giovedì 7 aprile 2011

Esquina Blaugrana

Parliamoci chiaro. Il risultato mente.
Ieri sera il Barca ha rischiato troppo per i miei gusti.
Complice l'assenza di Puyol e la scarsa forma di Milito (sulle cui tracce si narra ci sia una squadra italiana con la maglietta gialla e rossa), Pep è costretto a schierare Busquets al centro della difesa. L'intesa con Piquè, però, non è perfetta e si è visto.
Il punto è sempre lo stesso.
Il sistema Barca prevede di attaccare con 8 giocatori. Rimangono bloccati i due centrali nel cerchio di centrocampo, pronti a rialimentare l'azione, alla regia bassa.
Questo funziona se i meccanismi sono ben collaudati e se i terzini a turno rimangono ancorati.
Tutto cambia se chi ti sta di fronte decide di puntare sul contropiede ed ha uomini veloci e tecnici per farlo (ieri sera, Douglas Costa).
Secondo me, se lo Shakhtar avesse chiuso segnando altri due gol non avrebbe rubato niente.
Troppe palle gol per gli ucraini.
E, soprattutto, troppi sprechi sotto porta per il Barca.
Quando il Barcellona inizia a fraseggiare davanti al portiere avversario io perdo la testa.
E' come se volessero sempre segnare un gol "bello". Come se la rete non valesse se segnata con meno di 15 passaggi nello stretto.
Per favore, qualcuno dica ai blaugrana di sfondare la porta. Che è sempre meglio la spada del fioretto. Che è meglio Batistuta.
Ciò detto, bene comunque che il risultato menta, per carità.
La qualificazione è ipotecata. Gli spettri nella mente di Guardiola alla vigilia allontanati a suon di gol.
La forma di Dani Alves e la vena realizzativa di Piquè (effetto Shakira?) sono una dolce bugia.
Bene Mascherano, strepitoso Villa e attento Keita (gran gol il suo).
Solo ad Adriano continuo a preferire Maxwell, più attento quando si tratta di difendere.
Vorrei però un poco di attenzione in più.
Le prossime 3/4 settimane saranno pesanti.
Anche perché 4 Clasicos da qui alla fine non sono uno scherzo.
Propongo di perdere quello di Coppa del Re (a Valencia il 20 aprile) e quello di Liga (il 16, al Bernabeu).
Sugli altri due, semplicemente, non transigo.
La Decima è un incubo. più meno.
Per una volta che il Bologna è salvo a primavera, guarda che accidenti di aprile..

12 commenti:

  1. Probabilmente è vero che lo Shaktar, portando dieci volte un brasiliano -a turno, tanto sono fungibili, secondo me i nomi glieli danno alla dogana- davanti alla porta, poteva fare qualche golletto in più (li mortacci loro, quando sono venuti a Roma hanno fatto tre tiri e tre gol), ma tanto il Barça ne avrebbe fatti il doppio, e quindi amici come prima.

    Voglio dire, è stato impressionante il quarto gol: gli ucraini stavano ancora festeggiando mentre gli amici tuoi confezionavano un gol meraviglioso in dieci-secondi-dieci.

    Detto questo, è pazzesco che si giochino 5 classici in un anno. Neanche l'Old Firm scozzese (con il doppio sistema dell'andata e ritorno) è così inflazionato. Forse era quello che sognavano tutti (le tv, la liga, l'uefa, gli sponsor, etc.), forse verranno fuori anche delle belle partite, ma forse anche a noi a un certo punto verrà da vomitare, tipo bambini giapponesi epilettici che guardano troppi cartoni.

    PS Leggevo che la show-girl Caterina Balivo (chiunque essa sia) ha promesso uno strip-tease elegante in caso di vittoria del campionato da parte del Napoli; caro Bostero, puoi informarti con Shakira se anche lei pensa di fare una cosa del genere nel caso il Barça vinca qualcosa?

    (Ah, peraltro il vero scandalo della settimana è il rigore non fischiato al novantesimo minuto al Chelsea...povero Carletto, ogni anno la stessa storia!)

    RispondiElimina
  2. l'unica cosa che può cancellare la manita è la vittoria contro il bnarca in coppa del re e in champions.....in finale vedo un Manchester inferiore alle due spagnole....con il Chelsea sarebbe stata tutta un altra storia.....chi passa tra Barca e Real ha vinto la coppa....e da esterno mi viene solo da dire..ammazza che palle....

    RispondiElimina
  3. Io sinceramente non capisco cosa possa aver fatto il Chelsea di male per subire tutto questo.
    Non dico meritasse di vincere l'altra sera, ma un pareggio ci stava tutto.
    Il rigore su Ramires era solare a dir poco. Quello su Torres personalmente l'avrei dato.
    Il Manchester da par suo ha giocato una partita furba e nulla più.

