giovedì 19 gennaio 2012

Gabon-Guinea Equatoriale 2012

Sono circa le 19 allo stadio Mbobela di Nelspruit(Sudafrica) quando il 38enne Keniota Silvester Kirwa fischia la fine del match tra Sudafrica e Sierraleone. La partita termina sullo 0 a 0 ma tanto basta ai Bafana Bafana per passare il turno. I 40 mila assiepati sui seggiolini zebrati dello stadio che nel 2010 ospitò epici incontri come Italia-Nuova Zelanda, Costa d'Avorio-Corea del Nord e Honduras Cile, possono esultare, la differenza reti nei confronti del Niger(che nel mentre ha perso 3 a 0 in Egitto)porta il Sudafrica in Gabon e Guinea Equatoriale per la coppa d'Africa 2012. In campo partono i festeggiamenti, i giocatori corrono, esultano e ballano, ballano e ancora ballano, le simpatiche vuvuzelas e questo "Delicatissimo" stadio zebrato, con le colonne a forma di giraffa e le scalinate a forma di serpente(si il progetto è stato realizzato sotto un pesante quantitativo di Khat) fanno da sfondo all'impresa. Poi, qualcuno, non si sa chi, ma qualcuno, deve averli avvisati, sarà entrato in campo mentre i ragazzi in gialloverde ballavano, si sarà avvicinato all'orecchio del mister o del capitano e avrà sussurrato: "Bella la boiserie, bello l'armadio, belle le cassapanche,belli i balletti e le vuvuzelas, bello tutto....ma cor cazzo che semo passati(forma dialettale tipica del Mpumalanga)". Eh già, ballano ballano ma alla fine a passare il turno in virtù della classifica avulsa è il Niger. Ecco, io vi chiedo, come si può non amare una competizione che già dalle qualificazioni, regala queste gioie?
Teodoro Obiang Nguema Mbasogo è un ragazzone di 37 anni nel 1979, è nipote di Francisco Macías Nguema presidente/dittatore filosovietico della Guinea Equatoriale. Zio Francisco non è proprio quel genere di zio che viene a trovarti ogni tanto con le pastarelle, lui è uno zio un tantino diverso, sarà per via della sua grande passione per l'iboga ma il buon Francisco, lo zio Francisco, ha una visione tutta sua, o meglio, ha, grazie all'Iboga, delle visioni tutte sue. Teodoro è membro di quel governo e forse sogna un giorno di diventare presidente, proprio come suo zio, per ora si limita però a lavare la macchina di zio Francisco, in divisa da tenente colonnello. In Guinea Equatoriale si dice che zio Francisco abbia magici poteri, in fondo è figlio di uno stregone, in effetti dal 1968 al 1979 fece sparire tantissime persone, circa 80 mila. Francisco non era molto propenso al dialogo, solitamente faceva gettare i suoi oppositori nella pece bollente. Una volta ne fece fucilare 150 nello stadio di Malabo con in sottofondo la canzone di Mary Hopkins "Those were the days ". Odiava la parola "Intellettuale" tanto da proibirla. Sotto di lui un terzo della popolazione fuggì. La Guinea Equatoriale venne soprannominata durante il suo regime la "Dachau d'Africa". Un giorno Teodoro andò a trovare, dopo aver lucidato bene la sua macchina, suo zio Francisco, si avvicino al suo orecchio e disse: "Ok zio...bella la boiserie, bello l'armadio, belle le cassapanche, bello il genocidio, bello l'Iboga, ma ora hai veramente rotto er cazzo(tipico dialetto di Akoakam)", in quel momento sicuramente strafatto di Iboga(nella sua mente stava probabilmente parlando di politica interna e dei mondiali di squash con Napo Orsocapo e una caffettiera lilla in frac)zio Francisco non si rese conto. Così Francisco venne deposto e Teodoro divenne presidente. Francisco Macias Nguema fu condannato a morte 101 volte, ma nessun soldato fu disposto a eseguire la condanna per via dei suoi presunti poteri magici, per fucilare Francisco, il 29 Settembre del 1979 vennero quindi ingaggiati dei mercenari marocchini. Con Teo la situazione migliora. Fino ad oggi si parla solo di 40mila morti in 30 anni, robetta in confronto a Francisco. Teodoro a differenza di Francisco ha una testa e sa usarla, inoltre non mastica piante magiche il che non è poco. Il petrolio e le risorse naturali hanno fruttato al buon Teo un patrimonio che si aggira intorno ai 700 milioni di dollari. Secondo Forbes è un dei dieci dittatori più ricchi del mondo,un gradino sotto compagno Fidel. Lui è la , e la rimane visti i suoi rapporti con gli Stati Uniti, visto i suoi affari con la Exxon Mobil. Ma non sono qua per parlare di questo, ne tanto meno di suo figlio che possiede la villa più costosa di Malibù, e uno yacht(ancora in costruzione) da appena 375 milioni di dollari(3 volte la cifra che il governo investe in un anno per sanità ed istruzione). Teo ormai gravemente ammalato(almeno così si narra) riesce a farsi assegnare la coppa d'Africa, forse il suo ultimo grande gesto prima di raggiungere zio Francisco. Sull'altro paese organizzatore, il Gabon, poco da dire, una dittatura mascherata per anni portata avanti da Omar Bongo(scomparso nel 2009), si..il nome è da barzelletta di "La sai l'ultima"(c'è una razza più odiosa del barzellettiere?con quel "Senti questa"..che ti farebbe venir voglia di prendere a sprangate tutti i suoi cari), ma nonostante tutto il Gabon non se la passa malissimo, anzi è una delle nazioni africane più sviluppate. L'importante è non consumare carne di scimmia , specie se al confine con il Congo, c'è il rischio di beccarsi l'Ebola. Ma quanta fame chimica da iboga devi avere, per andare a comprare carne di scimmia al confine con il Congo? In questa edizione della coppa d'Africa ci saranno tre nazionali esordienti. La Guinea Equatoriale, qualificata di diritto, Il Niger che ha avuto la meglio sul Sudafrica e il Botswana. Sul Botswana torneremo dopo. Il giocatore più giovane della manifestazione è il centrocampista del Burkina, Bertrand Traorè(16 anni), che milita nelle giovanili del Chelsea, il più vecchio è il guineano Bobo Baldè(36), gigantesco difensore centrale ex Celtic. Va detto che non ho sotto mano, le date di nascita dei calciatori del Niger, ammesso sempre che esistano dei calciatori in Niger.
