martedì 22 febbraio 2011

Il mio giorno della liberazione

Io detesto parlare di Roma su LB,questo blog lo uso esclusivamente per realizzare le mie più torbide fantasie calcistiche,su come schierare la selezione della regione Veneto,per scoprire che fine ha fatto l'instancabile motorino di centrocampo Emile Mbouh,per raccontare l'entusiasmante cavalcata del Calais o per analizzare la punizione di Ilunga Mwepu,di certo non uso questo blog per stressarmi con i problemi della mia squadra,perchè in qualche anno di radio romana vissuta sul campo ho capito che parlare di Roma è veramente inutile e fondamentalmente fastidioso. Oggi non vorrei macchiare il mio curriculum di blogger,ma non posso esimermi dal farlo,perché per me oggi è il giorno della liberazione,perché in questo post cercherò di fare un discorso generale. C'è qualcosa di marcio,di realmente marcio quando sul 3 a 0 non sei convinto di portare i 3 punti a casa,c'è qualcosa di ancora più marcio quando sul 3 a 3 speri in un goal avversario per porre fine a quello che reputi un regno del terrore. Lo scorso settembre 2009 quando la Roma perdeva in casa contro una squallida Juventus ero in viaggio. Un viaggio in pullman da Ragusa a Roma un qualcosa di atroce,reso ancor più tremendo dalla seconda sconfitta in campionato,un viaggio della speranza tormentato da un ragazzo ceco(ceco di Praga per dirla alla Verdone) seduto dietro che ingurgitava un qualche alcolico da discount che si lamentava perché il film scelto (un qualcosa di Pieraccioni) non si sentiva bene. Nel mentre cominciavano a circolare le prime voci di dimissioni di Spalletti e in quel viaggio ETERNO la preoccupazione non era rivolta tanto ai vapori alcolici provenienti dal mio simpatico vicino,quanto all'eventuale sostituto,un solo nome era possibile e in quel viaggio oltre a sperare nel coma etilico dello stronzo dietro di me, mi auguravo con tutto il cuore di sbagliare. Oggi sono euforico,ho perso e sono dannatamente contento,ho perso in un modo doloroso e umiliante roba da "Annà in esilio dentro ar cesso" come direbbe il maestro,eppure questa è una sconfitta bella,ringraziando il signore non corro più il rischio di trovarmi il nulla in panchina per un altro anno,certo questo vorrà dire salutare l'idolo mio e di Dionigi Damianò,secondo di Ranieri al quale manca solo una Baguette sotto l'ascella,un foulard rosso e una maglietta a righe per impersonificare lo stereotipo del francese,ma è un sacrificio che accetto di buon grado. Sarà quel modo fasullo di parlare,quel falso charme,quella spocchia nel rispondere,sarà che ovunque è andato tutti si sono lamentati di lui. Qualche amico tifoso Juventino aveva cercato di avvisarmi,ma finché non lo provi sulla tua pelle non puoi capire. Oggi a Roma si cerca di assolvere,di ringraziare quanto fatto,ma nessuno si è reso conto che una puntata di Consorzio Nettuno senza audio era più entusiasmante di questa Roma. Oggi si assolve,la colpa è dei giocatori,sono dei bambini viziati che hanno cacciato il povero gentiluomo,un povero gentiluomo che era riuscito a litigare anche con la mascotte,un povero gentiluomo capace di fare un catenaccio anni 50 a Monaco che viene schernito dal proprio capitano,un gentiluomo allergico ai cambi e forse tanto meglio così se i cambi in questione sono Loria per Borriello(dopo Menez-Simplicio sul 3 a 1) sul 3 a 2 in tuo favore. Non riesce a fare gioco va contro la sua natura,era davvero più divertente la fila alle poste che una partita della Roma. Mai come in questa stagione noto la penuria delle panchine. Il Milan rischia di vincere lo scudetto con un mister che definire acerbo è davvero poco(lo si può notare dalla Champions),e rischia di vincerlo grazie al suicidio interista,che perde 6 mesi per scoprire che Benitez e Mourinho non sono uguali e che prende un tecnico come Leonardo solo per ripicca allo smacco Ibra. Per non parlare di Del Neri,un allenatore da provincia,che a Torino sta facendo la stessa figura del burino arricchito ad una cena di gala che cerca di tagliare la carne con il coltello sbagliato. Capisco anche i tifosi laziali,perché in questo campionato ha senso lamentarsi di Reja,perché si ok si è quarti,ma questo non vuol dire che non si debba cercare di giocare a pallone congelando il risultato su uno squallido 1 a 0. E allora si!protestate anche se siete primi o quarti,fatelo perché allo stadio ci si va per veder giocare a calcio e non per vedere barricate e lanci lunghi,ci si va per divertirsi e non per segnare chiudersi e sperare. Passare da Spalletti a Ranieri è stato traumatico,è come passare da Charlize Theron a Gegia,per questo ieri è stato il mio 25 Aprile,con tanto di americani. Mi sono liberato di un peso,di chi ha avuto la possibilità di portare a casa 3 trofei e da perdente non ne ha vinto nessuno,di chi mi faceva andare allo stadio controvoglia,di chi è stato eliminato da Panathinaikos e Shakthar,da chi vanta origine testaccine ma in quei goal juventini contro la Roma quanto esultava,da chi è solito sputare sul piatto dove ha mangiato,da chi non ha mai avuto polso,da chi ha la stessa verve della Montalcini alle 2 di notte,mi sono liberato da tutto ciò che io non reputo calcio. Sicuramente non cambierà nulla,di certo la Roma non arriverà quarta,ma oggi sto bene,e auguro anche a voi tifosi insoddisfatti dei vostri grigi allenatori,di tornare a sorridere come me.

