martedì 28 giugno 2011

Copa America

L'Argentina con l'attacco devastante. Il Brasile con la classe anni Novanta. La Colombia sognatrice. Il Paraguay in linea di difesa. Parte la Copa. Tra giovani promesse e disillusioni di sempre. Grandi stadi e inni. Le orme di Ronaldo e Francescoli. Di Diego e Crespo. Tutto in venti giorni.

GRUPO A

Argentina - Facciamo i conti: Higuain, Messi, Aguero, Tevez, Milito, Lavezzi e Di Maria. A chi è abituato a Mauri e Matri la lista fa un certo effetto. Il problema di coach Batista però rimane sempre lo stesso: integrare Messi in un sistema potenzialmente pazzesco senza cedere alla tentazione di far decidere ogni istante di partita alla Pulce. Leo come Diego e più di Diego è un errore. Leo come alternativa è tutto un altro discorso. Obiettivo numero uno, spodestare il Brasile dal trono continentale. Cancellare il 3 a 0 incassato nell'ultima finale.

Colombia - La sorpresa annunciata. Falcao e Rodallega guidano il nuovo che avanza in Sudamerica. Partire da probabile rivelazione è però rischioso. Da tenere d'occhio Jackson Martinez, punta dei Giaguari del Chiapas e l'udinese Armero. Il girone è quantomai abbordabile. Non steccare è un obbligo.

Costa Rica - Non facciamoci illusioni. La concomitanza della Gold Cup (vinta dal Messico con un gran gol di Dos Santos) ha portato i centroamericani in Argentina con una rosa sperimentale. La Volpe ci crede, ma i tempi di Wanchope sono lontani. Servirà un pò di fortuna. Nel frattempo il portiere titolare Esteban Alvarado è fuggito dopo essere stato accusato di aggressioni e tentato omicidio.

Bolivia - Assolutamente non replicabile l'exploit (in casa) del 1997 firmato Etcheverry e stroncato in finale dal Brasile di Ronaldo. La Bolivia parte con l'etichetta di compagine più debole. I blocchi Oriente Petrolero e Blooming non sembrano affidabili, viste anche le derrotas di questi club in Libertadores. L'ambientazione al livello del mare è un fattore a sfavore. Solo la maglia col condor sul cuore rimane bellissima.

Calendario 1 Luglio 2011 alle 21.45 Argentina-Bolivia a La Plata 2 Luglio 2011 alle 15.30 Colombia-Costa Rica a San Salvador de Jujuy 6 Luglio 2011 alle 21.45 Argentina-Colombia a Santa Fe 7 Luglio 2011 alle 19.45 Costa Rica-Bolivia a San Salvador de Jujuy 10 Luglio 2011 alle 16.00 Colombia-Bolivia a Santa Fe 11 Luglio 2011 alle 21.45 Argentina-Costa Rica a Cordoba

GRUPO B
Brasile - La rifondazione di Mano Menezes dopo l'era Dunga. La fantasia dopo i moduli quadrati in stile 1994. La puntata è su Neymar, il mohicano in orbita Real Madrid che ha steso il Penarol in finale di Libertadores. Lucas e Ganso a rimorchio. Il resto sono i nomi di sempre: Robinho, Alves, Pato e Thiago Silva.. Chi più ne ha più ne metta. Non troppi però.. che da queste parti giriamo con Balzaretti e potremmo offenderci.
In primis, confermare le vittorie delle edizioni precedenti. Nel frattempo, porre le basi per il Mondiale in casa.

Ecuador - Le stelle sono Noboa del Rubin Kazan e Valencia del Manchester United. La religione del 4 4 2 dovrà fare il resto.

Paraguay - Assieme all'Uruguay, una delle squadre che ha più impressionato all'ultimo Mondiale. Compatta, tattica e attenta ad ogni fase di gioco. Barrios del Borussia, Benegas del Rubio e Lugo del Boca. I guaranì puntano in alto. Si preannuncia un Quarto di Finale proprio contro la Celeste.

Venezuela - Da sempre quella in cui giocò Massimo Margiotta è la squadra più' indecifrabile del pianeta. Non ho idea di chi siano i giocatori. E la maglia "vinotinto" per me e' orribile.