GRUPPO A
Guinea Equatoriale, Libia, Senegal e Zambia. Girone strano, con possibili sorprese. Dovrebbe essere certo il riscatto del Senegal(assente nel 2010), squadra decisamente interessante, splendido l'attacco con l'ex Friburgo Papiss Cissè(fresco di trasferimento al Newcastle), Demba Ba e soprattutto Moussa Sow del Lille, sicuramente meno talentuoso il centrocampo, ma ottima ed esperta la difesa. Inoltre il Senegal si è sbarazzato durante le qualificazioni di Camerun e Repubblica democratica del Congo. L'altra favorita del girone è lo Zambia. Zambia che nel 2010 in Angola ha stupito un po' tutti(fu eliminato ai quarti dalla Nigeria ai rigori), da tenere d'occhio l'attaccante Mayuka giocatore dello Young Boys. La Libia attraversa per ovvi motivi un periodo di assestamento, potrebbe comunque passare il turno, mentre la Guinea Equatoriale può accedere ai quarti in due modi, può comprarsi il girone(cosa non troppo lontana dalla verità conoscendo Teo)o altrimenti, può affidarsi ai poteri magici di zio Francisco.
GRUPPO B Costa d'Avorio, Sudan, Angola e Burkina. Costa d'Avorio su tutti per esperienza e qualità. Leggendo la rosa si può tranquillamente considerare la squadra più forte della manifestazione, nel 2010 si suicidò contro l'Algeria, questa volta dovrebbe arrivare fino in fondo. I due Tourè, Tiotè, Tienè, Ebouè, Boka, Drogba, Kalou, Gervinho.....sulla carta, Ghana permettendo, ha la coppa in mano. L'Angola ha fatto benino 2 anni fa ma giocava in casa, può replicare, non credo possa ambire a più di un quarto di finale, da segnalare Djalma ora al Porto. Sul Burkina non ho troppo da dire, nel 2010 era inserito nel girone farsa del Togo con Costa d Avorio e Ghana, quindi nel girone a 3 in seguito al ritiro della nazionale togolese. Riuscì a fare un punto contro Drogba e soci per poi perdere con il Ghana. Pur non avendo nessuna stella, se la gioca per il secondo posto con l'Angola. il mai esploso Kaborè, il buon Pitroipa e Dagano possono puntare ai quarti. Il Sudan invece è inutile, nel 2008 andò a casa con 9 reti sul groppone, 0 goal fatti e 0 punti. GRUPPO C Gabon, Marocco, Tunisia e Niger. Va detto che dopo il furto del 2010 ai danni del Gabon, mi auguro che i padroni di casa riescano quantomeno a passare il turno. La rosa non è eccellente, ma il fattore campo può aiutare una nazionale non pessima. Tolto Aubameyang(un dei 36 Aubumeyang che hanno giocato nel Milan) del Saint-Etienne, il Gabon offre poco, giusto qualche elemento del campionato francese. Il Niger è una bellissima favola, già vederlo arrivare fino a qua è stata una gioia, non chiudere a 0 punti sarebbe un impresa, sempre ricordando che ha vinto un girone con Egitto e Sudafrica e merita quindi parecchio rispetto.La Tunisia non mi convince, insidiosa, rognosa, ma manca la qualità di un tempo(la luce è Issam Jemaa). Non male il Marocco, possibile pretendente alla vittoria finale, oltre al genio Taarabt, un uomo capace di prendere l'autobus dopo una sostituzione, occhio al duo di centrocampo targato Anzi, Boussoufa e Mehdi Carcela-Gonzalez e poi Benatia, Kharja e Chamakh. Discorso a parte per Youssouf Hadji(proprietario di un salone di bellezza),discreto calciatore e fratello minore di quel DIO assoluto del calcio chiamato Mustapha Hadji che purtroppo ha appeso il codino al chiodo nel 2010, dopo un interessante esperienza nel Fola Esch in Lussemburgo. GRUPPO D Ghana, Mali, Botswana e Guinea. Il Botswana(una maglia strepitosa) è il miracolo di questa edizione della coppa d'Africa, più del Niger per come si è qualificato. Ha dominato un girone con Togo e Tunisia e ha sconfitto le aquile di Cartagine in casa e fuori. La speranza è che le zebre possano continuare a far sognare pur avendo in rosa 23 signor nessuno. Il Ghana secondo logica dovrebbe vincere. Il secondo posto alla scorsa edizione aggiunto alla semifinale mondiale sfuggita all'ultimo secondo fa capire il potenziale di questa squadra. Mancherà Kevin-Prince, che ha deciso di ritirarsi dalla nazionale, ci saranno però i Fratelli Ayew figli di Abedì Pelè genio del calcio e nipoti quindi di Kwane Ayew che tanto fece bestemmiare i tifosi del Lecce. Andrè Ayew è un calciatore da prendere domani stesso, veramente, veramente forte, non che Jordan sia da meno. Il resto sono i soliti noti: Badu, Asamoah, Asamoah Gyan, Mensah, Annan, Muntari, Pantsil. Il Mali è la squadra che tifo, sono dati a 20 per la vittoria finale, io 5 euro ce li butto stravolentieri. Una rosa di calciatori che gioca in Europa(specialmente in Francia) capitanata da Keita. Garrà Dembelè(Quello accusato di stupro a Roma), ex Levski Sofia ora al Friburgo, può essere l'arma in più. Infine la Guinea, da non confondere con la Guinea Equatoriale paese ospitante, già perchè di Guinea ce ne sono 61 nel mondo, questa è la Guinea Conakry, poi c'è anche la Guinea Bissau, la Guinea Equatoriale, la Papua Nuova Guinea, Guinea Marittima, Marina di Guinea, Guinea de ota, Guinea de ura, Sant'Alessio di Guinea. Minchiate a parte, la Guinea non è squadra da sottovalutare, ha un buon mix e lotterà per il secondo posto nel girone contro il Malì. La coppa d'Africa non segue nessuna logica, o meglio, la logica è che tutti giocano bene ma alla fine vince l'Egitto ma ringraziando il cielo l'Egitto non si è qualificato. Inutile fare pronostici, spero nel Mali, credo in Ghana e Costa d'Avorio e metto Senegal e Marocco come outsider. Non rimane che sintonizzarsi su Eurosport, sedersi sul divano fare fare scorta di parecchio Iboga per godersi la magia di questa coppa d'Africa 2012.

