sabato 23 ottobre 2010

Il paese di Pulcinella

L'Italia,lo si sa,con buona pace di tutti è una repubblica fondata sulla raccomandazione. Tutti noi ne cerchiamo una in fondo,anche se siamo sempre pronti a criticare chi ne usufruisce. Certo,approfittare delle conoscenze per svolgere un lavoro in cui riesci,non è un ingiustizia,però se devi rubare letteralmente l'occupazione a chi per anni ha studiato o lavorato e faticato in quel settore,il discorso cambia radicalmente. In ogni caso,qualsiasi cosa tu faccia nella vita,sia essa il palombaro delle fogne o il sovrano di Tonga,beh...devi guadagnartela e sudartela anche un minimo,se non altro per stare con la coscienza a posto. Quella della gavetta è un arte in cui devi sempre guardare il traguardo,sottostare senza umiliarti a persone che probabilmente valgono si e no un tuo pelo pubico,ma anche apprendere da gente esperta e navigata,in questo caso qualcuno si ricorderà sempre di te e delle tue doti e prima o poi arriverà la chiamata,che è si una sorta di raccomandazione,ma dovuta comunque alle tue qualità. Il calcio è lo specchio dell'Italia,con i suoi stessi difetti e i suoi medesimi pregi. Molte,troppe volte persone che ritieni incompetenti ricoprono cariche importanti,persone che forse non sarebbero in grado neanche di gestire un chiosco di grattachecche in pieno Agosto(senza offesa per i grattacheccari,che LB stima). Per la maggior parte degli Italiani,il pallone è l'unico momento di pura evasione dalla vita reale,stacchi per 90 minuti e pensi solo a quello,ti scordi di tutto,dai problemi comuni alle piccole ingiustizie di tutti i giorni. Quando però anche nel calcio si consumano abusi e scorrettezze,torni con i piedi per terra. Il gioco del calcio appartiene a noi,la nazionale ancor di più. Non si scherza con queste cose,non si devono prendere in giro i tifosi. Francesco "Kawasaki" Rocca,ha il classico viso da entroterra romano,una faccia dura che sembra scolpita nella pietra e duro è anche il suo carattere,è un sergente di ferro Rocca,da anni allena diverse selezioni giovanili della FIGC,attualmente è responsabile dell'under 20. Non esiste suo giocatore che non abbia faticato con lui e non esiste suo giocatore che non lo stimi. E' duro e severo con i suoi ragazzi,per tirarli su,non come prime donne,ma come atleti. Da ex terzino instancabile faticatore della fascia,da giocatore dalla carriera interrotta troppo presto per i tanti infortuni non esiste nel panorama del calcio italiano una persona più accreditata e professionale per formare i giovani di Francesco Rocca, uno che il campo se lo mangiava(finché è stato possibile),uno che può far capire alle nuove leve che il gioco del calcio non è suv e veline,ma un lavoro fatto anche di passione, sacrificio e fatica. Davide Ballardini, classe 64, è un allenatore cresciuto nel mito di Sacchi,le sue squadre quando girano, sono compatte e spettacolari,fino allo scempio Lazio dello scorso anno,dove avrà avuto si e no un 15% di responsabilità è stato un tecnico capace di far fronte a situazioni ardue. Ha lavorato con presidenti mangia allenatori come Cellino e Zamparini riuscendo attraverso il bel gioco ad entrare nelle loro grazie. Ha esperienza da vendere e nel corso della sua carriera ha lanciato tanti calciatori. Gianfranco Zola non è un allenatore navigato,è sicuramente una delle figure più positive del calcio italiano,è adorato in Inghilterra,dove il Chelsea ha ritirato la sua storica maglia numero 25 e proprio in Inghilterra dopo un breve parentesi come secondo di Casiraghi in under ha mosso i primi passi in panchina. Nelle due stagioni a Londra sponda West Ham,manca per un pelo la qualificazione in europa league e centra una salvezza non scontata l'anno seguente. Ha carisma,è