martedì 15 giugno 2010

Non si può dare di più

Simone Pepe ha capito tutto. Ha firmato per la Juve prima dei Mondiali, e in un colpo solo si è ritrovato titolare inamovibile e migliore in campo secondo i giornali di regime. Uno guarda la partita e si domanda il motivo, avendo il Pepe solamente corso come un forsennato, senza azzeccare un solo passaggio; ma forse più che un Mondiale di calcio, quello africano è una kermesse di atletica leggera. O forse sono solo le vuvuzelas, armi di distruzione di massa dell'udito e della concentrazione, strumenti dell'olocausto acustico sudafricano, che ci hanno stordito, impedendoci di cogliere l'insostenibile leggerezza dell'ala di Albano. Al contrario, i poveri Pazzini e Palombo hanno nicchiato in sede contrattuale, ancora non si sono concessi alla Vecchia Signora, neanche nel feudo juventino del Sestrière, dove l'Italia si è allenata per fare un favore agli Agnelli (ma perchè nessun giornale scrive queste cose? Perchè nessuno si prende la briga di raccontare gli indizi che portano alla evidente conclusione che l'Italia di Lippi è una provincia babba della mafia post-moggiana?), e allora giacciono mestamente in panchina, osservando rassegnati un'improbabile staffetta tecnica (ma assolutamente plausibile vista la casacca di club) tra il leghista Marchisio e l'argentino Camoranesi, due fantasmi che si aggirano nello stadio di Cape Town.
Che poi, già si capisce, la colpa non è del povero Pepe. Lui ha fatto davvero una bella partita, secondo i suoi standard. A me poi fa anche piacere, perchè sembra un ragazzo perbene, sanguigno, volenteroso, perchè ha un trascorso giallorosso, perchè farà felice, davanti al maxi-schermo in piazza, il bel paese dei Colli nel cui ameno tribunale il sottoscritto è stato iniziato ai piaceri dell'udienza di gruppo. La colpa è di chi fa giocare lui e gli altri mediocri compagni che ieri sera ci hanno ammorbato con una serie infinita di passaggi fuori misura, contrasti molli, stop approssimativi e interventi in ritardo. Non fosse stato per il timido ed elegante Montolivo, il Rui Costa bergamasco, al quale, ormai è chiaro, mancheranno sempre mille lire per fare un milione, ma che, ciò nonostante, è l'unico che almeno ci prova ad accendere la luce in quell'ardente oscurità che Lippi ha calato sul terreno di gioco, dicevo, non fosse stato per il timido ed elegante Montolivo e per i suoi due-tre velleitari tentativi dalla distanza, avremmo chiuso la prima partita del Mondiale da campioni in carica senza aver tirato una sola volta nella porta del Paraguay. Ma questa considerazione è tutto tranne che sorprendente: uno legge lo schieramento messo in campo dal papà del procuratore Davide Lippi e la domanda sorge spontanea: ma chi segna? Come si segna? E siccome nel calcio si vince anche con i gol, perchè non basta solo non prenderli, la seconda domanda gode della stessa spontaneità della prima: ma avendo sistemato, alla fine, dignitosamente, il pacchetto arretrato (difesa e centrocampo a protezione della stessa, con un De Rossi superbo), non potevamo lasciar liberi di scorrazzare in avanti due o tre di quei talenti che Madre Natura ancora generosamente ci fornisce, in barba a qualsiasi riconoscenza? Che danno avrebbe fatto ieri sera Miccoli al posto di Iaquinta? Cassano al posto di Camoranesi? Totti al posto di Marchisio? Balotelli al posto di Di Natale? La controprova è ovviamente impossibile, ma mi lancio nell'immaginazione e dico che avremmo regalato spettacolo come la Germania (al riguardo, fermi tutti: che inizino a scendere i giornalisti doc dal nostro carro teutonico, quelli che solo l'altro giorno hanno scoperto il calcio allegro, sfrontato, giovanile, culturale e alcoolico della nuova Germania, quel calcio che tante volte abbiamo raccontato ed omaggiato su LB. Quel calcio che peraltro ha ancora tanto da dare, scorgendo i volti dei talenti seduti in panchina).
La cosa grave è che l'Italia non ha neanche giocato male, anzi, come intensità, voglia, determinazione ed equilibrio è stata encomiabile. Il Paraguay, non una brutta squadra, e con un discreto attacco, non a caso, non ha mai tirato in porta. Ma questo è ancor più grave perchè, sconfessando il trio Morandi, Ruggeri e Tozzi, temo che non si possa proprio dare di più. Probabilmente infilzeremo Nuova Zelanda e Slovacchia, ma più per decenza che per merito. Abbiamo di fronte l'Italia più modesta della nostra vita, e ne va modestamente preso atto. Sarebbe bastato poco a renderla almeno simpatica, ma la simpatia, a Viareggio, non sanno cosa sia. 

35 commenti:

  1. Mi aspettavo peggio.

    Invece, abbiamo giocato una partita senza classe ma solida. Contro un Paraguay che è bella squadra. Corta per 90 minuti, da contrasto, senza fronzoli.

