mercoledì 24 agosto 2011

Quel che resta della Serie A

Il mercato estivo ha a dir poco impoverito il nostro campionato. Quel poco di talento che calcava i campi della Serie A ha preso vie ricche e arabeggianti. Su tutti, El Flaco. Ma la lista include Samuel Eto'o, mai forse compreso a Milano per il grande attaccante che è, Menez, gioia e dolore della Sud, e Alexis, volato a potenziare un attacco già nobile. Non voglio passare per disfattista, però credo sia evidente una sonora perdita di appeal del nostro calcio. Rimaniamo nell'attesa incerta. Della riconferma del trio napoletano, dell'irriverenza di Ibrahimovic, delle 4 punte di Antonio Conte e di un progetto americano tanto affascinante quanto molto rischioso in Italia. In ogni caso, sperando che gli ultimi giorni di mercato portino qualcosa, mi lancio in avventati pronostici. ATALANTA: Non vorrei che sei punti di penalizzazione fossero troppi anche per una squadra ben impostata, soprattutto in attacco (Ardemagni, Denis e Gabbiadini raggiungono Tiribocchi e Marilungo). Forse più decisiva ancora potrebbe essere l'assenza forzata del Capitano della storia recente orobica. Insomma, salvezza dura ma non impossibile. BOLOGNA: Bene se Ramirez rimane. Dopo l'ottima stagione dell'anno scorso, la sola perdita delle pedine Britos (che continuo a reputare un buon difensore ma non un ottimo difensore) e Viviano è accettabile. Arrivano Gillet e Diamanti, in difesa la scommessa Antonsson. Di Loria non voglio sentir parlare. Io ci credo. A mercato chiuso inizierò come al solito a parlare di Europa. CAGLIARI: El Kabir nell'attesa che si sblocchi Larrivey. Senza Matri il Cagliari mi par poca cosa. Un discreto centrocampo e una difesa rodata. Niente più. CATANIA: Bella sfida quella di Lo Monaco. Sono curioso di capire quanto vale Montella dopo il bilancio in pareggio a Roma nel post-Ranieri. Certo è che la cessione di Silvestre a certi livelli potrebbe sortire effetti importanti. Bellissimo Suazo là davanti. CESENA: Mercato importantissimo. Mutu (ultima chance per lui, poi sarà Turchia, Grecia o Arabia) e Eder per dimenticare una stagione con il solo Bogdani come punta. Se ne va il talento a fasi alterne Giaccherini. Arriva Martinez. Buon innesto anche quello di Candreva. CHIEVO: Col Chievo è sempre la stessa storia. Ad inizio stagione lo dai per spacciato. A metà campionato hai capito che i clivensi hanno qualcosa in più (poco, ma quanto basta) per sfuggire alla lotta retrocessione. Paloschi come erede di Pellissier ci può stare. FIORENTINA: Nel progetto Corvino-Della Valle mi sono un po' perso. Forse pure loro. E forse anche Montolivo e parecchi altri. Rimpiazzare Frey e Santana non sarà facile. Kharja e Lazzari sono acquisti di basso profilo. Mi aspetto l'esplosione di JoJo, ultimo grande talento rimasto in Serie A. ps: non ci credo che arriva Silva dal City.
GENOA: Troppi nomi che non conosco. Una lista infinita. Punto gli occhi su Rudolf (bene la mezza stagione a Bari). Un grazie sincero per quanto fatto a Bologna e un in bocca al lupo a Malesani. INTER: Estate amara. Arriva Alvarez (non sembra una bufala) ma se ne va una delle migliori punte in Europa. D'altronde, parliamoci chiaro: 20 milioni l'anno sono una proposta che non si può rifiutare. Il dubbio grande è legato all'allenatore. Non vedo l'Inter campione. JUVENTUS: Pare che Marotta abbia incassato rifiuti da mezza Europa. Alla fine ha comprato qua e là, come l'anno scorso. Ha speso tanto e, a mio avviso, male. In tre finestre di mercato salvo solo Matri e mezzo Vucinic. Serve un centrale di difesa (forte, molto forte) a dare il cambio a Bonucci e Chiellini. Davvero Conte giocherà con 4 punte? LAZIO: Lotito quest'anno mi ha convinto moltissimo. Klose e Cissé sono acquisti di prestigio. Cana un buon ricambio. Credo la Lazio farà bene. Mi gioco Klose tra i 15 ed i 20 gol. LECCE: Un mix di esperienza e gioventù. Tra le tante a lottare per non retrocedere. MILAN: La rosa senza dubbio più forte. Mexes è un ottimo ricambio per l'età di Nesta. L'attacco equilibrato e di altissimo livello. L'unico vero ostacolo nella corsa al titolo sarà la Coppa. NAPOLI: Non fosse per Inler, mercato scarso. Il Napoli si riconfermerà, ma non credo possa migliorare il terzo posto della scorsa stagione. Non con Britos e Santana, almeno. Contento se rimane il Pocho. Lo adoro. NOVARA: Dice Gegen che il sintetico dirà la sua. Dico io che far dimenticare il duo Bertani-Gonzalez con Morimoto è impossibile.
PALERMO: E' giusto che uno come Pastore venga ceduto per 40 milioni di Euro. Non è giusto non provare a rimpiazzarlo come si deve. Un campionato a centro classifica attende la città di Palermo. PARMA: Qualche innesto intelligente. Santacroce e Pellè su tutti. Tanto in rosa c'è Hernan... ROMA: Il progetto è sontuoso. La campagna acquisti pure. L'incognita è legata alla piazza. Roma deve far lavorare la Roma. E il Capitano deve abbassare la testa, per una volta. Se giocasse prima punta, Bojan ne infilerebbe 25. SIENA: Secondo me il Siena ha un'ottima squadra. Nomi interessanti e una "titolare" collaudata. Io dico salvezza tranquilla. UDINESE: In Champions Pozzo non ci torna. Mi chiedo: ma perchè Asamoah non lo compra un grande club? E per Isla e Armero che aspettano?

