giovedì 3 marzo 2011

Esquina Blaugrana

Spazio alle seconde linee per Guardiola in quel del Mestalla, campo da considerare ostico al Barcellona negli ultimi anni (rocambolesco 2 a 2 un paio di stagioni fa e sofferto 0 a 0 l'anno scorso).
Buona l'idea di piazzare Busquets -e non Abidal, dirottato sulla fascia- al centro della linea di difesa. Utile sfuttare Mascherano in trasferta e Adriano in più posizioni. Pedro a riposare e Iniesta leggermente avanzato rispetto alla posizione classica.
Come logica conseguenza, però, il Barca non ha espresso il consueto gioco. Ha tenuto la palla, ma in maniera sterile e solamente un gol più furbo che bello di Messi ha strappato i tre punti alla terza in classifica, allontanando un certo imbarazzo.
D'altronde, il turnover non puoi inventarlo per il giorno dopo. Andava costruito a partire da ottobre o anche prima, visto che la scorsa estate metà squadra ha corso (parecchio) fino a luglio.
Può andare bene così, comunque. Il Real Madrid -che gioca oggi al Bernabeu contro il Malaga della Bestia (vi regalo una sua perfetta gestione del contropiede..)- è lontano. Il Valencia è staccato 20 punti e il Villareal di Rossi, in gol anche ieri, a 21.
La Liga continua ad essere strana, quasi farlocca. L'Athletic, buona squadra, ma non certo eccezionale, è sesto pur avendo perso ben 12 volte su 27 partite. L'Espanyol quinto con solo un pareggio in meno.
Risale -non si sa come-il Real Saragozza. Scende -malamente- l'Hercules di Trezeguet (mi aspettavo più centri da parte del francese).
Valori sfasati e partite che non ammettono pronostici.
Da dimenticare la classifica marcatori. Messi è a quota 27, Ronaldo insegue a 24. Sono medie da aerospazio. Una netta perdita di credibilità per un campionato che da qualche anno è decisamente degenerato. I 17 di Villa -media già più da terrestre- sono la riprova che El Guaje è l'uomo giusto al momento giusto (Ibra l'anno scorso chiuse a 16, se non sbaglio).
Detto ciò, se in Liga sembra tutto rose e fiori, preoccupa la Champions.
La banda Wenger ha giocato alla grande all'andata. A viso aperto, senza timore. Non ha mai buttato via il pallone. E, alla fine, ha meritatamente segnato 2 gol (bellissima l'azione del secondo: 3 passaggi, secchi).
L'anno scorso l'Arsenal si presentò al Camp Nou spavaldo e venne annientato da un Messi in stato di grazia.
Non credo che quest'anno finirà in goleada per i blaugrana.
Diciamocelo, il Barca ha pescato malissimo dall'urna. Proprio l'Arsenal, assieme a Manchester e Real Madrid sono, a mio avviso i maggiori ostacoli in ottica Champions. Aggiungerei anche Chelsea e Bayern, ma il momento non aiuta. I Blues non convincono come ad inizio stagione e hanno fisiologici problemi in relazione all'inserimento di Fernando Torres. Il Bayern ha battuto l'Inter a San Siro, è vero, ma non ha continuità. Mi sento di dire che una vittoria dei nerazzuri all'Allianz non è assolutamente da escludere.
Il rischio per il ritorno è quindi alto. I Gunners non possono essere sottovalutati. Guardia alta, specie per quanto riguarda il loro contropiede, vero tallone d'Achille del Barca, visto che Guardiola gioca con Alves e Abidal sempre alti. Meglio forse Maxwell al posto del francese. Ma mi sa che sono l'unico a pensarlo.
Mi immagino tanti gol (rischio per il Barca) e non mi fido della scoppola firmata Oba Oba.
Chiudo con il Real di un sempre più fuori luogo Mourinho (irreale la polemica sulle partite alle 22:00). Sommergerà il Lione. Zero dubbi sull'abbondante "1": alle meringhe gira troppo male di questi tempi (la trasferta in casa del Depor è stato un festival di sfortuna, quella a Lione poco generosa).
Fidatevi, Mou in fondo a questa Coppa ci arriverà, in un modo o nell'altro.
Insopportabile come idea, la Decima.