    Dispiace per Carletto. Per una serie di motivi, non da ultimo il dover gestire 60 mln di Euro fuori forma a discapito della migliore punta degli ultimi anni e il convivere con un gruppo che proprio non ce la fa ad essere all'altezza del suo potenziale in Coppa.

    Certo la semplicità nel controllo di palla in corsa di Ryan è qualcosa di superiore. Un dono.

    RispondiElimina
  4. sigo, urge un esquina che qui le tastiere fumano!

    RispondiElimina
  5. AFELLATIO!
    Mi trattengo anche io, ma che Dio benedica Pepe e la sua testa calda...

    RispondiElimina
  6. Carissimi, io mantengo il silenzio fino al ritorno.

    Tuttavia, segnalo che Xavi ieri sera ha effettuato 107 passaggi. A buon fine il 96%..
    Marcato da Lass (che a me piace tantissimo) e Pepe (che credo a nessuno piaccia)..

    RispondiElimina
  7. Da as.com, l'estratto dell'intervento di Mourinho in conferenza stampa:

    "

    Carmen Colino (gironalista di AS): ¿Qué le ha dicho al árbitro para ser expulsado?

    No le he dicho nada, sólo he reído y aplaudido su decisión con los dos dedos y nada más. Si le digo a él y a la UEFA lo que pienso, termina mi carrera hoy. Como no puedo decir lo que pienso dejó una pregunta. ¿Por qué Ovrebo? ¿Por qué Busacca? ¿Por qué Stark? ¿Por qué De Bleeckere? ¿Por qué? ¿Por qué cada semifinal pasa siempre lo mismo? Estamos hablando de un equipo de fútbol fantástico. Y que nadie cambie mis palabras porque lo he dicho muchas veces. ¿Por qué Ovrebo hace tres años? ¿Por qué el Chelsea no podía ir a la final? ¿Por qué lo del Inter? Fue un milagro. ¿Por qué este año intentar acabar con la eliminatoria este año? Podíamos estar tres horas, porque iba a acabar 3-0. Luego con Kaká, por Lass, íbamos a arriesgar. No sé si es la publicidad de UNICEF o el poder de Villar en la UEFA, pero no lo entiendo. Enhorabuena por un equipo fantástico de fútbol. Pero enhorabuena también por todo lo que tienen. Ellos han conseguido este poder. Los otros no tienen ninguna posibilidad. Drogba, Motta, Van Persie, Mourinho... Es una pregunta a la que espero tener un día respuesta. A ver si alguno de vosotros me puede dar una respuesta porque no entiendo. Marca falta contra el Barça y de repente, por milagro, roja. Segundo partido en Barcelona no es misión imposible, pero es difícil. Tienen que llegar a la final y van a llegar. Espero que un día tenga la respuesta. ¿Por qué este equipo necesita esto? Todos lo ven. Ovrebo, De Bleeckere, Busacca, Stark El fútbol se juega con reglas iguales para todos. Luego gana el mejor. A lo mejor hoy empatábamos y luego el Barça nos ganaba allí. Pero ¿por qué hoy en un partido equilibrado? Sólo el árbitro puede responder. Ahora se va a casa y no tiene que responder nada a nadie."

    Credo abbia ragione solo su Ovrebo.
    Su Stark meglio che non si esprima. Sto ancora aspettando il rigore della scorsa semifinale d'andata (mano netta in area).
    Sull'Unicef.. c'è modo e modo di porsi ai microfoni.

    RispondiElimina
  8. parto da un fatto: il barca è forse la squadra più forte di tutti i tempi.
    c'è però questo "forse".

    detto questo, condivido in pieno le frasi di mou.
    non capisco le critiche alla tattica del Real. a giocare a chi è più buono perdi tanto (5?) a zero, non vedo proprio perchè un allenatore con un pò di sale in zucca debba giocarsela a viso aperto. forse gli 80.000 del bernabeu sarebbero stai più contenti di un'altra manita (anche se a me piace di più "pokerissimo" parola orrenda che imparai da bambino dopo che o'rey di crocefieschi ne fece 5 all'avellino)?
    fai 0-0, e senza l'espulsione di Pepe, l'avrebbe fatto e poi te la giochi a Barcelona. bisogna vergognarsi di questo?
    tutte le coppe euopee prima di sacchi sono state vinte da squadre che attaccavano 90 minuti in casa e si difendevano 90 minuti in trasferta. c'era forse qualcosa di male?
    I tifosi del Real che adesso stigmatizzano l'anticalcio, ricordano di aver buscato contro l'Anderlecht o contro l'Inter (due volte) o si ricordano di coppe UEFA alzate?