31 commenti:

  1. NB i punti sul gruppo A e sul gruppo B erano già stati scritti prima dell inizio della manifestazione....

    RispondiElimina
  2. Prima o poi dovremo fare una colletta e mandartici in carne e ossa alla coppa d'Africa...grazie Nesat, ci hai illuminato meglio dell'iboga.

    L'esultanza dei giocatori del Sudafrica è meravigliosa. Non aggiungo altro perchè in futuro vorrei riciclarmi nel partito democratico.

    RispondiElimina
  3. Nesat, sei un genio... ti scusiamo il "ritardo" per i gruppi A e B...

    La carne di scimmia è molto ricercata in africa dove è severamente vietato cacciarla e cucinarla. Gli africani mangerebbero qualunque tipo di animale di boscaglia...

    Bongo è morto a Barcellona.

    RispondiElimina
  4. Mitico Nesat.. non solo parteciperò volentieri alla colletta per mandarti in carne (di scimmia) ed ossa (di zio Francisco) al prossimo torneo, ma secondo me dovrebbero farti 37 fratello Aubameyang ad honorem..

    Tiferò Angola (gran gol di Mateus praticamente da seduto a stendere il Burkina Faso) per motivi famigliari.. A quanto la danno vincente?

    RispondiElimina
  5. Aggiungo un paio di cose:

    - Pare che il buon Teodoro, in virtù della sua sconfinata ricchezza, abbia promesso ai suoi giocatori un milione di dollari da spartire tra tutti quanti se avessero battuto la Libia nell'incontro inaugurale, più un extra di 20mila dollari per ciascun gol messo a segno. Non so se l'impegno sia poi stato onorato, ma da come i guineani hanno giocato i primi 15 minuti mi è venuto da pensare che fosse vero: all'arma bianca come se fosse il quarto minuto di recupero.

    - Credo sia dovere LdB aprire un'inchiesta sugli Aubameyang transitati da Milanello negli ultimi vent'anni...deve esserci qualcosa sotto.

    RispondiElimina
  6. Veramente il blog più bello del mondo.
    A presto

    RispondiElimina
  7. Un'ottima occasione per vedere all'opera l'idolo Adel Taarabt, ormai sempre più reietto al QPR(pazzesco). Uno dei pochi giocatori che, quando toccano palla, mi regalano, insieme, pace interiore e palpitazioni continue(in attività oltre a lui, d'istinto: Riquelme, Menez, Vucinic).