26 commenti:

  1. Bruttissima la sparata odierna di Mou nei confronti di Pellegrini (attuale allenatore del Malaga):

    "Conmigo no puede pasar lo mismo que con Pellegrini porque si el Real Madrid me echa no voy a entrenar al Málaga, me voy a un grande en Inglaterra o Italia. Yo no tengo ningún problema en volver a entrenar a un gran club".

    (http://www.as.com/futbol/articulo/mourinho-desencadena-enesima-tormenta/20110303dasdaiftb_20/Tes)

    Che magari è pure vero. Però un minimo di faccia il Real ce la rimette. Questa strategia, secondo me, può funzionare dove la presenza societaria è debole, dove c'è un Abramovich che vuole vincere subito senza porsi troppi problemi o un Moratti che lascia fare perchè tanto ormai le ha provate tutte. Ho come l'impressione che alla dirigenza del Real, invece, non sia gradita. Anzi..

    Raffinata la replica di Francisco de la Torre, alcalde di Malaga:

    "No ofende quien quiere sino quien puede hacerlo".

    RispondiElimina
  2. Spunti interessanti, Bostero (quasi come quelli delle tue colleghe sui tatuatori siberiani e i gadget della palestra).

    Capitolo Barcellona: non pensavo avrebbe vinto a Valencia. Se non perde punti lì, dove? Però mi sembra ingeneroso parlare di turnover con Mascherano, Busquets e Adriano a chi non sa come fare quando Burdisso o Dias si fanno male...

    Capitolo classifica cannonieri: dovrebbero declassare la Liga al livello del campionato austriaco o scozzese (per la scarpa d'oro dico).

    Capitolo Liga: un giorno bisognerebbe fare uno studio per capire da cosa dipendono tutti questi zero a zero dell'Osasuna. Cioè non è possibile essere così sterili, neanche in Lega Pro segnano così poco.

    Capitolo Mou: ecco io penso che hai centrato una sfumatura importante, e cioè che questa sua strategia accentratrice e gheddafesca funziona laddove intorno c'è il deserto umano (Inter) o storico-societario (Chelsea). Il Real Madrid invece è un'Istituzione, al pari del Palazzo della Moncloa, del Banco di Spagna o del Castellana 8 - Mourinho ne è solo un inquilino.

    Capitolo Malaga: non so perchè si sono imbarcati tutta quella serie di pipponi (Baptista, Demichelis, Maresca), so solo che Pellegrini meritava di meglio: io lo prenderei alla Roma, l'ingegnere cileno.

    Capitolo Champions: concordo con te, il Barça rischia, il Real no.

    Capitolo Champions:

    RispondiElimina
  3. Bostero, ora tu e guardiola siete davvero uguali!

    RispondiElimina
  4. Mannaggia! Povero Pep. Brutta rogna l'ernia.
    Sembra cmq che riceverà l'"alta" dei medici in giornata.

    Per la cronaca, ieri CR7 grazie alla tripletta contro il Malaga ha raggiunto Messi a quota 27 gol in 27 partite.
    Di Benzema (doppietta), Di Maria e Marcelo (unica vera incognita del Real nelle ultime stagioni, a mio avviso) gli altri gol.

    RispondiElimina
  5. Mourinho ha ragioe.....mourinho ha sempre ragione......
    riflettevo sulla liga....guardavo i 10 punti tra la quarta e la quinta....mah....è davvero un campionato noioso......meno male che la lotta salvezza è un massacro...per il resto scontro scudetto champions e anche cannonieri sono davvero ridicoli....

    RispondiElimina
  6. Su una cosa non concordo, Bostero: il gol di Messi. Il suo tocco sarà anche furbo, ma l'azione è meravigliosa.

    Non lo dico tanto per il velo di Iniesta, il taglio di Adriano o la geometria di Xavi, quanto perchè il video parte con il Barcellona che ha una palla inutile a centrocampo, che torna indietro al difensore, e il Valencia tutto schierato. A quel punto, chiunque avrebbe provato a lanciare avanti, fondamentalmente a caso.

    Ma non Piquè.

    RispondiElimina
  7. certo che pure la difesa del Valencia sembra quella del Cesena.....

    RispondiElimina
  8. "furbo" solo perchè sul controtempo. D'accordissimo sul fatto che l'azione sia perfetta.

    Mi aspettavo invece un commento sull'azione della Bestia..

    RispondiElimina
  9. Solo un cieco avrebbe giocato (male) quella palla a destra e non a sinistra...ricordo la mia bestemmia come se l'avessi pronunciata un attimo fa.

