giovedì 14 luglio 2011

Copa America - Cuartos de Final

Io dico Argentina facile sull'Uruguay, genio di Suarez permettendo.
Brasile stretto sul Paraguay.
Pioggia di gol in Cile-Venezuela.
Il sogno peruviano che si infrange.

52 commenti:

  1. Ma gli orari sono quelli italiani? Fantastico (a parte le semifinali, li mortacci loro. Io a quell'ora devo già seguire le lezioni di UniNettuno...).

    Concordo sull'Argentina, ma non "facile". Anche perchè, se torna, Cavani può fare molto male a Gabi Milito (sosia di quell'attore irlandese che ha fatto The Van) e a Burdisso (sempre più un mio mito, siamo quasi al livello di poster nell'armadio).

    Che palle di nuovo Brasile-Paraguay! Ma che razza di formula è? Quella della Scottish Premier League? Io comunque tifo per la sopa paraguaya.

    Bellissime le altre due partite. Cile e Colombia partono favorite, è vero, ma Peru e Venezuela non partono battute. Ieri sono impazzito per Orozco, la scoperta di Nesat. Ma alla fine i due pronostici verranno rispettati, e questa volta non è per forza un male. Anzi.

    Non ti sei però sbilanciato sulla possibile finale: Colombia-Cile ci può stare, no?

    RispondiElimina
  2. Colombia - Perù 1
    Argentina - Urugay 2
    Brasile - Paraguay 1
    Chile - Venezuela X (supplementari o rigori)

    RispondiElimina
  3. Secondo me con la Colombia passa il Perù, l'Argentina vince ma dovrà soffrire parecchio, tra Brasile e Paraguay mi auguro la seconda ma non ci credo neanche un pò e il Cile faticherà un pò ma poi passerà.

    RispondiElimina
  4. @ Dionigi, Cile-Argentina. Non ci credo che l'Argentina non arriva in finale in casa (cavolo.. in Sudamerica giocare in casa è un fattore! Una volta pure la Bolivia ha fatto il botto.. Dico.. la Bolivia!).

    La Colombia per ora è forse la squadra che ha più impressionato. Però mi aspetto che scivoli. Non ha ancora la testa e la cattiveria della nazionale del Pacho Maturana.

    ps: orari spagnoli. La grafica oggi è gentilmente offerta da Marca.

    RispondiElimina
  5. orozco è come il ragazzetto forte(e un po' coatto) che chiami a giocare a calcetto...sa di essere più forte e quindi tira da tutte le posizioni gioca da solo e finisce per stare sul cazzo a tutti(ecco perchè il ct venezuelano non lo fa giocare)...io comunque lo amo..e amo il venezuela...purtroppo....ha pescato il Cile.....tiferò per la roja.....che passerà senza problemi...una tra Argentina e Brasile va fuori..forse il Brasile ai rigori.....anche per me la Colombia è una delle migliori....ma una sorpresa perù?comunque sono dei grandissimi quarti!

    RispondiElimina
  6. Si gioca la Copa America, provo a giocare anch'io, come si fa sulla spiaggia o al bar dello sport...

    Colombia - Perù 1 a 1 (Perù ai rigori)
    Argentina - Urugay 2 a 1
    Brasile - Paraguay 2 a 0
    Chile - Venezuela 1 a 0

    Se vedo che funziona (lo escludo) provo anche per le semifinali, se no mi cospargo il capo di cenere (o di sabbia, o di birra) e faccio il "lurker" (quello che legge i blog senza commentare mai).

    RispondiElimina
  7. attenti al Paraguay, oltre alla solita solidità difensiva, può contare sulla coppia d'attacco Riquelme-Orue.

    RispondiElimina
  8. Vince il Perù. La coppa intendo. Almeno lo spero. Quindi: Perù-Colombia 3-2, Argentina-Uruguay 0-0, Argentina ai rigori. Brasile-Paraguay 2-1 ai supplementari. Venezuela-Cile 1-0. Vi seguo sempre borghettari...fondate un cazzo di quotidiano sportivo...mi sembra l'unico spazio dove sia possibile leggere di calcio senza avere l'impressione di perder tempo.

    RispondiElimina
  9. Sergio Markarian nuovo idolo delle masse!