    Su Pepe, Dionigi, con me sfondi una porta aperta. Mentre Montolivo ha dimostrato lucidità e presenza costante in campo, il nuovo acquisto della Juve non ha combinato nulla. Speravo uscisse lui al posto di Camoranesi (che in mezzo ha sempre fatto schifo).

    Imbarazzante.

    A prescindere da questo, sapete che sono un appasionato di tattica, moduli, ecc

    Il 4 2 3 1 per me non è un modulo.

    Non è sostenibile se non avendo tre mezze/seconde punte con i fiocchi. Il Brasile gioca con il 4 2 3 1, laddove quei "3" sono Kaka, Robinho ed Elano. Qualche differenza con Marchisio (bravo, bravissimo.. ma se gli fai fare altro!), Iaquinta (là a sinistra, in una landa desolata) e Pepe (che se poi saltasse mai l'uomo ci farebbe un grosso favore) mi sembra di scorgerla..

    Se vuoi giocare con tre mezze punte, devi averci i piedi. Perchè se non salti mai l'uomo e non verticalizzi MAI (MAI!, perdiana) la partita stagnerà all'infinito a centrocampo. E a far solo contrasti, anzichè far correre la palla, ti stanchi pure il doppio.

    Escluso quindi il 4 2 3 1, e non osando nemmeno pensare ad un 4 3 3, rimangono solo due moduli percorribili (visti gli elementi): il 4 5 1, che in più del 4 2 3 1 ha il vantaggio che devi fare un passaggio in meno per guadagnare metri (e vista la sfilza di imprecisioni di ieri.. poco non è..), ed il più classico dei 4 4 2.

    Altrimenti detto: il Modulo, con la M maiuscola.

    Le ali ci sono (Maggio da una parte e dall'altra va bene Marchisio), le punte sanno interpretarlo.

    Ieri Iaquinta l'abbiamo regalato al Paraguay. Gilardino non ha mai visto un cross (se non l'anti-cross dalla tre-quarti).

    Basta, vi sto annoiando.
    Ridatemi Sacchi.

    RispondiElimina
  2. Io sono d'accordo con Dionigi, a prescindere da ogni modulo chi segna?
    Non abbiamo creato nulla davanti, non abbiamo mai saltato l'uomo, contro una squadra, a mio giudizio, modesta. è la nazionale più scarsa della nostra vita, niente da dire...

    Sulla germania sfondi una porta aperta, forse sono ancora troppo giovani, ma al prossimo europeo e al prossimo mondiale potrebbero essere un'allegra macchina da guerra.. un mix fra selezione della razza e selezione del talento.

    Sulle trombette un'unica considerzione: sono la seconda cosa che va tolta agli africani dopo la sovranità politica.

    RispondiElimina
  3. Buffon 4,5: Allegoria di una nazione, l’Italia, che è un paese per vecchi.. Immobile sull’unico tiro e l’unico cross della nazionale guaranì.. esce per un’infiammazione al nervo sciatico che manco la mia bisnonna..

    Zambrotta 6: Non come Oniewu, che infortunato un anno a Milanello si presenta al mondiale in splendida forma, ma quasi.. parte alla grande e cala alla distanza quando la badante moldava, senza permesso di soggiorno, viene rispedita a casa..

    Cannavaro 4: Dopo una serie di anticipi e mosse da kung fu modello Germania 2006 ci vengono le lacrime agli occhi.. ma dura poco.. Oramai è un tenerone e sul gol sembra kung fu panda.. insomma il fu Cannavaro.. Inch'Allah..

    Chiellini 5,5: Incolpevole sul gol.. incolpevole in difesa.. incolpevole in costruzione.. incolpevole in aiuto ai compagni.. incolpevole in diagonale.. Vabbene che vuole essere la faccia incolpevole della Juve postmoggiana.. ma facesse qualcosa..

    Criscito 6: Il ragazzo ci prova.. sale e scende.. corre ed aiuta.. ma alla fine combina poco e soprattutto Bonet e Vera lo asfaltano ogni volta che scendono sulla sua fascia..

    Montolivo 4: Irritante come un chitarrista acid jazz.. che fa il suo sontuoso compitino tutto ghirigori e virtuosismi ma alla fine è due palle clamorose.. Inutile e prolisso.. non si può fare girare una squadra intorno a lui..

    De Rossi 7: Quando le chiacchere stanno a zero..

    Marchisio 3: Vedi post di Dionigi..

    Pepe 7: Prima del mondiale lo abbiamo dileggiato tutti.. Ma non è colpa sua se dove gli altri hanno Messi, Ronaldo, Muller, Ribery, Gyan noi abbiamo questo onesto gregario di uno scalatore al Giro.. Il suo l’ha fatto.. ed anche bene

    Gilardino 4: Quando sento i commentatori parlare di un centravanti che ‘ha faticato per la squadra / s’è mosso molto” metto mano alla pistola come Goebbels con la parola cultura.. Impaurito.. Perso.. Impresentabile..

