mercoledì 3 marzo 2010

Moriria Por Verte

La partita è Velez Sarsfield - Boca Juniors. Trentanovesimo del primo tempo. Palla a Christian Chavez, sulla trequarti, che verticalizza per Riquelme. Il cross rasoterra del 10 xeneize è perfetto. Con rabbia Martin Palermo segna il suo gol numero 218 in maglia oro y azul. Raggiunto Roberto Cherro. Ha sbagliato tre rigori in una sola partita. Non ci interessa. Ha steccato al Villareal ed al Betis. Chissenefrega. Aveva sbagliato un altro rigore poco prima. Penseremo che voleva raggiungere il record in maniera diversa. Sei gloria. Grazie, Loco.

37 commenti:

  1. A me sta molto simpatico. El Diego poi stravede per lui, tanto da considerarlo come la prima alternativa al Pipita Higuain. C'è da dire che El Diez ha un incredibile debito di riconoscenza nei confronti di Martin che con il suo gol nel recupero contro il Perù nella piscina del Monumental, gli ha salvato Mondiale&Panchina. Secondo me in Sudafrica ci potrà regalare qualche bella emozione.
    Che il povero Principe Milito si metta l'anima in pace, per convincere Diego Armando Maradona da Villa Devoto serve molto di più che essere il cannoniere del campionato italiano.

    Saluti a tutti

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  2. sarebbe stato bello vederlo in Italia(un periodo si parlava di Fiorentina)......mi è sempre piaciuto.....è un calciatore con un alone di sfiga intorno..aldilà dei 3 rigori sbagliati...il picco l ha toccato a Villareal quando si è spaccato una tibia esultando....

    RispondiElimina
  3. anche la Lazio lo cercò nelle more dell'estenuante trattativa anelka, e anche il napoli gli preferì edmundo solo all'ultimo minuto di un mercato di gennaio di qualche anno fa.
    Ricordiamo anche la sua pugnace partecipazione in una rissa contro il saragozza, dove fingeva di provocare el toro Acuna e intanto scappava.
    Per me El Diez fa bene a portarlo, nelle mischie finali può essere utile, oltre a colorare di folklore il mondiale e a dare peso ad un attacco leggerino..

    RispondiElimina
  4. l'argentina ha davvero un attacco pazzesco, solo a memoria mi vengono in mente messi, milito, higuain, aguero, tevez, palermo, pastore, più mille altri di media caratura sparsi per l'europa (che so, lavezzi, denis, zarate), più tutti quelli che stanno in patria. il problema è che a volte quando hai tanta abbondanza finisci per non capirci più niente, fai giocare tutti e tutti fuori ruolo, in questi casi meglio fare delle scelte chiare sin dall'inizio, puntare su un modulo e su certi giocatori, tanto chiunque lasci fuori qualcuno dirà "eh ma se c'era.."

    occhio pure all'attacco dei vicini uruguaiani, mica male la coppia forlan-cavani, col mio pupillo jorge martinez dietro, e se non sbaglio pure il talento dell'ajax suarez è albiceleste no?

    infine due considerazioni:
    - ho visto italia-camerun 0-0: ma come siamo finiti così in basso? già quattro anni fa, quando abbiamo vinto il mondiale, eravamo una squadra modesta, ma se è possibile oggi lo siamo ancora di più. quella attuale è veramente una generazione nè scarsa nè ottima, semplicemente media, con rare eccellenze e notevoli mezze seghe. sarà un mondiale terribile, pieno di sofferenze, delusioni e rimpianti.

    - ho visto francia-spagna 0-2: meglio non dire nulla e tifare direttamente per le furie rosse. un piacere per gli occhi e per la mente. quasi ventitrè (anzi ventidue: marchena è una pippa) giocatori di livello inarrivabile. tutti giovani poi. se non fosse per i telecronisti, che con il loro espanolismo, il loro patriottismo propagandistico e il loro entusiasmo autolesionistico (mai sentito uno che a metà del primo tempo scherzando con l'altro dice "eh che paura queste accelerazioni di ribery, haha..", come se quattro anni fa ribery non li avesse purgati in contropiede allo scadere del primo tempo mentre loro erano tutti in area di rigore francese a ballare la sevillana) fanno di tutto per tirarsela, ipotecherei in questo momento casa mia sulla loro vittoria finale.

    RispondiElimina
  5. È vero dionigi, nel 2006 eravamo comunque modesti ma nelle amichevoli pre-mondiale ruscimmo a vincere in olanda e ad asfaltare la germania a firenze. Mi pare che quest`anno la situazione sia tragica, ci aspetta un mondiale breve. ma è sempre così quando non si riesce a voltare pagina e a puntare su giocatori nuovi.
    La Spagna è forte, ma io credo che si guarderà troppo allo specchio e finirà per scivolare, a me piacerebbe una finale argentina inghilterra, capello vs maradona. Ma occhio al Brasile che fuori dall´Europa fa sempre centro.

