lunedì 22 marzo 2010

.. JEREMY !!!!!!

Finalmente.
Penso che tutti gli amanti del calcio romano hanno esclamato esattamente questa parola sabato sera.
Esaltazione dell'estetica è stata la partita di Menez: lampi al fosforo, dribling irridenti, invenzioni.
Mancava un orpello per capire chi fosse costui.
Eccolo. Il tutto condito da quella sua aria un po' così, imbronciata, ostile, strafottente.
Eppure erano due anni che, nonostante tutto, addetti ai lavori e non intravedevano nel parigino sbocciato nella banlieu 94 la giustificazione ad un investimento tanto importante.
Balla sul campo Menez, [quando ne ha voglia].
Dite ciò che volete: io me lo tengo così, nella speranza che si riesca a collocare in campo e pian piano a caricare di responsabilità (che fa rima con personalità).
Se giochi così devi fare il trequartista. Punto e basta. Basta sacrifici, basta partite in ruoli non suoi ad inseguire e (solitamente) falciare avversari.
Il calcio è, sopratutto, estro e follia. Lasciamolo fare, per favore.
Per me la partita sabato è valsa da sola l'abbonamento stagionale.
Pausa. Pausa. Ritmo lento..
Che classe Monsieur Menez...
cheapeu!

24 commenti:

  1. E' stata fantastica la partita di sabato, con Nesat ci siamo spellati le mani. Peccato per quell'esterno destro all'inzio del secondo tempo uscito di un soffio..sarebbe venuto giù lo stadio. Ma forse anche quel gol mancato dopo una fuga sinuosa di cinquanta metri fa parte del personaggio, un eterno incompiuto..
    E' difficile dire cosa può davvero regalarci questo giocatorino, anche perchè Ranieri gli concederà sì e no altri 50 minuti da qui alla fine del campionato, però la penso come te, certi suoi lampi, e solo quello, sono ciò che ci ricorderemo di questa stagione agrodolce..

    ps solo per curiosità, ma che foto è?

    RispondiElimina
  2. Dio benedica lo spettacolo....formazione offensiva e divertimento.....ma soprattutto un giocatore che ha avuto sempre troppe poche occasioni per dimostrare chi è........Mr minestra non levarlo più!

    RispondiElimina
  3. Bravo Jeremy,

    adesso speriamo che il Minestraro lo faccia giocare di più, e che lui sfoderi almeno un'altra buona prestazione. Solo così il suo prezzo aumenterà, e se ci dice bene lo potremo rivendere ad una cifra quasi vicina a quella spropositata fatta pagare alla Roma dal nostro stratega Daniele Patè.
    Preferisco tutta la vita la costanza di Taddei rispetto all'indolenza di un giocatore che si ricorda di esserlo una volta all'anno.

    Abbracci a tutti,

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  4. Taddei è un mito -sono anni che sono sul punto di rompere la promessa di non comprarmi una maglietta della Roma per comprarmi la sua (poi però non lo faccio perchè la maglie moderne sono orrende e immettibili sui jeans)- però io penso che ci sia spazio per tutti e due, lui e Menez danno cose diverse, panem et circenses se vuoi..ogni tanto qualche guizzo sulla fascia fa piacere, anche se fine a sè stesso.
    Più che altro speriamo che il nostro bravo e competente DS non si faccia sfuggire il caro Luca Toni..

    RispondiElimina
  5. Fornaretto caro...questa storia dell'indolenza non la mando giu...ha sempre avuto troppe poche occasioni....e comunque quasi mai dal primo minuto...facciamolo giocare....giudichiamolo dopo 6 partite di fila da titolare non dopo 5 spezzoni e una partita....non ti nascondo che penso possa essere un fuoco di paglia....ma quello che ha fatto sabato sera... l ho visto fare a poche persone......insomma non stiamo parlando di Frau....

    io amo Taddei....è anche vero però che in queste ultime 2 stagioni sta facendo veramente poco(ovviamente perchè da 3 anni corre come un disperato...)

