mercoledì 21 settembre 2011

Zanetti, voto 6

Già che si parla tanto di secessione, tanto vale che i giocatori dell'Inter lo dicano anche loro chiaro e tondo: nessuno può sostituire Jose Mourinho. Nessuno può colmare il vuoto lasciato dall'allenatore portoghese. Né un maestro di calcio come Benitez, né una figura neutra come Leonardo e né lo spaesato Gasp. L'allenatore "fumetto" è solo l'ultima pagina di una crisi a basso costo, di basso profilo.
Giocatori finiti e senatori dispettosi, scarsa fame e disattenzione. Quanto sta succedendo all'Inter è incredibile. La sconfitta di Novara solo un capitolo annunciato. C'è da dire che, a differenza di Benitez, Gasperini un po’ la fossa se l'è scavata da solo. Un esordio folle, con la difesa a tre pura contro il dinamismo del centrocampo del Palermo. Una seconda di campionato troppo timida, trascorsa a guardare il palleggio sterile della Roma. La resa, infine, sul sintentico. Nel mentre, la figuraccia contro la squadra da Trebisonda.
E il punto, da anni, è sempre lo stesso: la società.
Allenatori lasciati alla mercé della stampa e dei primi che passano. Dirigenti incapaci anche di stilare una lista UEFA. Un Presidente cui forse è passata la voglia. Sembra proprio che o Mourinho o niente. O Special One o totale assenza di credibilità e progetti. Proprio ora si può ammirare l'immenso lavoro del portoghese a Milano. Ora è palese perché lui azzeccò tutto.
Le prospettive non sono rosee. Baggio alla prima esperienza, Ranieri all'ennesima, l'esotico Quique Sanchez Flores o l'indecifrabile Donadoni. Tra tutti - ne sono certo - la spunterà Luis Figo.
Il braccio destro di Mourinho nella cavalcata in Champions. Il richiamino ai bei tempi che furono. Un uomo di sistema e di bella presenza. Quello dei 5 anni a Madrid per vincere qualcosa e che esultava al gol regolare annullato a Bojan.
Non cambierà nulla. Maicon e Sneijder saranno sempre sul piede di partenza. Zanetti prenderà sempre 6 in pagella (mai 5,5 o 6,5: solo 6). Stankovic continuerà a perdere dinamismo e non potrà certo essere Cambiasso ad impostare. Milito.. beh.. Milito ha smesso di giocare.
Ascolti un consiglio, Presidente Moratti. Torni a Rafa Benitez. Invece della confusione, scelga un maestro di calcio.

14 commenti:

  1. Benitez lo vogliamo sulla panchina della lazio Bostero!!!

    Zanetti è l'uomo senza qualità del calcio contemporaneo, fardello incomprensibile ai più, icona del romanticismo puerile di Moratti.. personaggio che ci dimenticheremo presto... Onore a Diego che lo lasciò a casa.

    RispondiElimina
  2. anonimo sfidante21 settembre 2011 13:20

    Gasperini era un caporale messo a dirigere una squadra di generali.
    Al di là delle capacità tecniche, è necessario un uomo in grado di farsi rispettare e di dirigere lo spogliatoio. Uno in grado di dettare le regole: chi è con me c'è, chi è contro è fuori. Questa era, secondo me, la caratteristica più forte di Mourinho.
    Benitez ha già dimostrato di non essere in grado di gestire uno spogliatoio capeggiato da un riserva, Materazzi.
    Non credo che Spalletti sarebbe in grado di farsi rispettare. Finirebbe al centro di un vortice più grande di lui.

    RispondiElimina
  3. Sì, va bene tutto ma basta con questa forsennata apologia di Mourinho da parte degli interisti. Sembrano un manipolo di vedove dal lutto non risolto. Basta!!

    RispondiElimina
  4. Secondo me Spalletti ha la fantasia, la competenza e la sapienza per rimettere questa squadra in carreggiata... del resto credo che il Barca di guardiola se fosse allenato dal pelato di Certaldo non giocherebbe tanto peggio. Quello che ha fatto spalletti con la Roma non ha eguali, è stata la squadra più interessante tatticamente in italia dai tempi del milan di sacchi.
    Ancora oggi la Roma non riesce ad uscire da quell'impostazione tattica perfetta e sartoriale.

    Non possiamo parlare di fantacalcio però, l'inter prenderà ranieri che puntellerà la difesa, farà un sano 4-3-1-2 con pazzini forlan e snjider e farà il suo dignitoso 3 posto.

    RispondiElimina
  5. Ranieri è il nome che dà più garanzie, sono d'accordo.

    Benitez alla Lazio sarebbe bellissimo. Piuttosto, i nomi veri quali sono, Gegen? Cosa dobbiamo aspettarci dalla coppia Lotito-Tare?

    RispondiElimina
  6. Dovrò trovare il tempo di decifrare il guazzabuglio lazio... ma non è facile....
    comunque la tradizione della gestione lotito è un anno buono e uno tormentato quindi questo dovrebbe essere tormentato.. ad ogni modo, qualche anno fa le dichiarazioni di Reja gli avrebbero impedito il ritorno a Roma per sempre.. ora invece passano abbastanza sotto silenzio.