    RispondiElimina
  6. Alt! Per una volta difendo gli azzurri.

    Buonissimo l'esordio di Bonucci, che di fronte aveva Eto'o. Spavaldo quello di Cossu (a riguardo è triste che vada in Nazionale solo dopo che si sono mossi gli osservatori del Barca...).

    Maggio a me piace e credo Lippi stia già pensando di costruire un qualcosa di simile a Camoranesi.

    Lasciando per un attimo perdere la difesa a tre (che come idea per il Sudafrica non deve partire, bensì rimanere nelle segrete di Coverciano), mi sembra che l'Italia abbia giocato un buon match. Non in assoluto ma a confronto di quant'altro visto in TV (FRA-SPA e GER-ARG).

    Noi saremo mediocri, ma Germania e Francia stanno molto peggio.

    L'Argentina, aldilà del gran attacco, non mi sembra stratosferica. Così come l'Olanda.

    In conclusione, io meglio di noi vedo solo Brasile, Spagna (oltre al centrocampo, anche la difesa ora è spaventosa) e Capello.

    Dobbiamo credere in Lippi. Lui è convinto di incartarla a tutti con un giusto mix di vecchietti e mediocri. Sarebbe carino.

    Tra l'altro il cammino non sembra proibitivo: girone alla portata di una squadra di terza categoria, Camerun/Olanda e poi a quel punto Spagna e Brasile si saranno già affrontate tra loro.

    RispondiElimina
  7. mah......facciamo abbastanza schifo...secondo me il problema principale sono le convocazioni sbagliate e un allenatore con un gioco vecchio lento e prevedibile....detto questo...Lippi ha dalla sua il culo,che nel giuoco del calcio non guasta mai....

    per me usciamo a sorpresa al girone.....mi auguro un Inghilterra in finale.... detesto la spacconeria iberica, questa sfrontatezza da diciottenne neopatentato che la furie rosse hanno acquisito il giorno dopo il trionfo di Vienna....si... sono forti ma ultimamente hanno frullato la minchia con la storia del loro calcio meraviglioso ed offensivo e del loro campionato stupendo(mah...)

    Occhio alla Germania...quando sembra morta, arriva sempre in finale...senza contare che adesso non ha un burattino in panchina ma un CT serio.....

    la Francia se leggete la rosa non è malaccio.....ma ha un allenatore completamente matto.....che fa la formazione in base al segno zodiacale...

    SI Dionigi Suarez è uruguaiano...le Sudamericane daranno spettacolo al mondiale...non vedo l'ora di vedere il primo gol di quel genio di Humberto Suazo del Cile....l'Argentina ha il limite delle convocazioni assurde....

    comunque sono tutte chiacchiere inutili....sono con Gegen i mondiali disputati al di fuori dei confini del vecchio continente sono del Brasile....

    RispondiElimina
  8. La partita di ieri è stato uno spettacolo inguardabile. Ciò, però, ritengo non sia indicativo (citatemi una volta in cui l'Italia ha giocato bene...). Non è indicativo tanto più che Lippi sa il fatto suo, ed evidentemente è convinto di farla a tutti con più o meno questa rosa. Poi è ovvio, quando vedo giocare Gattuso che quest'anno ha giocato credo due partite, Pirlo che gioca da fermo e Cannavaro a cui serve la badante, come si dice qua da noi mi scende la catena. Ma evidentemente Lippi crede che sia questa - quella dei trionfatori di Berlino, inclusi i vari Buffon, De Rossi, Camoranesi ecc. - l'ultima generazione di calciatori italiani che possa vincere una competizione come il Mondiale. A Lippi si potrebbe imputare il fatto di non aver voluto rischiare già due anni fa iniziando a convocare giocatori più giovani, creando un nuovo "gruppo". Ma, in primis, lui il gruppo ce l'aveva già, perchè rischiare?; inoltre, Lippi sa bene che investire su un nuovo gruppo giovane avrebbe implicato sì creare una base per la Nazionale futura, ma anche non vincere nulla al 99%: ha preferito perciò puntare di nuovo sui suoi pretoriani, dato che comunque dopo il Mondiale se ne andrà dalla panchina di CT, e nello stesso tempo tutti da lui si aspettano la seconda coppa consecutiva; infine, bisogna calcolare che, dopo i 23 di Germania 2006, c'è stato il nulla: tutti i cosiddetti giovani - Bocchetti, Criscito, Bonucci, Candreva e compagnia bella - hanno zero esperienza di calcio ad alti livelli (Champions, Nazionale) trovandosi a militare in mediocri squadre della Serie A. Ma questo è un problema del calcio italiano e Lippi non può farci niente: per riformare la Nazionale bisogna darsi delle regole serie a livello di club, iniziare a considerare seriamente l'opportunità dell'obbligo di almeno 5 italiani per squadra in campo in ogni partita. Solo così, in maniera obbligata, le nostre multinazionali del pallone potrebbero dare la possibilità ai giovani di giocare e crescere.
    Detto ciò, il Mondiale sudafricano degli azzurri è un'incognita. Non vedo mezze misure tra una mesta uscita dopo il girone e l'approdo (quantomeno) alle semifinali.