    RispondiElimina
  6. Il fatto che non abbia MAI giocato 6 partite di fila è indicativo del giocatore MEnez.. Non è che sono tutti scemi, ministrari o masochisti.. evidentemente continua a non dimostrare nessuna continuità in allenamento.. I dribbling dell'altra sera compensano a mala pena le tante volte che si è fatto vedere con le mani sui fianchi, stanco dopo 30 secondi di partita.

    RispondiElimina
  7. non giocava perchè Spalletti da una parte ha usato sempre i soliti undici..e quando l ha fatto giocare diciamo che non ha sfruttato le sue caratteristiche(tranne con il bordeaux in casa)...mentre Ranieri ha chiaramente un antipatia personale(vedi ginocchietto..o quella assurda accusa del finale di Cagliari...punti persi tutti dal nostro super mister e non per colpa di Menez)...se vuoi ti faccio il paragone con Foggia...perchè pur essendo uno dei migliori giocatori della Lazio non gioca con nessuno???(non mi tirare fuori storie con il carattere perchè a reggio ,cagliari ed ascoli ha sempre giocato)vedrai ora Reja come te lo mette a schizzo.....la verità è che determinati giocatori devono trovare l'allenatore ideale....scusa gegen ma se pensi che io o Dionigi siamo i classici romanisti rincoglioniti da due giocate...lo sai da solo che ti sbagli di grosso...

    RispondiElimina
  8. Da esterno, mi sembra che Menez, per quanto abbia numeri da vendere, sia più fumo che arrosto.

    Tendo ad appoggiare il pensiero di Gegen. Però devo dire che quella dell'altra sera è una delle poche partite di campionato in cui l'ho visto. Per lo più, finora, mi aveva assonnato in Coppa Italia o Uefa.

    Su Taddei, lo adoro. Ma ci può andare in Nazionale Taddei? Mi son perso tra passaporti e parenti lontani.

    RispondiElimina
  9. non mi piace mai essere d'accordo con gegenschlag, in particolare quando si parla di Roma, ma questa volta devo ammettere di condividere ciò che dice.
    Di certo non è Frau, probabilmente non è il Banana Vagner, ma ancora non mi ha dimostrato nulla di buono. Tre partite convincenti(Chievo, Milan e Udinese) in due anni sono poche. I grandi piedi e le grandi giocate spesso non fanno un grande giocatore. Sabato ha fatto una grandissima partita. Vediamo se si ripeterà. Ha tempo fino alla fine della stagione. Se non convince, per favore, affanculo!

    Scusate il francesismo

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  10. Si bostero ci può andare...ma per quello che mi riguarda vale lo stesso discorso fatto per Amauri.....

    RispondiElimina
  11. ah beh Fornaretto...è quello che sostengo anche IO....facciamolo giocare però!

    RispondiElimina
  12. Precisazione. Condivido con Gegen quanto detto su Menez. Di certo non penso che Dionigi e Nesat siano due romanisti rincoglioniti.
    E se lo sono, di certo meno di me!

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  13. Ok. E ricordo il discorso su Amauri. Dico solo che col senno di poi una palpatina Lippi poteva dargliela in questi quattro anni.

    Alla fine in quel ruolo ora ci sono Camoranesi e Maggio e probabilmente loro andranno in Africa. Il fatto è che Camoranesi sono tre anni che non azzecca un match (per quanto io STRAVEDA per lui). Quindi rimane il solo Maggio...

    RispondiElimina
  14. Secondo me il discorso da farsi è uno solo: vogliamo credere in questo ragazzo (e nel relativo ingentissimo investimento), oppure vogliamo liberarcene?

    Se intendiamo provarci, allora è necessario dargli un minimo di continuità, e peraltro in un ruolo a lui congeniale.

    Farlo giocare come esterno di centrocampo dieci minuti a partita è inutile.