18 commenti:

  1. chiedo scusa ai lettori del blog...per questo ulteriore articolo sulla situazione roma...ma era gia stato scritto prima di vedere il post del buon tato....portate pazienza......

    RispondiElimina
  2. QUANDO SI DICE LEVARE LE PAROLE DI BOCCA. Hai anticipato non so quanti che avremmo voluto scrivere le stesse identiche cose.
    Non credo si andrà comunque meglio,montella non ha esperienza,e a questo punto senza Champions Carletto Ancelotti si allontana. Ma l'importante è che l'anno prossimo,con i nuovi capitali,cominci una nuova epoca con idee chiare e una filosofia precisa,dall'alto della Presidenza all'ultima delle giovanili.La Roma deve acquisire una sua identità precisa nel mercato,nel rapporto con i giocatori,nella filosofia di gioco,negli allenatori che avrà. Se devo pensare di spendere 7 ore di viaggio a/r,biglietto,ho il diritto sacrosanto di di-ver-tir-mi,come solo Spalletti e Zeman ci hanno fatto fare.Se non hanno vinto,come Zeman,è solo per "Cause di Forza MOggiore"

    RispondiElimina
  3. Io spero ancora che gli americani salvino Damianò, comunque.

    Detto questo, quello che ti dispiace è che in realtà Ranieri è una brava persona e sono convinto che è romano e romanista quanto me. Ci uscirei volentieri a cena insieme. Tutto questo però non toglie che è un vero disastro di allenatore, non c'è stata una partita in questi due anni in cui non abbiamo passato gli ultimi venti minuti (almeno) col culo stretto. Qui nessuno pretende di veder giocare il Barcellona ma almeno di provarci quello sì.

    Anche perchè poi il discorso è quello di sempre: tanti sacrifici per che cosa? Ok, niente calcio champagne, ma almeno avessimo una difesa solida...e invece zero schemi là davanti, e una caterva di gol presi là dietro.

    Sicuramente Ranieri è stato un parafulmine per questi quattro banditi con la maglia giallorossa (mi riferisco sia a quelli in tribuna sia a quelli in campo - Spalletti non era scemo quando parlava di "tacchi e punte"), sicuramente è il più classico dei capri espiatori, sicuramente era in buona fede in tutte le sue scelte, ma ciò non toglie che non vedevamo l'ora che ci togliessero da sotto gli occhi la sua insipida minestra...

