giovedì 20 ottobre 2011

Esquina Blaugrana

Il Real Madrid chiama. E Iniesta risponde.
Il tanto celebrato nuovo modo di giocare della squadra di Mou, la quadratura del cerchio finalmente raggiunta, trova un pronto riscontro. Un'espressione tecnica assordante. Doppio triangolo (con la complicità di Messi) e primo palo in controtempo.
Bene così. Con un filo di gas e con il gol ritrovato anche da David Villa (che in stagione stava mangiandosi l'inverosimile).
La rosa regge nonostante le tante assenze (ieri, Piquè, Sanchez e Fabregas) e tiene il passo delle merengues sul doppio fronte.
Per quanto riguarda il Milan - avversario per la testa del girone - devo dire che continua a non convincermi.
Ieri una prestazione di grande quantità di Nocerino (a un certo punto in telecronaca Cerqueti ha detto "ha l'argento vivo addosso".. .. ..) e Boateng ha mascherato i molti limiti di una squadra buona ma certo non eccelsa, non da vittoria in Champions League.
Ho sempre l'impressione che il Milan sia un bluff. Che alla fine Robinho non sia gran che e così i vari Cassano, Ibra e lo stesso Boateng. Che Nesta perda colpi e che Thiago Silva (ieri assente, al suo posto Bonera) debba ancora crescere molto.
Non fraintendetemi. Non dico il Milan faccia schifo. Solo non l'ho mai capito. Ecco.. sicuro non avvicina minimamente certi Milan di Ancelotti.
Sul resto:
  • credo sia definitivamente tornato Fernando Torres. Questa stagione l'ha iniziata a livelli molto molto alti;
  • il Borussia Dortmund è stato preso a pallonate. Strano vederlo in fondo a tutti;
  • il Valencia mi sa ha buttato nel cesso ogni speranza di qualificazione;
  • il Manchester United c'è. E con il minimo sforzo;
  • le maniche della maglia del Milan non mi piacciono;
  • non ho la benchè minima idea in merito a quante probabilità abbia il Napoli di arrivare agli Ottavi.

11 commenti:

  1. Due o tre cose che devo dire sul Milan..

    Ibra è un buon giocatore, in Serie A è un fenomeno, questo dice molto sul campionato italiano, non su Ibra..

    Boateng è un ottimo mediano, nelle prime dieci squadre d’Europa giocherebbe titolare sul centrodestra della linea mediana, in Italia fa il trequartista.. questo dice molto sul livello tattico del campionato Italiano, e su Allegri, non su Boateng..

    Il declino di Nesta è inversamente proporzionale alla crescita di Thiago (non so se tra le due cose ci sia una relazione di dipendenza..) il primo è già finito, il secondo è già un fenomeno..

    Cassano si è perso, e non sa tornare, Cassano raccoglieva violette, ai bordi del pozzo.. E’ una storia meravigliosa, però vecchia, del 1978, che nel calcio è un’era geologica.. non parliamo più di Cassano, per favore..

    Su Nocerino (vedi Cerqueti e l’argento vivo..) una sola domanda: porquè? porquè? porquè?

    PS. Fernando Torres? http://www.youtube.com/watch?v=uSo2HcG1YWA

    RispondiElimina
  2. onore allo zio che invece di godersi lo spettacolo dei suoi con il sempre scoppiettante bate borisov era al mio fianco in un'ultima fila ad ascoltare da sean penn come ci si mette il rossetto...this must be the place è peraltro anche un azzeccato sottotitolo a questo blog

    RispondiElimina
  3. ps questa champions mi sta lasciando indifferente, come quasi tutto il resto. per il momento per me esiste solo il progetto luis enrique da cui sono sempre più affascinato. non vedo l'ora di tornare domenica allo stadio.

    RispondiElimina
  4. Enrico Varriale20 ottobre 2011 19:34

    lo zio non capisce niente di calcio moderno: Boateng è il prototipo del nuovo trequartista, Ibrahimovic il centravanti più forte del mondo e Cassano uno dei più grandi talenti espressi dal calcio europeo negli ultimi vent'anni, l'uomo giusto per esaltare la nostra nazionale nei prossimi europei.

    RispondiElimina
  5. Io sono ancora sconvolto dalla visione del Pescara lunedì. Voglio solo rassicurare Bostero: tra un mese Guardiola finisce in galera. Lo arrestano per buonsenso (ah, oramai quando parla sembra che da un momento all'altro voglia diventare President)

    http://www.elmundo.es/elmundo/2011/10/21/barcelona/1319202944.html

    RispondiElimina
  6. Si, effettivamente questo Barca gioca quasi come il Pescara di Zeman

    RispondiElimina
  7. Moacir Bastos Tuta23 ottobre 2011 16:49

    Ebbravo Varriale, che su KPB ci ha visto giusto, e sì che non lo sopporto, di solito.

    Un monumento al culo infinito di Abbiati, che ultimamente fa una cappella a partita ma non è mai determinante per il risultato, chissà come fa.

    RispondiElimina
  8. sì effettivamente oggi boateng ha dato una bella risposta allo zio...due gol da impazzire.
    mi dispiace davvero tanto per eusebio di francesco. per me comunque è già immortale il suo look con il gilet.
    il pescara è bellissimo, anche i gol di ieri sono da perdere la testa. durerà quanto durerà, ma era dai tempi di mendy che all'adriatico non si divertivano così tanto...a proposito riprendo la proposta di gegen di qualche tempo fa e dico che dovremmo andare un sabato a pescara, prima che arrivi l'inverno zemaniano...

    RispondiElimina
  9. http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-37a7a5b8-cb41-4715-af4d-fc644eea583e.html
    Il Maestro da Fazio.
    Esatto sono 18 anni esatti che non si respira un'aria così a Pescara.
    Squadra, allenatore e tifosi come un unico blocco.
    10000 fissi all'Adriatico di questi tempi in serie B (e tra poco saranno molti di più).
    Un perfetto mix di giovani già pronti per la serie A, alcuni anche in prestito, come Capuano, Verratti (della "cantera" pescarese e under 21), Insigne (già pronto per la champions a Napoli, fenomeno vero), Romagnoli e vecchi che trovano una seconda giovinezza, come il Capitano Sansovini (vero idolo della tifoseria e grande esempio come uomo), Cascione (personalmente inconcepibile non vederlo giocare in piazze da metà classifica in A) e Anania.
    Tutto può succedere, l'inverno zemaniano è in agguato, ma se la primavera zemaniana lo seguirà, si scriveranno altri libri e si gireranno altri documentari su di lui.
    E se la vecchia guardia del tifo ora è a un passo dal porlo alla pari del Profeta, vuol dire che i Sogni, o almeno la voglia di sognare, esistono ancora nel calcio.

    RispondiElimina
  10. A Pescara è finalmente scoppiata la febbre Zeman, alla faccia dei molti che si erano detti scettici al suo arrivo qui in città! Spero nella Serie A..anzi, ci credo.
    Mi raccomando, se una vostra delegazione decide di venire a vedere la partita, fatemi sapere!

    Vincenzo

    RispondiElimina
  11. Se non fosse che fino a fine anno mancherò sicuramente da Pescara, sarei sicuro dei vostri.
    Però aspettiamo gennaio/febbraio prima di parlare di serie A (mi tocco)anche se in fondo in fondo ci voglio credere anch'io

    RispondiElimina