    La cosa più bella rimangono i dati all'anagrafe della maggior parte di questi soggetti. Doumbia lo danno '87. http://img.uefa.com/imgml/TP/players/14/2011/324x324/250002480.jpg

    Giuseppe

    RispondiElimina
  8. Intanto Aubameyang ha segnato nel 2-0 in esordio contro il Niger... Ma il Marocco a quanto lo danno? Mi sembra un'ottima squadra e una scommessina forse la vale..vediamo se vince oggi con la Tunisia: troppo bella la Coppa d'Africa, peccato che non ho Eurosport..devo recuperare le partite in streaming...
    Anche io tifo Mali e sono disposto a pagare per accompagnarti in Africa a vedere tutte le partite, Nesat, e amen se non possiamo mangiare carne di scimmia..un po' di Iboga, però, lo proverei...

    Vincenzo

    RispondiElimina
  9. Dice Orla: "Credo sia dovere LdB aprire un'inchiesta sugli Aubameyang transitati da Milanello negli ultimi vent'anni...deve esserci qualcosa sotto".

    Mah, sotto, sopra, dietro, di lato, sempre di Maura Baresi si tratta...

    RispondiElimina
  10. Uhhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuh!

    RispondiElimina
  11. Olè ho già bruciato Marocco e Senegal.......... consiglio di giocare il Marocco ora...la quota si alza....


    ah Vincè....possiamo accontentarci di qualche big match al Ciccio Scapellato di Scicli.....

    RispondiElimina
  12. Il Ciccio Scapellato: un grande stadio per grandi match! D'altronde, un po' di Africa è passata anche da quelle parti: mio padre mi raccontava di una stagione con, tra le fila cremisi, un paio di mezz'ali tunisine che non erano niente male tra la fine degli anni ottanta e i primi anni novanta... Mi devo documentare meglio!
    Comunque, il Marocco, forse, me lo gioco...

    Vincenzo

    RispondiElimina
  13. Un post, questo, che rischia di provocarmi ripetute polluzioni notturne...
    L'episodio dell'esultanza inutile dei Bafana Bafana raggiunge quasi l'apoteosi, forse un grandino sotto alla punizione di Mwepu a Germania '74, o a Thomas N'Kono percosso ed arrestato in campo durante la Coppa d'Africa 2002 perché sospettato di voler gettare un talismano di magia nera nell'erba, per spargere il malocchio.
    La storia di Francisco e Teodoro, poi, si commenta da sola.
    Eh sì, il calcio evolve, ma l'Africa ci regala ancora grandi gioie.
    Grazie Nesat, brindo assieme a te all'Africa e a questo post sontuoso con una scorpacciata di buon IBOGA...

    RispondiElimina
  14. Maestro Zokora24 gennaio 2012 22:04

    Complimenti Nesat, un articolo da leccarsi i baffi !!!
    Comunque è vero, la Coppa d'Africa sa sempre regalare emozioni uniche, sotto tutti i punti di vista ...
    Ad esempio, sul sito cafonline.com, ottimamente ricco di informazioni in Inglese, spicca la pagina "Groups&Standings" ... SOLO IN ARABO !!!

    http://www.cafonline.com/competition/african-cup-of-nations_2012/groups

    Grazie Calcio Africano.

    RispondiElimina
  15. Insultatemi pure ragazzi ma io la Coppa d'Africa non l'ho mai capita.
    Non che non mi piaccia, la guardo sempre volentieri ma credo sia più truccata del campionato Vietnamita (e non l'ho sparato a caso, l'esperienza parla).
    Faremmo tutti prima a scrivere "per me vinceranno i diamanti, organizzatissimi in difesa e pungenti sulle fasce ma anche il cacao che possiede un attacco esplosivo è favorito e attenti alla mina vagante coltan e all'outsider tartaruga angonoka di contrabbando, pronti a regalare qualche sorpresa, sempre che gli AK47 e la loro impostazione tattica all'europea non si decidano a dominare".
    Deliri a parte e calcisticamente parlando, solo raramente ho visto partite emozionanti, quelle che ho guardato di quest'edizione mi hanno fatto rabbrividire, vedasi Burkina Faso-Angola (che tra l'altro mi ha fatto perdere 140 euro), Costa d'Avorio-Sudan e Mali-Guinea di stasera (ho perfino rinunciato a Juve-Roma, che testa che ho). A fine torneo si conteranno circa 1600 passaggi sbagliati e 500 palloni regalati alle tribune ma naturalmente il tutto verrà come sempre compensato dal folklorismo del tifo, delle esultanze e da qualche incredibile personaggio con le treccine bionde mai sentito nominare.
    Tifo Tunisia, a maggior ragione dopo la vittoria sul Marocco, perchè da piccolo ero innamorato dei due attaccanti Sellimi e l'uomo senza collo Ben Slimane, non chiedetemi il perchè dato che non saprei rispondervi. Era scarsi da fare spavento, credo che se avessero giocato bendati sicuramente l'intesa tra loro sarebbe stata migliore; a Francia 98 ho atteso invano un loro goal e invece è arrivato solo un rigore per grazia del cielo calciato da non so chi.
    Dionigi tu mi devi risarcire uno stock di mutande, quando hai tirato fuori Maura Baresi qualche goccia di piscio mi è uscita dal ridere, purtroppo sta succedendo con troppa frequenza.
    Osservazione completamente fuori luogo: qualcuno ha per caso visto l'intervista del dopo partita di Luis Enrique? Si è leccato un dito strofinandolo sulla mano sporca, subito dopo risata fasulla da presa per il culo in faccia al giornalista rai dopo la sua domanda e continue e nervose toccate di naso, non credevo fosse così esaurito.
    Ne ho sparate troppe, sono consapevole di essere a rischio di bannamento, corro dal mio pusher a prenotare un pò di Iboga che è meglio.

