venerdì 28 maggio 2010

Punto B

Il Lecce sciupa il terzo match ball per la serie A. Se nella prima occasione non dipendeva direttamente dai salentini,ma dai risultati delle dirette concorrenti,la clamorosa sconfitta interna con il Cesena di una settimana fa(con il quale bastava un pareggio) e lo stop di questa a Vicenza(0 a 0), in un match in cui ha dominato la paura di perdere delle 2 squadre,non danno ancora la matematica certezza ai giallorossi di tornare dopo una sola stagione nella massima serie. Nell'ultima di campionato gli uomini di De Canio,affronteranno il Sassuolo,ai salentini basta un solo punto per avere la certezza della promozione(l'ottava dal 1985) e del primo posto(mai arrivati primi in serie B).
Il Sassuolo ovviamente lotterà per mantenere la quarta posizione ed avere così un importante vantaggio nei confronti della quinta e della sesta classificata durante gli spareggi promozione. Il Sassuolo non ha mai lasciato le posizioni che contano in questo campionato,sognando l'approdo diretto in A,ma accontentandosi nel finale dei play off,sfuggiti per una manciata di punti la scorsa stagione. I neroverdì arriveranno al Via del Mare forti della splendida vittoria conquistata al Braglia contro un ottimo Empoli. Piccola chiosa proprio sui Toscani. La rosa è onestissima e Campilongo è un ottimo allenatore,se non svendono i pezzi migliori e soprattutto confermano il mister,il prossimo anno l'Empoli è una delle candidate alla serie A,mettendo in conto la scontata cessione di Eder(capocannoniere della B)ormai maturo per una medio/piccola in serie A(personalmente comunque impazzisco per bomber Coralli). La prossima giornata metterà di fronte anche Padova e Brescia. I lombardi secondi in classifica,sono costretti a vincere per respingere l'assalto da parte del Cesena e conquistare la promozione diretta, assicurandosi dopo 5 anni il ritorno nella serie maggiore. Ottimo il lavoro svolto da Beppe Iachini,vero valore aggiunto delle rondinelle,splendido l'apporto del figliol prodigo Caracciolo che con 23 reti è tornato lo spietato disarmonico attaccante di qualche anno fa. Allo stadio Euganeo non sarà assolutamente una passeggiata,visto che ora come ora il Padova è una delle due squadre destinate al Play out. Padova in timida ripresa che però rischia seriamente la C diretta dopo un solo anno,visto il misero punto che lo divide dal Mantova attualmente virtualmente retrocesso in lega pro. Parlando dei virgiliani non si può nascondere il rammarico di vederli così in basso e così a rischio retrocessione. Il piccolo brasile dopo avere ripetutamente sfiorato la A e averla persa nel "Dubbio" spareggio contro il Torino è la principale candidata a raggiungere Salernitana e Gallipoli nel terzetto delle bocciate,sembra infatti improbabile un exploit in quel di Ancona. I dorici registrano invece un crollo verticale clamoroso,dalla speranza di una promozione diretta ad un finale da palpitazione,con rischio play-out(gia disputati l'anno scorso contro il Rimini). Pesa come un Macigno il rigore al quinto minuto di recupero(realizzato dal pupillo di Dionigi Della Rocca) che ha permesso alla Triestina di vincere lo scontro diretto proprio contro il team di Salvioni. La Triestina è attualmente destinata allo spareggio salvezza. Stagione travagliata per gli alabardati,che per tradizione,tifoseria e stadio(Bellissimo il Nereo Rocco) meriterebbero quanto meno una tranquilla metà classifica. L'ultimo impegno stagionale per i friulani sarà con il Frosinone non ancora matematicamente salvo. Strana la stagione dei ciociari,bellissimo il gioco messo in mostra nella prima parte della stagione,deprimente quanto fatto vedere nella