    RispondiElimina
  7. Comunque gli interisti sono, con tutto il rispetto, proprio scemi! A parte il discorso che avvallo completamente di una squadra ormai logora e di un tecnico incapace di farsi rispettare, io non capisco come si possa osannare Mourinho dopo quello che ha fatto dal punto di vista umano, e ribadisco umano, non tecnico, quello non si discute. Si può santificare un uomo che l'anno prima firma, fra mille dichiarazioni farse alla stampa, il prolungamento del contratto e la stagione seguente ti pianta in asso rovinandoti la serata sportiva più bella da quarant'anni e più a questa parte, farcendola con un pianto deplorevole? Mah, per me è un mistero! Come sono un mistero le telefonate che quell'imbecille di Moratti continua a fargli! Ha rovinato la squadra e un ciclo..io gli avrei fatto causa se fosse esistito almeno un cavillo legale su cui appoggiarmi in merito!

    Capitolo Lazio. Semplice quello che accade..hai fatto un grande mercato ma dimentichi di comprare dei difensori centrali degni da affiancare a Dias... Secondo me, tra poco tornerà Delio Rossi.

    Vincenzo

    RispondiElimina
  8. anonimo sfidante21 settembre 2011 17:09

    Gegenschlag

    è vero. Spalletti forse ce la farebbe a gestire quel gruppo.
    Purtroppo ho scritto Spalletti ma è stato un lapsus. In mente avevo Ranieri che, stando alle ultime, sarebbe il sostituto.
    Scusate l'errore.
    Mio pronostico: Ranieri non mangia il panettone.

    RispondiElimina
  9. Anche se impopolare, una cosa va detta: Luis Enrique è stato l'unico che ha fatto fare bella figura a Gasperini...

    RispondiElimina
  10. E' vero Dionigi..aahahha.. comunque Gasperini per ricambiare la cortesi a Lucho ha voluto regalare la perla del cambio di Muntari alla fine...

    Oggi in conferenza Luis enrique ha detto "mi dispiace per Gasp, tecnico preparato e anche un uomo affascinante"

    RispondiElimina
  11. fossi in moratti comincerei a ripulire lo spogliatoio....Mi è piaciuto come nel momento più delicato della sua carriera..Gasperini abbia infilato Castaignos......era bello...secondo me solo dopo venti minuti ha capito che lui non giocava con quelli azzurri.....

    Tesser...quello si che è un allenatore....e che gioia vedere Lisuzzo in serie A(7,5 il voto della Gazzetta)

    RispondiElimina
  12. Come ha scritto Gene Gnocchi sulla Gazzetta di oggi (sia chiaro, non ho comprato nè letto la Gazzetta, non l'ho mai fatto, li odio, ma ho ascoltato la rassegna stampa sport di radio incontro, qualità della vita), Ranieri farà il vice di Cambiasso e Zanetti...

    Consiglio agli amici interisti di portarsi molto alcool allo stadio perchè davanti a loro hanno un'autostrada di noia assoluta.

    Il Novara l'altra sera ha ridicolizzato il povero Gasp, uno che ha partire dalla cravatta quest'anno non ne ha azzeccata una. E come nemesi ulteriore, ecco Malesani (grande Malesani! che sia lui uno dei migliori tecnici della sua generazione? uno che non ha avuto paura di farsi i suoi anni nelle più remote province dell'impero) che fa giocare alla grande e vincere il suo Genoa...

    RispondiElimina
  13. Più che un colonnello in una squadra di generali, Gasperini è vittima della nostalgia del tempo perduto che attanaglia Moratti.. Il poverino ha passato i primi quindici anni alla guida dell’Inter a rimembrare le vittorie di suo padre, i calembour dialettici del Mago Herrera, le partitelle nel giardino di Imbersago con San Facchetti da Pietralcina.. Poi ne ha trovato uno che potesse riscattare la nostalgia e portarlo nel presente, l’immaginario uomo di Setubal, e l’ha subito cacciato, per poter tornare a rosolarsi a fuoco lento nella rappresentazione di quello che non c’è..

    A un certo punto, quest’estate, ha pensato di uscirne di nuovo.. voleva Bielsa (che mica è stupido e infatti è andato all’Athletic..) poi Villas Boas (che invece è scemo e continua a cercare in ogni modo di uccidere il padre e di giacere con la madre.. e infatti mentre il padre è ancora vivo e vegeto lui giace con la madre Chelsea in preda dei peggiori incubi e rimorsi..) e infine, quando uno tizio coi basettoni e la faccia da bullo da personaggio di contorno dei film di Michele Massimo Tarantini che passava per caso in sede gli ha consigliato Gasperini.. a Moratti gli si sono illuminati gli occhi..

    Finalmente un altro con cui disperarsi, che non ha scelto, che non ha voluto.. e alla prima partita che gioca con Milito gli dice fai giocare Pazzini, e alla seconda con la difesa a tre gli impone falla a quattro.. e l’allenatore fumetto impazzisce.. E Moratti si fa consigliare stavolta da un giornalista che lo aspetta in Corso Vittorio Emanuele con il microfono e la telecamera, e lo scambia per un esperto di calcio, e quando questo gli chiede di Ranieri lui capisce che deve prendere Ranieri.. e adesso che l’ha preso il divertimento continua..

    PS1. Geniale Gnocchi

    PS2. Mi rifiuto di leggere un blog in cui Gasperini è chiamato Gasp.. liberiamoci dalle catene del linguaggio dominante..

    RispondiElimina