    Vedo che stranamente mi sto dilungando, perciò solo due righe sulle altre. La Francia è impresentabile come il suo CT, ma viste le culate che l'hanno portata in finale 4 anni fa, non parlo chè è meglio. La Germania non mi sembra niente di che, anche perchè quest'anno non gioca in casa (per me non era niente di che nemmeno nel 2006). L'Argentina avrebbe grandissime potenzialità, io sono anni che ne pronostico la vittoria finale, ma sulla sulla sua panchina (con tutto il rispetto per Maradona) siede una persona totalmente inaffidabile. La Spagna farà la solita figura, trombe e fanfare all'esordio, eliminata agli ottavi o ai quarti. Il mio personalissimo pronostico per la finale è senza dubbio Brasile-Inghilterra, a meno che non siano inserite dalla stessa parte del tabellone finale.

    RispondiElimina
  9. il profeta del gol4 marzo 2010 13:50

    varie:

    1) a me pare che in Italia nascano molti talenti in meno di un tempo. Credo dipenda da tre fattori:
    a) il caso
    b) le mammine italiane, sempre più ossessive, protettive e assillanti. Il calcio nasce ed esprime l'incipit dei suoi talenti per strada. Non portando con la Panda il figlio di 6 anni all'allenamenti il martedì e il giovedì dalle 3 alle 4.
    c) l'atteggiamento ottuso di una leva di tecnici che le ha fatte tutte, a partire dal diabolico 4-4-2 per emarginare i talenti. I quali sono come le lucertole cui davo la caccia da bambino: dopo che ne hai stecchite 2 o 3 le altre non si fanno più vedere.

    2) Detto della penuria di talenti, mi pare che Lippi abbia portato oltre il break even point la nostra tendenza storica alla prudenza, alle spalle coperte, a privilegiare l'esperienza. Raramente abbiamo avuto Nazionali giovani e brillanti, basti vedere quanto poco hanno vestito l'azzurro la quaterna di assi di 15anni fa Baggio-Zola-Signori-Mancini. Ma ai livelli -cercati e voluti- di grigiore e vecchiaia attuali non ricordo fossimo mai arrivati, e seguo el balòn da quando Gigi Riva insaccava portando lo scudo in Sardegna. Senza contare che un tempo c'era il pudore di sapere farsi da parte. Scoprimmo Cabrini in Argentina per la rinuncia spontanea di Facchetti; Maldini a 34 anni ha detto basta. Adesso Cannavaro ha 37 anni (un'età assurda) ma non ci pensa nemmeno a farsi da parte.

    3) Sì, Lippi ha culo, perchè abbiamo un'autostrada per i quarti di finale, grazia al sorteggio.

    4) mi ri-ri-ripeto: se non impariamo di valutare la vittoria e la sconfitta valutando anche le circostanza, avremo sempre vittorie per caso. Il Mondialie 2006 (un obbrobio tecnico generale) lo vincemmo perchè il miglior giocatore del mondo si fece buttar fuori per una cagata, e per una traversa su rigore di Trezeguet (e Buffon non azzeccò mai nemmeno un angolo di tiro). Abbiamo giocato Mondiali migliori (1990) o non peggiori (1994 e 1998), ma sbagliammo un rigorino e tutti fessi. Ma il sistema Lippi campa di credito per dei quarti di finale ridicoli (Ucraina), un rigore ridicolo (Australia), una finale ai rigori, dopo essere stati messi sotto per quasi 120 minuti.
    A me Donadoni non piace particolarmente, ma fuori per un rigorino sbagliato di Di Natale, passa per essere un fesso. Se Totò la metteva, magari vincevamo l'Europeo.

    5) Continuo a pensare che l'accantonamento di Cassano (per non parlare di Balotelli) sia stato un errore: Antonio ha giocato bene (pur con i suoi limiti, non copre mezzo metro quadro in copertura), finchè Lippi gli ha opposto la chiusura a priori delle porte della Nazionale. Atteggiamento non solo tecinicamente discutibile, ma anche professionalmente ed eticamente.

