giovedì 10 marzo 2011

Hai mai visto il funerale di un cinese?

Il nostro concetto di Asia sorge con un piatto di pollo alle mandorle e tramonta dietro ad una porzione di sashimi. Nel mezzo,qualche categoria del porno streaming,ovviamente tutto ciò che concerne l'elettronica e qualche automobile... punto. Sono grato ai ristoranti cinesi,in gioventù svoltavano la serata se una sera portavi a cena una ragazza con un budget ridicolo te la cavavi alla grande con 15 milalire,senza ovviamente per carità del signore,commettere l'errore di ingurgitare i ravioli al vapore,non perché siano cattivi o perché siano malsani(tutto il cibo del ristorante cinese lo è compresa la Ferrarelle in bottiglia)ma perché il raviolo al vapore è l'alimento più indigesto della gastronomia mondiale,capace di ritornare su con prepotenza anche dopo 4 giorni,figuriamoci in serata magari durante un momento romantico. Il mio amore per l'Asia finisce qui,in un ristorante cinese con l 'acquario con tre pesci rossi(uno sicuramente con una vistosa macchia bianca o nera che da quel tocco di squallore in più)per il resto,non me ne frega nulla: niente idee di viaggio,niente passione per la cultura o l'arte asiatica e tantomeno nessuna fantasia sulle donne(le orientali gnocche sono solo nei film porno...se vi fate un giro a via Condotti potrete notare come tutte le giapponesi abbiano un viso che ricorda un telefunken). Il calcio asiatico non è che mi abbia entusiasmato più di tanto, tranne qualche eccezione,tipo l'Arabia Saudita del 1994,squadra splendida con un portiere fantastico come Mohammed Al Deayea(la reattività fatta persona) e l'eterna promessa Sami Al Jaber,senza contare la strabilliante cavalcata stile pibe de oro del signor Saeed El Owairan(con tanto di 10 sulle spalle) contro il Belgio,goal non solo splendido(per la FIFA è il sesto goal più bello della storia dei mondiali) ma anche decisivo per il passaggio del turno. Bello anche l'Iran 1998,non tanto per la prestazione ma più per la commovente vittoria contro gli infedeli(leggi USA)e anche per determinati nomi in campo come Alì Daei e Mahdavikia. Sorvolo ovviamente sulla Corea 2002 una truffa palese in stile signora Livoli a telemike. In mezzo, qualche scampolo di Giappone,forse l'unica asiatica realmente in crescita. Con queste premesse avvicinarsi alla coppa d'Asia non è il massimo. In Italia esclusi Nakata e Nakamura abbiamo sempre deriso i giocatori asiatici,sin dai tempi di Miura un uomo con un concetto tutto suo della regola del fuorigioco,passando per Nanami,Rezaei,Yanagisawa quel gran genio di Ma Mingyu(sempre ammesso che quello sbarcato a Perugia fosse lui e non suo fratello come si narra)per chiudere con l'onestissimo Morimoto divertente non tanto per il suo modo di stare in campo(giocatore discreto) quanto per la sua somiglianza con l'alieno di Roswell. A torneo già iniziato scopro che Eurosport(canale per me SACRO visto che trasmette la coppa d'Africa) manda in onda tutte le partite,quindi il mio primo vero approccio avviene con la seconda giornata del gruppo A,dopo aver visto soltanto gli Highlights di Uzbekistan-Kuwait(notevole il secondo goal uzbeko)armato di ottima pazienza mi accingo a seguire i padroni di casa del Qatar contro la Cina. La comincio a guardare più per missione che per interesse,sinceramente leggendo le formazioni mi sembra alquanto improbabile veder arrivare anche un solo pallone in porta,mi metto dunque a telefonare buttando un occhio stanco al televisore, dovrò aspettare solo 26 minuti,tale Ahmed controlla in palleggio e tira al volo di destro sotto l'incrocio,comincia a battermi il cuore è ufficiale mi sto innamorando. La partita finirà 2 a 0 con doppietta personale proprio di Ahmed. Da quel giorno si accende la passione,vengo a scoprire l'esistenza di un altro mondo,sapere che c'è del calcio degno di tale nome in Asia è come venire a scoprire che c'è