stato un giocatore eccezionale e non può che essere un esempio per tutti i calciatori in erba. Ciro Ferrara 43 anni,è stato una bandiera del Napoli,il Napoli più bello,quello dei trionfi in Italia ed in Europa,il Napoli del più grande giocatore di tutti i tempi che lasciò in eredità proprio al giovane Ciro la sua fascia. Ciro quella fascia però non la tenne più di tanto,qualche anno dopo si trasferì nella cupa Torino. Dopo 11 anni di Juve lascerà il calcio,restando però in stretto contatto con Mister Lippi,che farà di lui il suo vice in nazionale. Il guardiolismo farà il resto,a Cire a papà verrà incautamente affidata la panchina della società più popolare d'Italia. La Juventus non ha gioco,non ha schemi,fatica a trovare continuità,esce dalla champions e non entra mai in competizione per il campionato. Lo spogliatoio non sembra rispettare il mister,in tutto questo Ferrara invece di farsi indietro,continua ad avere un atteggiamento smargiasso. Risponde alle critiche sacrosante,con fastidio,si vede che non è abituato a soffrire,ha l'occasione per salvare la faccia e dimettersi,non lo farà e sarà sollevato dall'incarico...........per far spazio a Zaccheroni. I primi 3 allenatori citati,ovvero:Rocca,Ballardini e Zola erano insieme a Zoratto(attuale tecnico dell'under 19)nella lista dei papabili sostituti del suicida Casiraghi. Il nome di Ferrara non è mai comparso,per chi ama l'under,per chi la segue sempre,per chi si ricorda le annate splendide con Cesare Maldini e Tardelli(non il massimo come allenatore ma sapeva convocare) è stato un vero e proprio fulmine a ciel sereno. L'under 21 è una risorsa,è la linfa della nazionale e non può e non deve essere messa in mano a gente priva di esperienza.
Allora ti viene da pensare,in 4 anni Abete ed Albertini hanno devastato il calcio italiano,Donadoni prima,il ritorno di Lippi poi,senza contare l'assurda nomina di Casiraghi. Giancarlo e Demetrio,la strana coppia che purtroppo muove i fili della federcalcio,sono furbi,nominano ct Prandelli per placare il malcontento dei tifosi azzurri post mondiale 2010 e riavere in squadra Cassano e Balotelli(come giustamente cantava il "Simpaticissimo" omino delle suonerie;che ci sia lui dietro Albertini e Abete?tutto avrebbe un senso),dopo di che chiamano Rivera e lo fanno presidente del settore giovanile,chiamano Arrigo Sacchi come coordinatore tecnico delle giovanili,chiamano Baggio e ne fanno il presidente del settore tecnico,in un colpo solo si arruffianano 3 generazioni. Peccato che per la nomina del nuovo allenatore dell'under Abete,nonostante lo stuolo di collaboratori fa di testa sua(sicuramente aiutato dal fido Demetrio...e da Wladì)preferisce quindi affidarla a Ciro ed alla sua guappa simpatia,una promozione alla "Scurdammoce o passato",perché non importa che fallisca, il napoletano fa simpatia! e solitamente è così,solo che purtroppo per Abete, Ciro a differenza di tanti partenopei è simpatico come una sassata in fronte(e sicuramente non ricorda il suo omonimo allegro orsetto compaesano,peraltro più competente in fatto di pallone). A questo punto,non mi rimane che richiamare in causa il cefalopode più amato del mondo,io propongo il polpo Paul come prossimo presidente della FIGC,personaggio corretto e capace di scegliere in maniera indipendente,tanto ora come ora le scelte sono fatte dai criceti nella testa di alcuni dirigenti.Chiudo dicendo,che non escludo che Ciro "Trroppo Buonooo "Ferrara,possa far bene con l'under,ma quello che continuerò a contestare è che il merito deve, almeno nel calcio, essere alla base di tutto,ma in fondo siamo il paese di Pulcinella e chi meglio di Ciro poteva ricordarcelo?PAPPA-RAPPA-PAPPA-RA-PAPPA-PARAPA-PARAPA-PA-PAPPA-RARA-PAPPA-RARA-PAPPA-RAPA-RAPAPA-PAPA