seconda fino all'esonero di Moriero. Già in C la Salernitana,stagione massacrante per i campani,sei punti di penalizzazione sul groppone e ultima posizione mai lasciata,insieme ai granata,dopo una sola stagione,torna in lega pro il Gallipoli. Abbiamo già parlato delle condizioni da terzo mondo,non abbiamo parlato però dell'esonero del principe Giannini,dopo il suo allontanamento a favore di Ezio Rossi,i salentini sono crollati miseramente,ceduti i giocatori più importanti e cacciato l'allenatore che teneva insieme quel che rimaneva di un gruppo,viene il pensiero che questa sia una retrocessione pilotata dai vertici della società. Se per quanto riguarda le retrocessioni(dirette) manca solo un nome,anche per le promozioni(sempre dirette),ammesso sempre che il Lecce non si suicidi,manca una squadra. Oltre al già citato Brescia,attualmente piazzato in seconda posizione,in cora c'è ancora il Cesena di Bisoli. Poco da dire sui romagnoli,in assoluto la sorpresa della B. Giovani interessantissimi,come: Volta,Malonga e quello che per me è il nuovo Hamsik,ovvero Schelotto(non per caratteristiche ma per rapporto qualità prezzo). Bisoli è il miglior allenatore della serie cadetta,esprime un bel gioco ed è ben voluto dai giocatori. L'ultimo ostacolo non è rappresentato solo dal Piacenza(ormai tranquillo),ma anche dal risultato di Padova,senza dubbio il Cesena per quanto fatto vedere con la rosa a disposizione,merita il ritorno in A dopo ben 20 anni. Partita più interessante della domenica sarà quella tra Torino e Cittadella. Con la vittoria il Torino si porterebbe in quinta posizione,migliorando l'attuale situazione ed evitando al primo turno la terza classificata(Brescia o Cesena). Il toro più esperto in determinate situazioni,potrebbe sfangarla,dopo un annata deprimente. La qualità della rosa è superiore alle altre,ma i granata non riescono a trovare pace,la tifoseria è esasperata e il regno di Cairo in caso di mancata promozione potrebbe giungere al termine. Al Cittadella invece basta un pareggio. Incredibile la stagione dei veneti. Destinati ad essere invischiati nella lotta per non retrocedere,a suon di vittorie e di goal si sono sorprendentemente ritrovati in lizza per la A. Infine chiudo con le due deluse. Il Grosseto,tranquillamente in corsa fino allo scellerato esonero di Gustinetti da parte del presidente Camilli. Per come è andato il campionato,con la conferma di Gustinetti,ora come ora probabilmente i toscani lotterebbero con cesena e Brescia per la seconda piazza. a parziale scusante,l'infortunio di Pinilla(miglior giocatore della B)decisivo in quasi tutte le partite disputate dai maremmani. Chiudo infine con la gradita sorpresa tra i cadetti,dato per spacciato ad inizio stagione,costruito dai prestiti e affidato ad un tecnico che non aveva mai disputato la B,il Crotone ha scalato la classifica sfiorando il sogno play off. Artefice di tutto questo Franco Lerda,allenatore da tenere d'occhio e che gia aveva sfiorato il miracolo con la Pro Patria un anno fa in lega pro. Previsioni personali. Lecce e Sassuolo probabilmente chiudono in pareggio,il che darà al Lecce la Promozione e al Sassuolo la certezza del quarto posto. Il Brescia non riuscirà a vincere con il Padova mentre il Cesena supererà agevolmente il Piacenza(anche se questa è più una speranza),quindi promozione diretta per i romagnoli. Torino-Cittadella è da tripla,probabilmente una volta tanto uscirà fuori il vecchio cuore granata. Ai Play off,vedo favorito il Sassuolo e lo stesso Torino. A parer mio la terza classificata non salirà. In coda dovrebbe rimanere tutto così,con il Mantova in lega pro e lo spareggio salvezza tra Padova e Triestina.