vita su Marte. Benché ci sia meno Folklore della competizione africana,anche qui non mancano scene degne di nota. In Giappone Siria,aldilà del clamoroso rigore assegnato alla squadra araba(dopo il vantaggio di Hasebe)è quantomeno curiosa la reazione di un panchinaro siriano che piange singhiozzando durante l'esecuzione del penalty,trasformato dal numero 10 Al-Kathib uno con la classica faccia che guardi storto in aeroporto,anche se da questo punto di vista non posso parlare a giudicare dalle perquisizioni anche intime che mi fanno dato il mio aspetto non propriamente da cerbiatto. per la cronaca il Giappone vincerà 2 a 1 in 10,grazie ad un altro calcio di rigore. Semplicemente fantastica l'India. Non mi capacito di come in un paese che conta un miliardo di abitanti,non si riesca a trovare almeno un portiere. In 3 partite la squadra indiana porta a casa 13 goal,certo ,a parziale scusante va detto che l'India è stata inserita in un girone di ferro con due favorite(Australia e Sud Corea) e un outsider(Bahrain reduce da uno spareggio mondiale). Curiosa la qualificazione indiana alla competizione,avvenuta nl 2008 attraverso la AFC Challenge cup,un campionato dedicato alle nazionali asiatiche emergenti,vinto in finale contro il temibile Tagikistan (campione in carica). Da varie fonti via internet vengo inoltre a sapere che la nazionale indiana rinunciò(nonostante la vittoria alle qualificazioni) al mondiale del 1950,perché la Fifa imponeva l'uso di scarpini(che pretese!)mentre i giocatori indiani erano abituati a giocare scalzi,il che non può che aumentare la mia stima nei riguardi di questa squadra. I gironi si chiudono senza troppe sorprese,tolta l'eliminazione dell'Arabia Saudita , la lieta riconferma dei campioni in carica iracheni e un sorprendente Uzbekistan che chiude in testa al suo gruppo. Dai quarti il torneo diventa decisamente più serio. L'Uzbekistan si sbarazza della Giordania con una doppietta di Bakaev(calciatore che milita nel campionato Kazako). Il Giappone passa in svantaggio due volte contro il Qatar ma grazie ad una prestazione maiuscola di Kagawa si qualifica allo scadere eliminando i padroni di casa,nei quale è il caso di sottolinearlo, gioca una vecchia conoscenza del calcio italiano ovvero Fabio Cesar Montezine(sicuramente lo ricordano a Napoli)brasiliano ma con passaporto qatariota. La Corea del Sud elimina ai supplementari un caparbio Iran mentre l'Iraq cade a 2 minuti dai calci di rigore sotto i colpi di uno spietato Kewell. L'Iraq campione in carica esce ai quarti dopo un buon torneo,in realtà la vittoria del 2007 sembra meno fasulla osservando questo torneo. Ho sempre avuto l'impressione che la scorsa competizione fosse una farsa,una messa in scena,come quando un adulto fa vincere a braccio di ferro un bambino. La nazione devastata dalla guerra che trova la rivalsa nel calcio,davvero da romanzo o da copione Hollywoodiano(a tal proposito...va ricordato che Hollywood ha dedicato un film al Braccio di ferro scusate ma non potevo non citare Over the top),fatto sta che stando a questa competizione l'Iraq sembra possa giocare a pallone con discreti risultati. In semifinale troviamo quindi le tre favorite,da una parte il duello all'ultimo sangue tra Corea e Giappone da un altra la sorpresa Uzbekistan e l'Australia. Mi chiedo seriamente chi abbia deciso che l'Australia debba giocare in Asia. Non credo che fisicamente e tradizionalmente un australiano abbia a che fare con un qualsivoglia asiatico,sarebbe come far disputare all'Islanda la coppa d'Africa,fosse per me porterei in Europa la nazionale australiana. Tra Corea e Giappone è totale massacro,una partita emozionantissima(decisamente il più bel match del torneo) decisa ai calci di rigore. Vantaggio coreano su calcio di rigore,pareggio di Maeda su assist di Nagatomo e successivo vantaggio di Hosogai sulla ribattuta del rigore parato ad