Calendario 3 Luglio 2011 alle 16.00 Brasile-Venezuela a La Plata 3 Luglio 2011 alle 18.30 Paraguay-Ecuador a Santa Fe 9 Luglio 2011 alle 16.00 Brasile-Paraguay a Cordoba 9 Luglio 2011 alle 18.30 Venezuela-Ecuador a Salta 13 Luglio 2011 alle 19.15 Paraguay-Venezuela a Salta 13 Luglio 2011 alle 21.45 Brasile-Ecuador a Cordoba

GRUPO C

Uruguay - Parliamoci chiaro: la Celeste di Cavavni e Forlan è da impazzire. Finalmente una vetrina importante per il classe '90 Ramirez e il capo del centrocampo rossoblù Perez dopo una stagione fatta di alti e bassi. L'unico ostacolo verso la Finale dovrebbe essere il Paraguay. Dalle parti di Montevideo sognano. Dal 1995. Dai tempi di Enzo.

Cile - Comunque vada, la Copa America alzerà il prezzo del cartellino di Alexis Sanchez. Gli occhi sono tutti puntati sul nino di Tocopilla classe '88. Tra i convocati anche diversi italiani: Jimenez del Cesena, Isla dell'Udinese e Pinilla del Palermo. Teniamo d'occhio Vidal del Leverkusen (mezza Europa su di lui) e Gary Medel (ex Boca ora a Siviglia).

Messico - Vale il discorso fatto per il Costa Rica. Non aspettatevi Chicharito o Marquez o Dos Santos: vedrete un under 23 sperimentale.

Perù - Una Nazionale che deve ritrovarsi. Un'intera generazione bruciata (quella di Farfan, Guerrero e Pizarro) e poca gente con i piedi buoni. Vargas è reduce da uno strappo muscolare e potrebbe non esserci per le prime partite (il 4 luglio contro l'Uruguay e l'8 contro il Messico).

Calendario 4 Luglio 2011 alle 19.15 Uruguay-Peru a San Juan 4 Luglio 2011 alle 21.45 Cile-Messico a San Juan 8 Luglio 2011 alle 19.15 Peru-Messico a Mendoza 8 Luglio 2011 alle 21.45 Uruguay-Cile a Mendoza 12 Luglio 2011 alle 19.15 Cile-Peru a Mendoza 13 Luglio 2011 alle 21.45 Uruguay-Messico a La Plata

* * *
La caccia al Brasile è aperta. Io tifo Perù.

39 commenti:

  1. Forse non è all'altezza di alcuni giocatori che compongono la rosa del Brasile, ma Balzaretti è per me un ottimo calciatore, che merita rispetto anche solo per l'impegno serio che mette ogni partita. Avrei optato per qualche altro esempio, tipo Pepe.

    Della nazionale vinotinto si conosce Arango, trequartista mancino un tempo al Mallorca e oggi credo naufragato in qualche squadra tedesca in cerca di una pensione dignitosa.

    Capitolo Perù: se non erro Farfán, probabilmente il più forte in rosa, salterà la Copa causa infortunio.

    RispondiElimina
  2. Corretto. Fuori 50 giorni, Fuori anche Pizarro.

    Su Balzaretti, vada per lo scambio con Pepe.

    RispondiElimina
  3. ..."ma Balzaretti è per me un ottimo calciatore, che merita rispetto anche solo per l'impegno serio che mette ogni partita. Avrei optato per qualche altro esempio, tipo Pepe" è una frase, caro Alessandro, che contiene in sè una macroscopica contraddizione in termini. Se il tuo criterio di stima verso un calciatore è infatti quello "dell'impegno serio che mette in ogni partita", neanche l'esempio di Pepe sarebbe calzante, in quanto alla semianalfabeta ala di Albano tutto si può rimproverare (ma proprio tutto) tranne l'impegno, ergo - sono tue parole - solo per quello merita rispetto.