    RispondiElimina
  10. secondo il mio modesto parere l'unica cosa farlocca è il calcio italiano!assolutamente due gradini in meno rispetto a spagna e inghilterra e uno in meno rispetto alla germania che penso abbia oramai compiuto il sorpasso!la francia non la conosco (proprio non rieco ad appassionarmi alle sorti calcistiche delle squadre d'oltralpe.sento spesso tifosi(sottoilneo tifosi e non appassionati)italiani parlare delle difficolta del calcio italiano e dell'organizzazione di esso ripetendo frasi che andavano bene a fine anni ottanta e primi anni novanta!tu pensi che l'athletic, siviglia ,espanol siano piu deboli di juventus roma lazio ?forse ci facciamo distrarre dai nomi di queste squadre che di grande hanno solo il nome e la storia!viva la liga abbasso il vecchio calcio italiano

    RispondiElimina
  11. @Gabilondo-il mio non era un confronto con il calcio Italiano.....parlavo in generale..comunque secondo me il campionato Spagnolo non è affatto superiore alla serie A...ritengo nettamente superiore la Bundes al campionato di casa nostra..specie per quel che riguarda le strutture e l ambiente in generale.....ritengo inarrivabile la Premier perfetta sotto ogni singolo aspetto...ma la liga assolutamente no......specie verso il basso...un Catania secondo me,,in spagna sarebbe gia salvo....

    sul campionato francese....il suo fascino è sempre nei calciatori che sforna...una sorta di vivaio d'europa...purtroppo sky non lo copre più...con la fine del regno del Lione si è fatto molto più interessante

    RispondiElimina
  12. @Nesat, secondo me sbagli l'articolo: IL Catania sarebbe già salvo in quanto (in teoria) propone un calcio più consono alla Spagna. Ti chiedo: nella Liga si salverebbe il Brescia? Cioè la squadra dell'unica città al mondo che pretende di salvarsi con Zoboli-Zebina-Bega come difesa a tre titolare.

    La Ligue1 è un campionato, confrontato agli altri, modesto ma interessante soprattutto ora che è caduto l'impero del Gerlande (segnale che si è notato in Europa: ecco perché il Real non ha perso!). Naturalmente cuore ed anima batterrano sempre per il Nancy di Tony Cascarino (che si gioca tra poco a Lorient punti pesanti). Campionato dove sono riemersi Saint Etienne (ai tempi della "Leggenda di Siviglia" forniva mezza nazionale), per fortuna con Piquionne sparito a far danni in Premier ed il Rennes (una sorta di nave-scuola che finalmente ha trovato la sua dimensione). Nel mezzo Lille (mai domo) ed il PSG (dov'è Pauleta per godersi questo momento?).

    La Liga e la Serie A sono farlocci e legati ossessivamente da dicotomie, anche se per motivi diversi. Real e Barcellona sono due multinazionali col Ferrari mentre altre si devono arrangiare (chi perché son finite le vacche grasse, Siviglia su tutte, chi perché ne ha fatto una ragione di vita, Athletic). Il nostro campionato si lega invece su questa dicotomia dove c'è solo spazio per il meneghino quando ci sarebbero tante cose da dire e tanti bei personaggi (un "Lacrime di Borghetti" inglese sono convinto che discuterebbe su Pioli o su come faccia De Canio a Lecce).

    P.S. Norimberga-St. Pauli 5-0, l'ho scritto che dovevo preoccuparmi

    RispondiElimina
  13. D'accordo sul sorpasso Bundes: quanto a spettacolo offerto, finanze, vivai e strutture.
    Grandissimo rispetto per la Ligue 1, giocatori interessanti e partite sempre divertenti (prima di perdere la frequenza, la seguivo un pò su Sportitalia).

    Il campionato italiano in questo momento non è superiore a nessuno. Per singolo aspetto ha solo da imparare.

    Il fatto è che il discorso da fare sarebbe infinito. Per me è inaccettabile che negli ultimi 5 anni siano spuntati solo Balotelli e Ranocchia mentre, ad es, Germania, Olanda e Spagna hanno tirato fuori intere Nazionali. E' inaccettabile che i giovani marciscano in Serie B (perchè i due gioiellini del Modena stanno a Modena e non in A? Perchè il giovane in A è sempre straniero? Perchè Coutinho -Coutinho! Non Lionel Messi- si e i nostri no?).
    E' inaccettabile l'incompetenza di più della metà degli addetti ai lavori (della dirigenza di Roma e Juve, poi, non parliamo). Nessuna strategia, nessun progetto.
    E' inaccettabile, poi, che quanto a stadi non ci si possa allontanare dalle cattedrali del '90.