    RispondiElimina
  16. Geniale l'intervista di Luis Enrique, la cosa migliore della partita della Roma. Sembrava pieno di tic in effetti, si toccava continuamente, era nervosissimo, mi piace il verbo inglese fidgeting per descriverlo. Poi aveva quei due strani fili che gli penzolavano dalla sciarpa.
    La risata è stata meravigliosa ("Il problema è stato psicologico?" "Hahahahaha"), e ancor più meraviglioso è stato che il bordocampista non si è accorto che lo stava prendendo per il culo. Ora voglio dire una cosa su quel bordocampista, tale Lollobrigida: lui, come altri bordocampisti Rai, tipo quello della nazionale (mi pare si chiami Antinelli, una cosa del genere), sono dei MONGOLOIDI. Ma non mongoloidi rispetto agli altri bordocampisti, mongoloidi rispetto al genere umano. Vanno bene le raccomandazioni, vanno bene le quote protette per minorati mentali, vanno bene le mutande pazze, è pur sempre la Rai, ma cazzo, non possono far parlare e comparire in video degli ebeti di questo livello. Poi penso che il commento lo fa Collovati, e allora tutto torna...

    Collovati, un commentatore tecnico da coppa d'Africa.

    ps non ho visto una partita nè conosco un risultato di coppa d'africa, che sta succedendo?

    RispondiElimina
  17. A proposito di Juve-Roma, e ricollegandomi ad un vecchio post in cui s'erano tirate in ballo le pronunce da brividi. Episodio di stasera: CHEAR(kjaer). PERCHÈ. PERCHÈ. Cosa cazzo c'entra?
    Comunque Luis Enrique è uno psicopatico secondo me, ogni tanto gli prendono i 5 secondi di follia e non è la prima volta che succede. Situazione da teatro dell'assurdo. Risate a profusione.

    Per chiudere, le lodi sperticate a Taddei hanno finalmente prodotto i loro frutti: partita di merda e Estigarribia che sembrava quasi forte. Poi Giaccherini che non prende il portiere a 4 metri da esso stesso è notizia da prima pagina. Dominiuccio stasera eh.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  18. Bostero tifa Gabon. Libreville mon amour.
    E quasi quasi me lo gioco per la vittoria finale. Tanto la Costa d'Avorio un modo per suicidarsi lo trova sempre e il Marocco non può vincere (dopo 4 edizioni la Coppa deve tornare sotto il Sahara).

    Comunque bando alle ciance.. Nesat devi parlare di questo essere quasi deforme:

    http://www.cafonline.com/competition/african-cup-of-nations_2012/mascot

    ps: Mustapha idolo supremo.

    RispondiElimina
  19. Il "Chear" di Cerqueti è stato davvero obbrobbrioso, sono d'accordo.

    Sulla partita, mah, dominio della Roma forse. Ormai le partite in cui gioca la Roma sono chiare: la Roma gioca a pallone, l'altra squadra no e aspetta il momento per incularla. Guerriglia pura. In fondo, in Vietnam, e a Cuba, ci hanno vinto una guerra così.

    Per la serie polemiche sterili, mi è piaciuto che all'espulsione di Lamela si siano concentrati solo sulla scalciata dell'argentino, ma nessuno che si sia domandato perchè Lamela - che stava scattando in contropiede - era a terra con Chiellini sopra. Mistero. Immagini, tanto, come al solito, non ce ne sono.

    Mi accontento. Poteva anche succedere che in conferenza stampa Antonio Conte rincarasse le parole di Gianluca Vialli (peccato solo che non abbia mai giocato nella Fiorentina...) su Zeman...

    RispondiElimina
  20. Nesat una cosa. Spiegami come funzionano i cognomi in Africa. Perchè sono così pochi, sempre gli stessi? Mi spiego: nel tuo Mali ci sono:
    - 3 Diakite
    - 2 Keita
    - 2 Maiga
    - 2 Coulibaly
    - 2 Traore

    Il Mali ha vinto contro la Guinea, che in rosa dispone di:
    - 3 Camara
    - 3 Bangoura
    - 2 Bah
    - 2 Balde
    - 2 Zayatte
    e ovviamente un altro Keita e un altro Traore.