    Riposti i puntini sulle i (e ricordato peraltro che Balzaretti è un buon giocatore che, sono certo, farebbe comodo al Brasile - se l'alternativa è quella sega di Bastos...), grazie Bostero per presentarci la Copa America. Che dire:
    - mi fa ridere che la maglia si chiami "vinotinto"...però la interpreterei nel senso di tovaglia di carta bianca su cui è caduto appunto un bicchiere di Tavernello...
    - il Cile mi sembra potenzialmente fortissimo e secondo me sarà la sorpresa del torneo (diciamo finirà tra le prime quattro)
    - l'Uruguay al solito farà cagare
    - nella lista dell'Argentina ti sei dimenticato Pastore (sai, tanto per, alla fine fa pure comodo uno così...)
    - secondo me (lo autorizzo a grattarsi) Sanchez si rompe tibia e perone (tipo lo sfonderà il classico difensore del Costa Rica arcigno e con i baffi) e Pozzo bestemmia per due settimane di fila senza neanche mangiare
    - io detesto il Brasile e mi auguro una sonora disfatta
    - mi dispiace dirtelo ma il Perù non fa neanche un punto, Bostero
    - Carrizo sarà applaudito in ogni stadio.

    RispondiElimina
  4. Dionigi, vediamo se con Angie ti convinco a tifare Perù assieme a me..


    http://peruanasmodelos.blogspot.com/2010/02/angie-jibaja-moto-1.html

    RispondiElimina
  5. Delicatissima....
    Forse preferisco Melissa Carrillo:

    http://peruanasmodelos.blogspot.com/2010/02/melissa-carrillo-correo-1.html

    Comunque per convincermi a tifare Perù basta un piatto di ceviche - ma è possibile che Roma si possa gloriare del titolo di capitale senza avere neanche un ristorante peruviano? Propongo di mandare due/tre ministeri al nord e rimpiazzarli con un Astrid y Gastòn:

    http://www.astridygaston.com/web/intro.php

    RispondiElimina
  6. perdonatemi...ma il Venezuela oltre ad avere una splendida maglia color vinaccia...è indicata da molti come possibile sorpresa del torneo....realisticamente non riuscirà a passare il girone che definirei non proprio agevole.......
    detto questo occhio a questo ragazzetto...
    Yohandry Orozco

    RispondiElimina
  7. Mortacci Nesat, che gol INCREDIBILE!! Non lo conoscevo Orozco, nè avevo mai visto il gol. Ma dove gioca cotanto fenomeno?

    RispondiElimina
  8. Dico Uruguay, Suarez è divino.

    RispondiElimina
  9. Ragazzi attenzione a Nestor Ortigoza del Paraguay. Nonostante il fisico non lo aiuti è un centrocampista molto completo...

    http://www.zimbio.com/photos/Nestor+Ortigoza/Paraguay+v+Japan+2010+FIFA+World+Cup+Round/EKLqXipX0im

    RispondiElimina
  10. Effettivamente non proprio il classico fisico da atleta...troppa sopa paraguaya

    RispondiElimina
  11. @pdc79....grazie! sento già di amarlo.......

    RispondiElimina
  12. Uruguay tutta la vita.
    Peraltro uno dei miei primi ricordi calcistici è l'Uruguay della coppa america 1995, in cui Fonseca faceva sfracelli, di cui leggevo le gesta sulla gazzetta dello sport in montagna

    Albis

    RispondiElimina
  13. per dionigi: hai ragione, noto soltanto adesso come in questo modo non ho reso appieno ciò che volevo dire. tra l'altro, ho visto anche che proprio sotto questo, c'è un articolo sul modo di giudicare la prestazione di un terzino... dico solo questo: a mio modestissimo parere, Balzaretti è stato il miglior terzino sinistro del campionato di serie A 2010/2011 (anche se i rivali non erano né Krol né Maldini).

    sul fatto che il cile possa essere la rivelazione del torneo ho un fortissimo dubbio, fondato su una lapalissiana constatazione: claudio borghi e marcelo bielsa non sono la stessa persona.

    Della formazione ecuadoregna, oltre a Noboa e Valencia, merita a mio parere di essere citato Caicedo (classe '88, quest'anno al Levante).

    RispondiElimina
  14. Bostero, ma gli orari che hai messo sono quelli argentini, vero? Come faccio a capire che ora è in Italia? Quante ore devo sommare o togliere?

    RispondiElimina
  15. Sommi 6-7 ore più o meno.

    La cosa figa la propone youtube: tutte le partite in streaming e sezione apposita per rivederle.