7 commenti:

  1. Tutto giusto Nesat.. Incomprensibile la scelta di Ciro.. come quella di Prandelli (il più sopravvalutato, umanamente e tecnicamente, degli allenatori italiani..) e quella di Donadoni (che a SkySport24 danno a tutto volume sulla panchina del Liverpool e che se i nuovi padroni ad Anfield lo sapessero rivenderebbero immediatamente la società..) La raccomandazione nel calcio è anche avere buoni procuratori che ti spingono a “giornalisti” amici.. Fai il suo nome ogni giorno e prima o poi da qualche parte finisce..

    In questo contesto la richiamata di Lippi mi pare la cosa meno aberrante fatta finora da Giancarlo&Demetrio.. Siamo riusciti a perdere l’Europeo 2012 a favore di paesi che invece che avere stadi fatiscenti e strutture e servizi arretrati non hanno ancora né gli stadi né le strutture.. (la Francia è pronta..) Sacchi, Baggio e Rivera sembrano quei consulenti “artistici” amati dal popolo e chiamati dalle amministrazioni “de sinistra” per ripulirsi la faccia mentre tutto è già deciso in anticipo e tutto sta andando allo scatafascio.. Aspetto a breve dimissioni in serie (o almeno semi-serie..)

    Grazie per il palombaro delle fogne e soprattutto per i video del “simpaticissimo” omino delle suonerie.. ora c’è un’altra cosa che mi mancherà dell’Italia insieme alle televendite di materassi di Giorgio Mastrotta e a quelle pseudoerotiche di Maurizia Paradiso.. Saudade..

    RispondiElimina
  2. Prandelli (il più sopravvalutato, umanamente e tecnicamente, degli allenatori italiani..)
    Nonostante io sia tifoso viola, concordo in pieno con le parole dello Zio!! confido in un bell post a riguardo.
    Michelone

    RispondiElimina
  3. (Premetto che "Prandelli sopravvalutato" è una opinione assai discutibile, per me in quattro anni ha sbagliato solo una partita, non chiudendo il sinistro di Robben l'anno scorso).

    La scelta di Ciro Ferrara è una cosa disgustosa. Per fortuna Nesat che ci hai regalato tante gemme nascoste (Ciro Mandolino non si batte), Derrida approverebbe che tutto è nel testo e nulla esiste fuori di esso...A proposito di Jackie anche la FIGC è in piena decostruzione, stanno smontando una delle maggiori risorse di questo paese, il settore giovanile inaridito, i club pieni di stranieri, gli Europei e i Mondiali assegnati agli altri con tanto di pernacchia. La metafora iniziale di Nesat va oltre la soglia della raccomandazione, il "governo del calcio" italiano è il fedele ciclostilato del governo di qualunque amministrazione pubblica, un mero esercizio di potere clientelare, un impero di privilegi, favori e bustarelle, un intrigo inestricabile di tornaconti personali e interessi privati.

    E' troppo facile sparare su Ferrara - al di là di tutto, ci sono domande così semplici da fare che inchiodano subito chi non sa, perchè non può, fornire la risposta (come quando Marcello Veneziani, esasperato da un interlocutore che difendeva la diversità culturale dei Rom, gli chiedeva: va bene tutto, ma allora spiegami perchè guidano le Mercedes), e la domanda è appunto ma quali credenziali ha Ferrara come allenatore per poter ricoprire un incarico (non solo pubblico ma anche) così importante? Quali e quante squadre ha allenato, e con che risultati?
    Ma piuttosto che il fango della serie C, sono sufficienti le amicizie giuste, anche se nate nel pantano più torbido del nostro calcio, la Juve lippiana-moggiana. Ecco, tutti quelli che hanno avuto a che fare, anche in buona fede, anche inconsapevolmente, con quegli anni bui, dovrebbero essere condannati ad un pacifico esilio dalla società civile calcistica, dovrebbero scomparire, in una sorta di amnistia al contrario. E invece sono tutti lì, ora uno anche al comando dell'Under 21, per la gioia dei club che potranno contare sull'ennesimo basista in Federazione...
    Caro Kawasaki, perdonali perchè non sanno quel che fanno.