    Come si spiega? Perchè si chiamano tutti uguali? Non sono "veri" cognomi? Sono nomi di tribù? Ti ringrazio se vorrai darmi delucidazioni...

    RispondiElimina
  21. Sì, dominio della Roma su sbadigli e stiracchiamenti dopo il 2-0. Un possesso palla che più sterile non si può e mai una volta in area di rigore. Non ho avuto neanche per un millesimo di secondo l'impressione che poteste segnare(e c'era difensore centrale Bonucci).

    Su Lamela: lo seguivo anche in Argentina(per inciso non mi faceva impazzire) e non è la prima volta che fa cose simili, purtroppo per lui è un po' una primadonna e spesso fa la checca isterica. Chiellini è sempre stato uno tosto incazzato e brutto ma mai antisportivo. Se non sai prendere le botte è meglio che cambi sport.
    Che poi tacciare i telecronisti rai di anti-romanità(asroma+sslazio) è coraggioso.

    RispondiElimina
  22. @Arcibishop.....beh arci ammetterai...che purtroppo e sottolineo purtroppo il livello si è alzato di parecchio rispetto al passato....sono in parte con te e con il tuo discorso...ma paradossalmente è proprio questo che rende la coppa d Africa irresistibile....l'esempio è la finale tra Camerun e Nigeria di qualche tempo fa....o l'Egitto aiutato sempre in maniera palese.....

    @Massing....e dire che il Sudafrica ha anche presentato ricorso

    @Dionigi.. bah prime partite senza troppe sorprese....i padroni di casa equatoguineani hanno battuto la Libia, il Senegal le ha prese dallo Zambia, Costa dAvorio e Angola hanno rispettato i pronostici seppur di misura con Sudan e Burkina, Trionfo importante per la Tunisia sul Marocco e per il Gabon contro il Niger(assolutamente geniale la moglie di Bongo jr)infine un ottimo Botswana quasi fa lo scherzetto al ghana che però vince 1 a 0 e il Mali batte la Guinea sempre 1 a 0.....nessun pareggio...partite decenti.....

    sui cognomi hai ragione...deriva dai clan...Guinea e Mali presumo abbiano(non ne ho idea)tradizioni simili visto la vicinanza e visto che la Guinea era parte dell'impero del mali
    non vorrei dire cazzate e in caso me ne scuso ma
    in parte credo derivi anche da questo http://en.wikipedia.org/wiki/Sanankuya

    per l'ultimo anonimo....non vorrei parlare in questo post della partita di ieri...non ho la stessa visione di Dionigi..e certamente non ho neanche la tua di visione...ti chiedo però di firmarti...altrimenti diventa squallido come il muro dei tifosi presente in molti altri siti....

    RispondiElimina
  23. Cari amici,
    vi scrivo da una soleggiata Torino e vi saluto con grande stima. Vorrei riflettere con voi sulla questione degli omonimi africani. E' chiaro che il nominarsi, specialmente per ciò che riguarda il cognome, deriva da due necessità, una immediata, che potremmo definire vocativa, il chiamarsi per nome, l'altra sociale, che si potrebbe invece definire identificativa (cognitiva?), ovvero dover dare un nome al prossimo e distinguerlo da un altro. Stando ad autorevolissimi pensatori, nella propria storia il sapiens, definito anche essere umano, sviluppa la propria coscienza attraverso il linguaggio. In particolare un pensatore, autorevole fra gli autorevoli, si spinge a definire il punto di partenza della coscienza di sé come quel momento in cui il sapiens ha espresso il primo, a suo dire, fonema significativo: "no!". Ponendo la propria percezione in opposizione alla realtà l'uomo prende coscienza di sé e comincia il percorso che ci ha portato fino ad oggi. Evitando di analizzare in dettaglio tutta la storia del mondo attraverso la storia del linguaggio (qualcuno l'ha già sbrigata brillantemente col famosissimo incipit "in principio era il verbo") possiamo sicuramente capire che più si evolve la coscienza più si complica il linguaggio. Con l'invenzione dell'alfabeto e della scrittura l'uomo si "oggettiva" definendo quel principio di individuazione, pensiamo alla persona che legge una tragedia di Sofocle invece di parteciparvi "ritualmente" durante uno spettacolo per la comunità, che ha indirizzato tutto il cammino dell'occidente fino alla modernità (gli stati, i cognomi). La dicotomia fra oralità e scrittura viene anche identificata con quella fra mito e Storia, intesa come la codificazione dei fatti attraverso un metodo storiografico.
    Il percorso delle popolazioni dell'Africa cosiddetta nera non ha, a quanto pare, incontrato il momento dell'oggettivazione e piuttosto si è interrotto (ma già qui notiamo l'inadeguatezza del concetto di percorso in quanto richiama il progresso) quando ha incontrato quello dell'occidente. L'impossibile passaggio coatto dal mito alla modernità ha creato quella situazione ricca di paradossi che oggi vive l'Africa. Quando per esempio si è deciso che tutti dovevano avere un cognome tutti avranno preso quello più ovvio (d'altronde non è che sia difficile inventarsi un cognome ma non è neanche scontato, infatti per chi ce l'ha risulta insensato pensarci)
    Lingue nuove e coscienza acerba hanno fissato l'espressione della modernità africana in comportamenti, tralasciando quelli ahimè tragici, a dir poco esilaranti.
    E forse l'attribuirsi nomi tutti uguali può far parte di questi. In generale l'essere ripetitivi, a rischio di mostrarsi un po' tonti, è una qualità di molti africani (pensiamo a quante volte ripetono il balletto i giocatori del Sudafrica).
    Da una recente esperienza di lavoro ho scoperto che l'unica figura retorica comunemente usata in west africa è l'anafora; o meglio l'anafora assoluta. Ad esempio se una persona vuole dire "lei è la migliore" e vuole dirlo arricchendo lo stile e l'argomento, dirà " lei è la migliore, lei è la migliore, lei è la migliore!", oppure "lei è la migliore del mondo dei migliori dei migliori dei migliori" e via dicendo. Si ricorderà ad esempio come ama farsi chiamare Obafemi Martins, appunto Oba Oba.
    Dopo tutte queste ciarlatanerie, che spero non siano a rischio di essere fraintese come pseudorazziste, vorrei farvi cosa gradita portandovi alla conoscenza di toshiba man, la mascotte, improbabile robot umano, del premio nobel per la pace ellen johnson sirleaf:

    http://www.frontpageafricaonline.com/index.php?option=com_content&view=article&id=2238&Itemid=150

    lo potete trovare più o meno a metà della gallery. Un po' più in basso sono sicuro che riconoscerete qualcuno (seduto fra due in prima fila, ha un muso lungo lungo lungo lungo).

    RispondiElimina
  24. Brevemente sulla partita di ieri
    La Juventus ha meritato. La Roma ha provato a fare il proprio gioco e quindi da tifoso sto tranquillo e accetto la sconfitta, è mancata la qualità. Luis enrique sembrava avesse pippato come un treno, comunque ha fatto bene a dire quello che ha detto (non puoi dire che kjaer ha fatto schifo, che jose angel è più mancino di rise ecc ecc, la questione della qualità). Conte comunque mi sa che è forte e se non mi facesse ribrezzo l'occhio impomatato e il capello stirato mi sembrerebbe uno che può stare anche simpatico.
    I cronisti meriterebbero un'analisi a parte, punto per punto, un'interminabile dimostrazione della loro incapacità di comprendere non solo il calcio ma la stessa realtà; forse semplicemente si drogano. Tutto questo Chear a parte, che per altro a inizio secondo tempo è diventato Chier per tramutarsi in Chiar e finire in Caer.

    p.s.
    non c'entra un cazzo:
    Dei miei amici torinesi hanno fatto un film che si chiama "sette opere di misericordia". se potete andate a vederlo al cinema, scusate la pubblicità ma è un film piccolo che ha bisogno di pubblico per non essere ritirato dalle sale (invece se andate in tre cambia tutto!) poi mi dite

    RispondiElimina
  25. @Nesat: hai ragione, scusami. Ero e sono sempre Giuseppe, quello antipatico. Mi sono dimenticato e poi ho immaginato si capisse dato che ci stavamo annoiando in due a fare il bar sport qsvs.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  26. ah ok perdonami Giuseppe.....altrimenti rischiava di diventare terra per anonimi....del tipo abbasso Roma Viva Juventus e viceversa..su su puoi essere felice..hai giocato meglio hai vinto....tu hai Bonucci ed hai ragione..certo che noi con Chear e con Josè "Non so ne difendere ne attaccare" Angel una bella mano te l'abbiamo data. Per me bastava un goal della Roma in apertura di secondo tempo(e poteva anche starci) per vedere un altra partita e per un altra partita intendo un 2 a 2 con supplementari o un 4 a 1 della Juve.....è andata come è andata....ci può stare....sui commentatori rai pro Roma e Lazio..mi vien da ridere....Collovati probabilmente per qualche problema avuto quando è venuto a giocare(di merda) a Roma non ha fatto altro che sputare sulla Roma per tutti i 90 minuti...e non è la prima volta.....


    Comunque cazzate a parte...Grandissimo Zambia due volte sotto con la Libia trova un pareggio che vale laquasi qualificazione....e vi giuro partita meravigliosa tra Guinea Equatoriale e Senegal..ultimi minuti da infarto..Senegal a Casa e padroni di casa ai quarti.....tanto perchè io ci prendo con i pronostici........

    RispondiElimina
  27. Non c'entra nulla.. ma cercasi volontari per togliermi Pinto di dosso.

    RispondiElimina
  28. Non c'entra niente vol. 2.

    Leggo basito questa news sul sito della Gazzetta:

    "11.14 — Mercato Roma. Il brasiliano Marquinho arriverà a momenti al policlinico Gemelli nella Capitale, dove sosterrà le visite mediche col club giallorosso prima di firmare il contratto."

    Una domanda sorge spontanea: ma mo' chi cazzo è 'sto Marquinho? Almeno ci crede nel progetto?