    RispondiElimina
  16. Da Mundo Deportivo (edizione online):

    JONATHAN DOS SANTOS SE QUEDA SIN COPA AMERICA POR UN ESCANDALO CON PROSTITUTAS

    Al menos 8 jugadores de la selección mexicana Sub-22 que asisten a la Copa América, entre los que se encuentran el jugador del Barça, Jonathan dos Santos, serán sancionados por recibir a prostitutas en el hotel de concentración de Quito, Ecuador, según han informado medios mexicanos.

    Después de disputar su partido de preparación los jugadores se percataron de que les faltaban varias objetos personales como iPads y iPhones y denunciaron el robo. Los propietarios del hotel aseguraron que habían sido ellos mismos los que dejaron entrar a las supuestas prostitutas a sus habitaciones.

    Los dos primeros sancionados por la FMF son el propio Jonathan dos Santos y Néstor Vidrio, que serán dados de baja del equipo Tricolor. Los otros jugadores involucrados son Israel Jiménez, David Cabrera, Jorge Hernández, Marco Fabián, Javier Cortés y Néstor Calderón.

    Dichos jugadores deberán pagar una multa de 50.000 pesos (casi 3.000 euros) y serán suspendidos durante seis meses para cualquier convocatoria del equipo nacional.

    RispondiElimina
  17. Peccato che nella nazionale vinotinto (da me idolatrata da quando - epoca margiottiana - indossarono per un incontro ufficiale delle magliette tarocche comprate fuori dallo stadio, chè il magazziniere si era dimenticato le divise chissà in quale dei peggiori bar di Caracas) non ci sia Amorebieta, difensore dell'Athletic basco al 100% ma nato in Venezuela causa impegni lavorativi del babbo. Perso nella ricerca impossibile di una maglia nella Roja ha abdicato ad un posto dritto dritto nella storia, peccato. Peraltro il buon Fernando è un personaggione (tatuaggi da skinhead antifa, look da surfista del golfo di Bizkaia, entrate da macellaro di borgata) che meriterebbe un post tutto per sé ;)

    RispondiElimina
  18. Punto primo: la faccenda dei calciatori messicani dimostra quello che io e Nesat (e Machete) sappiamo da sempre (e che invece una rivista patinata - non ricordo quale - ignora, avendo messo le messicane al quarto posto tra le donne più belle del mondo), e cioè che in Messico le belle ragazze latitano.

    Punto secondo: Amorebieta è uno che scopa, su questo c'è poco da dire, ma è anche uno forte. Sarebbe stato senz'altro bello vederlo scendere in campo con la maglietta color Tavernello. Tuttavia lo capisco: non vedo in Spagna difensori degli ultimi dieci anni più forti di lui, a parte Piquè e Puyol. Di certo non lo sono i vari Albiol e Marchena. Ma d'altronde neanche un terzino meraviglioso come Azpilicueta gioca in nazionale, anche lì ogni tanto sbagliano.

    Punto terzo: sul Foglio di oggi c'è un articolo ALLUCINANTE di "presentazione" della Copa America a firma di Beppe di Corrado (che ormai scrive sempre peggio, non dice nulla, si sta beppesevergninizzando, massima offesa!). Il senso del pezzo, per farla breve, è questo: "Parliamoci chiaro, della Copa America non frega niente a nessuno, l'unica cose che interessa e che si aspetta è lo scontro Argentina-Brasile, altrimenti abbiamo perso tempo", e giù banalità sulla rivalità tra le due squadre, la borraccia col Roipnol bevuta da Branco, chi è più forte tra Pelè e Maradona, etc. etc.
    Ora, trovo scandaloso un atteggiamento del genere, ed è, nel suo piccolo, un esempio di perchè, secondo me (ma penso di non essere l'unico, almeno in quest'oasi che è LB), il giornalismo sportivo italiano (senza voler scomodare il giornalismo in generale, o addirittura l'Italiano) fa merda (come direbbe Bostero). Laddove la realtà è stratificata, laddove ci sono sfumature, laddove ci sono storie, laddove si possono aprire gli orizzonti dei lettori, ecco come una falciatrice la banalità della da noi tanto vituperata "cultura degli high-lights". Un mese di partite, di storie, di giocatori che saranno straordinari ridotta a novanta minuti (dando peraltro per scontato che ci saranno) tra le due solite note. Ma che palle!
    Che sia Perù-Cile o Venezuela-Uruguay o Bolivia-Colombia la finale, e tanti saluti a questi foglianti provinciali e anche un po' squallidi...