    Iaquinta 5,5: Avulso dalla manovra.. avrebbero detto i commentatori di una volta, quelli che non sbraitano nel microfono ad ogni stop a metàcampo.. ne avesse fatto lui almeno uno di stop a metàcampo..

    Marchetti s.v: …

    Camoranesi 3: Vedi Marchisio..

    Di Natale 6: Il miglior giocatore in rosa, messo dentro troppo tardi non fa in tempo a combinare nulla..

    Lippi 4: L’età avanza anche per il padre di Davide Lippi, che non riesce più a rendere buoni servigi al figlio e rischia di fargli deprezzare la paccottaglia sabauda esposta in mondovisione.. Prigioniero di quattro anni fa.. quando Udinese e Juve erano ancora squadre di calcio.. convoca sei bianconeri di troppo.. Prigioniero di sé stesso sbaglia o ritarda i cambi perché dal numero di telefonino con scheda rigorosamente svizzera a cui si rivolge per chiedere consiglio.. nessuno gli risponde più..

    RispondiElimina
  4. quello che mi colpisce delle "trombette" è che il rumore di sottofondo non scema mai, è davvero come se lo stadio fosse assediato da calabroni giganti......
    Danielino con quella barba sembra davvero un profeta, peccato che predichi calcio nel deserto...
    La Germania, come ad ogni competizione importante, fa paura (ho visto solo alcuni spezzoni di partita, ma era un susseguirsi di tocchi di prima e verticalizzazioni): è incredibile, non tradiscono mai. I segreti sono due: da una parte organizzazione e rigore, caratteri della nazione tedesca da sempre; dall'altra la capacità di compattarsi al solo sentire "Deutschland ueber alles", vero esempio di come l'unità nazionale non derivi dalla presenza o meno di immigrati (Klose Podolski Odzil etc.) o dal federalismo (I Laendern hanno molta più autonomia delle Regioni).
    Aspettiamo il Brasile ed i coatti d'Europa per farci un'idea più chiara...
    Infine, fantastico Maradona ed il vestito da prima comunione!

    Albis

    RispondiElimina
  5. p.s.grazie zio per le pagelle!

    ALbis

    RispondiElimina
  6. Sì, da prima comunione della cuginetta di Noemi Letizia..grande don Diego!
    Sulle trombette, e sulla sovranità politica, direi che si è già chiaramente espresso Gegen. Faccio notare solo un'ultima cosa ancora più fastidiosa: quello stacchetto animato di Sky col bambino che urla quella parola incomprensibile..roba da far rimpiangere il vecchio e (soprattutto) silenzioso pupazzo Ciao di Italia '90..

    RispondiElimina
  7. Dionigi le tue considerazioni sono interessanti e condivisibili. Vorrei aggiungere che oltre che modesta questa Italia mi sembra lontana dal "popolo" (come vorrei essere argentino), nel senso che stento a trovare qualcuno o qualcosa che possa creare entusiasmo e pathos nelle persone (nonostante le solite polemiche sull'inno e sull'unità d'Italia. Nel '90 avevo dieci anni e mi ricordo di Schillaci come se fosse ieri ed è uno dei ricordi più belli che ho. Un ragazzino che ha dieci anni ora cosa ricorderà dei mondiali 2010? A tal proposito vorrei dirti che il bellissimo post "A funny time of the year" mi ha lasciato senza parole. Cambiano i nomi delle località di villeggiatura, ma i ricordi e le sensazioni sono uguali.
    Infine l'ultima (per ora) considerazione: secondo me la RAI senza la diretta delle partite ha contribuito a creare questo clima di scarso entusiasmo.
    Ringrazio per lo spazio che concedete e vi faccio i complimenti per il blog

    Giovanni

    RispondiElimina
  8. Mi è sembrata una partita abbastanza in linea con il torpore complessivo del mondiale.
    Oltre ai nomi di chi è rimasto a casa, gridano vendetta Pazzini e Maggio in panchina. Ma più di tutto l'ingresso di Camoranesi. E lo schema con le ali, come se avessimo Robben e Wright-Philipps (o come si scrive) invece di Pepe e Iaquinta, che oltre tutto ala non è.
    Almeno ha giocato Criscito e non Maldini.
    Montolivo come Spinaceto: pensavo peggio;)