    6) bisognerebbe che la serie B la smettesse di puntare su tutti quei vecchi, come ha fatto negli ultimi anni, da Marazzina di n paio di anni fa a Di Michele o Zampagna oggi. La B era l'anticamera che facevano i campioncini in erba, i Tardelli, Paolo Rossi, Virdis, Montella, giocatori che potevano giocare con continuità in un torneo di buon livello e magari raggiungere l'azzurro in pochi anni.

    7) varie ed eventuali

    RispondiElimina
  10. @ n. 3): Cannavaro doveva ritirarsi già due anni fa. Non lo fa o non glielo fanno fare perchè si è ritagliato il ruolo della chioccia. Comunque, credo che al Mondiale non conta se hai vent'anni o 37. Conta la tenuta mentale.

    @ n. 4): bah... a me vincere perchè siamo fenomeni o vincere male o vincere di culo non cambia nulla. La baracca è questa e non si può cambiare. Tanto vale crederci. Che poi se si deve soffrire, nulla di nuovo. Non ho memoria di una Nazionale che abbia vinto in scioltezza (2000 escluso, ma il fatto è un qualcosa che ti capita una volta a millennio).

    @ n. 6) d'accordissimo. Però mettici anche che da qualche anno tra Serie A e Serie B c'è una sorta di muro invalicabile. Molti che sono andati non sono più tornati. Molti che sono venuti si son persi a mezza via. Per me ha ragione Greezo con la regola dei 5 italiani sempre in campo.

    RispondiElimina
  11. Greezo..credo che la Francia nel 2006 abbia fatto un gran mondiale...un girone un po incerto per il resto ha asfaltato la spagna,dominato il Brasile e battuto onestamente il portogallo....mica australia e ucraina.....

    RispondiElimina
  12. Greezo..credo che la Francia nel 2006 abbia fatto un gran mondiale...un girone un po incerto per il resto ha asfaltato la spagna,dominato il Brasile e battuto onestamente il portogallo....mica australia e ucraina.....

    RispondiElimina
  13. Sì comunque adesso non si può fare una colpa a Lippi se è arrivato in semifinale battendo l'Australia (il rigore su grosso - continuerò a ripeterlo fino alla morte - era netto) e l'Ucraina (arrivata fin lì per il semplice motivo che la Francia nel girone fece cagare).

    Inoltre: basta con Cassano. Cassano è un giocatore di 28 anni (non di 18) che nessun allenatore con un po' di palle e sale in zucca vuole avere tra i piedi perchè è un cretino. Prova ne è la carriera che sta portando avanti, confrontata con quella che poteva essere in potenza. Stesso discorso vale per Balotelli: o la smette di fare il cretino (vedasi le dichiarazioni deliranti che ho sentito ieri sera alle Iene, del tipo "Esulterò solo per un gol alla finale dei Mondiali o di Champions". Ma prima arrivaci, bimbo scemo!) o non arriverà mai da nessuna parte. Io comunque per una Nazionale con Balotelli non tiferei MAI (ora come ora).

    Infine: vincere un Mondiale giocando da schifo o facendo i fenomeni per me è assolutamente indifferente.

    RispondiElimina
  14. "La Francia è impresentabile come il suo CT, ma viste le culate che l'hanno portata in finale 4 anni fa, non parlo chè è meglio"

    mi riferivo a questa tua frase.....ci può stare di sbagliare il girone(vedi Italia nel 1994)..... dire che la Francia ha avuto culo nel 2006 scusami ma non sta ne in cielo ne in terra....

    io non voglio vincere un mondiale da fenomeno e fondamentalmente non voglio neranche vincere il mondiale...voglio solo un allenatore che fa le convocazioni senza nessuna politica dietro,senza nessuna antipatia personale......Cassano e Balotelli?.....ti dico solo che per me può tranquillamente essere la coppia titolare.......c'è di peggio in Italia...molto di peggio... vedi chi porta la fascia da capitano......

    RispondiElimina
  15. Ok. Ammetto i miei limiti. E' che quando si tratta di Francia mi trovo ad essere sempre molto poco obiettivo. Così come sono poco obiettivo se penso a Cannavaro, Buffon, Camoranesi e tutti gli azzurri juventini: odiati in maglia bianconera, idoli a Germania 2006.

    Cassano-Balotelli come coppia titolare della Nazionale è un'immagine troppo brutta anche per essere un incubo post-sbronza da birra corretta col gin.