Honda,a 4 secondi dal termine la beffa per il Giappone che prende goal in mischia Da Hwang Jae Won. I rigori termineranno con un 3 a 0 secco per la nazionale allenata da zaccheroni con ben due parate di Eiji Kawashima(giocatore del Lierse) che da inizio al suo show che proseguirà in finale. In questa partita il Giappone(e di conseguenza il Borussia Dortmund)perde Kagawa per il resto della stagione per via di un infortunio al piede. L'altra semifinale è un massacro. L'Australia vince di misura 6 a 0 contro l'Uzbekistan che fino a questo momento aveva ben impressionato(splendido il sesto goal) e si aggiudica la finale. Nella finalina ci sarà un riscatto uzbeko visto che perderà di misura(3 a 2) contro la Corea,questa sarà l'ultima partita con la maglietta della nazionale di Park Ji Sung. Un pezzo di Uzbekistan sarà comunque in finale. Ad arbitrare infatti sarà il miglior arbitro emergente del panorama internazionale,vale a dire l'uzbeko Ravshan Irmatov classe 1977 e internazionale dalla tenera età di 26 anni. Ha arbitrato senza sbavature la gara di apertura del mondiale 2010 tra Sudafrica e Messico oltre a: Inghilterra Algeria,Argentina Grecia,il quarto di finale tra Argentina e Germania e la semifinale tra Uruguay e Olanda. Il 29 Gennaio del 2011 davanti a 40mila persone scendono in campo allo stadio Khalifa di Doha, Giappone ed Australia, finale annunciata di questa coppa d'Asia. La partita scorre noiosa,il Giappone fa gioco e tiene palla,l'Australia si limita a ripartire. Due interventi decisivi del numero uno giapponese(nominato uomo partita)e al 109esimo minuto in pieno supplementare la svolta,Yuto Nagatomo percorre per l'ennesima volta la fascia sinistra, va al cross che viene puntualmente raccolto dallo splendido sinistro volante di Tadanari Lee,è il gol vittoria. Il Giappone solitamente lo abbiamo visto trionfare solo in Holly e Benji,certo la non battevano in finale l'Australia ma eliminavano Francia,Brasile e Germania,correndo in campi lunghi 53 km e tirando punizioni che duravano anche il tempo di due puntate. In realtà il Giappone di oggi è in grado di fornire spettacolo,si difende come può e attacca per 90 minuti,somiglia al Portogallo,con tantissima qualità in mezzo e a trequarti e nessuna vera punta,con giocatori ottimi come Honda,Kagawa ,Matsui e Hasebe. Mi è sembrato di rivedere a tratti il 3-4-3 di Zac ad Udine,mancava solo un Bierhoff della situazione. Il goal di Lee (sudcoreano di passaporto) è tutto del tecnico romagnolo, visto che Tadanari è stato fatto esordire proprio dal mister di Cesenatico e che in patria fino al goal era conosciuto più per il matrimonio con la cantante pop giapponese iconiq. L'Australia chiude con una vittoria morale ai punti e con l'obbligo di svecchiare una squadra che ha comunque ben figurato. Finita la partita mi sorbisco la premiazione più lunga della storia del calcio,un qualcosa di infinito,simile alle giornate finali dei campiscuola dove venivano date coppette e medaglie a tutti i bambini,credo sia stato premiato anche il miglior autista di pullman dei quarti di finale e il miglior magazziniere categoria 80 kg in su. Aspetto con ansia il momento della coppa,ma gente in turbante continua a distribuire minicoppe a chiunque,alla fine la mia pazienza viene premiata e allietata dalle parole in romagnolo rilasciate dal buon Zac alla televisione giapponese. Finisce così la coppa d'Asia,una piacevole scoperta,che ha reso meno amaro il mio Gennaio. Tornando ai luoghi comuni asiatici non posso non citare il più classico dei "Ma tu hai mai visto il funerale di un cinese?" in realtà non ho mai visto neanche il funerale di un sanmarinese ma presumo vadano al creatore anche loro,non ho neanche mai visto un molisano(per me figure mitologiche) e comunque per rispondere,no!non ho mai visto un funerale di un cinese,però ho visto la coppa d'Asia e mi è piaciuta... e anche tanto.