    Se si è alla ricerca di un esterno si venda subito Menez. Altrimenti vediamo di cosa è capace.

    RispondiElimina
  15. Bostero pensa che il buon Rodrigo ha dato la sua disponibilità solo in questa stagione...perchè prima dichiarava spesso di voler giocare con i verdeoro e di non pensare alla maglia azzurra....

    si Tato sono con te... 10 minuti a partita in un ruolo non a lui congeniale....non sono decisamente un banco di prova attendibile...e finora più o meno è andata così...

    RispondiElimina
  16. Si, ho letto ora su Wikipedia:

    "Il 10 settembre 2007 annunciò che, pur avendo il passaporto italiano e non avendo giocato nessuna partita nella Nazionale brasiliana, non voleva considerare la possibilità di giocare nella Nazionale italiana, per "rispetto verso i miei compagni italiani che vogliono indossare la maglia della Nazionale del loro paese". Il 22 febbraio 2009 però, alla medesima domanda che gli era stata posta a seguito del suo gol-partita in Roma-Siena (finita 1-0), dichiarò invece che avrebbe accettato senza problemi una eventuale convocazione di Lippi, il ct della Nazionale italiana."

    RispondiElimina
  17. Ovviamente so che non siete due romanisti rincoglioniti e tantomeno due amanti dei funamboli inutili.
    Detto questo credo che Menez per sia più un costo che una risorsa, in termini soprattutto tattici. Purtroppo il talento non basta più a fare un giocatore, e Menez costringe una squadra a troppi sacrifici non ricompensati nella maggior parte dei casi. Classe ed eleganza ne ha da vendere, senza dubbio, ma finora non ha fatto vedere nessuna sostanza.
    In generale sui francesi penso che non vadano mai comprati a scatola chiusa. Un francese che non abbia giocato almeno 200 partite ad alto livello è una scommessa che pochi club possono permettersi, sono rari i casi in cui l´affare si riveli davvero tale. Lo stesso Gourcouff al Milan, nonostante la classe, non ha trovato spazio.
    Solo wenger pesca bene, ma si affida anche alla legge dei grandi numeri comprando tanti giovani ogni anno.

    Su Foggia che dire? forse il limite è quello di non avere un vero è proprio ruolo. Ala, trequartista, punta? nessuna di queste posizioni sembra essere ideale per lui. Sopportare l´eclettismo di un giocatore è un lusso per una squadra in un calcio tattico e chiuso come il nostro.

    RispondiElimina
  18. a me piace essere d´accordo col Fornaretto.. peccato questa mancanza di reciprocità.

    RispondiElimina
  19. grande Gegen!

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  20. Per la cronaca, Menez a Bologna è stato il migliore in campo. Questa sua ritrovata verve va sfruttata anche sabato, in una partita in cui avere paura non serve a niente. Perchè non abbiamo nulla da perdere, ma un'impresa da compiere, e per le imprese serve gente che sa saltare l'uomo. Voto quindi per vedere Jeremy in campo dal primo minuto contro l'Inter, ma già so che il suo pezzo di campo verrà arato (in tutti i sensi) da Perrotta..

    RispondiElimina
  21. Sconcerti dixit:

    "Ménez è uno splendido depistaggio sui sentieri di questa Roma. Ci mette colore, ma poco di più. Tiene troppo il pallone, pensa il numero anche quando non c’è più spazio. Bel giocatore in teoria, di quelli di cui si discuterà fino alla vecchiaia ma che probabilmente daranno sempre apporti periferici."

    Sconcerti legge LB perché non è la prima volta che prende spunto dalle nostre discussioni.

    RispondiElimina
  22. "Sconcerti legge LB" e questo dovrebbe essere un vanto???

    RispondiElimina
  23. Tutti leggono LB, è questo il vanto..

    RispondiElimina
  24. non è un vanto, è una mera notazione...

    non dimentichiamo che LB è un blog orizzontale per tutti e per nessuno

    RispondiElimina