    RispondiElimina
  10. Stranissime le due partite di ieri sera.
    Vargas grande capitano. Markarian genio. L'Argentina, invece, ha fatto pena. Serve un playmaker, altrimenti non andranno mai da nessuna parte.

    E ora forza Paraguay.

    RispondiElimina
  11. Grazie Uruguay... Hai dimostrato ieri sera che Diego Maradona sarà ineguagliato nel talento come calciatore ma anche nel carattere come allenatore... nella partita di stanotte serviva quella rabbia e quell'orgoglio che questa argentina di zanetti e della pulce con la tosse non sa non neanche cosa sia..
    Mi dispiace per Tevez, nelle sconfitte sono sempre i più generosi a pagare..

    Su messi non voglio soffermarmi, un ragioniere del talento e basta... uno da zero gol nelle ultime 17 partite in nazionale.. Tornasse a Barcellona a farsi i bibitoni di zio Pep (uno che in italia hanno squalificato dopo tre partite) e lasciasse il Fernet e cola ai potretros che sono cresciuti in sud america..
    Messi argentino di cartone

    RispondiElimina
  12. Premessa: rivalutiamo il Fernet con la Coca-Cola. Bisognerebbe sdoganarlo in tutta Italia, non solo in determinate club-house.

    Markarian è un grande, quanto ho esultato al secondo gol del Peru. Ieri sera com'era vestito, giacca da gran signore e occhiali scuri: un mito! Queste giornate sono la rivincita di tutti i "Lacrime di Borghetti" sparsi per il mondo. La rivincita della panchina sui calciatori, non potevano esserci giorni migliori per gente come noi devota a Zemàn. Le fesserie (li tratto) degli strisciate-centrici mi fanno ridere. Io sono felice perché nello scrigno delle mie cazzate qualche verità c'è sempre. Aspetto stasera, sperando che il miracolo si ripeti. Come ieri.

    Conclusione: aveva ragione Diego, prendeva 4 pappine dai tedeschi ma almeno provava a giocare. L'Argentina non vince perché non ha gli attributi, non è Titanica sotto porta.

    RispondiElimina
  13. Makarian è il sosia di Pierluigi Battista, "prestigiosa" firma ideologicamente camaleontica del Corsera....

    RispondiElimina
  14. Più che Pigi Battista (sia maledetto lui e il terzismo), io paragonerei Markarian al personaggio interpretato da Tom Wilkinson in RockNRolla di Guy Ritchie :D

    http://www.film.it/fnts/film/immagini/330x230/Tom_Wilkinson-6230331.jpg

    RispondiElimina
  15. come si sente la mancanza del Loco Palermo!!
    Michelone

    RispondiElimina
  16. Io il Loco Palermo, l ho incontrato lunedi 11 luglio davanti al Colosseo...

    RispondiElimina
  17. Non sai quanto ti invidio!
    Michelone

    RispondiElimina
  18. Io, el Loco Palermo, non l'ho mai incontrato.
    Y nada.

    Arìn

    RispondiElimina
  19. Brasile merda, fuori meritatamente a calci in culo con la peggior serie di rigori della storia del calcio. Forza Perù e l'insensatissimo Venezuela.

    RispondiElimina
  20. Fuori anche il peggior Brasile degli ultimi vent'anni. Probabilmente quello del 1994 era tecnicamente più misero, ma quelli là almeno i rigori li tiravano abbastanza bene.

    RispondiElimina
  21. La Vinotinto completa il sogno. Cile come al solito incapace di diventare grande. Che sia la volta dell'Albirroja?

    Collettivo Mauro Repetto

    RispondiElimina
  22. E' la Copa Borghetti!

    Dopo il Brasile delle dive, anche il Cile fuori: Venezuela alle semifinali.

    Vizcarrondo (il barone Fritzcarraldo mascherato da pedatore) nuovo nume tutelare.

    Saluti,
    Amerindio Borgheucci

    RispondiElimina
  23. ma che culo il venezuela!tanta tanta stima per loro....però questo Cile doveva alzare la coppa....

    RispondiElimina
  24. Aiutatemi!
    Non riesco a smettere di vedere il rigore tirato da Elano. Da annali.

    (Anche il Paraguay, nei novanta min., quanto a culo però ...)