30 commenti:

  1. Frank Fabregas10 marzo 2011 08:37

    Forse non sai di averne visti e conosciuti tanti di noi molisani, siamo sparsi in tutti il mondo più che nella ns. regione.Cinesi e Giapponesi ci fanno un baffo
    http://www.facebook.com/topic.php?uid=66902902672&topic=6819
    pensa solo ai tassisti che ci sono a Roma
    http://maps.google.it/maps/place?hl=it&xhr=t&cp=24&wrapid=tljp1299742433050018&um=1&ie=UTF-8&q=tassisti+molisani+a+Roma&fb=1&gl=it&hq=tassisti+molisani&hnear=Roma&cid=4610342757176727
    E si è partoriti anche una bella squadra di B negli anni 80.Ah,che tempi...

    RispondiElimina
  2. Peraltro i tassisti molisani a Roma sono tutti dei grandissimi tifosi della Roma.

    Grazie Nesat, sei un genio, mi hai aperto un mondo e credo non solo a me. Qualche annotazione sparsa visto che il tuo post è pieno di spunti:
    - anche a me i pesci rossi con le striature bianche fanno più tristezza di quelli completamente rossi;
    - che il viso delle giapponesi ricordi un Telefunken è una delle cose più divertenti che hai mai scritto;
    - anche a me l'Asia non emana alcun fascino, non ci andrei mai nella vita, neanche per ritirare dei soldi (forse solo per assistere alla premiazione di una coppa d'Asia);
    - il Giappone è una bella nazionale, già agli ultimi Mondiali mi aveva impressionato, un'organizzazione militare e discreta qualità, sono contento che hanno vinto;
    - non mi ricordavo il gol dell'arabo coast-to-coast, sono davvero senza parole;
    - speriamo che l'Uzbekistan si qualifichi per i prossimi Mondiali;
    - da grande farò il portiere indiano.

    RispondiElimina
  3. Accidenti che bella la maglia dell'India! Il portiere, poi, è un idolo. La più classica delle pere cotte. Sul rigore e sul terzo gol ha un vero e proprio svenimento.

    Grazie per la preziosa sintesi, Nesat.
    Una domanda: siccome ho visto solo highlights e il più delle volte queste proponevano difese che definire "ballerine" è riduttivo.., come ti è sembrato il livello tattico generale? Merita?
    E poi, chi compreresti se fossi presidente di una squadra di calcio?
    (non puoi dire Kagawa! L'avrei già comprato io)

    A proposito di funerali e Asia, segnalo un film che, sinceramente, a me è piaciuto. Forse un pò lento, ma è un ottimo spaccato di cultura asiatica (giapponese, in particolare). Parla di un tanatoesteta. Bellissime le scene a tavola e la gestualità colta dal regista.

    http://www.youtube.com/watch?v=MtdENmR6jKw

    RispondiElimina
  4. Rezaei credo rimarrà nella storia del calcio come il giocatore che ha segnato più autogol di tutti. Ogni benedetta partita in cui entrava (sia a Perugia, che a Livorno), un gol nella sua porta lo faceva sempre il buon vecchio Rahman!

    RispondiElimina
  5. Grazie Nesat.. per la strabiliante cavalcata del saudita, per l’omaggio alla vittoria iraniana contro gli infedeli (con tanto di sottofondo musicale di Ricky Martin.. ma sarà vero?) per il gol di tale Ahmed alla Cina, per il Telefunken e per averci confessato che tra Al-Kathib e te a Fiumicino scelgono di perquisire te..

    Al presidente Bostero consiglio di non dimenticare Jong Tae-Se, il Rooney del Popolo che ha segnato anche sabato scorso e che con i suoi gol sta mantenendo il Bochum in zona playoff.. in uno splendido seminterrato con vista promozione diretta in Bundes..

    RispondiElimina
  6. Gran bell'articolo, complimenti!

    Dissento (dissentisco?) solo sulle giapponesi, invero pregevolissime donzelle, il confronto in tal senso con la Cina è tanto sproporzionato quanto quello calcistico.

    RispondiElimina
  7. Beh.. ICONIQ però è più o meno attraente come un rubinetto.

    RispondiElimina
  8. Su quello ti do ragione... e neanche un bel rubinetto.

    RispondiElimina
  9. Nesat, grazie. Mi hai ricordato il Napoli di Montezine, Sesa e Stellone: il migliore di sempre! All'andata "Lazzaro al '94", al ritorno dieci piani di morbidezza e 3-1 sul campo. Al 2-0 di Giacomino Tedesco venne giù l'Arechi. In panchina il Maestro Zeman, cacciato solo l'anno prima da Napoli. Che goduria!

