lunedì 25 gennaio 2010

Premessi brevi cenni sul weekend

Qualche considerazione sulla nuova classifica:
  • ieri sera l'Inter ha stravinto, va detto. I nerazzurri, pur giocando in dieci tutta la partita, hanno fatto bottino pieno. Manca un rigore per mano di Maicon al Milan, ma, a mio avviso, l'ammonizione a Lucio che ha scatenato l'espulsione giusta di Snejder era del tutto inventata. Il Milan paga un errore di Abate e un Dida che non sa posizionare la barriera se stesso;
  • R per Vendetta: la piccola Roma di Claudio Ranieri stende a domicilio una Juventus senz'anima. Il tecnico testaccino non sarà un vincente, ma credo abbia la capacità di far si che le sue squadre giochino sempre un calcio semplice e produttivo. Non è da escludere che la sua Roma replichi le stagioni da oltre 70 punti della scorsa Juventus;
  • il Napoli fa sempre più paura. E' impressionante la naturalezza con cui va a prendersi i tre punti a Livorno con una squadra anche un po' rimaneggiata. Dove vuole arrivare Mazzarri?;
  • dietro i partenopei un buon Palermo. Sono contento non per Zamparini, bensì per Delio Rossi. Uomo vecchio stampo che ancora ha premura di insegnare calcio;
  • sulla Juventus poco da dire. Solo non credo che tutte le colpe siano di Rambo Ciro. Il problema è strutturale. Non capisco che serenità possa dare il mantenere un allenatore solamente per mancanza di alternative (chiaramente nessuno è tanto pazzo da traghettare una barca per metà già inabissata). Questa incredibile serie di errori tecnici e societari non accenna a finire. Inoltre, lo juventino Mughini ieri sera a Controcampo poneva l'accento su un dato allarmante: se si escludono le prime 4 partite della stagione (bottino pieno per Ferrara) la squadra ha un curriculum da dodicesimo posto;
  • Genoa, Sampdoria e Fiorentina hanno deciso di proseguire appaiate. Stanno lì a specchiarsi a vicenda, per scoprire chi è la più discontinua del reame;
  • si conferma un Guidolin da "sola andata";
  • è un grande Bologna;
  • è una strana Udinese: con il Catania lanciato alle spalle sta rischiando forte.
E poi all'estero:
  • sirene blaugrana per Wayne Rooney;
  • gomitate a Malaga firmate C. Ronaldo e il Barca ride godendosi un Dani Alves strepitoso a Tenerife;
  • divorzio Robinho - City;
  • debutto di Roberto Carlos nel Corinthians che piega l'Oeste a domicilio nel paulistao.

29 commenti:

  1. Ha ragione Gegen, questa Juve scoppiettante dimostra solo una cosa: Calciopoli non è mai esistita.

    Dico solo che, per me, altro che Hiddink, Zoff o Vialli, l'unico che potrebbe salvare il salvabile alla Vecchia Signora è Bertolaso.

    Il Milan è stato orrendo, per colpa del suo allenatore (?) con la voce di Michelle Hunziker. Cosa aspettava a mettere pressione all'Inter con un paio di giocatori d'attacco in più? Mentre Snejider applaudiva l'arbitro come se fosse Emma Dante alla Scala (rivista nel replay, espulsione sacrosanta), Leo già doveva mandare SuperPippo a scaldarsi. Spero bene che Berlusconi si sia fatto sentire negli spogliatoi, tatuando al brasiliano il suo credo delle (almeno) due punte. Si salvano solo Borriello e Pirlo, che mi auguro saranno i pilastri della spedizione azzurra in Sudafrica.

    Sulla Roma non mi pronuncio, perchè ancora non mi è tornata la voce che ho perso al gol di Riise.

    Occhio al Parma, serio candidato alla retrocessione. Al riguardo, non mi dispiacerebbe affatto un lento declino friulano. Il Catania, invece, ha confermato tutto quanto di buono avevamo detto la settimana scorsa.

    Infine, è bello che Pozzi abbia rubato il posto a Cassano: una bella rivincita per il centravanti spilungone dopo che nel concorso Gillette gli era stato preferito Paloschi.