    RispondiElimina
  4. Post Scriptum
    A proposito di Consorzio Nettuno (mitico!, un amico di questo blog una volta disse che ne era "studente frequentante"...), Ranieri ce lo vedrei benissimo, di notte in quello studio azzurrino, a spiegare metodi di allenamento...

    RispondiElimina
  5. Nesat, questo sfogo è davvero liberatorio. Non posso che condividerlo, anche perché sono in attesa di una personale liberazione dalla dittatura del testosterone che alberga da queste parti (che poi, testosterone, si andassero a vedere una partita a caso dell'Everton o del Wolverhampton). Peraltro ho come il timore di un ritorno proprio di Ranieri, a questo punto..

    Ma soprattutto volevo esprimerti la mia totale e piena immedesimazione per il viaggio in pullman Ragusa-Roma. Non pretendo di emulare le suggestioni iblee del tuo viaggio, ma posso vantare, dalla mia, un Messina-Urbino assai ricco di nausee trasimene.
    Esperienze irripetibili, sicuramente itinerari di avvicinamento a qualcosa.

    RispondiElimina
  6. Post limpido, Nesat.
    Una lucida parola fine.

    Pure secondo me era in buona fede. Però lo scudetto lasciato per strada l'anno scorso è grave, indecente. Segno di mentalità mancata, di impotenza. Ranieri ci mise del suo, però chi si fa profeta di decisioni e autogestione dovrebbe chiedere scusa per primo.

    I cambi di Genova sono sconvolgenti. Ripensandoci il più grave è quello di Simplicio.
    Loria, invece, è un genio. Adoro il suo saltello da ballerino di mazurka sul terzo gol rossoblù (Palacio di testa).

    ps: sui pullman calo l'asso. Puno-Trujillo. 24 ore, una sosta sola per pisciare. All'altezza di Ayachuco. E il ciccione al mio fianco che era tutto un programma.

    RispondiElimina
  7. @Francesco;Mi fa piacere...ieri misono sentito più solo girando per radio e siti.....in realtà eravamo in tanti a pensarla così...per quel che riguarda l'organizzazione....sono strafavorevole alla cordata straniera...basta romani....non siamo capaci...parliamoci chiaro....o siamo maneggioni.....o ci mettiamo troppo cuore.....Boston mi sembra la distanza ideale.....speriamo bene...e soprattuto speriamo quantomeno in un bel gioco....per lavarci da questo anno e mezzo di nulla...

    @Dionigi:io sono convinto che anche la persona non fosse il massimo....anzi era quel falso cortese che irrita......dentro era un rosicone(e spesso quel lato usciva)e soprattutto è davvero sempre stato un arrogante...anche se riusciva con i suoi modi british a nasconderlo.....la squadra ha tante colpe...ma questa storia che sia un gruppo terribile è del tutto falsa...o meglio..Spalletti è stato si cacciato ma dopo 4 anni.....e dopo varie storie......Ranieri non è riuscito neanche ad avere un fedelissimo...ha litigato con tutti..si è fatto criticare da chiunque.....e comunque con Montella adesso è tornato mezzo staff di Spalletti...che fa capire che con il buon Luciano il rapporto non era del tutto logoro....

    @Arturo:finchè campa Pantaleo Corvino Ranieri a Firenze neanche ci si avvicina......comunque personalmente ritengo che Sinisa (ammesso che resista)il prossimo anno possa fare benissimo....
    Beh sulla tua traversata poco da dire.......soprattutto le strade umbre dopo una Salerno Reggio Calabria devono essere realmente ardue.....sul mio posso dirti che la cosa più fastidiosa sono le 2 ore e mezza(anche 3) da Ragusa a Messina...quando arrivi allo stretto capisci che non hai neanche passato metà viaggio.....
    Comunque posso parlarti di un fantastico Ragusa-Maglie....roba da professionisti...se non sei allenato arrivato a Taranto hai la tentazione di tagliare la gola a quel tizio che si è tolto le scarpe vicino a te(perchè lui c'è sempre)