    RispondiElimina
  9. Dopo il complesso di Edipo gli psicologi dovranno darsi da fare per analizzare e studiare quello che potrebbe essere definito il complesso romano!!!
    Circa i limiti denunciati dalla nazionale italiana nella partita di ieri mi sembra ci sia poco da aggiungere.
    Mi domando, ma c’era qualcuno che non aveva preventivato una partita del genere?
    Caro Dionigi mi permetto di evidenziare che anche il giornale sportivo della capitale ha considerato Pepe uno dei migliori (uno dei meno peggio??) della partita di ieri, ma aggiungerei che ambedue le testate (nonché praticamente tutti i giornali italiani) concordavano sul fatto che l’emaciato Montolivo avesse giocato una partita tutt’altro che incolore.
    Il riferimento a Pazzini e Palombo ed al loro ostracismo in virtù di un disegno diabolico, l’individuazione di Sestriere quale sede di preparazione del mondiale come il segnale di un “moggismo” che ritorna mi sembrano affermazioni che insultano il buon senso.
    Sulla partita di ieri mi limito a dire che è il risultato di una rosa e di un modulo inappropriato.
    Il 4-4-2, con gli interpreti che ci ritroviamo, sarebbe più efficace, ma, se non altro, in alcuni interpreti (giovani e vecchi) ieri si è vista la voglia di correre e sudare la maglia che mancava da tempo.
    … poi non dimentichiamoci che alla fine il Paraguay (seconda davanti all’Argentina nel girone di qualificazione) ha segnato sull’unico tiro nello specchio della porta, nato da un fallo, per di più, inesistente… se aggiungiamo la coppa consegnata da Vieira, l’attuale presidente della Uefa, potremmo fantasticare su un altro tipo di complotto...

    preferisco pensare che siano coincidenze, altrimenti che senso avrebbe guardare e soffrire per il calcio?

    RispondiElimina
  10. Consoliamoci con il decoltee della tifosa guarani che gira da stamattina su quasi tutti i siti dei quotidiani italiani!

    ps: perchè non vi piacciono le vuvuzelas? Oggetto geniale! Io me la conprerei subito se solo la trovassi!!! Strombetterei dalla mattina alla sera.

    ps2: solo un paio di bombe carta come si deve (di quelle che salti sul divano a casa la domenica sera) potrebbe porre fine al vostro fastidio..

    RispondiElimina
  11. Non si può dare di più, condivido in pieno il post ma spero che i fatti NON ci diano ragione.
    Guardando la partita pensavo chi potesse entrare e dare una scossa, inventare qualcosa, modificare quel ritmo così prevedibile della nostra manovra...nessuno, non c'era nessun giocatore in panchina che poteva portare novità rilevanti.
    Abbiamo una squadra di bravi interpreti, esecutori fedeli allo spartito, attenti a rispettare le istruzioni più che a scardinar difese.
    Qui rischiamo di avere nostalgia di un Del Pietro in panchina...ho detto tutto!
    Ancor più grave ritengo il fatto di aver avuto questo pensiero dopo neanche 45' della prima partita del mondiale...
    E vi lascio con un commento dal giornale spagnolo Marca che sintetizza il mio pensiero:
    «L'Italia resta fedele», spiegando che la nazionale azzurra «non delude, perché al suo debutto nessuno si aspettava più dello spettacolo messo in mostra: grande agonismo e - qui la stoccata iberica - un'allarmante mancanza di talento».

    RispondiElimina
  12. Inizio a pensare che l'amico Eddie abbia subito un esorcismo e sia ormai posseduto dallo spirito del compianto Profeta del Gol, visto il livore e lo scambio dito/luna con cui commenta ogni mio post..che voglio pensare sia solo figlio di un malcelato e dunque represso juventinismo.

    Ad ogni modo, ci tengo a precisarlo, perchè questa storia inizia un po' a stufarmi, visto che il paternalismo non l'ho mai gradito, io non ho nessun complesso romano, non ascolto con la bava alla bocca le radio romane, non leggo con devozione i giornali romani, non guardo le partite della Roma e della Nazionale con le fette di prosciutto davanti agli occhi, non mangio la trippa e le puntarelle, non esco la sera a Trastevere, non canto gli stornelli di Trilussa, non amo Alberto Sordi e non ho il bruco della Roma in macchina.
    E se dico che De Rossi è stato superbo e che Totti al posto di Marchisio non avrebbe fatto alcun danno non mi pare certo di essere un fazioso alla Bar Lupi..

    Il complesso forse ce l'avrà qualcun altro perchè, e basta leggere il post per capirlo, anche io ho concordo sul fatto che:
    - Pepe non ha giocato male (ho detto che la colpa è di chi lo fa giocare, perchè di più non può dare);
    - il giornale sportivo della capitale è spazzatura di regime come la Gazzetta, Tuttosport e compagnia bella;
    - Montolivo non ha giocato una partita incolore ma mi è sembrato, come quasi sempre, timido, senza palle, poco decisivo;
    - il riferimento dietrologico a Pazzini, Moggi, il Sestriere, etc. può "insultare il buon senso" solo di chi è privo di qualsiasi ironia o di chi si prende maledettamente sul serio o di Moggi, e sono certo, caro Eddie, che tu al contrario possiedi i mezzi culturali per apprezzare il gusto effervescente ed ingenuo dell'iperbole e del complottismo senza mal di pancia dandiniani;
    - infine, non solo la prestazione di ieri era altamente preventivabile ma l'avevo già analiticamente prevista nelle mie precedenti "note a margine di una settimana soporifera".