    RispondiElimina
  2. Sul derby, con un'Inter dimezzata e un Milan che va avanti a 3/4 gol a partita, avevo pronosticato un tracollo nerazzurro. In effetti, se ho deciso di smettere di andare alla snai un motivo ci sarà. Scherzi a parte. L'Inter mi sembra un rullo compressore. Concordo col fatto che l'espulsione di Sneijder sia sacrosanta. L'arbitro, tuttavia, è apparso in generale inadeguato per un derby (no, perchè adesso mi dovete spiegare il rigore. Io mica l'ho capito). Il Milan è forse nelle mani di un allenatore ancora troppo inesperto per affrontare d'amblè un campionato di altissima classifica. Inoltre: non è che si gioca tutte le domeniche col Siena. Su Dida: un portiere che su una punizione così nemmeno si butta dovrebbe farsi delle serie domande.

    Juve-Roma non l'ho vista. Posso solo dire che sono contento per Ranieri e la sua "vendetta"; la Roma adesso fa davvero paura, peccato solo per l'infortunio di Toni. La Juve mi dà invece la sensazione di avere un problema simile a quello del Bologna: se la squadra va male, relative sono le colpe di giocatori ed allenatore, secondo me manca proprio un progetto serio, o meglio la capacità di prendere decisioni univoche, coerenti, a livello societario, anche perchè non si è ancora capito bene chi decide e se chi decide conosce un minimo il calcio. Inoltre. Diego è stato osannato ed incensato per tutto agosto come fosse l'acquisto fenomenale e risolutivo, ed ora ovviamente - viste tali premesse - delude o non rende quello che ci si aspettava, quando in realtà continua ad essere un buon giocatore che (ricordiamolo) è il primo anno che gioca in Italia; per Felipe Melo, discorso simile, probabilmente acquistarlo dopo una sola buona stagione a Firenze ed impostarci il centrocampo è stato un errore madornale; Amauri è un altro giocatore per me troppo sopravvalutato, che ha perso feeling col gol e che a mia memoria non gioca una partita decente da uno Juve-Milan del dicembre 2008; Iaquinta è infortunato dalla notte dei tempi; Del Piero inizia ad avere la sua età e risente di uno scarso impiego come titolare; la difesa dimostra finalmente di essere mediocre (Grosso è inguardabile, Legrottaglie per me non è mai stato forte, a Cannavaro non capisco bene cosa sia successo, non parliamo di Grygera, Zebina e quant'altri); gli acquisti di gennaio sono stati Paolucci (che faceva la panca a Siena) e Candreva (probabile consiglio di Lippi, ma troppo giovane e con poca esperienza in A per essere lanciato in questo marasma); Ferrara è un allenatore la cui precedente esperienza su una panchina credo che sia stata solo quella di vice di Lippi a Germania 2006, stesso discorso di Leonardo, ma credo che esonerarlo ora sarebbe l'ennesimo errore della società.

    RispondiElimina
  3. Non posso che essere contento per il tracollo del Parma e di Guidolin, annunciato da mesi; ora è davvero seria candidata alla zona retrocessione, tra qualche domenica. Ma in B non finirà mai.
    Ottimo ahimè il Napoli (ma Mazzarri non doveva venire a Bologna al posto di Papadopulo?... mannaggia).
    L'Udinese dimostra come tante volte esonerare un allenatore non serva a niente, tanto più se il sostituto è DeBiasi.

    Miracolo Bologna. Tre punti importantissimi. Abbiamo trovato il fenomenino uruguagio Gimenez, finalmente un giocatore giovane, veloce, che salta l'uomo, che segna; peccato che inizi a giocare solo ora, avrebbe fatto comodo anche nel girone d'andata avere uno così. Il suo scarso impiego nelle scorse 20 giornate è uno dei tanti misteri rossoblù. Bene anche l'esordio di Modesto. Se fossi in Colomba non aspetterei aprile per vedere che cosa può dare il giovane Savio. Ora i Menarini o chi per loro dovrebbero prendere un regista non dico fenomenale, anche solo onesto (attualmente il gioco a centrocampo è impostato da Guana e Mudingayi...): sarebbe l'ideale. Se poi Lanna e Zenoni venissero messi fuori rosa o ceduti in Lega Pro (quella è la loro naturale collocazione) e Di Vaio facesse un po' più il Di Vaio, questa squadrina potrebbe fare buone cose - ma calma con gli entusiasmi, chè di salvezza parlo poi quando mi darà ragione la matematica.

    Scusate la prolissità e state benone.

    RispondiElimina
  4. Sull'esperienza di Malesani a Siena, invece, tutto come da copione...

    Aggiungo, Osvaldo ha esordito con gol o sbaglio?

    RispondiElimina
  5. Per Malesani vale il discorso di DeBiasi.

    Osvaldo ha segnato, ma per quanto mi riguarda sta bene lì dov'è.