    Altre annotazioni:
    1) Adesso non saprei dirti quanto la precedente Coppa d'Asia fosse una farsa ma c'è da dire che l'Iraq aveva già ottenuto un quarto posto olimpico ad Atene di tutto rispetto, perdendo la finalina contro l'Italia. Forse non era tanto casuale

    2) Finalmente ho trovato qualcuno a cui le giapponesi non fanno attizzare (sotto questo aspetto è una battaglia persa con gli amici), io ragiono come Camilleri: "io come tutti i bravi italiani ho il mito delle svedesi"

    3) Ridatemi Nakamura! Come ha fatto a perdersi lo devo ancora capire, è un giocatore che ho amato alla follia. Ma quanto era forte a Reggio Calabria?

    4) Come mi giudichi l'esordio "storico" della nazionale palestinese? (a proposito, i vicini israeliani sono una buona nazionale. Gli ci vorrebbe un allenatore giramondo capace di farli sbocciare)

    P.S. Voglio Jong Tae-Se in Italia! Gli dedico una magnifica citazione tratta da "Onore ai diffidati" di Elisa Davoglio: "A Livorno si nasce tifosi come si nasce comunisti, non ci ragioni sopra, come non ti chiedi perché le nostre zanzare dalle nostre parti siano più grosse [...] perché la fantasia colorata di una città fatta di porto e galeotti si esprime bene in calcio e politica".

    RispondiElimina
  10. @Frank Fabregas- mi hai aperto un mondo....in realtà una volta un tassista che mi portò a Ciampino disse di essere Molisano...ma pensavo fosse per bullarsi.....
    comunque il Campobasso anni 80 è ancora motivo di sfottò contro i laziali....si ricorda sempre lo spareggio...è un peccato......tornerete......prometto un post su quel Campobasso e una delegazione di LB alla scoperta del Molise

    @Dionigi-sarebbe bello vedere un filippine mognolia della prestigiosa afc challenge...ma anche unBhutan Nepal.....altro che 11 anni di Olimpico....

    @Bostero-Pensavo molto peggio....ovvio che hanno enormi limiti...ma sono decisamente meno indisciplinati delle nazionali africane...però hanno una qualità decisamente inferiore...(tolte ovviamente le prime 3). Anche siria giordania o Qatar...nazionali modeste...ma nessun orrore in campo....anzi sotto questo punto di vista sono rimasto deluso.......

    Per i giocatori...il Wolfsbourg ha fatto l'acquisto più interessante...Ja-Cheol Koo...capocannoniere del torneo...la corea ha due tre elementi interessanti...qualcuno gia gioca in Europa....
    per il resto i nomi sono noti...specialmente quelli del Giappone(io personalmente amo Honda).
    in Australia tutti troppo anziani...il migliore(dei vari sconosciuti) mi è sembrato
    il centrale Saša Ognenovski ma ha gia 31 anni e gioca nel campionato coreano...ci sarà un motivo...

    @Fabiano-Vagando per Perugia incontrai Rezaei e signora con tanto di velo....non se lo cagava nessuno...io invece lo ammiravo mentre faceva acquisti...

    @Zio- senza Ricky Martin quel video perdeva milioni di punti.....

    @Gaizka-lo so che esistono....ma non a Roma....su 50 turiste una sola è degna di occhiate moleste in metropolitana....inoltre questa estate sono riuscito a vedere una cinese figa...e alta....è stato emozionante e singolare quasi quanto un cross azzeccato da Rosi.

    RispondiElimina
  11. @Vas-Si l'Iraq olimpico..me lo ricordo bene segnò Gila...e in quel periodo avevano rapito e ucciso un giornalista italiano...fu una partita non proprio tranquilla.....
    quella delle asiatiche è una fantasia figla del porno....non credo ci sia altro motivo.....comunque dopo la mia vacanza in Estonia non sono più lo stesso.....
    le punizioni di Nakamura erano capolavori...lo avevo al fantacalcio...come oggi ho Nagatomo...anche io stimo Naka....
    verrà il momento per la Palestina....
    per quel che riguarda Israele sono con te....spesso sfiora la qualificazione.....i giocatori e il campionato cominciano a crescere.......

