romaniste ad esempio, convincono e sembrano più equilibrati degli altri. Ma parliamo di una stretta minoranza.
E manifesto dunque un personale disappunto verso una Serie A che mai come prima fatica a farsi seguire. Con rose da trenta giocatori e nomi impossibili - meglio, improbabili - pescati di domenica in domenica.

In tutto ciò, mi sembra di capire che Atalanta, Cagliari e Novara si siano rafforzate, mentre Catania e Palermo sembrano aver perso qualcosa per strada. Certo è che Juventus, Inter e Milan tanto hanno smosso per lasciare invariati gli equilibri di un mese fa.
E certo è - per tornare all'Ovolollo e agli osservatori - che uno a caso dei tanti comprati da Fiorentina, Lecce, Udinese e Parma un minimo di talento dimostrerà di averlo.

19 commenti:

  1. Vorrei solo sottolineare che la mia squadra di affezione ha comprato a questo giro:

    un noto scarpone (sta scritto anche su wikipedia) uruguayano di almeno ventotto anni, scarto di tutte le squadre di metà classifica e scarto originario della squadra termine di ogni odio locale;

    un ventottenne fuorirosa nell'Ajax (un motivo ci sarà);

    un trentunenne fuorirosa nella squadra termine di ogni odio locale di cui sopra, con un'acconciatura che ricorda la pista del velodromo Vigorelli (unica operazione che tuttavia ha un barlume di senso);

    il cugino di Drogba.

    NON ha venduto, dietro congrua offerta, Behrami alla squadra termine di ogni odio locale di cui sopra (sono finiti i tempi di Felipe Melo).

    Direi una candidatura quasi imbattibile, a non so quale premio, di cui non posso che pregiarmi.

    RispondiElimina
  2. Caro Bostero,

    capirci qualcosa ormai è divenuto quasi impossibile.

    Il mercato di riparazione dovrebbe essere ad esclusivo vantaggio di chi ha effettivamente qualcosa da sistemare, non per rimpinguare le tasche di grassi procuratori o per perversi scambi di figurine.

    Mi colpisce però molto quanto fatto dalla Roma, l'unica tra le presunte grandi in evidente difficoltà in alcuni reparti (vedasi alla voce "TERZINI") per almeno due ordini di motivi.

    Il primo, il più evidente, è legato al sostanziale immobilismo della società sul mercato, forse almeno in parte riconducubile ad una ricapitalizzazione deliberata solo ieri.

    La seconda, è la questione Marquinho.

    Chi sia Marquinho non ci è dato saperlo. Bufala clamorosa o colpo gobbo lo dirà il tempo.

    Per il momento però trovo eccezionale la descrizione de giocatore data da Luigi Enrico: un giocatore di qualità, che potrà dare una mano come intermedio di centrocampo, terzino e, perchè no, come attaccante esterno.

    Qui delle due l'una: o è arrivato il salvatore della patria, ovvero non sa neanche lui per quale potenziale soluzione è stato tesserato il fascinoso Marquinho, novello Cruyff in salsa giallorossa.

    Infine, una breve nota di colore appena sfornata da un prestigioso sito di calciomercato.

    Cito testualmente:

    "Il River avrebbe offerto alla Roma tre giovani: Cirigliano, Ocampos e Funes Mori. Il prezzo totale del cartellino dei tre si aggirerebbe intorno ai 35 mln ma i giallorossi avrebbero declinato, per il momento, l’offerta. Se ne riparlerà in estate."

    In effetti sono spiccioli, cosa aspetterà mai Sabatini?

    Tranquilli, ora lo chiamo io.

    RispondiElimina
  3. Ben lontano dal voler esprimere un commento tecnico sulle 3 proposte del River, voglio però riportare la prima frase sulla pagina di Wikipedia dedicata a Funes Mori (dei tre, senza dubbio il più famoso):

    "Gli inizi al Dallas - Nel 2001 si trasferì a Dallas, negli Stati Uniti, con la sua famiglia; lì, insieme al fratello José, partecipò a un reality show. La vittoria del programma gli fece ottenere l'ingresso nel settore giovanile del FC Dallas".

    Ecco.. pescare promesse dai reality credo sia un punto di non ritorno.