    RispondiElimina
  4. @ZIO-Tolti Ancelotti e Capello....che mettono da parte un gruzzolo con cui passare una serena vecchiaia....chi altro poteva prendere il posto di Prandelli??mi è sembrata una scelta obbligata...ma giusta...concordo però con te per quel che riguarda il sopravvalutato....fondamentalmente Prandelli è la versione discount di Spalletti.....

    quello che più mi ha sorpreso...non è stato che abbiano richiamato Lippi....ma che Lippi non abbia esitato neanche un millesimo di secondo.....tutto si può dire del buon marcello....ma non che sia stupido...e sapeva benissimo di rischiare e parecchio.... di cancellare quella sua fotografia di vincente scattata a Berlino...ha vinto la sua arroganza.Ciro è un piccolo Lippi...con i suoi stessi atteggiamenti da bullo del bar...solo con una spruzzata di "Ue Ue!iamme bell"che lo rende più commestibile alla platea....Lippi in buona sostanza è un Babà senza rhum.....Ciro è un babà con due gocce di rhum scadente...

    per quel che riguarda il palombaro delle fogne....caro Zio...questi sono quei bei mestieri dei nostri nonni che oggi la manodopera straniera a basso costo ci sta man mano portando via..dove andremo a finire??
    su Wladi delle suonerie che dirti!?su youtube trovi tutto...ti farà piacere sapere che è stato più volte minacciato da lettere anonime e telefonate...anche di morte...la gente evidentemente non capisce il senso della sua missione....io per quel che mi riguarda vorrei che facesse LUI il palombaro delle fogne....ma senza muta maschera e ossigeno.....deve essere dura comunque vivere a Londra e perdersi queste chicche e soprattutto passare un esistenza senza guardare Barbara D'Urso...ma come fai??


    @Dionigi-sapevo di farti felice con questo mio post....Dopo che hanno catturato zio Bernardo...non è che la mafia sia cessata di esistere...in fondo Binnu era solo un rincoglionito che faceva ricotte e che non valeva più una beneamata cippa....alla fine della fiera paga
    Moggi(e ancora non ha pagato)il resto invece si ricicla. Non che Ferrara abbia colpe particolari(non credo...lo spero...anche se il dubbio)ma giustamente come dici tu..andavano tolti di mezzo tutti...o quantomeno non andavano infilati in federazione....

    RispondiElimina
  5. Pensate che bei duetti Ferrara-Varriale... che momenti!
    Ho formulato questo pensiero ieri mentre ero in coda sul Lungotevere per la gente che usciva dal teatro olimpico dopo aver visto Biagio Izzo (altro che West end londinese caro Zio!)

    RispondiElimina
  6. L'omino delle suonerie è il bardo di questa italia e la rappresenta benissimo e infatti 4 anni prima cantava questo capolavoro: http://www.youtube.com/watch?v=cxZG21UPH0A&feature=related
    Sia chiaro Lippi era ed è gobbo, ma questo fa rimpiangere il bagaglino.
    Michelone

    RispondiElimina
  7. Il Polpo Paul è volato in cielo

    http://ansa.it/web/notizie/rubriche/calcio/2010/10/26/visualizza_new.html_1728091066.html

    siamo stati l'ultimo blog ad omaggiarlo..personalmente credo di averla un po' "Tirata"al povero Paul...sicuramente non era lui il mio obiettivo.....

    RispondiElimina