30 commenti:

  1. spero in un gran campionato del lecce. tanta stima per eusebio.

    secondo me un gran colpo é stato fatto dall'atalanta. l'esterno offensivo moralez ha contribuito in maniera decisiva, forse piú di alvarez, alla vittoria del velez nell'ultimo clausura. credo sia piú basso di pizarro, ma corre e dribbla che é una meraviglia.

    a proposito di velez. la fiorentina ha si acqistato silva, ma non lo spagnolo del city. si tratta del tanque silva, ex banfield poi passato al fortin. una punta di peso con buoni colpi in canna. secondo me puó far bene.

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  2. Secondo me quest'anno è più interessante la Ligue 1 francese, il campionato in cui vi è "una commozione cerebrale a partita" (Gegen dixit), e ho detto tutto.

    La riflessione che faccio sempre è che non può essere che arrivano due carneadi come Ilicic e Bacinovic e fanno un campionatone nella parte sinistra della classifica. E' evidente che, al netto della Premier League, di tre quarti di Bundesliga e di mezza Liga, l'Europa si è livellata moltissimo. Non credo ci sia più tutta questa differenza tra il campionato italiano, quello sloveno e quello greco. Noi facciamo dell'ironia ma lo Zestafoni arriverebbe tranquillamente in Europa League anche da noi. Al riguardo il vero colpo di mercato che potrebbe riaccendere la "chispa" sulla serie A sarebbe l'arrivo di Jaba Dvali. Il bomber lo vedrei benissimo all'Udinese a far coppia con Di Natale.

    Sulle tue singole previsioni, mi limito a dire che:
    - stima infinita per Di Francesco e il Lecce;
    - D'Agostino a Siena riconquista la nazionale;
    - la Lazio ha la miglior rosa della serie A, insieme al Milan (ma solo perchè il Milan ha Van Bommel e Cassano);
    - quest'anno Cerci esplode;
    - Jovetic è il più forte della serie A;
    - Eto'o mi fa schifo, non sono d'accordo quando dici che è un'offerta che non si può rinunciare, quella è un'offerta che si deve rinunciare;
    - Montella salta a novembre, secondo solo a Pioli;
    - Larrivey fa 20 gol, me lo sento, è il suo anno;
    - non vedo l'ora di godermi le giocate della coppia Granoche-Morimoto, una coppia da top club europeo (per me fanno 3 gol in 2);
    - l'Udinese va in serie B;
    - la Juve fa ridere;
    - la Roma fa piangere.