    RispondiElimina
  4. dopo nocerino, muntari.. (porquè, porquè, porquè? all'ennesima potenza) ciliegina sulla torta il marito biondo di una nota animatrice (si può dire escort o è meglio wag?) dei salotti della catania bene.. vi ho mai detto che tifo albinoleffe?

    RispondiElimina
  5. "un giocatore di qualità, che potrà dare una mano come intermedio di centrocampo, terzino e, perchè no, come attaccante esterno." anche io ero rimasto affascinato da questa descrizione... ma non ha detto che può fare anche il trequartista??
    Io mi fido del Saba però…

    RispondiElimina
  6. i 3 del River li ho visti dal vivo a novembre contro l'Instituto. Ocampos ha 18 anni, seconda punta, è fisicamente una bestia ed è fortissimo tecnicamente.
    Di Cirigliano non ricordo nulla.
    Funes Mori era in tribuna (e lì che sta di solito), mi passò a 4 metri che usciva dal Kempes di Cordoba, sotto una miriade di sputi e improperi tipo PUUUTOOOOOO.
    Se valgono 35 milioni, 3 a caso del Pescara ne valgono 70.

    RispondiElimina
  7. Marquinho dalle immagini pare un Hernanes più scarso tecnicamente, ma con più corsa.
    La mia previsione è che sarà il nuovo Vagner.

    RispondiElimina
  8. Bellissimi i commenti di tutti. Arturo per me la Fiorentina pescando solo così male non potrà che aver pescato bene, per qualche strana legge (al contrario). Certo è che Olivera non ho mai capito che giocatore sia. Zio ti sei dimenticato di Mesbah...certo che Muntari è una sciagura da far cambiare squadra. Da Tevez a Maxi Lopez poi c'è la stessa distanza che dice Tibe tra i tre del River e i tre del Pescara, ma forse anche con i Tretrè...Per quanto Funes Mori era un vecchio pallino del Fornaretto. Sulla Roma non mi esprimo perchè già si è espresso Tato, non vedo l'ora di giocare con due mezz'ale brasiliane (Marquinho e Taddei) come terzini.

    Bostero, appprezzo il tuo post, anzi sono così d'accordo che rilancio una vecchia proposta: abolire il calciomercato di gennaio, o in subordine ridurlo a un fine settimana. Il problema è che ormai il mercato si fa tutto l'anno, è quello lo schifo.

    Infine, una domanda: Padoin?

    RispondiElimina
  9. Come ci segnala Gegen, pesante anche il colpo Candreva...il Donnie Brasco romanista...comunque Lotito stavolta ha fatto un buco nell'acqua. Per una volta che la Lazio poteva fare il salto di qualità...

    RispondiElimina
  10. Padoin sembra una stecca per qualcuno. Tra l'altro pare che nei contratti è stato messo che se la Juventus vince il campionato, paga una cifra grossa all'Atalanta per Padoin. Guarda caso all'ultima c'è Juventus-Atalanta.

    RispondiElimina
  11. Caro Dionigi,

    devo ammettere che funes mori si é un po' perso per strada, mentre ocampos mi sembra molto buono. in argentina parlano benissimo di cirigliano...staremo a vedere.

    sono contento che finalmente bostero abbia detto quello che realmente pensa parlando bene del progetto giallorosso.

    candreva secondo me é un ottimo acquisto. é chiaro che all'inizio la sua simpatia per la roma rappresenterá un problema, ma con qualche bella prestazione se la scorderanno tutti. del resto si sa che i tifosi della lazio non fanno troppo caso a queste cose. la classe di leverani ha fatto passare in secondo piano la sua presenza a testaccio il 17 giugno 2001 mentre la proverbiale grinta di di canio ha fatto dimenticare a tutti il suo amore per il napoli.

    vi saluto,
    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  12. Allora correggo il tiro, Fornaretto.
    Diciamo che più che il progetto mi convince l'atteggiamento di Luis Enrique e la reazione della società allo stesso.

    Apprezzo che non stia snaturando la sua idea per alte posizioni in classifica. Lo apprezzo molto di più - per dire - rispetto ad un Ranieri che è 10 anni che non riesce a mollare il 4 4 2. Che di Sneijder non sa che farsene e cui manca sempre una lira per fare un milione.