    Certo occorre precisare che se le cose non sono cambiate 5 anni fa o la scorsa estate.. perchè mai dovrebbero cambiare ora..
    Peste mi colga, ma comincio a pensare che forse quel gattopardesco Mondiale, ai fini di quanto sopra, era meglio non vincerlo.

    Fatto sta, la Serie A per me ha fascino zero in questo periodo.
    Se accendo la televisione e c'è Sampdoria-Inter, non la seguo. Perchè so già che sarà una partita di merda. Se accendo e mi imbatto in un Newcastle-Blackpool.. beh, il telecomando per un'ora non si tocca.
    Meglio poi un match del Barca che alla fine sai che vince che una partita del Milan o della Juve.Almeno vedi giocare la palla come si deve.. Guardati il Real e almeno vedi come si difende..

    E non mi si venga a dire che all'estero c'è meno tattica. Affermazione che andava bene negli anni Novanta, ora non più. Primo perchè se ne vede parecchia sia Oltremanica che in Germania che in Francia, di tattica, secondo perchè in Italia non si cresce più a pane e diagonali o a squadra corta.

    Non voglio però essere troppo disfattista. Ci sono anche le belle realtà. E allora grazie al Bologna che presenta giovani, magari scarsi.. ma almeno.. (d'altronde, Casteldebole non è La Masia). Grazie all'Udinese e a Lo Monaco, per la competenza nella gestione di bilanci contenuti.

    Chiudo con una domanda, che non c'entra niente: perchè nelle ultime due stagioni giocatori che facevano panchina da un anno e mezzo nelle rispettive squadre a mezza classifica (Pandev alla Lazio e Kharja al Genoa) sono titolari all'Inter?

    RispondiElimina
  14. quoto pienamente l'analisi fatta da sigosiendobostero!
    "Peste mi colga, ma comincio a pensare che forse quel gattopardesco Mondiale, ai fini di quanto sopra, era meglio non vincerlo."
    giustissimo!
    sentire Lippi che sbandierava la supremazia del calcio italiano fu una cosa insopportabile quando era ben evidente ormai un decadimento tecnico tattico generale!
    "Chiudo con una domanda, che non c'entra niente: perchè nelle ultime due stagioni giocatori che facevano panchina da un anno e mezzo nelle rispettive squadre a mezza classifica (Pandev alla Lazio e Kharja al Genoa) sono titolari all'Inter?
    già!!!
    come mai l'inter compra Pandev e Kharja come mai il milan primeggia con gli scarti delle altre grandi(Ibra che per poco non fa perdere al Barca la Liga oltre che la Champion,Robinho che non è neanche lontano parente di quello di Madrid)perche si pretende che la juve debba lottare per lo scudetto con Pepe Bonucci Barzagli Matri ecc ecc...
    stiamo cadendo sempre piu in basso ma tanto finche ci sono tifosi animati dai vari Biscardi e compagnia bella che gli mettono il prosciutto davanti agli occhi in pochi se ne accorgeranno!a parte ovviamente chi segue lacrime di borghetti:)
    ciao a tutti e complimenti per il blog

    RispondiElimina
  15. il campionato italiano é di una tristezza assoluta. mi limito ad una domanda. qualcuno ha citato la difesa del brescia. mi accodo: in quale campionato una squadra con campagnaro-p.cannavaro-aronica sarebbe terza in classifica, con ormai mezzo piede in champions (con tutto il rispetto per gli amici napoletani).

    per quanto riguarda la premier, mi permetto una provocazione. a livello calcistico non si discute, sotto tutti gli altri punti di vista, a mio modo di vedere, rappresenta il male assoluto, un esempio nefasto che sta contribuendo alla rovina del calcio. supremazia delle televisioni, introiti pazzeschi derivanti dalla vendita dei diritti tv, bilanci falsati, petrolieri e uomini di affari che calpestano la storia di club antichissimi e via discorrendo. questo non é il calcio che piace a me. sono d'accordo con chi dice che in italia l'andazzo é lo stesso ma non abbiamo raggiunto quel livello.
    ultima cosa sul campionato inglese: mi sono divertito molto di piú durante le partite che ho visto dei Red Sox a Boston rispetto alle volte che sono andato allo stadio in inghilterra. impianti belli e accoglienti. si va bene, ma che palle! (fatta eccezione per una favoloso charlton-vicenza - precampionato 2000 - a fine primo tempo mi feci regalare una spilletta del vicenza da eddy reja e conobbi il professore antonio bernardini, una persona squisita).