    Tutto questo, sia detto, senza voler fare alcuna polemica personale, che di polemiche ne faccio già abbastanza normalmente.

    RispondiElimina
  13. Premetto che nessun livore volevo trasmettere nei miei commenti, non perché cercassi forzatamente di celarlo, ma semplicemente perché non trovo sensato nutrire astio o peggio sentimento per opinioni non conformi.. anzi!
    Mi scuso, come ho fatto altre volte, se ho offeso qualcuno o peggio ho infastidito con i mie commenti inopportuni il simpatico Dionigi.
    Mi permetto di dire che forse i miei continui "appunti" erano dovuti alle ripetute iperboli sui medesimi contenuti.
    Non riesco a condividere l’idea di un regime o peggio di un complotto precipuamente ordito a danno delle squadre che non fossero la Juve ed ora (forse)l’Inter.
    Ripeto, e non smetterò mai di farlo, che questa è il mio punto di vista non di juventino, laziale , milanista o romanista, ma di amante del gioco pallone.
    Mi dispiace leggere che i mie commenti ti abbiano stufato, non era mia intenzione, volevo, come detto, semplicemente esprimere la mia che non mi pare sia sempre in contrasto con quanto scritto nei post da me commentati.
    Mi scuso se penso di non vivere in un regime, e mi scuso anche di pensare che se ieri ci fossero stato Totti in campo il risultato sarebbe stato il medesimo.
    Ciò non toglie che consideri Totti il più grande talento italiano dell’ultimo decennio (dopo Baggio per intenderci).
    Non c’era e non c’è alcun intento paternalistico nelle mie righe, ma un punto di vista che mai ha preteso di essere l’unico o il migliore.
    Mi dispiace se non sono riuscito a trasmettere tutto ciò o se addirittura ho inviato l’opposto messaggio.
    A chiosa di queste righe, rinnovo le mie scuse al padrone di casa che ha ospitato i mie “vaneggiamenti”… bianconeri!

    RispondiElimina
  14. Sul modulo.. improponibile il 4-2-3-1 per mancanza di mezze punte.. ed anche il 4-5-1 per mancanza di mezz’ali (ma Marchisio cos’è? chi è?) si potrebbe anche puntare sul classico 4-4-2.. che come disse Cosmi ai tempi di Perugia, è come tornare dalla vecchia puttana conosci bene.. ma mancano pure gli esterni.. Se Maggio per favore me lo mettete in difesa e non a centrocampo come fa Mazzarri.. e a destra Pepe come esterno di fatica in un centrocampo in linea può andare.. chi gioca a sinistra? Iaquinta? Anche no..

    Improponibile il 3-4-3 dove si sommerebbero i difetti dei moduli precedenti.. E allora? Allora è oramai troppo tardi.. Le convocazioni sono queste.. Fuori Marchisio, Montolivo e Gilardino.. dentro Di Natale, Palombo e Pazzini.. e speriamo che se passiamo il girone poi la meravigliosa Orange Clockwork non ci faccia troppo male..

    Sulla Slovacchia.. compatta dietro, veloce in mezzo e fantasiosa in avanti.. tutto sommato meglio del Paraguay.. il gol dei Kiwi è una beffa allucinante.. Sulla Nuova Zelanda.. passano il pallone solo in linea o all’indietro.. spiegategli che se nel calcio se la palla è rotonda e nel rugby ovale un motivo ci sarà.. Un appello.. datemi una scommessa buona che in questo mondiale ho già perso 50 sterline.. il mio budget estivo per la solita settimana di campeggio nel parco di Hampstead..

    Ps. Spiegatemi gli elogi a Montolivo.. che secondo me per arrivare al milione gliene mancano 999 di mille lire..

    RispondiElimina
  15. Dionigi a questo punto dovresti aggiornarci anche tu sul tuo passivo scommesse ai campionati del mondo...

    Albis

    p.s. chissà a quanto è dato un bel golletto della Bestia stasera...

    RispondiElimina
  16. Purtroppo il mio passivo scommesse mondiali è fermo a una malinconica quota zero, non essendo previsto in questo barbaro paese alcun sussidio di disoccupazione, nè essendo concessi (sempre in questo barbaro paese) dei prestiti d'onore ai giovani che vogliano cimentarsi in siffatte nobili attività aleatorie. Questo periodo di astinenza è un vero coltello rigirato nella piaga dell'indigenza, mi sa che in questi giorni raccoglierò un po' di monetine di rame in giro in modo da potermi togliere lo sfizio di qualche primo marcatore.
    La Bestia ultimo marcatore, peraltro, non è affatto una profezia pellegrina. D'altronde lui segna solo al 93°, e in mezza rovesciata.

    ps Zio, per i moduli parla con Bostero, è lui l'esperto in materia. Io comunque, in assenza di gente di qualità, sono un fan di due possibli soluzioni antitetiche: o mettere quanti più centrocampisti che s'inseriscono alle spalle di una punta possibili, oppure giocare con un tridente pesante.

    ps Eddie, basta scuse, vere o ironiche, la polemica è sempre gradita, e conosciamo fin troppo bene la tua amicizia e la tua signorilità.