    Comunque, lungi da me difendere Lippi. Ho solo cercato di analizzare - per come la vedo io - il perchè di alcune sue scelte. E poi forse la politica c'entrerà anche qualcosa, o c'entrerà del tutto; ma se lui non vuole convocare Cassano, che sia per questioni politiche, di antipatia, tecniche o perchè il gruppo non lo vuole, per me è uguale. E'una decisione che si può condividere (io la condivido) o meno, ma è Lippi che decide. Se fallisce, ne pagherà le critiche e le conseguenze. Cassano, ai Mondiali e in Nazionale (finchè c'è Lippi), non ci sarà. Mettiamoci il cuore in pace.

    RispondiElimina
  16. a Cassano tutto si può dire....ma in nazionale è sempre stato esemplare....e benvoluto dai compagni...

    ah...per me la Francia può sprofondare....

    RispondiElimina
  17. il profeta del gol4 marzo 2010 21:34

    scusate, ma per una igiene del liguaggio e di conseguenza della logica:
    nessuno dice che è colpa di Lippi se nel 2006 fino alle semifinali abbiamo incontrato nessuno.
    Però non si può nemmeno incensare un ct che ha vinto un mondiale dove tutto il culo possibile lo ha avuto.
    E' una vittoria da prendere per quel che vale, quella del 2006: fa piacere, ha impatto emotivo, è mediatica, ma vale ben poco.
    Nel 2002 andammo fuori con una squadra più forte per colpa di un arbitro corrotto.
    Negli Europei del 2004, a parte la carognata mai vista prima di cercare per due giorni uno sputo di Totti e poterlo squalificare, subimmo la grande sportività di Svezia e Danimarca, che pensarono bene di farci fuori con un pareggio stra-concordato.
    I tre mondiali precedenti siamo andati fuori ai rigori.
    Agli Europei del 2000 perdemmo la finale con un pareggio a RECUPERO scaduto...

    Lippi ha solo raccolto per caso il credito di fortuna che avevamo accumulato da vent'anni.

    RispondiElimina
  18. impossibile non condividere le tue parole, profeta. il calcio è pieno di misteri. prima o poi dovremmo prenderne atto anche noi.

    RispondiElimina
  19. Una domanda: ma Vi ha fatto così cagare vinvere il Mondiale???

    Scusate, ma dai toni il dubbio viene.

    A me frega nulla se ai quarti c'era l'Ucraina o il Brasile. Frega meno degli ottavi.

    A me frega niente e punto.

    Stiamo parlando di un Mondiale.

    RispondiElimina
  20. Solo un'ultima cosa.

    Un Mondiale e un Europeo si vincono anche grazie agli episodi. Il problema è questo: se si vince, tutti zitti; se si perde, si recrimina.

    A me non interessano cappelle di Zenga, rigori sbagliati di Baggio, Zola o Di Biagio, gol di Wiltord a tempo scaduto, arbitri Moreni, sputi di Totti e biscottoni scandinavi.

    Rendiamoci conto di una cosa: da che seguo il calcio, Vicini, Sacchi, Maldini Cesare, Zoff, Trapattoni avranno anche avuto le Nazionali più forti della storia, ma hanno perso. Lippi avrà anche avuto tutto il culo del mondo e una Nazionale mediocre ma ha vinto.

    Tanto mi basta.

    Ribadisco ancora che non sono qua a incensare Lippi e a denigrare gli altri CT. Prendo solo in considerazione un dato di fatto.

    E poi ditemi una cosa: a parte forse la Francia nel 1998 e la Spagna agli ultimi Europei, citatemi una Nazionale che ha vinto una Coppa del Mondo o un Europeo entusiasmando e non avendo alcun episodio favorevole.

    Io continuo a non trovarla.

    Detto ciò, statemi benone e buonanotte.

    RispondiElimina
  21. "...a parte forse la Francia nel 1998 e la Spagna agli ultimi Europei, citatemi una Nazionale che ha vinto una Coppa del Mondo o un Europeo entusiasmando e non avendo alcun episodio favorevole."

    Ovviamente, parlo dal 1990 in poi. Prima ero in fasce.

    RispondiElimina
  22. Anzi, no, mi correggo subito: la Francia nel 1998 era sicuramente una buona Nazionale, ma in quel frangente lì sì che ebbe un culo stratosferico.

    RispondiElimina
  23. Vabè, siccome non ho sonno adesso vi beccate la tavola sinottica con tutte le squadre vincitrici di Mondiali ed Europei dal 1990 ad oggi, per dimostrare che gli episodi favorevoli (=sedere) contano e il bel gioco è relativo. Tutto ciò per riabilitare la vittoria dell'Italia di 4 anni fa.

    1990: una Germania non certo entusiasmante vince il Mondiale con la media-gol più bassa della storia dopo la rissa con l'Olanda, un rigore con la Cecoslovacchia e la vittoria ai rigori in semifinale con l'Inghilterra. In finale, 1-0 con un rigore contestatissimo.