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  16. Caro Fonaretto,

    per una volta non mi trovo (almeno in parte) d'accordo con te.

    In particolare dove citi la difesa del Napoli come esempio del basso livello del nostro calcio.

    Posto che ritengo il Napoli l'unica squadra degna di nota in questo campionato (per età media, progettualità e gioco), tolto il solo Aronica il resto della difesa partenopea è a mio parere di buon livello tanto per automatismi
    che per individualità.

    Campagnaro secondo me è uno dei migliori centrali del campionato da almeno tre anni, mentre (su questo ti do in parte ragione) l'andamento di Cannavaro in questa stagione è talmente lievitato rispetto al passato da richiedere almeno un'altro anno di conferme.

    Se ci unisci uno dei portieri più in forma del campionato ed i due esterni più dinamici in circolazione secondo me si capisce molto.

    Ciò detto, secondo me l'ago della bilancia della qualità della Serie A è la Roma.

    Una squadra che non ha mai trovato continuità in tutto l'anno, senza uno straccio di gioco ed alle prese con problematiche di ogni tipo è ancora in piena lotta champions e fino ad un mese fa, almeno numericamente, anche per il campionato.

    Questo è si un dato agghiacciante.

    Un saluto a tutti.

    Tato

    RispondiElimina
  17. Il tocco sotto di Messi di ieri sera è da rivedere all'infinito.

    Qualche statistica:
    - 75% di possesso palla;
    - 16 tiri in porta contro 0;
    - 65% di vantaggio territoriale;
    - 90% di passaggi a buon fine.

    C'è poco altro da ggiungere secondo me.
    Un grandissimo Xavi.
    In questo momento, il giocatore perfetto.

    RispondiElimina
  18. tra Barca ed Arsenal non c'é confronto. il campo l'ha dimostrato. anche se, senza l'assurda espulsione di van persie, il destino del match sarebbe potuto essere diverso.

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  19. Per come la vedo io, Van Persie ha fatto una gran cagata. Affar suo.

    RispondiElimina
  20. Le televisioni inglesi hano misurato che tra il fischio dell’orribile Busacca ed il tiro di Van Persie passa un secondo esatto.. Nemmeno Chuck Norris avrebbe avuto la prontezza di riflessi di fermare il tiro..

    Dopodichè l’incontinete svizzero ha fischiato a senso unico rovinando ancora di più una partita che già era cominciata malissimo con la difesa a sei dell’Arsenal.. spingendo i Gunners ancora più indietro..

    Immenso il Barcellona (quando giocano così vorrei essere donna per fare l’amore con Xavi e Iniesta) due cose sull’Arsenal: già all’andata Fabregas aveva giocato malissimo cercando nel bagagliaio finezze che non aveva mai caricato e al ritorno è stato patetico.. assente, spaventato e presuntuso, come nell’occasione dell’assurdo colpo di tacco che ha fatto partire l’azione del primo gol..

    Dalla tv sembra che il Camp Nou l’abbia sommerso di fischi al momento della sua uscita.. cattivi, ma meritati.. Non è un leader, non sa caricarsi la squadra sulle spalle.. cosa che invece fa oramai da due anni Nasri, il vero fenomeno di Holloway Road..

    Continua il mistero buffo di Rosicky.. va bene la riconoscenza di non mandarlo via dopo il terribile infortunio.. ma non è più un giocatore di calcio.. Chamakh ha detto lui stesso di essere stanco, che dopo un inizio eccellente non è in grado di reggere i ritmi della Premier.. Però se ieri nell’ultima mezz’ora Wenger avesse inserito lui invece che quello scarpone di Bendtner l’Arsenal sarebbe ai quarti..

    RispondiElimina
  21. Quello che dico io è che il tiro è il tipico diro distratto dell'attaccante cui è stato fischiato un fuorigioco.