    Amerindio Borgheucci

    RispondiElimina
  25. Onore a Markarian e al suo completo tagliato malissimo.

    Onore al Paraguay, l'unico vero gioco all'italiana rimasto.

    Continuo a tifare Perù, anche se nell'Uruguay giocano persone fantastiche. El Ruso Perez, Diego Forlan (che continuo a pensare abbia raccolto molto poco per il giocatore che è - da brividi il centro al volo per la conclusione di testa di Lugano contro l'albiceleste), Scotti e, appunto, Diego Lugano.

    Geniale come è uscito il Brasile. A conferma che Neymar è flop e che in mezzo al campo non gira niente.

    Chiudo con una chicca, gentilmente offerta da greezo:

    http://www.youtube.com/watch?v=VTldrukzMJ4

    CORTA CON TANTA DULZURA!

    RispondiElimina
  26. intanto in un'altra memorabile partita, il giappone si assicura il campionato del mondo battendo l'impero del male USA ai calci di rigore.
    chi ha preferito paraguay brasile a questo appuyntamento con la storia, peste lo colga (anche perchè, comodi, comodi, alla fine delle donne si andava sulla fine dei supplementari Par - Bra).

    RispondiElimina
  27. Come mai il catenaccio vincente di Paraguay e Venezuela diventa culo mentre quello di Toni Albà no? 4 partite? Tutti ribaltati i pronostici! Questa è pura poesia. Sogniamo una finale Peru-Venezuela perché non costa nulla e difficilmente accadrà.

    P.S. Leggere che Chavez e Fidel hanno esultato al gol dei vinotinto è favoloso. Chissà se anche il Maresciallo Tito seguisse le imprese sportive della sua Jugoslavia, naturalmente su Tele Capodistria

    RispondiElimina
  28. uno si chiede perchè ama il calcio..e poi vede che i pronostici stilati dal pur autorevole sigsiendobostero vengono puntualmente smentiti..e la consapevolezza che tutto questo non potrebbe mai accadere, che sò, nel basket, ma forse neppure nel baseball(statico o statistico), beh, mi fa quasi piangere dalla commozione
    tommaso

    RispondiElimina
  29. Hai ragione Tommaso, schadenfreude a parte, "il pur autorevole Bostero" ha sbagliato 4 pronostici su 4.

    Gaizka ne he presi 2.

    Whitecat 1.

    Nesat diciamo 2.

    Popcorn quasi 1.

    Andrea Zurlo direi 2 e mezzo.

    Quindi per me, se fosse Ok! il prezzo è giusto, "oggi giocherebbe con noi" Andrea Zurlo

    na na na na, nannanana, na na na na na na, na na na na na....

    ps il rigore di Elano fa ridere, quello di Andrè Santos di più.

    RispondiElimina
  30. e a proposito di sovvertimento dei pronostici (ma direi quasi sovversione), è solo una mia impressione o nelle gare delle nazionali, statistiche e previsioni valgono meno rispetto ai club?cioè, che sia più facile vedere risultati non propriamente attesi...questione di motivazioni?di minore spazio per la tattica, essendoci meno tempo per preparare le partite?
    tommaso

    RispondiElimina
  31. @tommaso: penso sia una tua impressione.
    tieni conto che 2 partite sono finite ai calci di rigore.
    le partite si sono svolte tutte secondo pronostico, il paraguay ha avuto culo (e ho goduto anche se non l'ho vista) l'uruguay ha umiliato tatticamente l'argentina, il perù è stato graziato dall'errore di falcao e anche il venezuela ha avuto una bella dose di fortuna.

    secondo me la ragione di questi "capitomboli", è data dall'usura psicologica dei grandi campioni, che vivono la stagione coi club sempre sotto pressione e nel periodo in cui fisiologicamente dovrebbero riposare, sono, invece, risottoposti alla medesima rumba.
    per le squadre "di serie B" la copaa america vale la carriera, la vita, per i big no.

    poi la spagna vince i mondiali e sono da capo....