    (Gippis, grazie per la dotta spiegazione, avevo immaginato che si fossero "scelti" i cognomi, così come fanno con le date di nascita. Entrambe le cose, concordo, orpelli di una modernità occidentale che genera mostri nel continente nero. Ah, e grazie per quella meravigliosa carrellata di foto. E' inquietante come George Weah ormai sia diventato un clone di mio zio Luca, o viceversa)

    (Bostero, Pinto è il classico portafortuna. E poi non mi parlare della partita di ieri alias del sogno dei 100 euro che si è infranto sulla traversa di Ozil)

    RispondiElimina
  29. Nesat concordo in pieno che il livello si sia alzato ultimamente e presumo, in maniera scontatissima, che il motivo principale sia la sempre più frequente apertura agli africani da parte del calcio europeo e/o viceversa la sempre più frequente apertura a manager, allenatori e squali/procuratori europei da parte degli africani.
    Rimangono però aloni misteriosi intorno al calcio africano che pochi possono spiegare, la tripletta dell'Egitto nelle ultime edizioni, come tu dici, puzza troppo di merda.
    Tempo fa avevo letto l'assurda storia della Nigeria under 17 vincente del mondiale nel 1985, ebbene si contano forse un paio di giocatori sopravvissuti alla spedizione, i restanti sono morti quasi tutti di droga, alcuni ammazzati, altri di fame, ma questo credo sia solo un banale esempio tra i tanti accaduti e che continuano ad accadere negli anni.
    Mi è stato effettivamente detto, tra l'altro da un signore senegalese che incontro spesso in agenzia scommesse (mi ha inoltre assicurato che nel giro di qualche anno la nazionale diventerà addirittura più forte di quella dei mondiali 2002), che la partita di ieri del Senegal è stata molto bella e purtroppo non ho potuto guardarla perchè incastrato da interisti ad assorbirmi quella semi porcheria di Napoli-Inter.
    Oggi volevo quindi rifarmi e stravaccato sul divano con annessa grappa artigianale mi gusto Costa d'Avorio-Burkina Faso, spettacolo tutto sommato osceno che neanche una partita di C2 su campo ghiacciato sa regalare. Ma la Costa d'Avorio come diavolo gioca? Ma quelli sono realmente i giocatori che ammiriamo in Europa? Zero gioco, zero movimenti, zero cuore, se è questa la favorita siamo a posto.. e pensare che quasi tutti, a parte Drogba credo, sono nati nella stessa scuola calcio ivoriana fondata da europei.
    A proposito di stranezze dal continente nero, proprio quella scuola, una decina di anni fa circa, aveva mandato una mandria di giocatori al Beveren in Belgio che ne schierava titolari 10 su 11, peccato solo che la cittadina fiamminga, che non conta più di 40.000 abitanti, fosse guidata a maggioranza politica da un partito xenofobo successivamente sciolto dalla Corte di Cassazione Belga.
    Aldilà di tutto ragazzi, complimenti davvero per il blog che migliora la qualità delle mie giornate, dai post ai commenti, seri o dementi che siano! Fossi milionario vi pagherei lo stipendio

    RispondiElimina
  30. Tornando a Lollobrigida, ho avuto la sfortuna di parlarci più volte in palestra. Dire che è impreparato è dire poco. Non so neanche come mai faccia questo mestiere.

    RispondiElimina
  31. LA SITUAZIONE

    Il primo quarto di finale sarà Zambia Sudan......lo Zambia mi piace parecchio....gioca bene e ha giocatori interessanti.....non riesco a capire come abbia fatto a passare il turno il Sudan...squadra di un bruttezza unica...chi vince(secondo logica lo Zambia) se la vedrà con una tra Ghana e Tunisia.....il Ghana ha fatto il suo.....è la favorita insieme alla costa D Avorio e anche se ha chiuso prima nel suo girone..non ha entusiasmato...la Tunisia è una sorpresa....può fare uno scherzetto al Brasile d'Africa...e può anche vincere la coppa.....il terzo quarto è tra Gabon Mali.........padroni di casa fino ad ora splendidi...inoltre passando come primi del girone hanno l'opportunità di giocare davanti al proprio pubblico e non in Guinea...vantaggio non da poco... la sfida è comunque equilibrata...il Mali può puntare alla semifinale...dalla sua ha più esperienza.....infine chiude il quadro Costa d'Avorio Guinea Equatoriale...purtroppo per la guinea si giocherà in Gabon.....non punterei un euro sulla guinea equatoriale...anche se fino ad ora è stata la squadra che mi ha divertito di più....La Costa D'Avorio non può non arrivare in finale......

    una brutta notizia per voi...per far si che la coppa non si giochi in anni pari(quando si gioca il mondiale)l'anno prossimo si disputerà un altra volta la coppa in sudafrica....

    @archi - la squadra di cui parli è l'asec mimosas...le sue giovanili sono state fondate dal maestro di Arsene Wenger..Guillou....è una sorta di college dove non vengono solo mandati a giocare a calcio...Guillou passò poi al Beveren...ecco spiegato il tutto...

    RispondiElimina