domenica 31 gennaio 2010

Tacco di Okaka su assist di Pit

Non vincerò mai la Champions, magari neanche un altro campionato, ma almeno questa soddisfazione me la sono tolta..  E ora, almeno, so anche cosa si prova un attimo prima dell'infarto.

9 commenti:

  1. In questa foto Okaka è davvero enorme.

    RispondiElimina
  2. si è vero sembra il dottor Dolittle.
    La mia vicina di posto, 74 anni, dopo il gol ha rischiato grosso. Io ero pronto alla respirazione bocca a bocca. Fratellanza giallorossa

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che gol... geniale. E domani se ne va a Londra. Peccato, per me Okaka non è male (l'unico suo neo per quanto mi riguarda è aver giocato in maglia canarino del Modena).
    Immagino l'infarto.
    Comunque gran gol anche quello di Riise.

    RispondiElimina
  4. A prendere tra le proprie grazie le scommesse più difficili qualche volta - poche volte- si hanno enormi soddisfazioni.

    Come sapete, Okaka è da tempi immemori il mio pupillo prediletto. Per i suoi comportamenti, per la sua storia da libro cuore e per aver sempre visto (o voluto vedere) nelle sue pause in campo, nei suoi errori talvolta grossolani, le sue recondite qualità.

    Oggi è il suo giorno, splendido ed inatteso.

    Io gongolo, Roma gongola, mentre il nostro giovane panzer vola a farsi le ossa a Craven Cottage.

    Speriamo che l'aria salmastra del Tamigi gli ricordi l'Olmpico, ed una domenica in cui la classe operaia va in paradiso.


    Arrivederci Stefano, perchè esistono eccome neri italiani, purchè sappiano il significato di una parolina magica: rispetto.

    RispondiElimina
  5. Bello il lapsus freudiano/spallettiano di Tato: comportamenti non lo sentivo da tempo!


    @ doretto: non credi che Okaka dopo questo gol si meriti un tuo lavoro?
    Pensavo che potesse incarnare bene la coppia presidenziale americana riuscendo perfettamente ad incarnare BARACK E MICHELLE OKAKA.

    RispondiElimina
  6. Grande Dionigi!
    Mi è bastato leggere il titolo per sapere che si trattava di un tuo post!

    Magico Stefano, ancora più bello perchè mai ce lo saremmo aspettati.
    Ma tant'è, è questo il bello del calcio, l'inaspettato che si materializza come naturale, il gesto fino a quel momento neanche pensato che si mostra, poi come l'unico possibile....

    Un saluto a tutti, bravissimi.

    Albis

    RispondiElimina
  7. Grazie caro Albis (anche se, quella virgola mancante..) e benvenuto, anche se so che sei un lettore della prima ora. E' il caso di sottoscrivere le tue parole perchè dopo averlo visto sbagliare ventiquattro cross tutti uguali in sei minuti netti era davvero imperscrutabile il fato che ha messo sul piede sinistro del giovane Pit l'assist per il gol più bello dell'anno.

    Un gol che vale un triplete.

    Attendiamo dunque con ansia succosi monday night nei quali il nostro gigante Stefano, novello eroe di Swift, schiaccerà i fastidiosi lillipuziani albionici.

    RispondiElimina
  8. oh mio Dio.... sento gia i 7 squilli di tromba e vedo gia cavalcare i 4 cavalieri...è il tempo dell'apocalisse vi dico!pentitevi peccatori.......

    non trovo altre spiegazioni plausibili a quanto successo domenica scorsa........

    RispondiElimina