    RispondiElimina
  32. io non voglio Caressa, io voglio questi due telecronisti qui: http://www.youtube.com/watch?v=on7WslbMfu4&feature=related

    che ne pensi Dionigi?

    markovic

    RispondiElimina
  33. grazie per l'invito a Ok il prezzo è giusto...tuttavia per restare in tema paraguay nei miei pronostici ho avuto culo, tanto tanto culo. @Kalle: le grandi nazionali sono piene zeppe di grandi campioni che se ne fottono altamente della copa america. Ed è così che Messi timbra il cartellino mentre Cichero diventa un idolo, il portiere del Paraguay diventa un portierone. Non mi fido dei grandi nomi. Ps: ma l'allenatore del Venezuela è un imitatore di Gigi Sabani (pace all'anima sua) ?

    RispondiElimina
  34. Da due giorni mi fappo furiosamente, calcisticamente parlando. Che bella cosa la Coppa America

    RispondiElimina
  35. CristoredentoNe! nel lasso di tempo d'un triplice fischio finale, caro/a @tamas, ti ho immaginato alle prese con le immagini di Santiago Acasiete, lesto/a a masturbarti come un pazzo o come un hincha della sambenedettese, che è uguale ... ho temuto l'apocalisse

    Vamos arriba la Celeste!

    Arìn

    RispondiElimina
  36. Bellissimi Markovic, sì, "ya vale la pena haber pagado la entrada". Emozionarsi per una rabona inutile a centrocampo è divino. Comunque gli argentini sono nati per fare i telecronisti.

    RispondiElimina
  37. Non ho mai potuto seguire la Coppa America.... a distanza, in maniera del tutto arbitraria e poltronessca, ne ho sempre avuto l'impressione di una competizione che si vince di più con solidità e con qualche medianaccio furioso e operaio che con numeri 10 e colpi di fino.

    Chiedo a chi la segue... è veramente così?

    RispondiElimina
  38. Il castigliano di cui si serve Hugo Chávez che puzza di merda ed è merda, mi costringerà a tifare per una finale Paraguay - Uruguay ...

    http://twitter.com/#!/chavezcandanga/status/92749881441136640

    Saluti
    Patetico Pol Pit

    RispondiElimina
  39. Onore al Perù. Esce a testa alta da una competizione che non lo voleva protagonista.
    Suarez è genio. Per lui si vale l'inflazionato intercalare "può cambiare la partita da un momento all'altro".

    RispondiElimina
  40. @Gaizka, non mi risulta che la Grecia abbia mai vinto la Copa América :)

    (Grandissima partita del Palito Pereira)

    Arìn

    RispondiElimina
  41. Gaizka quella è la coppa d'Africa, è un'altra cosa...

    Quest'anno Suàrez e Carroll faranno l'inferno.

    In tutto questo è paradossale che l'Uruguay possa permettersi di arrivare in fondo alla competizione senza il suo giocatore più forte (insieme a Suàrez). Mi piacerebbe vedere Cavani segnare in finale. Perchè a questo punto è chiaro per chi tifiamo.

    RispondiElimina
  42. bello sentire di gennaro e compagnoni magnificare suarez dopo che agli ultimi mondiali lo avevano letteralmente preso per il culo durante una telecronaca tirando fuori la salute mentale del CT che lo preferiva a cavani.

    che buffoni!

    RispondiElimina
  43. la kantina tifa vinotinto

    Francesco

    RispondiElimina
  44. Anch’io mi unisco alla cantina e per gli stessi motivi, ed anche per altri, tifo vinotinto..

    Non avendo la tv e non avendo visto quindi nemmeno una partita di Copa America vi propongo un’analisi paracalcistica delle quattro squadre semifinaliste attraverso una rivisitazione del trittico di tempo, spazio ed inganno come forma costituente del calcio proposto dal Flaco Menotti settimana scorsa in un’intervista su El Pais..

    Tempo – In Perù è presidente Ollanta Humala, che ha sconfitto la figlia dello psiconano andino Fujimori nelle recenti elezioni presidenziali.. Humala è rappresentante del Movimiento Etnocacerista.. variante peruviana di quel miscuglio di socialismo, populismo e (inter)nazionalismo.. con lo scopo sublime di reintrodurre le nude vite delle comunità indigene nella vita politica del paese.. del progetto del meraviglioso presidente venezuelano Hugo Chavez.. In Uruguay guida il paese l’ex guerrigliero Tupamaros José Alberto Mujica Cordano, mentre in Paraguay dopo sessant’anni di dominio del neoliberista Colorado Party è stato eletto con il partito di centrosinistra dell’APC l’ex arcivescovo Fernando Lugo.. I tempi cambiano..