    Grazie infine Fornaretto per le tue puntuali chicche argentine.

    RispondiElimina
  3. che poi alla fine alla juve sono pochi 4 attaccanti, pensavo prima che in rosa di giocatori offensivi attualmente ha:
    - matri (pagato 20 kilos, deve giocare)
    - del piero (capitano, deve giocare)
    - toni
    - vucinic (neoacquisto, 15 kg, idem)
    - quagliarella (dubito accetti la panca)
    - amauri
    - giaccherini (bella sega)
    - krasic
    - estigarribia (colpaccio)
    - pepe
    - pasquato (largo ai giovani)
    - e forse malouda

    se ne avesse avuto uno solo tra questi stasera l'udinese passava il turno (che vergogna la squadra che - non - ha allestito pozzo)

    tra i campionati emergenti segnalo anche quello portoghese, con uno scintillante benfica, finalmente all'altezza degli squadroni europei. la mediana offensiva witsel-aimar-nolito è fantastica, e oscar cardozo e il conejo saviola lì davanti sono una garanzia. in porta poi c'è il grande artur. devo dire una cosa: giovedì scorso ero in portogallo e un giornale locale tesseva le lodi di artur, dipingendolo come il gran portiere che il benfica aspettava da dieci anni. rimane un mistero di fatima perchè quello visto a roma non era un cattivo portiere per il semplice fatto che NON era un portiere...

    RispondiElimina
  4. anonimo sfidante25 agosto 2011 11:30

    Il vero problema della Serie A è che anche vendendo i pezzi pregiati e ricavando milioni di euro, i presidenti non spendono. Pozzo ne ha presi per Sanchez e chi ha comprato?
    Zamparini ne ha presi 43 per el flaco e chi ha comprato?
    Certo, c'è penuria ci campioni in generale. Ci saranno pure le ragioni legate al fair play finanziario (ma vale solo da noi? A me sembra solo una scusa a cui appellarsi per giustificare la tirchieria e l'incompetenza dei nostri presidenti).
    Però questa credo sia la cosa più preoccupante del declino già iniziato da anni. Quasi come se avessimo già toccato il fondo ma si continuasse a scavare sempre più giù.

    Se però guardo gli altri campionati non penso che le loro squadre di mezza classifica sarebbero da Europa in Italia. In Spagna esistono praticamente solo due club. In Germania c'è un livellamento verso il basso impressionante (dopo aver visto l'Amburgo giocare ho seriamente pensato che se fossi sceso in campo io avrei fatto meglio) e il fatto che ci abbiano superato nella graduatoria europea è solo dovuto al fatto che le loro squadre prendono l'Europa League sul serio (del resto in Champions, a parte il Bayern, i risultati delle loro squadre parlano da soli. Quasi mai arrivano agli ottavi).

    RispondiElimina
  5. Dopo politica e economia anche il calcio in italia ha superato il punto del non ritorno.
    Dopo i successi e le glorie passate, siamo impresentabili in campo internazionale mentre in serie A regnano incontrastati mediocrità,corruzione e incompetenza.
    Meglio il calcio dilettantistico dove giocatori di pari qualità (rispetto ai vari presunti top players) lottano e corrono per lo sport e il divertimento....
    Boicottiamo il calcio (niente più soldi a tv, stadi, gadgets) perchè solo facendo collassare questo sistema di merda si può ricostruire!

    RispondiElimina
  6. Grazie per il chiarimento, Fornaretto. L'errore e' dovuto a un equivoco titolo Gazzetta ("Nasri al City. Silva a Firenze").. El Tanque e' un idolo per quanto mi riguarda.

    Figo Kjaer alla Roma. Peccato che il progetto sia gia' morto e sepolto..

    Sull'analisi dell'attacco della Juve, io vedo solo il tridente Matri-Del Piero-Vucinic. Toni non credo sia ancora sotto contratto. Estigarribia, si, colpo.