17 commenti:

  1. La Serie B, mi spiace dirlo da antico appassionato (e tifoso di una squadra proprio di seconda divisione), andrebbe commissariata. Quello che succede non solo a fine anno - le ultime tre partite del Frosinone, sotto questo punto di vista, dicono tutto - ma anche durante l'anno, con penalizzazioni date a casaccio, arbitraggi creativi, partite come Gallipoli-Grosseto "stranamente" lette molto bene dagli scommettitori e tolleranza per gestioni sportive indegne, tutto ciò non va più bene. Discende tutto da una tragica mancanza di denaro, è vero, però proprio perché non ci sono più soldi ci dovrebbe essere un controllo rigoroso. Invece ci tocca di nuovo un'ultima partita di campionato che puzza già.
    Da anconetano mi spiace molto per il Mantova che - ad occhio e croce - vogliono far retrocedere, e che ha giocatori che non prendono lo stipendio da settembre ma che se la stanno giocando fino all'estremo, senza partite vinte all'ultimo minuto in 11 contro 9 e senza provvidenziali rigori inventati.

    RispondiElimina
  2. Mah.....la situazione in A non è poi tanto meglio...però ovviamente la B ha meno occhi addosso.....certo c'è da dire che offre splendide chicche nonostante le magagne giustamente sottolineate da te....

    Brutta la situazione del Mantova...orrida quella del Gallipoli....per quel che riguarda la Salernitana poi...meglio non parlare...per fortuna che realtà come Crotone,Cittadella e Sassuolo restituiscono un minimo di dignità e colore....

    poi se hai la pazienza di farlo...mi spieghi il crollo anconetano.........

    RispondiElimina
  3. Inutile che io sottolinei il mio gaudio per il ritorno in serie c (come si chiama ora, lega pro?) della salernitana.

    Per il resto, da grande amante della serie cadetta quale sono non posso che associarmi con quanto detto da Tamas.

    La serie B è una vergogna. La squdre che devono vincere sono sempre decise a tavolino sulla base dei bacini di utenza.

    Peccato.

    RispondiElimina
  4. Dionigi, come fai ad avere Della Rocca come pupillo???

    Scherzava Nesat, vero?

    Ciò detto, io dico Toro (e sottoscrivo, quindi, il commento di Tato). D'altronde, il Cesena in A farebbe male a me povero bolognese. Mannaggia che il Modena si è salvato.

    RispondiElimina
  5. Il crollo dell'Ancona (che comunque senza i due punti di penalizzazione sarebbe salva da parecchio) ha diverse motivazioni:
    1- troppe pippe in squadra. De Falco, su tutti, è un giocatore troppo scarso in un ruolo troppo importante per non causare problemi (nel caso specifico, è anche una pippa presuntuosa). Non dimentichiamo che è una squadra costata zero, e che questo qualcosa vorrà pur dire;
    2- rosa ristretta/troppo poco turnover. Mastronunzio, che pure è il miglior ataccante della B per completezza di caratteristiche, è calato perché è, se non sbaglio, il primatista di minuti giocati tra i giocatori di movimento. In questo ha delle colpe Salvioni, che non fa cambi neanche a morire;
    3- sfascio della società e fuga dei giocatori. A giugno chissà se ci saremo ancora, come società; Salvioni ha tenuto il gruppo bene finché c'è stato un obiettivo, poi gli è sfuggito tutto dalle mani in un secondo (dopo il derby perso sciaguratamente quanto immeritatamente). Molti sono in scadenza, gli altri, se falliamo, saranno comunque svincolati;
    4- sfiga. Se avessimo vinto col Crotone parleremmo ancora di lotta play-off, credo. Ma abbiamo perso nonostante cento tiri in porta e un rigore sbagliato, e non ci siamo più risollevati;
    5- peso politico nullo. Solo a noi può succedere di giocare da prima o seconda in classifica con la Triestina e l'Albinoleffe, in casa, e che gli arbitri favoriscano spudoratamente gli avversari. A Grosseto e Cittadella, per citare quelli che erano avversari diretti, la cosa ci è costata un po'.

    RispondiElimina
  6. Complimenti al Cesena.

    In due anni dalla serie C alla serie A è qualcosa di fantastico.

    Bisoli ha fatto un lavoro eccezionali.

    Se non mi sbaglio è lo stesso che portò ai play off il foligno.

    Sul lecce c'è poco da dire. Se in serie B ti affidi a gente come De canio hai già fatto metà strada.

    Salgono due sqaudre con merito, alla faccia dell'insipido Torino, vergogna del vecchio cuore granata che rischia l'ennesimo infarto..

    RispondiElimina
  7. Grandissimo Cesena....rispettati i miei pronostici....ora purtroppo per i play off vedo favorito il Toro.
    si Bisoli è quello che ha fatto il miracolo con i Falchi del Foligno.
    Comunque il Brescia merita la A....e se non dovesse essere la squadra di Iachini..allora mi auguro una delle 2 sorprese......
    il Padova dopo l impresa di domenica merita la salvezza....
    grazie tamas per il preciso resoconto della stagione anconetana....Mastronunzio comunque lo voglio vedere in A...è splendido....