    RispondiElimina
  17. Zio, a scommesse pure io sono messo male. Nonostante io abbia beccato gli x di RSA e URU, sono scivolato come un pivello sull'esordio dell'Inghilterra.

    Il primo marcatore stasera è Fabiano. Pagherà poco ma sono soldi in cassaforte. Il gol arriva dopo il quarto d'ora del primo tempo.

    Io mi giocherò (certe favole raccontate da certi corrispondenti da Albione lo vogliono, lo impongono) il gol segnato dai coreani.

    Per il resto, sostengo quanto segue:
    - RSA URU 2 con over
    - FRA MEX x
    - GRE NIG x con under
    - ENG ALG 1 con over
    - SLO USA 2 secco (primo marcatore, Findley)

    Facile pescare dalle prossime del Gruppo E
    - NED JAP 1
    - CAM DEN 2 con gol

    A sto punto ha senso giocarsi come primo verdetto la Corea che esce ai Quarti (agli Ottavi avrà o RSA o URU o MEX o FRA, ma mi sa FRA no).

    Infine, per me SVK PAR è un pareggio da qua all'eternità.

    Ho parlato, gioca al contrario quello che ho scritto e stai pronto a fare i miliardi..

    RispondiElimina
  18. Io a questo punto sostengo che si debba passare al 3-5-2, con Maggio e il rinato Zambrotta sulle fasce. E per me Gilardino è stato ingiudicabile, visto che non gli è mai arrivata una palla buona.
    Pepe invece è una merda

    RispondiElimina
  19. Io credo che questa Italia sia la legittima creatura di chi siede in pancine...una squadra di soldatini che fanno il loro (se ricordate il 2006, non mi sembra che nemmeno lì ci fosse qualcuno sopra le righe...il mito "Cannavaro" è stato creato dalle telecronache di Caressa...) e non possono dare di più...e Pepe è il degno manifesto di questa Italia...inutile parlare di chi non c'è...la squadra è questa...passerà il girone perchè non può farne a meno e poi dipenderà dagli incroci...4 anni fa, beccammo Australia, Ucraina, Germania e Francia...3 pareggi su 4...ora mi sembra le batterie siano un pò scariche...ma il concetto legato al numero 23 romano accompagna ancora il nostro CT (altrimenti come lo spiegate il pareggio della NZ al 93esimo?)...io confido in Prandelli per riprendere a guardare la squadra senza pensare a Moggi, Lippi padre e figlio e compagnia cantante...per il resto, chi vivrà, vedrà...

    RispondiElimina
  20. Il profeta del gol non è compianto. E' stato allontanato.

    Per la precisione. Mi scuso per l'intromissione e torno nel mio esilio.

    RispondiElimina
  21. In quanto Viareggino chiuderò un occhio sulla tremenda eresia sfuggita al Sig. Dionigi nell'ultima riga del suo pregevole scritto, che per il resto condivido punto per punto.
    A titolo folcloristico, posso dirvi che la caratteristica tipica dei viareggini é la testardaggine, ed in questo il Lippi rappresenta un ottimo esemplare. Ha preso una decisione sui 23 nazionali e, cazzo, non si è spostato neanche di fronte alla lapalissiana carenza di qualità, di soluzioni di gioco e di forma fisica di gran parte della squadra; pur di non tornare sui propri passi ha persino convocato nomi che, ad oggi, non trovano giustificazione su alcun piano calcisticamente rilevante.
    Passando al capitolo Pepe, stamattina ho avuto la pessima idea di aprire 4 quotidiani italiani differenti, i quali alle rispettive pagine sportive dedicavano ampi spazi alla capacità, all'impegno, al cuore, alle gambe, al sacrificio del neoacquisto della Juve (contenti loro). Può darsi che di calcio non ne capisca niente, ma a me pare che ieri sera Pepe abbia fatto una partita solo decorosa, nella discreta mediocrità aleggiante. O, forse, ha fornito quasi il massimo di ciò che il suo repertorio tecnico gli consente di fare. Qui sta il punto: nessuno mette in discussione il suo impegno per la causa (faceva quasi tenerezza, il piglio con cui sistemava il pallone sulla lunetta del calcio d'angolo), ma semplicemente è un giocatore con dei limiti. E' un po' come l'adolescente in difficoltà delle scuole medie superiori, alla cui mamma la prof. direbbe: "non ha buoni voti, ma si applica tanto".
    Pepe avrebbe forse la possibilità di brillare nel Cittadella, ma non merita di giocare in nazionale, specie se si scorre la lista degli illustri esclusi.
    Saluti e complimenti per il blog.
    Ellepi

    RispondiElimina
  22. confesso di aver pensato la stessa cosa questa mattina....migliore in campo Pepe??...forse perchè ha firmato per la juve....poi però su sky ho rivisto un pezzo di partita..ed è vero.....Pepe è stato il migliore....e questo fa capire tante cose.