    RispondiElimina
  19. 1) il puritanesimo della federazione messicana è insostenibile
    2)I ragazzi sono stati anche derubati (cornuti e mazziati)
    3) vogliamo l'integrale delle telecamere a circuito chiuso

    RispondiElimina
  20. Cioè fammi capire.. è due anni che provo ad accendere in tutti i modi una finestra di interesse sul Sudamerica e la stampa mi mette i paletti tra le ruote???

    Tieni il cartaceo che voglio leggere.

    Solamente le ultime due edizioni (04 e 07) sono state caratterizzate da finali Argentina VS Brasile (incontratesi per la finale solo 7-8 volte su una quarantina di edizioni). In tempi recenti, poi, vittorie per Uruguay e Colombia (gol decisivo di Cordoba sul Messico e Honduras e Uruguay rispettivamente terzo e quarto) e finali per Bolivia e Messico.

    Le partite inoltre sono sempre combattutissime e i giocatori nomi interessanti. Prendiamo ad es l'edizione 97 e scorriamo i marcatori: Edmundo, Romario, Aristizabal, Gallardo, Etcheverry, "Cobra" Hernandez, Blanco, Chilavert, Recoba, Acuna..

    Nel senso, lo sminuire non manco troppo supportato da quanto realmente è accaduto.

    Insomma, a me chi pensa solo a Messi e Neymar fa ridere. Abbandonarsi all'immagine del duello tra argentini e brasiliani è da poveretti.

    Ma capisco di predicare nel vuoto e in ogni caso, meno siamo, meglio stiamo.

    RispondiElimina
  21. Dionigi, hai ragione da vendere.

    Ma ti ricordo un dato: "Il Foglio" vende meno di 3.000 copie al giorno e resta in vita solo perché sono attaccati alla mammella del finanziamento pubblico, quindi non angustiarti più di tanto :D

    RispondiElimina
  22. ancora una volta si è visto come messi sia barça dipendente e non viceversa...
    il prossimo che lo paragona a Maradona dovrebbe essere messo su un aereo e fatto sparire nel vuoto con un bel calcio nel culo...

    RispondiElimina
  23. In un mondo dove la stampa ha paragonato Ibrahimovic a Van Basten paragonare Messi a Maradona mi sembra meno bestemmia (una volta dissi: "Messi? Una volta per tutte: quando diventerà più forte di Patxi Puñal, cioè mai, avrà il mio rispetto). L'Osasuna, a fine Luglio, viene in Italia. Ritiro a Fiuggi. Amichevoli contro Lazio, Chievo (ci vado), Varese e Novara.

    Finestra SudAmerica: è retrocesso il Gimnasia La Plata. Naturalmente non l'abbiamo sentito da nessuna parte.

    Chi tiferò? Metto in chiaro: mi aspettavo Merino alla Coppa America (non perché fosse capace, sia chiaro). Non c'è e quindi il Perù s'è perso le sue possibilità. Potrei tifare il Messico ma senza Cuauhtémoc Blanco, Jared Borgetti e il Maestro Aguirre in panchina è durissima. Risultato? Affanculo, tifo Venezuela: Viva Chavez e il Pampero!

    RispondiElimina
  24. Caro Vassilji questo blog ha una predilezione per l'Osasuna e già due anni fa andammo in massa ad assistere ad un tiratissimo Lazio Osasuna deciso ai calci di rigore.. Magari ci incontriamo sulle strade del tour estivo...

    RispondiElimina
  25. Vassilj, annetto prova inconfutabile del sentimento rojillo che pervade questo blog:

    http://www.blogsasuna.com/2009/12/26/rojillos-en-el-mundo-federico-rojillo-desde-la-ciudad-eterna/

    Su Messi, neanche un gol di mano in finale contro il Brasile può fargli vincere questa guerra già persa.

    Mi spiace per il Gimnasia La Plata e per il Fornaretto.

    RispondiElimina
  26. Grazie Dionigi per il pensiero.

    Devo ammettere che questa retrocessione brucia parecchio. Solo il giro di campo della squadra, guidata da Guillermo Barros Schelotto, con tutto lo stadio in piedi ad applaudire, é riuscito a regalarmi un sorriso.