    RispondiElimina
  8. Sì Bostero lo confesso, Della Rocca era un mio pupillo, e ricordo ancora il suo pareggio all'Olimpico (e le pernacchie dei vicini) che dopo poco costò l'esonero di Del Neri.
    Sulle bellezze e le bruttezze della B avete già detto tutto, certo che è sempre stato un campionato equilibrato, lunghissimo, in cui la differenza non la fa solo la rosa di qualità, anzi (vedi appunto Mantova e Torino). Contano di più (ancora) la fame, un allenatore saggio e uno che la butti dentro con una certa regolarità.
    In questo senso sottoscrivo l'ammirazione per Mastronunzio, che è sempre stato forte ma che quest'anno è esploso, fa dei gol pazzeschi, mi ricorda un po' il Di Vaio forte di Parma e Juventus. Se i dirigenti di Serie A non gli preferiscono i soliti bidoni brasiliani l'anno prossimo sarà divertente (e sopratttutto doveroso) vederlo in serie A.
    Comunque sono da gustare i play-off, splendido anticipo provinciale rispetto al Mondiale.

    RispondiElimina
  9. Io dico Cittadella.

    Ardemagni Iunco tutta la vita!

    RispondiElimina
  10. Io direi che del Cittadella in serie A possiamo anche farne a meno. Basta con le "favole" dei paeselli, vogliamo il ritorno dei grandi centri urbani e mod, possibilmente (post)industriali!!

    RispondiElimina
  11. Torino-Sassuolo 1 a 1

    Cittadella-Brescia 0 a 1

    Brescia e Sassuolo vicini alla finale.....

    RispondiElimina
  12. Il Cittadella non ha neanche lo stadio per la serie A, al Rigamonti sarà una mera formalità per gli uomini di Iachini.
    Anche a Sassuolo, per me, la spunterà comunque la paura di vincere, e quindi i granata..

    RispondiElimina
  13. Sassuolo più cattivo del Citta...e torino troppo nervoso.....comunque il Brescia mi ricorda il Lecce di 2 anni fa quello del tir e Abbruscato(che coppia)dominerà i play off....

    RispondiElimina
  14. Molto dubbio il gol annullato ieri sera al Toro..ma alla fine per me i granata ce la fanno, vincono 2 a 1 a Brescia come hanno fatto col Sassuolo..

    RispondiElimina
  15. si si un vero furto...anche Mareco......però nessuno se lo merita più del Toro.....passa il Brescia......

    RispondiElimina
  16. e Brescia fu......bellissima partita e bellissima festa...Iachini se la merita tutta.....strameritate le 3 promozioni.....

    situazione in lega pro
    sale in b il Pescara di Di Francesco che dopo il 2 a 2 del Bentegodi...vince con una rete di Ganci all'Adriatico...faccio notare che il Pescara è in mano a De Cecco(quello della pasta)l'anno prossimo secondo me non punterà alla salvezza.....

    infarto invece per i tifosi del Varese che ribaltano l 1 a 0 dell andata segnando il goal promozione al 91esimo minuto su rigore con Buzzegoli....25 anni dopo Varese in B..Dopo Novara e Portogruaro un altra sorpresa....

    lega pro 2

    Cisco Roma che perde 4 a 2 a Catanzaro ma viene promossa....Promosso anche lo Spezia che ribalta il risultato vincendo 2 a 0 contro il Legnano e il Gubbio che vince anche a San Marino....

    RispondiElimina
  17. Sono strafelice per Eusebio di Francesco, grande uomo e eccellente mezz'ala. Uno dei miei preferiti nella roma zemaniana.

    Bello anche il salto di categoria della Cisco Roma, certo sono finiti i tempi belli del sabato pomeriggio al Flaminio a vedere la Lodigiani, ma magari l'anno prossimo viene voglia di tornarci.

    Sul Brescia, che dire..povero Toro, una stagione di sofferenza con beffa finale..Peccato però che ora Iachini se ne va.

    ps speriamo che l'anno prossimo Sky si ricompri i diritti per la B, magari sacrificando la Scottish Premier League..

    RispondiElimina