    Spazio - Se il cambiare dei tempi è una questione di spazio ecco che allora il calcio può rivelarsi, ancora una volta, rivelatore del futuro.. Fino ad oggi, tracciando su una mappa la traiettoria del potere calcistico latinoamericano – dal Brasile all’Argentina attraversando l’Uruguay - appariva una parentesi curva che tendeva verso oriente, e quindi verso l’Occidente storico.. Oggi, se partendo dall’Uruguay si risale verso il Venezuela attraversando Paraguay e Perù, la pancia della parentesi indica l’ovest, e quindi Oriente storico.. Sembra quasi che l’America Latina, stufa del suo ruolo imposto di Estremo Occidente, punti verso un ritorno ad Oriente.. Se è un’avvisaglia della profezia Maya, secondo cui l’anno prossimo il giro della terra si sarà compiuto da Oriente ad Oriente e nulla sarà più.. o invece il segnale che una nuova alba è pronta a sorgere sul pianeta.. ce lo dirà (forse) il risultato del Venezuela..

    Inganno - Ma questa Copa América 2011 ha soprattutto svelato l’inganno più sublime del pallone: quello delle giovani promesse da calciomercato che si affastellavano nelle luccicanti vetrine delle multinazionali Brasile ed Argentina.. Nell’incubo tecnocratico del calcio televisivo pareva che questi ragazzini ipersponsorizzati avessero già abbattuto gli idoli che avevano innalzato il calcio a magia.. ed invece i nuovi Garrincha e Maradona si sono sgonfiati come una qualsiasi merce a breve data di scadenza che affolla l’ipermercato dei sogni.. E allora chissenefrega se giocano di merda.. Evviva Uruguay, Paraguay, Venezuela e Perù, che ci accompagnano in un nuovo tempo.. disegnano altri spazi.. e svelano l’inganno del calcio(mercato)..

    RispondiElimina
  45. l'ultimo commento è incredibile..grazie
    tommaso

    RispondiElimina
  46. E ora l'apoteosi sarebbe che il Paraguay alzasse la coppa senz'aver vinto neanche una partita.

    Tifo per i rigori e per el Monumental Villar.

    ps: che commentone, zio.


    TarantinoX

    RispondiElimina
  47. Ma che Suarez fosse un campione lo si poteva vedere già tre anni fa quando Sportiitalia trasmetteva le partite dell'Ajax.

    Perchè i nostri dirigenti devono aspettare che un calciatore sfondi in coppe così seguite per cercare di accaparrarselo? Non ci si poteva pensare un pò prima?

    RispondiElimina
  48. Dionigi, se stai davvero intendendo con il tuo commento che preferisci Cavani a Diego Forlán, sappi che ti tolgo il saluto e/o ti schiaffeggio con il guanto.

    RispondiElimina
  49. Stanno tutti là quei tre, allo stesso livello, figurati, sono pazzo di Forlàn, però quest'anno Cavani è stato un ira-di-dio, mi addormento ogni sera pensando che una partita si può vincere anche tirando un bolide da trenta metri sotto il sette al novantesimo (Napoli-Lecce, 1-0).

    RispondiElimina
  50. Mha, con tutto il rispetto per Cavani che comunque è un giocatore che è migliorato in maniera incredibile e potrebbe ancora migliorare, credo che tra lui e gli altri due ci sia tuttora un abisso.

    RispondiElimina
  51. Un risultato finale a dir poco scontato. Specie visto l'approccio del Paraguay alla partita.

    D'altronde, sarebbe stata una beffa per l'Uruguay non portare a casa la Copa con un attacco del genere.

    Suarez è un mago. Una presenza in campo notevole. Assieme a Forlan un lavoro costante e prezioso ad ogni minuto.

    Chiudo ringraziando El Ruso per l'entrata che gli è costata l'ammonizione. O meglio, lo ringrazio per aver scosso la testa commentando la decisione dell'arbitro.. Corta con tanta dulzura!

    RispondiElimina