    1992: la Danimarca - ripescata per forfait/squalifica della Jugoslavia - batte l'Olanda ai rigori in semifinale e vince l'Europeo anche grazie ai gol di un attaccante che la stagione precedente in 29 presenze aveva segnato 5 gol nel campionato danese.

    1994: un Brasile molto operaio e poco jogabonito vince il Mondiale in USA giocato con 40 gradi e umidità assurda. Ai rigori. Contro la Nazionale di Baggio.

    1996: se in finale non entra Bierhoff e fa due gol (di cui uno golden) sono ancora lì a giocarsela, quel Germania-Rep. Ceca.

    1998: la Francia (con in attacco Guivarc'h) vince come annunciato il Mondiale in casa, battendo il Paraguay al golden gol, l'Italia ai rigori, la Croazia-rivelazione con due gol di Thuram e il Brasile con un Ronaldo sconvolto da una crisi di panico o quant'altro.

    2000: rigore-golden gol di Zidane in semifinale col Portogallo. Wiltord a tempo scaduto e golden gol di Trezeguet in finale con l'Italia. Può bastare.

    2002: vittoria annunciata di un Brasile-rullo compressore che però in semifinale (grazie ai magheggi arbitrali) si trova la Turchia e in finale una Germania modesta in cui tra l'altro la saracinesca Kahn è in vena di caprellate.

    2004: vince l'Europeo la sorpresa Grecia con un gioco che definire difensivista e palloso è fargli un complimento, anche qua se non ricordo male con un silver gol in semifinale.

    2006: vince l'Italia di Lippi, quella che devo riabilitare.

    2008: anche la Spagna poi... gran gioco ma batte l'Italia solo ai rigori ed affronta in semifinale la sorpresa Russia, nonchè in finale una Germania a mio avviso molto modesta.

    Non so se rendo l'idea.

    Vabè, adesso davvero buonanotte a tutti.

    RispondiElimina
  24. Non capisco bene greezo dove il tuo discorso voglia andare a parare, che serve culo per vincere? beh è ovvio questo, però sul mondiale 2006 se fossimo francesi staremmo ancora a rosicare come bestie. Abbiamo buttato fuori, come diceva nesat, tutte grandi squadre e poi abbiamo dominato una finale giocando 120' nella metà campo italiana, anche in inferiorità numerica. Non si può dire che la Francia non abbia fatto un gran mondiale.
    Pensate che secondo me l'Italia più forte per gioco e qualità media dei giocatori era quella dell'Europeo 96, tanto era forte che uscì subito, giocando a mio avviso tre buone partite.

    RispondiElimina
  25. Il mio discorso vuole semplicemente andare a parare che non capisco questo disfattismo antiazzurro. Cioè, tutti - come mi sembra di aver dimostrato - hanno vinto grazie ad episodi, battendo squadre mediocri e col bel gioco latitante e noi dobbiamo stare qua a criticare la Nazionale del 2006, che ha fatto esattamente uguale a tutti gli altri?

    Inoltre: ok la Francia nel 2006 ha fatto la fenomena, d'accordo, ha battuto le squadre più forti del pianeta. Ma ha perso ai rigori. Come l'Italia nel 1990, 1994, 1998, 2008. Non è che se la Francia perde ai rigori dobbiamo diventare tutti filofrancesi e se invece perde l'Italia critichiamo e basta.

    E poi Zidane in finale fu un pollo.

    Poi vabè non pretendo che nessuno mi dia ragione, è solo la mia opinione. Si fa per parlare.

    RispondiElimina
  26. il profeta del gol5 marzo 2010 11:21

    greezo, mi pare che ci stiamo allontanando dal baricentro della questione.
    Riassumo:

    A) Non è colpa di Lippi aver avuto un culo pazzesco nel 2006.

    B) Però avere culo non è nemmeno un merito. Non attiene a scelte tattiche o di uomini. Culo. Il quale, a differenza dei meriti (che di solito permangono) va e viene. Quando vuole lui. E non è una buona base per aperture di credito a chicchessia.

    C) Siccome non è un merito, è lecito dubitare del valore intrinseco delle idee del nostro ct e non si può fugare la perplessità che suscita la nostra Nazionale ricordandoci che quel ct ci ha fatto vincere. Siccome una volta ho vinto 4 soldi al lotto, io non credo per questo di avere titoli particolari per consigliare i numeri da giocare. Ebbi culo, buon per me, ma il prossimo giro di ruota ricomincia. Per Lippi, idem.