    @Bostero:il tuo viaggio non vale...parliamo sempre di pseudo civiltà..e se proprio mi devi stuzzicare..di rispondo con Catania Ragusa in treno..ferrovie di inizio secolo...un ora in linea d'aria BEN 4 con il treno...da solo in uno scompartimento con l'algerino Tano che mi narrava come fosse bello andare a uomini.
    Anche io sono fan del saltello di Loria..anche se il suo picco sono stati i finti crampi in Arsenal Roma dopo il vantaggio Gunners

    RispondiElimina
  8. Attenzione, se non sbaglio Loria i crampi li simulò dopo un obbrobbrio in fase di impostazione, in cui perse malamente palla da solo (alla Riise in Champion, per interderci) e gli attaccanti dell'Arsenal si divorarono un gol a porta vuota...scampato il pericolo si gettò a terra abbassandosi i calzini in preda ad atroci sofferenze (sempre se la memoria non mi inganna...).
    Ciao,
    Albis

    RispondiElimina
  9. effettivamente ora che ci penso l'arsenal segnò su rigore.........

    RispondiElimina
  10. anonimo sfidante23 febbraio 2011 15:10

    "E allora si!protestate anche se siete primi o quarti,fatelo perché allo stadio ci si va per veder giocare a calcio e non per vedere barricate e lanci lunghi,ci si va per divertirsi e non per segnare chiudersi e sperare."

    Accolgo l’invito.
    Permettetemi una dedica musicale. Caro Max Allegri, se mai dovessi capitare su questo blog questo è un cadeau che voglio darti. Una dedica, dal profondo del mio cuore.
    Perché vedi, non importa il tuo taglio di capelli, il tuo servilismo, la tua amenità, la tua inettitudine, la tua codardia calcistica, la tua incompetenza. Questo è quello che molti milanisti pensano di te (purtroppo un numero sempre e comunque insufficiente).

    Ciao Max!

    http://www.youtube.com/watch?v=aNgEvFwPKKA&feature=related

    RispondiElimina
  11. anonimo sfidante23 febbraio 2011 15:17

    Scusate, volevo scrivere:
    Non importa il tuo primo posto e il taglio di capelli. Per il tuo servilismo, la tua amenità, la tua inettitudine, la tua codardia calcistica, la tua incompetenza, questo è quello che molti di noi, milanisti, pensano di te (purtroppo un numero sempre e comunque insufficiente).

    Ciao Max e perdona il mio errore!

    RispondiElimina
  12. Povero loria. Magari i crampi ce li ha avuti per davvero..

    Stasera vagherò su youtube per verificare se si sia trattato di finzione o sfortunata coincidenza.

    RispondiElimina
  13. ieri cristiano ronaldo è saltato di testa completamente fuori tempo e, una volta atterrato, ha simulato un infortunio alla caviglia "alla loria" sul recupero di palla del real ha ripreso miracolosamente a correre come un cerbiatto.

    cari romanisti, toglietemi alcune curiosità:
    1) perchè ogni anno la roma acquista un centravanti (se non due) per vedersi puntualmente sconquassato lo spogliatoio dall'ingestibile abbondanza in attacco?
    e meno male che l'alcol dà una brutta dipendenza...
    2) perchè è stato nullificato l'apporto dell'onesto pedatore brighi che un paio di stagioni fa era considerato meritatamente un punto fermo? solo a me sembra che perrotta abbia smesso un lustro fa? ma è vero che gli rinnovano il contratto?

    a viaggi (favolose le vostre imprese) vanto numerosi ventimiglia-bagnara calabra (rigorosamente traffico bollino nero), uno quest'anno, partenza 4 di mattina arrivo al quinto secondo della finale di supercoppa italiana, da roma in su, infatti, nugoli di macchine giallorosse a bestemmiare con me nella canicola.