    Guarda il momento in cui si ferma il difensore..

    http://www.youtube.com/watch?v=pejnwkhKKL0

    RispondiElimina
  22. Il difensore in alto (Busquetes?) si ferma ben prima del fischio perché non ce la fa a correre.. Quello in basso (Adriano?) continua la corsa, esattamente come Van Persie, tagliando verso il centro dell’area perché oramai VP gli è sfuggito in controtempo..

    Aggiungo un’altra cosa, il tiro che poi VP fa è proprio il suo tipico movimento.. fosse riuscita a tenerla sul sinistro si sarebbe girato per rientrare, altrimenti fa sinistro destro così e la scarica subito, da ogni posizione.. dentro o fuori l’area..

    Detto ciò.. se finiva 6-0 per il Barca (che ricordiamolo giocava pure senza i due centrali titolari, chè oramai si da per scontato che il Barca non debba nemmeno pensare a difendere..) senza Busacca ero più contento..

    RispondiElimina
  23. Chissene del Barcellona, del povero Rosicky, delle difese a tre, degli Spurs difensivi di stasera, delle polemiche (inutili) su Ibra e dell'uomo che pisciava in campo.

    Lo Schalke ha battuto 3-1 il Valencia ed è passato ai quarti: nella speranza che Raul allunghi il suo magnifico record vado ad aprirmi un Erdinger e me la scolo nel bicchiere da weissbier.

    RispondiElimina
  24. Beh Vasilj forse una cosa a Ibra andrebbe finalmente detta, e cioè che non basta essere arroganti per essere dei grandi giocatori, mentre solo i grandi giocatori possono essere anche arroganti...A 29 anni, e con gli urli che riserva settimanalmente ai suoi compagni di reparto, io mi aspetterei qualcosa in più che zero tiri nella porta del Tottenham in 180 minuti...

    Grande gioia per lo Schalke di Raul, peraltro anche chi dovrà giocarci contro vedrai che si aprirà numerose weiss per festeggiare...

    Infine, l'espulsione di Van Persie è una cosa scandalosa. Gli arbitri devono smetterla di rovinare le partite. Non capiscono che per un arbitro l'invisibilità è una dote, e invece fanno come i magistrati, invadono la scena. Ciò non toglie che il Barcellona ha meritato eccome, ma proprio quando domini così tanto e segni così poco alla fine te la rischi...

    (Sulla Roma ancora non voglio dire niente. Sembra sempre che non ci sia mai un vero limite al fondo. Dico solo che la città è piena di bori e quindi anche in campo si comportano da bori. Dico anche che io chiuderei il settore giovanile oggi pomeriggio stesso. Dico infine che la prossima volta che Borriello fa la sua faccia indignata napoletana per qualcosa io sputo sul televisore)

    RispondiElimina
  25. anonimo sfidante10 marzo 2011 12:07

    Anche io sottoscrivo sul carattere di Ibra.
    E non voglio dire nulla sul Milan. Dico solo che siamo usciti contro una squadra dove forse un solo giocatore sa giocare con il pallone (la differenza tra "giocare con il pallone" e "giocare a pallone" è la stessa che passa tra "saper fotografare" e "saper scattare fotografie").
    E quel giocatore era fuori ed è entrato nel secondo tempo, a mezzo servizio.
    Il Tottenham è un insulto al calcio. Ma è ancora troppo lontano agli insulti che lancio quotidianamente ad Allegri, indipendentemente dalle espressioni facciali che fa quando compare in tv.

    ps su quel giocatore rimane la perla di Cerqueti (non mi ricordo chi disse che è il miglior commentatore in circolazione). Inquadrano Capello, lui sta per entrare. Commento: "Capello è venuto per visionare Bale". Risposta mia: "coglione, guarda che il Galles è un po' più ovest"

    RispondiElimina
  26. anonimo sfidante10 marzo 2011 12:15

    Ah, dimenticavo: io la prossima volta che Salvatore Bagni, Bisteccone e altri commentatori Rai faranno il loro pronostico pre-partita mi dedicherò a sputi, calci e insulti a spron battuto. Eviterò tali atteggiamenti solo qualora mi trovassi accanto ad una loro nipote/cugina/sorella bona e sicuramente porca. In tal caso mi dedicherò al sempre funzionante gesto scaramantico della palpata alla tetta sinistra.

    RispondiElimina