    RispondiElimina
  12. anonimo sfidante10 marzo 2011 14:13

    Ora magari non mi crederete, però quello che sto per scrivervi è vero. Lo giuro, non sto scherzando.

    Io ho conosciuto una pornostar giapponese, anche abbastanza famosa all'epoca, in patria (era il 2002, conosciuto non nel senso che le ho chiesto l'autografo, di più. A livello leggermente superiore all'autografo ma molto meno della giapponese ne conosco un'altra, famosissima, russa che ora vive a Roma). La conobbi a San Diego, California. Stavo là e lei frequentava un corso di lingua inglese.
    Non era granché. Per me sono come i campioni del calcio: sono tutte cesse o fighe arrapanti (come quella messa nel link). Dividono.

    ah, dimenticavo, la risposta alla domanda che vi sarete sicuramente posti è: no, non ci feci nulla. Se la spupazzò un ragazzo milanese. Lui innamorato, lei manco per le palle e, proprio per questo, era oggetto di derisione (il milanese). Credo lo utilizzasse per mantenere la forma artistica, un po' come i gargarismi mattutini di un attore di teatro.
    La cosa assurda è che io non amo i film porno. Giuro.

    Scusate la disgressione.

    RispondiElimina
  13. frank fabregas10 marzo 2011 15:14

    grazie,nesat.
    veramente,dopo aver letto il post sul periodo infame di johnny di stefano,stavo pensando io di mandarvi un post sul Campobasso degli anni d'oro,ma non so quanto sarebbe lungo e mi manca il tempo.è la mia adolescenza piena di splendidi ricordi calcistici

    RispondiElimina
  14. Seguo sempre il vostro blog, complimenti ragazzi.
    Volevo fare una precisazione, se non sbaglio è stata proprio la nazionale australiana a chiedere, ed ottenere, di giocar la coppa d'Asia. Questo perché il loro livello è nettamente inadeguato (e fin troppo superiore) al livello medio dell'Oceania!

    Forza Magico e forza Hubner.
    Saluti

    RispondiElimina
  15. E adesso cominciare a prepararsi per la Coppa d'Oceania che si svolgerà nel 2012 con la Nuova Zelanda campione in carica desiderosa di confermare il titolo.

    A quando il secondo quaderno di "Lacrime di Borghetti" ?

    Cruyff

    RispondiElimina
  16. @Pippo87-in realtà l'invito è arrivato dalla federazione asiatica..su vecchia proposta della federazione australiana(per evitare lo spareggio)....in ogni caso era l'unica soluzione possibile....

    RispondiElimina
  17. mi soffermo su un dato incontrovertibile.
    perchè, qualsisasi competizione sia, purchè non amichevole, non riusciamo a NON vedere la premiazione?

    il gesto dell'atleta (per me il discorso vale non solo per il calcio) che riceve il suo meritato premio mi commuove sempre.

    coro samp per yanagisawa:
    sulle note di "video killed the radio star" dei buggles: "aua aua yanagisawa" lo cantammo gioiosi quest'anno all'oktoberfest a un orientale che si era appena stampato di faccia nella melma sotto i tavolacci e tentava di staccarsi i capelli fradici dal volto tumefatto.

    RispondiElimina
  18. quante belle storie escono su LB dalle avventure erotiche di anonimo sfidante a Kalle che deride giapponesi tumefatti a Monaco...

    RispondiElimina
  19. Complimenti Anonimo Sfidante....
    ma scusa la domanda un pò così...tu a San Diego che ci facevi?

    RispondiElimina
  20. La vera domanda semmai è cosa ci faceva un'attrice porno giapponese a studiare inglese a San Diego con l'anonimo sfidante...

    Kalle ma sai che Yanagisawa l'ho completamente rimosso? Quando ha giocato con la Samp? Ha mai segnato?
    E poi una curiosità: ma com'è stato accolto il cambio Cavasin/Di Carlo? Dalla padella alla brace?

    Caro Cruyff il secondo quaderno di LB è come l'appendicite, potrebbe arrivare domani e potrebbe non arrivare mai.

    Infine vi segnalo (Frank Fabregas confermerà) che il Molise ha chiesto di partecipare con la propria rappresentativa alla prossima Coppa d'Oceania.