    RispondiElimina
  14. Bagnara Calabra, se non ricordo male, col suo lungomare pieno di luce, il suo torrone senza fronzoli e una taverna greca da cui uscivano meraviglie..

    RispondiElimina
  15. @Kalle-In realtà è la prima volta che compriamo un centravanti vero dai tempi di Bati....per il resto Adriano va a fare compagnia al distrutto Nonda e a Mido con il suo superpotere di spegnere le sigarette con la lingua(almeno è ricordato per questo a Trigoria)....ovviamente Borriello è criticato da più di una persona...perchè ha la "Colpa"di togliere il posto a Totti...la mentalità del tifoso romanista è veramente assurda.....
    anche io sono un grandissimo fan di Brighi...il primo anno aveva la funzione di randellatore...spalletti lo schierava nei 10 minuti finali e lui colpiva tutto e tutti...l'anno seguente si è trasformò in cigno ed tornò quello dei tempi di Bologna.....oggi è a metà...secondo me montella lo farà giocare spesso...
    mai dare per morto o fischiare Perrotta(davvero il più irritante quando non è in giornata)perchè lui segnerà un goal decisivo cadendo....(segna solo cadendo)

    per quanto riguarda Bagnara Calabra...vi siete scordati il particolare più importante....è il luogo che ha dato i natali a Benito Carbone.....il che fa si che Bagnara sia idealmente gemellata con LB....
    Comunque tutti i nostri viaggi hanno come sfondo la Salerno-Reggio Calabria....sono sicuro che l'inferno sia un posto molto simile...con il traffico.. 50 gradi e il menù rustichella

    RispondiElimina
  16. Sono contento che hai ricordato Benny Carbone da Bagnara Calabra. Il nostro incontro pavese di qualche anno fa (con la raffinata esegesi finale della posizione "cogli l'oliva"), preceduto dal risotto alla zucca offerto dal presidente, rimane tuttora uno dei punti più alti della mia per il resto magra esistenza.

    Mi sto appassionando ai racconti delle vostre odissee in pullman. Altro che cammini di Santiago, un Ventimiglia-Bagnara o un Ragusa-Roma hanno un tasso mistico molto più elevato. Dovremmo aprire un nuovo blog - Lacrime di Camogli, quelle che verseremo per l'Autogrill che non arriverà mai. Solo esperienze, consigli, ricordi di compagni di viaggio e aneddoti alla Bargiggia.

    Nel mio piccolo posso vantarmi di non aver mai percorso, almeno nella mia vita (diciamo) adulta, neanche un metro della Salerno-Reggio Calabria. Con un mezzo di terra non ho mai superato i bastioni del monte Circeo.

    Posso però apportare un esotico (non quanto quello di Bostero, s'intende) viaggio coi pullman Alsa (i bus preferiti dagli Spagnoli, per i comodi sedili in pelle che esondano calore, comfort e franchismo) da Pamplona a Valencia. Otto ore per strade secondarie (col cazzo che lo paghiamo il pedaggio!) con una sola sosta (di un'ora!!) all'Autogrill di Tudela (il nulla nell'Aragona più desolata), dove presentando il biglietto del viaggio potevamo comprare una scatola di stucchevoli torroncini locali a metà prezzo. Fu una svolta perchè non avevo portato nessun regalo ai miei ospiti.

    RispondiElimina
  17. benny carbone è cugino di mio "suocero" così come il meno noto antonio morello che ha però la caratteristica di aver segnato dopo 10 secondi dal suo esordio in serie A (record?) in un siena - modena.

    ho stretto la mano di benny al funerale del prozio peppino e questo è stato il momento in cui sono stato più vicino al calcio professionistico dopo un gol in semi rovesciata sulla spiaggia di bonassola (SP) sotto gli occhi di un attento Maselli, allora allenatore del Genoa.

    RispondiElimina
  18. x sigosiendobostero: un mese fa mi sono fatto arequipa-lima (17ore)ma non mi avvicino nemmeno alla giornata intera di viaggio.
    altrimenti cito uno stupefacente venezia-manfredonia

    RispondiElimina