    RispondiElimina
  7. Dionigi,

    scusa se ieri sera ho concluso velocemente la telefonata con te. non ero in grado di parlare della Roma

    dopo il match, insieme all'avvocato e quell'altro ragazzo cileno, abbiamo deciso di camminare verso piazzale flaminio in cerca di una pizzeria. una volta trovata e dopo esserci seduti, la nostra serata é magicamente cambiata.

    dopo un po' di cazzate dette con le persone del tavolo accanto, scopriamo che uno di loro, oltre ad essere molto simpatico, é il suocero di curci. non ho avuto il coraggio di renderlo partecipe di quell'immagine che non mi si toglieva dalla testa: il caro gianluca che entra in chiesa con quel vestito grigio metallizato.

    bellissimo il racconto di lui che a casa curci a genova prepara una matriciana -con guanciale e non con pancetta- e quando vede arrivare tra gli ospiti anche pazzini comincia ad insultarlo per averci fatto perdere lo scudetto.

    da segnalare inoltre le bellissime cameriere che servivano ai tavoli a cui abbiamo lasciato una lauta mancia.

    p.s visti i dubbi su lamela e il difficle inserimento di heinze, mi sa che durante questo calciomercato la miglior presa argentina l'hai fatto tu.

    Il Fornaretto

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  8. Bostero, non so se i giornali vietnamiti ne hanno parlato (immagino di sì), però volevo avvisarti che dopo una settimana di prova alla fine Loria ha firmato per il Bologna. Avete anche il centrale di difesa adesso.

    RispondiElimina
  9. la serie a sarà anche di bassissimo livello ma che campionati sono ("che senso ha tutto questo?") quelli in cui si vince in trasferta 5 a 1 (man city) o 6 a 0 (real madrid) o in casa 8 a 2 (man utd)? stiamo sfiorando il ridicolo e allo stesso tempo (oppure: ergo) ci stiamo avvicinando alla superlega europea...

    RispondiElimina
  10. Qualcuno mi spiega Lugano?
    Lo vuole mezza Europa e finisce al PSG per due spicci.
    Che problema ha Lugano?
    Deve esserci qualcosa sotto..
    Fossi un club italiano (Inter esclusa) gli avrei dato le chiavi della difesa in men che non si dica.

    RispondiElimina
  11. per me ha l'aria di essere frocio ovvero quella di scoparsi tutte le mogli dei compagni di squadra...

    stamattina su una radio romana sento il seguente scambio di battute:
    ascoltatore: "ahò comunque 'a coppia gago - diarra nun sarebbe male"
    conduttore: "eh già, un centrocampo così lo fermi solo con l'imodium"

    dubbi invece sull'affare kjaer, per come è saltato. anche lì ci dev'essere qualcosa sotto. probabilmente si sono accorti che il biondo danesone è una pippa micidiale...

    RispondiElimina
  12. Bellissimo colpo Coates al Liverpool.
    Grande squadra ha messo assieme Dalglish.

    RispondiElimina
  13. sì pazzesco come in sei mesi sia cambiato tutto ad anfield, ora c'è un entusiasmo che neanche ai tempi di john barnes...

    RispondiElimina
  14. affascinantissima la nuova coppia di centrocampo del chievo bradley-kone...andrebbero bene anche per un film sulla seconda guerra mondiale

    delirante definire "colpo" l'acquisto di caracciolo (era meglio boselli a questo punto)

    colpaccio foggia alla samp (forse riusciranno a fare un gol)

    se greco va al bologna alla prima di campionato ci segna sicuro

    RispondiElimina
  15. Greco più o Greco meno, alla prima di campionato a Stekelenburg servirà il pallottoliere tanti ne piglia.

    RispondiElimina
  16. Che Lazio e Roma si contenderanno il terzultimo posto l'ha già detto qualcuno?

    Saluti,
    Luis Erik Lametta

    RispondiElimina
  17. Taiwo, porqué? Aquilani, porqué? Nocerino, porqué, porqué, porqué?

    RispondiElimina
  18. Acquisto insipido. Tanto il Re è Van Bommel.