    L'Italia non mi è affatto dispiaciuta.....anzi...il paraguay è la più europea delle sudamericane...cliente rognoso...il pareggio ci sta....

    Montolivo meglio nel secondo tempo...marchisio pessimo ma in un ruolo non suo(il giocatore per me non si discute) Gila totalmente inutile..Iaquinta è migliorato con l'ingresso di Di Natale.....De Rossi gigante...ma anche minuscolo in occasione del goal..stupito da Zambrotta e Criscito...ma vorrei vedere Maggio(il possibile grosso di questi mondiali)

    comunque c'è da sorridere...abbiamo un girone facile...un ottavo probabilmente facile....uscire ai quarti mi sembra buono...l'europeo con Prandelli tra due anni sarà un altra storia...convocazioni giuste e gioco decente...nessuna antipatia personale....sperando che con il tempo...il sor Cesare... si sia dimenticato di quello scarpino(barese) che si stampò sulla sua faccia durante un amichevole estiva al Curi di qualche anno fa....

    scommesse.....sto perdendo tutto....ma metto il Camerun vincente sulla danimarca.......X tra sud africa e URuguay....concordo con Bostero sul pareggio tra Slovacchia e Paraguay....Goal tra Inghilterra e Algeria....e anche tra Korea e Argentina....

    RispondiElimina
  23. Ciao ragazzi, ho scoperto da poco il vostro sito e mi sembra davvero fatto bene.

    Sull'Italia concordo pienamente: più di questo non si può pretendere, spero che almeno la condizione atletica cresca col passare del tempo.

    Da tifoso viola vorrei spendere due parole su Montolivo, che molti hanno giudicato timido, lezioso, poco incisivo. Anche a me non ha fatto impazzire la sua prestazione (diciamo appena sufficiente), ma so che può fare molto meglio: probabilmente l'emozione dell'esordio al Mondiale (e i pestoni degli avversari) lo ha un po' frenato. E' un po' un diesel: anche i primi anni a Firenze dicevano che gli mancava il carattere (lo chiamavano Dormolivo), che era bellino da vedere ma senza palle, discontinuo eccetera... Poi ha preso fiducia e ha imparato a correre a tutto campo e sbattersi anche per gli altri. Quest'anno è stato uno dei pochi a salvarsi nella stagione disastrosa della squadra: ha fatto partitone contro squadre come Liverpool o Bayern, mica cazzi. Certo, ieri era un po' spaurito (e che ce ne facciamo di un giocatore spaurito? direte voi...) ma i numeri per farsi valere ce li ha. D'altra parte non è che ci sia molta gente con i piedi buoni in questa nazionale, e solo con il cuore non si va lontano...

    Gilardino invece è spompato almeno da gennaio e ha fatto poco e nulla, però va detto che non gli è arrivato un pallone decente che fosse uno. Io proverei Pazzini, con Di Natale seconda punta. Un'altro che metterei dentro è Maggio. Riguardo al povero Pepe: beh, se non altro si è dato un gran da fare e ha battuto il corner da cui è nato il goal... più di questo non credo possa fare. E comunque anche per me è stato De Rossi il migliore in campo.

    RispondiElimina
  24. Pochi fronzoli a mio parere: 4-4-2

    l'unico modulo che sappiamo interpretare alla lettera.

    A destra maggio, corsa e qualche buono spunto, a sinistra insistiamo con pepe che ha gamba.

    Nella pochezza tecnica è necessaria una seconda punta: di natale o quagliarella, fate voi, anche se a me convince più il secondo.

    Dunque fuori marchisio (fuori ruolo) e iaquinta (in condizioni pessime).

    RispondiElimina
  25. Scusatemi, qualcuno può spiegare a leghisti e alfieri della neoromanità (salvo avere parenti sparsi dal trivento alla lucania) cha "schiava di Roma" nell'inno nazionale non è l'Italia ma la vittoria...

    RispondiElimina
  26. Caro anonimo fiorentino(ah! un favore dacci un nome,un nick,una lettera.. un numero con cui identificarti)....anche io credo che questa sia stata la migliore stagione di Montolivo.... solitamente bello da vedere ma troppo discontinuo...non in questo campionato sciagurato per la viola dove è stato di gran lunga il migliore....

    Vero... a Gila non è arrivata una palla.. ma è stato penoso in tutto...non ha vinto un contrasto...movimento zero.....no non mi è piaciuto......

    Tutti concordi che debba giocare Maggio......in avanti io proverei Pazzini.....o l'Italia con Di Natale,Pepe e Iaquinta(altro passo per lui nel modulo con Di Natale)....

    Quagliarella con tutto il rispetto(a me stranamente piace)non dovrebbe essere in Sudafrica....meglio Giuseppe Rossi e Borriello......forse ora come ora Borriello sarebbe titolare....