    D) Non fa schifo vincere un Mondiale, ma santiddio, che dobbiamo essere sempre la negazione del calcio, l'affossamento del talento, la morte del bel gioco, ma perchè? Non dirmi che è per il risultato: tante volte giocare da schifo ci ha dato il risultatino, ma altrettante ce lo ha fatto perdere.

    E) Non capisco tutta questa acrimonia contro la Francia, che, scusate, fa parte del luogo-comunismo italiano. Non lo capisco in generale (la Francia è più ricca e civile dell'Italia) e non lo capisco nel calcio. Intanto fra il 1998 e il 2006 bene o male hanno vinto un Mondiale, un Europeo e giocato (con sfortuna) una finale mondiale. Quindi hanno avuto davvero una generazione eccezionale, da Zidane in giù. Poi hanno avuto delle belle sfighe anche loro, basti pensare alle semifinale del 1982 con la Germania: Battiston, i rigori ecc.
    Sono antipatici? Perchè, scusate, Lippi è simpatico? O Abete, con una faccia che potresti dargli un bacino o sbattergli una mazza chiodata sulla fronte e lui non cambia espressione? O De Rossi, Camoranesi ecc sono persone simpatiche? Li vorresto come amici? Ammirate i loro comportamenti? O rimpiangiamo i simpaticoni del passato, tipo Bobo Vieri (quello che criticato per aver giocato da schifo contro la Svezia disse che era più uomo lui di tutti i giornalisti in sala?)? O tipo M-M-Maldini C-C-Cesare, che non voleva nemmeno essere parodiato da Teocoli e offendeva Varriale chiamandolo bassottino, sai che simpatia.

    Poi, che vinca l'Italia, ci mancherebbe. Ma a me, questo manfrina decerebrata da Right or wrong, is my country, scusate, non mi piace, è provinciale e patetica.

    RispondiElimina
  27. (comunque il mio post voleva solo celebrare El Loco... così, solo perchè questo blog nacque con lui)

    RispondiElimina
  28. siamo tutti contenti di aver vinto il mondiale.....non è disfattismo è semplicemente esaminare in maniera lucida la questione.

    oddio mio profeta la nazionale italiana del 2002 non si poteva guardare.....ci siamo qualificati alla partita contro la corea solo per merito di un ecuador sportivo....

    la squalifica di Totti nel 2004 ci stava tutta e smettiamola di prendercela con Danimarca e Svezia probabilmente noi avremmo fatto anche di peggio(e scusate se ve lo dico avrei anche goduto nel farlo)

    la nazionale più bella e più emozionante era quella di euro 2000...quella semifinale con l'olanda è stata meravigliosa(quello si che è sculare con arte).



    a questo punto la domanda è.......

    chi per il dopo lippi??

    RispondiElimina
  29. Io direi Ranieri, dolosamente, per destabilizzare l´ambiente giallorosso con un altro abbandono...
    Sarebbe divertente uno straniero per vedere le sue scelte senza gli inevitabili condizionamenti che hanno i tecnici italiani.
    Peccato che un Hiddink sia completamente fuori budget per la federazione.

    RispondiElimina
  30. So di avere l'appoggio di Dionigi, ma magari gli altri non sono d'accordo:
    In un paese meno calcisticamente oligarico uno come Miccoli in questo momento il mondiale se lo vedrebbe davvero su Sky come un comune mortale??

    RispondiElimina
  31. il profeta del gol7 marzo 2010 23:26

    Gege, stasera cenavo con un minestrone di verdura e pensavo la stessa cosa.
    In Italia, da 15 anni, fare il trequartista/seconda punta/mezza sega di talento è stato concesso solo a Del Piero (quel signore che si mangiò due gol davanti al portiere facendoci perdere una finale degli Europei). Baggio, Zola, Miccoli, Cassano sempre fuori.
    Se poi hai un ct come Lippi, del giro Moggi, di cui Miccoli era nemico in qualche modo, buona notte. Se poi ha il Che stampato su una gamba, peggio me la conti.
    Aggiungi che su 23 convocazioni, togli i 3 portieri, restano 3 giocatori di movimento. Di questi 20, 15 (quindici!!) saranno difensori o centrocampisti. Restano solo 5 posti in attacco e il gioco è fatto. Tanto, a far gol sono buoni tutti, anche aprendo con una magata una difesa chiusa a riccio sono buoni tutti, no?