    Ritorneremo...almeno spero!

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  27. e intanto i vinotinto...............

    RispondiElimina
  28. Sì ma quella maglietta è veramente squallida...

    Il Brasile fa davvero ridere. Li chiamano fenomeni perchè hanno i capelli strani o sanno fare i giochetti col pallone. Ma vaffanculo! Continuo a pensare che la miglior seleçao dell'ultimo decennio sia quella portata da Dunga in Sudafrica, una squadra compatta, senza fronzoli, con la qualità sufficiente, che se non c'era quel decerebrato di Felipe Melo a farsi autogol e a farsi espellere in cinque minuti contro l'Olanda sarebbe arrivata fino in fondo.

    Peraltro ieri sera l'unica cosa più irritante del manto erboso di La Plata era la telecronaca (?) di Fabio Caressa, è diventato una specie di Pino Insegno (e ho detto tutto: alzi la mano chi ha mai riso per una battuta della Premiata Ditta), ormai è pronto per la trasmissione dei Pacchi su Raiuno...

    Secondo me quando dice le sue cazzate Bergomi lo guarda con la stessa espressione con cui Fini fissava Berlusconi mentre diceva a Schultz "la proporrò como kapò"...

    RispondiElimina
  29. la nazionale brasiliana perfetta era quella del 98......e la maglia del Venezuela è un capolavoro........Caressa....è più credibile la cucina di sua moglie...e ho detto tutto....

    per quel che riguarda la teleditta....esiste solo una persona che è riuscita a far peggio...l imitatrice di Buona Domenica......ignoro quale sia il suo nome...e di questo ringrazio il signore

    RispondiElimina
  30. Intanto, come ampiamente pronosticato da quei clunomani della stampa italiana, una Coppa America sempre più nel segno di Brasile e Argentina eh!

    "Annales Volusi, cacata carta..."

    RispondiElimina
  31. Considerazioni sparse su questi prime gare

    Bene i cafeteros colombiani contro il costa rica,se questi imparano a
    concretizzare...

    Brasile che paga il 4-2-4 dove manca un play a dare ordine e il fatto che si giochi con un pallone solo,punto meritatissimo dei vinotinto.Ma chi è il parrucchiere dei brasiliani.Oddo???

    Paraguay-Ecuador nella prima mezzora neanche malaccio,poi mi ha conciliato il sonno.
    Attendiamo fiduciosi Chile e Uruguay

    RispondiElimina
  32. La maglietta, la pancia e il capello impomatato dei peruviani mi hanno riconciliato con il calcio, una vera esperienza estetico-sportiva. Non so neanche com'è finita la partita con l'Uruguay, sono andato a letto a fine primo tempo (1 a 1).

    RispondiElimina
  33. Questo Perù mette i brividi.

    Cuore, corsa e maglia stupenda.
    Brasile e Argentina tremano.

    RispondiElimina
  34. Partita a dir poco pazza e malandata quella tra Costa Rica e Bolivia. Primo tempo da sonno. Gol sporco dei centroamericani in avvio di ripresa e mancato raddoppio su calcio di rigore. Ci pensa comunque Campbell, finalizzando una bella ripartenza, a fissare il risultato sul 2 a 0.

    Diciamo un Costa Rica spavaldo in avanti e dedito alle verticalizzazioni. Ha ben impressionato, come sottolineava l'ormai solito messaggio notturno di Dionigi. Una Bolivia pasticciona, ubriaca dal pareggio con l'Argentina e troppo larga dietro.
    Ora la Colombia guida la classifica con 4 punti, il Costa Rica segue a 3 e l'Argentina è bloccata a 2. Ultima giornata Colombia - Bolivia e Costa Rica - Argentina.

    Che facciamo? Ci crediamo nei Ticos?

    RispondiElimina
  35. ne prende 4.... Colombia e Bolivia fanno X.....mi aspetto però una Colombia da Finale...per me sono splendidi.....gran goal di Campbell...........quanto sarà bella Cile Uruguay?

    RispondiElimina
  36. ......stasera un Grandissimo Venezuela! splendidi Meza e Rondon....ovviamente il portiere Renny Vega è già un mio idolo.......

    RispondiElimina