    RispondiElimina
  27. Condivido su Borriello (un delitto lasciare a casa un giocatore così!), ma con i 23 che ci ritroviamo e le ferree convinzioni di Mister Lippi proporrei un 4-4-2 così delineato:
    Marchetti
    Zambrotta, Bonucci, Chiellini, Criscito,
    Maggio, Montolivo, De Rossi, Pepe,
    Di Natale, Pazzini...
    ma tanto a Cannavaro non ci si rinuncia, Di Natale sta antipatico a tutti (??) e Pazzini... nooooo è troppo giovane teniamolo buono per il prossimo mondiale così mettiamo in panchina (o a casa!) la prossima promessa!!!
    Speriamo bene cmq, che almeno corrino e sudino come nella partita scorsa ed anche di più...
    Saluti

    RispondiElimina
  28. Non farci caso, Gegen..

    Certe polemiche, certi commenti alle notizie sono cose gravissime.

    RispondiElimina
  29. Primo giro di boa. Bilancio: mondiale poco spettacolare, ma che ci consegna finalmente una diffusa organizzazione a livello difensivo. Non si sono viste squadre impresentabili come avveniva prima, anche le nazioni meno rinomate hanno saputo tenere il campo decorosamente.
    Le migliori: Olanda, dominato un avversario non facile. Germania, con la riserva mentale di sapere dove finiscono i suoi meriti e iniziano i demeriti australiani e la Corea del sud, semplicemente quelli che fisicamente hanno dimostrato di avere qualcosa in più.
    Le due grandi sudamericane hanno fatto il compitino senza svelare le carte.

    Godo infinitamente per la sconfitta spagnola "los mejores del mundo" la squadra per la quale il "mundo alucina" ha preso una bella scoppola. Ora aspettiamo il match verità col cile, squadra che oggi ha dimostrato una buona organizzazione e di avere anche qualcosa da dire quando la palla la hanno loro.

    Le altre europee nel limbo....

    RispondiElimina
  30. ah, scusate... sono "l'anonimo fiorentino". credevo che l'ID si vedesse anche se uno è anonimo: non sono abbastanza 2.0 ;) proviamo così.

    Concordo con Nesat su Borriello. E la formazione di eddie sembrerebbe quella più sensata: vedremo.

    ps. ma Maggio è meglio terzino o ala?

    RispondiElimina
  31. E' vero Gegen, gli spagnoli sono arrivati al Mondiale che l'avevano già vinto!49 vittorie nelle ultime 54 partite...si' si', tutti 6 a 0 all'Andorra ed il Lussemburgo!!!
    Secondo me i meriti della vittoria svizzera vanno soprattutto allo stratega tedesco, che ha messo in campo una squadra solida, tosta e compatta...speriamo che il nino maravilla e l'eterno incompiuto matias fernandez li matino. così gli spagnoli potranno tornare ad occupare il ruolo di "perdenti di successo" che da sempre li accompagna quando si parla di nazionale!!!

    Albis

    RispondiElimina
  32. Cult: Argentina ed Olanda.. La Germania bisogna aspettare.. di vedere cos’è l’Australia.. La Spagna non l’ho vista, ma dal riassunto della partita sembra che al di là del risultato abbia giocato un partitone.. e forse perdere le fa solo bene.. qualcuno conferma?

    Magnifiche: DPRK, Cile, Ghana ed Uruguay.. le migliori viste fino adesso.. peccato che non potranno andare lontano.. Dopo che stasera asfalterà la Francia ci metterò anche il Messico..

    Bluff: Usa e Corea del Sud.. a parte che ad entrambi i paesi non riconosco né i confini politici, né la ragione storica, né la ragione d’essere.. il calcio non è il mezzofondo.. corri, corri, corri.. e poi?

    20 Euro su: la Costa d’Avorio.. una potenza fisica straripante, contro il Portogallo hanno dimostrato di saper anche difendere.. nonostante Eriksson.. ed ora torna Drogba..

    Stucchevoli: Inghilterra, Serbia, Algeria, Camerun e Portogallo.. al di là dei risultati hanno giocato malissimo.. mi aspettavo di più..

    Rivoltanti: Italia, Francia e Brasile.. saranno le prime grandi a saltare..

    RispondiElimina
  33. Zio, la mia legata di stamattina:

    ENG ALG 1
    MEX FRA 1X
    GRE NIG X2
    ITA NZD 1
    ARG SKO 1
    NLD JAP 1

    Intendo giocarmi:

    POR NKO 1
    CAM DEN 2
    SVK PAR 2
    SLV USA 2
    BRA CDI X

    RispondiElimina
  34. Grazie Bostero..

    Concordo su 10/11.. temo infatti che l'insopportabile Grecia possa avere la meglio sui Nigeriani..

    Ti seguo sul Messico.. che mi sembra la più rischiosa.. e infatti mi ci rigioco le vincite su Cile ed Uruguay.. non sono sicuro del 2 fisso sulla Danimarca.. troppo rischioso..

    RispondiElimina
  35. dopo la sconfitta della Francia e della Nigeria possiamo dire davvero che non è il mondiale delle africane...

    RispondiElimina