    RispondiElimina
  19. Zio, tranquillo che a dicembre il milan è già primo con 12 punti di vantaggio

    RispondiElimina
  20. Mi piace tantissimo anche Joe Cole al Lille

    RispondiElimina
  21. Bradley giocherà da trequartista dietro Pellissier e Thereau (purtroppo Moscardelli seconda scelta) anche perché temporaneamente Di Carlo aveva provato Eriberto, seppur fuori posizione. Dubito che Konè sarà titolare.

    Faccio il provocatore: sulla carta lo scudetto si giocherebbe sulla Roma-Napoli. L'Inter è come il Valencia: tolta la prima punta (Pazzini e Soldado) sta smobilitando paurosamente. La Juve è indecifrabile.

    Zona retrocessione: i bergamaschi si salvano facile, il Lecce ha una gran bella squadra. Dico Siena, Catania ed una tra Cagliari, Cesena e Novara. Non ci sarà il gruppone in lotta fino all'ultimo

    Della serie A resta poco, se fosse per Macalli della Lega Pro non resterebbe niente. Se fosse solo per le squadre... spettacolo puro.

    RispondiElimina
  22. Kone è andato al Bologna... il Chievo ha Paloschi.......
    Cruzado e Bradley.....gran centrocampo.....

    RispondiElimina
  23. La chiusura del calciomercato estivo richiede un attento commento collettivo di matrice orale. Ci vediamo - chiunque abbia piacere e possibilità di venire - stasera (giovedì) a partire dalle 7 allo Shamrock, a via del Colosseo, quartiere Monti, ovviamente a Roma (la città del Capitano con cui tutti sono orgogliosi di giocare). E' vietato parlare senza tenere una pinta di birra in mano. Poi Bostero ci fa una "pasta bolognaise" a casa sua...

    RispondiElimina
  24. Sta cosa dello "spaghetto bolognesa" non l'ho mai capita. A Bologna il ragù lo puoi metter su ogni tipo di pasta TRANNE che sugli spaghetti.
    E' una regola ferrea. A Bologna lo spaghetto al ragù non può esistere.
    Tuttavia, ovunque il ragù "bolognesa" è con lo spaghetto. Inspiegabile.

    RispondiElimina
  25. che poi perchè nel lessico del marketing gastronomico-internazionale-cheap dei ristoranti del centro di roma si sia imposta questa equivolenza "pasta al ragù=pasta alla bolognese" non l'ho mai capito, come se il ragù si mangiasse solo a bologna; è una convenzione che esiste solo per i turisti; io in una trattoria normale non l'ho mai trovata una pasta alla bolognese...

    RispondiElimina
  26. io vengo solo se gegen mette per iscritto che finalmente uscirá allo scoperto e parlerá delle possibilitá scudetto della Lazio.

    a mio parere i primi due posti sono giá stati assegnati (milan e biancoazzurri), il terzo anche (inter), per la uefa dico roma, napoli e juve. queste ultime tre devono fallire terribilmente per non centrare la qualificazione uefa. dietro queste sei squadre c'é infatti il vuoto.

    occhio al palermo che ha un piede e mezzo in serie b.

    a stasera - Gegen permettendo,
    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  27. Io stasera, da buon laziale, parlerò solo della Roma.. del look dai gay attivo e violento di Luis Enique, del suo odio per totti in quanto suo alterego dominante, la predilezione per gli efebi nordeuropei (Kjaer) e i Metrosexual (Gago - Pijanic).
    A seguire si parlerà del reality show di prossima programmazione "un pupone a Beverly Hills" dove sarà mostrata senza filtro l'avventura americana di Totti e Ilary novelli Sandra e Raimondo.

    L'unico momento di lazialità vera sarà il brindisi alla meravigliosa giornata di ieri dove in colpo solo ci siamo liberati di Zarate, Foggia e Makinwa.. roba da sogno

    RispondiElimina
  28. Sulla pasta alla bolgnese si tratta di dare un'etichetta fissa ad un tipo di pasta in maniera tale da renderla riconoscibile per i turisti. Si applica il concetto nominalistico che si usa con la pizza...
    poveri noi....

    (la cucina emiliana, peraltro, la più sopravvalutata d'Italia.. come il lambrusco)

    RispondiElimina
  29. quanto mi piaci quando ti nascondi caro gegen...sei piú scaramantico di nino d'angelo!!!

    Il Fornaretto

    RispondiElimina