    RispondiElimina
  32. Sfondi una porta aperta. In quel ruolo io non vedo un calciatore italiano più talentuoso in questo momento. Quest'anno è in una condizione straordinaria e va sfruttata. Che poi Miccoli ha sia esperienza azzurra (ricordo il suo esordio in amichevole in coppia con Corradi) sia di club (juve, benfica, lo stesso palermo).
    Il dramma è che gli saranno preferiti mezzi giocatori come Di Natale o Quagliarella, pippe al sugo come Pepe o impalpabili come Giuseppe Rossi.
    Accanto alle due-tre punte da attacco pesante (da scegliere tra Gilardino, Borriello, Iaquinta, Pazzini, Toni etc, tutti buoni bomber), serve un po' di fantasia, e il nome giusto -essendo fuori dai giochi Cassano, Balotelli e chissà, Totti- non può che essere quello di Miccoli.
    Cazzo, uno che salta l'uomo va portato! Anche per una questione di entusiasmo, già sarà una palla vedere la nazionale di Lippi, almeno serve un personaggio aggregante, uno da cui aspettarti la giocata, l'emozione, il colpo a sorpresa.
    Miccoli poi è il perfetto idolo degli italiani all'estero, la più nobile categoria dei nostri connazionali, tra cui idealmente mi metto anche io (se rinasco voglio essere emigrante).
    Ma se anche in un salotto calcisticamente evoluto come quello del grande Ferro (a cui tutta LB augura un rapido recupero!) ci sono state bocche storte ("eh, ma è troppo leggero, troppo discontinuo"), evidentemente c'è poco da sperare.
    Comunque propongo che LB faccia una campagna pro-Miccoli, con tanto di banner promozionale..

    RispondiElimina
  33. A casa ferrucci si mangia pane e 442 sacchiano quindi anche Messi sarebbe discusso, meglio un duttile colombo o un sempre lucido evani!!
    Scherzi a parte, io la campagna la farei.. sicuramente fabrizio un rigore vergognoso come quello di di natale contro la Spagna non lo tirerà mai..
    Vedrai che a Friburgo farò proseliti in tutti i ristoranti italiani!

    RispondiElimina
  34. il profeta del gol8 marzo 2010 09:25

    A me pare che, a far data da Sacchi, sia progressivamente e velocemente sparito dal nostro calcio il concetto di talento. Che poi Sacchi, sostenitore a chiacchiere degli schemi, abbia avuto Van Baste e Baggio, solo per dire i due più grandi, non toglie niente alla pazzie di considerare un gioco dove si controlla una palla con la destrezza come puro frutto di corsa e posizione in campo. Che contano tanto, tantissimo, ma poi se uno ti fa una giocata come quelle di Miccoli di questi giorni, non c'è schema che la preveda nè che la impedisca.
    Dopo Sacchi, tutti o quasi dietro. Lippi compreso, con un sovrappiù di poca limpidezza (eufemistico) del personaggio, che sembra sempre convocare gli amici degli amici.

    In più, insisto, se su 20 giocatori di movimento che ti porti ai Mondiali, ne prendi solo 5 per l'attacco, buonanotte ai Miccoli. Gila, Iaquinta, Di Natale fissi, poi uno fra Pazzini e Borriello, e uno fra Giuseppe Rossi, Totti e Balotelli.

    Che poi, detto con tutta l'ammirazione, fra Totti e Iaquinta ci mettiamo in rosa due giocatori che hanno più malanni della mia povera nonna buonanima, che giocano una partita e alla seconda sono pieni di dolori e dolorini.

    A volte mi piacerebbe capire meglio e sapere di più su quel che c'è dietro.

    Sul perchè certa gente sempre e altra mai, sebbene il campionato sembri dare per anni indicazioni diverse. Mica solo riferito a Lippi, anche se con lui le ragioni misteriose che vorrei capire esondano.

    RispondiElimina
  35. Miccoli oltre ad essere un giocatore dotato di una classe sopraffina è sempre stato un personaggio corretto in campo e fuori...non si è fatto mettere i piedi in testa da Moggi ed è stato spedito al Benfica dove è tuttora rimpianto (i tifosi lusitani lo adoravano).....

    Sposo in pieno l'iniziativa del blog......Miccoli in quasi tutte le nazionali europee farebbe parte dei 23......

    a me personalmente Di Natale piace...e credo sia uno spreco vederlo a Udine.......

    RispondiElimina
  36. il profeta del gol8 marzo 2010 15:09

    Nesat, secondo me Di Natale è molto bravo e forse l'unica vera seconda punta italiana, ma ho come l'impressione che ai mezzi tecnici e fisici non corrisponda una personalità adeguata e comunque, a 33 anni, non ha futuro.

    RispondiElimina
  37. dei suoi problemi caratteriali ne sa qualcosa Vincenzino Montella che quando giocava ad Empoli più di una volta ha cucito strappi tra Di Natale e la società Toscana(almeno così si narra)

    so che non ha alcun futuro....ma questo mondiale se lo sta meritando....

    RispondiElimina