    Poi, per carità, i risultati sono per forza di cose altalenanti (vuoi anche perchè Osvaldo non è Messi, Pjanic non è Iniesta e Heinze non è Piquè) ma se fossi un tifoso romanista sarei molto molto contento di questa "proposta" (per dirla alla Lucho).

    RispondiElimina
  13. Il mercato (se così si può chiamare) della lazio è una delle cose più gravi della gestione Lotito.
    Ancora una volta ha pensato di poter fare il dritto, di tirare le cose per le lunghe sperando nei tempi stretti. Invece è finita con tare bloccato all'aeroporto e con una trattativa di 30 minuti che porta uno scarto del cesena peraltro tifosissimo della Roma.
    Penso che sia un fatto grave, talmente grave da giustificare la rottura della "tregua" tra il tifo e la presidenza..

    Potevamo, con poche mosse intelligenti, provare a fare un grande girone di ritorno, ci siamo ridotti a sperare che Klose continui a togliere le castagne dal fuoco a questa squadra...

    LOTITO VATTENE

    RispondiElimina
  14. @ Fornaretto, segnamocelo questo commento di Gegen sulla Lazio.

    @ Gegen, la trattativa per Honda dovevano forse gestirla meglio. Dalle voci che sono trapelate capisco che il CSKA chiedeva X e che la Lazio offriva Y. La Lazio ha alzato l'offerta, arrivando a Y in due rate. E il CSKA, che evidentemente non è alla canna del gas, ha risposto picche: li voglio tutti subito. Ci sta che ti sfuma (anche se potevi allora aspettare su Cissè e accellerare su Honda).
    Quello che è grave è che non abbiano seguto fin da subito anche altre piste visto che la trattativa per il giapponese da diversi giorni si era rivelata spigolosa.
    Certo è che le parole di Tare convincono molto molto poco.

    In tutto ciò, genio il presidente del Boca che offre 0 per Tevez.

    RispondiElimina
  15. Che se ne sarebbero fatti poi al Boca di Tevez se hanno preso Santiago Silva?????
    @ ARTURO hai tutta la mia comprensione!
    Michelone

    RispondiElimina
  16. il CSKA che "di sicuro non è alla canna del gas" mi ha fatto morie.

    Notevole è stata pure la trattativa alla supercazzola tra Ajax e viola per lo scarto di cui sopra.
    Sembra che oltre a giocatori a cottimo, bolliti e tronisti questo mercato abbia portato con se il prestigio del campionato italiano in europa, se ci schifa pure l'Eredivise siamo alla frutta.

    RispondiElimina
  17. Io più ci penso e più non riesco a spiegarmi Padoin. Non è stato preso per colmare un buco, perchè Pazienza l'abbiamo dato all'Udinese. E in prestito. Gli hanno fatto un contratto di 5 ANNI, tanto per ritrovarci con qualche peso tra un po'. Hanno preso uno che, con tutto l'ottimismo che ho in corpo, potrà massimo essere un buon(issimo) panchinaro. Panchinaro. Perchè se parte una volta titolare Padoin o è Coppa Italia col Brescello o salcazzo cosa. Bah. In tutto ciò 4,5 milioni di euro, mica merda. E poi ci mettiamo un mese a trattare col Siviglia per 500mila euro. Bah.

    In tutto ciò Mesbah sa crossare e farà praticamente il titolare al Milan. L'Inter vende l'unico centrocampista che fa girare la squadra per prendere uno che al Porto è fuori rosa(a me tra l'altro piace mica poco). L'appeal ritrovato del calcio italiano a sto giro non possono sbandierarlo manco alla rai.

    Tevez al Boca e muoio contento.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  18. Padoin credo sia un pupillo di Conte.....per me Guarin è un grandissimo acquisto......su Honda la Lazio ha fatto una stronzata era un calciatore perfetto per Reja...comunque Candreva a me non dispiace.....ottimo Belluschi al Genoa.....il ritorno di Bojinov in Salento vale tutto il calciomercato

    RispondiElimina
  19. Ma infatti Belluschi al Genoa mi ha colto fortemente impreparato, è buono buono secondo me, il Porto starà rinnovando a caso. Bojinov intanto è esploso e bollito circa 16 volte e ha ancora 25 anni. Io nella salvezza ci credo ancora, daje barca in miniatura.

    Giuseppe

    RispondiElimina