    venendo a irei, l'espulsione di Pepe secondo me non ci stava per niente (so di essere in minoranza su questo) e non c'è alcun dubbio che la partita sia finita (in realtà iniziata!) lì, con il Barca a spadroneggiare.
    devo dire che le scene di "mimo", già nel primo tempo, di gomitate mai esistite (bravissimo nella rappresentazione scenica della piece "elbow" il grande victor valdes, anche quest'anno generoso nel coprire in brevissimo tempo la distanza linea di porta-arbitro per andare a rappresentare il frutto delle sue fantasie) mi avevano già reso notevolmente nervoso, forse più dell'arbeloa vittima della farsa e, ancor più, del me stesso dell'anno scorso tremolante sul divano nel vedere motta abbandonare ingiustamente il campo.
    la domanda "perchè?" che si fa Mou, è secondo me legittima.
    perché la squadra più forte di tutti i tempi deve ricorrere a questi aiuti?
    lo dico da interista, lo dico da uno che sa che l'inter aveva bisogno di una serie di coincidenze uniche per vincere la coppa, fra le quali i 2 gol in 4 minuti a kiev mi rendono orgolgioso e i rigori negati a kalou e dani alves leggermente meno...
    il barca, ovvio, non ha minimamente bisogno delle congiunzioni astrali, per cui questi episodi (che ovviamente non penso minimamente siano decisi da un tizio senza faccia seduto su una poltrona con un gatto bianco in mano) vanno solo a detrimento della consacrazione finale di questa squadra come la migliore di ogni tempo.
    riguardo all'unicef, non fate come federico ferri che fingeva indignazione, quella di mou era una sparata e se avete visto le immagini era poco più di una battuta e non certo un'accusa.
    lungi da me il pensiero che ci siano manovre del barca per ottenere favori, dico solo che gli episodi sottolineati da Mou screditano e delegittimano uno squadrone e che, proprio per questo, sarei più incazzato se fossi un tifoso del barca che del real, perchè l'atteggiamento lamentoso e antisportivo di alcuni dei giocatori del barca, campionissimi, per la carità, ma vogliosi di causare danni ingiusti alla squadra avversaria, è lampante.

    attendo, raggomitolato nell'angolo, raffiche di insulti!

    RispondiElimina
  9. Scusate ma sono l'unico a pensare che l'espulsione di Pepe fosse NETTA....a me sta cazzata del cartellino arancione non cala...peggio ancora se mi vengono a dire...vista la partita e il minuto poteva bastare il giallo...ma di che stiamo parlando...Pepe è un demente....e un giallo sarebbe stato un vero scandalo.....detto questo...a me il real di questa stagione non dispiace per nulla....
    comunque sono con Kalle per quel che riguarda la storia dell unicef...niente più di una sparata.....

    RispondiElimina
  10. Io sono con te Nesat. Specie perchè è una semifinale di Champions. Coi fari puntati non entri così. Se entri, almeno a un certo punto ritiri la gamba, non la stendi cercando "qualcosa".

    E' chiarissimo che è una sparata. Ma, come molte cose di questi ultimi mesi, se la poteva risparmiare.

    @kalle, quelle che chiami coincidenze uniche per me sono qualcosa di differente, assimilabile all'Ovrebo dell'anno prima o ad altri episodi di dubbia limpidezza.
    Ciò detto, non sono un dietrologo. Intendo però precisare che l'atteggiamento del Real è stato troppo remissivo. Troppo prudente per la partita della vita -della DECIMA- in casa.
    Avrei provato a giocare al calcio. Non alla Leonardo, chiaro. Ma provare a impostare un'azione non è reato. A quelli che stanno in tribuna, che non sono interisti ai quali ogni cosa va bene, potrebbe far piacere.

    RispondiElimina
  11. Visto al replay pepe non lo ha toccato... questo lo rende ancora più coglione visto che "rosso per rosso" era meglio staccargli una gamba...

    al ritorno si prevede un'altra manita...

    Secondo me al barça gira bene a livello arbitrali da tre anni a questa parte in champions, ma mou nella sua sparata ha dimenticato il rigore macroscopico su Dani alves nella partita di San siro dell'anno scorso e il gol non gol di Bojan.

    RispondiElimina
  12. continuo a pensare che l'atteggiamento remissivo sia l'unico modo con cui puoi pensare di battere il barcelona.

    penso quindi che mou abbia fatto bene a imporci la letargia di quel primo tempo, nonstante fosse in casa, nonostate gli 80.000, nonostante fosse alla ricerca della storica decima.

    il bello del calcio è che è lo sport in cui il migliore dei due prevale meno volte.

    se io, conclamato inferiore (come lo sono TUTTE le squadre, chi più chi meno, che giocano contro il barca) me la gioco a viso aperto, perdo 100 volte su 100.

    se bangi una banana, batti dal basso, rispondi a metà campo, anche se sei lo sconosciuto Michael Chang, puoi battere Ivan Lendl.

    devi, insomma, trovare un'altra via.

    è palese, conoscendo un minimo Mou, che le sparate del post partita, siano non tanto un "uscita a caldo" di questa sfida ma il freddo inizio dell'"altra via", già per la prossima stagione.

    RispondiElimina