    RispondiElimina
  21. ......Yanagisawa ha fatto un solo goal in coppa italia quando giocava nel Messina...
    il prossimo quaderno di LB avrà la prefazione di Toni Servillo....un grande giallorosso e un grandissimo amico di LB.

    RispondiElimina
  22. anonimo sfidante12 marzo 2011 15:46

    Nessuna avventura erotica,come scrissi: se la spupazzò un altro.
    Non so neppure se sia il caso di aggiungere "purtroppo".
    La domanda vera l'ha posta Dionigi e, ancora oggi, non so dare risposta. Io era là. Motivo ufficiale: studio. Motivo reale: divertimento. Ci sarebbe da scrivere post sui messicani che giocano a calcio nei parchi. Un cinema, con finti falli, sceneggiate hollywoodiane e via dicendo.
    Quanto alla star, ora vedo se riesco pure a reperire il nome e qualche foto di lei vestita, dovrei riaprire vari contatti nazionali e internazionali. è tutto vero, ma non so se sia possibile dimostrarlo. Sicuramente meglio l'altra star citata residente a Roma - magari a pochi passi da alcuni di voi, famosissima - sia fisicamente che in simpatia, conosciuta per via della sua passione musicale per il rock, l'hard rock e (su questo divergiamo) il metal.
    Ma queste storie c'entrano poco, se non nulla, con LB. Scusa Nesat.
    Ciao

    RispondiElimina
  23. Non ho capito quale sarebbe "l'altra star citata residente a Roma sicuramente meglio sia fisicamente che in simpatia che ama il rock"...ma di chi stai parlando, di Toni Servillo? Hai conosciuto anche lui? Sempre a San Diego?

    Bello quando LB si trasforma nel salotto di Paolo Limiti...

    ps A proposito di messicani nei college americani, nel mio, in un sobborgo di Boston, un secolo fa, ce n'erano due, Arturo e Emilio, che si contraddistinguevano per le seguenti caratteristiche:
    - l'increscioso ammontare di gel sui capelli;
    - l'idiosincrasia verso la lavatrice: non lavavano la roba, la ricompravano;
    - si vestivano solo di nero e solo da Armani;
    - erano così ricchi che avevano affittato una macchina che gli (e, a volte, per fortuna, ci) serviva solo per andare a cena al Burger King a due isolati di distanza;
    - non giocavano a pallone;
    - si divertivano a dire le parolacce in italiano (tipo "stronso de mierda";
    - erano convinti che la distanza geografica tra Italia e Spagna fosse quella tra l'edicola e il panettiere, cinque minuti.

    RispondiElimina
  24. @anonimo sfidante-stai scherzando?questo è il vero volto di LB...i post servono ad arrivare a questo.....anzi se poi anche in privato vuoi farci il nome dell altra donzella...te ne saremmo grati...tanto per placare la nostra curiosità...

    RispondiElimina
  25. Ah ora ho capito, parlava della russa...e io che penso sempre a Toni Servillo.

    RispondiElimina
  26. I tassisti di roma (romanisti e alemanniani) non solo sono tutti molisani, ma dello stesso paese: Agnone.. noto anche come il paese delle campane.

    RispondiElimina
  27. @sig. dionigi: a genova i tifosi della samp si stanno letteralmente cagando addosso.
    mentre scrivo si sta giocando cesena - juve, se per caso i romagnoli (che sono sotto 1-2 ma hanno occasioni a raffica) vincessero sarebbe dramma, e specifico non "dramma sportivo", dramma e basta.
    uno studio ponderato del calendario fatto da un sabermetrico che ci capisce (http://rene144.playitusa.com/?p=933) dice che la samp ha il calendario più facile della seria A ma quella vista domenica scorsa a marassi perderebbe pure col brescia di maifredi.

    RispondiElimina
  28. Frank Fabregas13 marzo 2011 21:07

    @gegenslach:
    non è esatto.i paesi d'origine dei tassisti molisani sono tanti,che d'estate si distinguono perché d'estate i tassisti tornano alle origini per le ferie e i parcheggi sono tutto un giallo

    RispondiElimina
  29. frank fabregas14 marzo 2011 01:29

    @el senor dionigi:
    Coppa d'Oceania!? E' una battuta!?

    RispondiElimina
  30. frank fabregas14 marzo 2011 01:29

    @el senor dionigi:
    Coppa d'Oceania!? E' una battuta!?

    RispondiElimina