    RispondiElimina
  6. Visto che Truffaut non l'ho mai sopportato.. fatemi sparare sul pianista.. anche se dopo il derby è troppo facile.. a parte l'impermeabile stile ispettore Derrick.. a parte guardare sempre in camera grattandosi il mento come Lilligruber.. dovrebbe anche fare l'allenatore.. Ed allora ecco che Ronaldinho non torna e Ambrosini deve sempre scendere in aiuto di Antonini aprendo un buco sulla sinistra dove ci sguazza Sneijder.. Ed ecco che siccome loro in difesa hanno due come Cordoba e Lucio (che o anticipano o nisba..) gli si oppone lo statico Borriello e non lo sgusciante Inzaghi.. viva Mourinho e scusate lo sfogo..
    La crisi della Juve e la rinascita della Roma secondo me hanno solo un nome.. il papà di Davide Lippi.. che dopo avere fatto andare via Ranieri per prepararsi il ritorno come dg ha fatto prendere due ex come Grosso e Cannavaro e ha poi inferto l'ultimo colpo mortale "consigliando" l'acquisto di Candreva (l'hanno scorso panchinaro in B e quest'anno in nazionale dopo 3 o 4 di A) a 17 milioni..chi doveva seguire Riise al 47' s.t. ??? E mentre Sandra Milo gridava "Ciro, Ciro" sabato sera anche London was burning ...

    RispondiElimina
  7. La difesa rossonera ieri sera era composta per 3/4 da Abate Favalli Antonini: c'è altro da aggiungere?
    Farebbero fatica a trovar posto nel Palermo...
    Ieri qualche errore l'ha commesso (non inserire subito un'altra punta, ad esempio), ma resto dell'opinione che Leonardo abbia tirato fuori fin troppo da questa rosa, carente in più punti e infarcita di campioni (chi più chi meno) sul viale del tramonto (Ronaldinho, Beckham, Ambrosini, Pirlo) o tramontati da un pezzo (Oddo, Zambrotta, Gattuso); merito di una società che ormai da anni rinuncia in partenza a competere per vincere, limitandosi a puntare al posticino Champions al solo scopo di garantirsi un vitalizio economico...

    Lasciatemi infine sottolineare che trovo Mourinho umanamente una merda e non lo penso nè da ieri nè da milanista, ma da quel Chelsea-Barcellona del 2006, con tutti quei piagnistei post-partita per l'espulsione (sacrosanta, peraltro) di Del Horno: nonostante l'anno prima avesse rubato la qualificazione proprio ai blaugrana, nonostante il suo Porto campione d'Europa passò a Manchester solo grazie ad una clamorosa svista arbitrale. Quando si suol dire "la faccia come il culo"...
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. l'avevo detto che sarebbe stata una settimana di merda:

    http://www.romagnaoggi.it/sport/2010/1/25/149681/

    RispondiElimina
  9. D'accordo con Flavio: Oddo, Zambrotta e Gattuso sono più che pronti per scendere di una o due categorie. Su Favalli, invece, sinceramente mi aspettavo peggio. Danni colossali non ne ha fatti e di fronte aveva Milito...

    Sull'atteggiamento di Mourinho nei doppi scontri con il Barcellona non mi esprimo. Cito solo il tutta pagina di Mundo Deportivo dopo il 2 a 2 firmato Drogba al Nou Camp: "Ora ti odiamo quasi quanto Figo".

    RispondiElimina
  10. Non sono d'accordo con le critiche a Mourinho. La sua è l'interpretazione della strategia della tensione calcistica che in italia paga tanto, ma è anche un grande merito, il merito di metterci sempre lui la faccia polarizzare l'attenzione su di se riusciendo a togliere ai calciatori il dilemma di essere individui responsabilizzati. è una tirannia del protagonismo la sua che toglie, cristologicamente, la possibilità ai calciatori di commettere il peccato di pensare e di interrogarsi su se stessi. Mourinho fa squadra, fa società, fa anima.

    RispondiElimina
  11. Un derby così l'ho sognato per anni. Uno di quelli in cui ti trovi al fischio finale e dici: "no aspetta che mi sembra di sentire odore di caffè latte.. sarà mica già mattina?"

    Ieri sera ho visto una squadra giocare da grande e l'altra a rincorrere. Il Milan champagne, dei meravigliosi, la squadra che gioca meglio di tutti in Italia.. scusate ma.. io non ci credo più. Sembra che all'Inter i risultati arrivino solo per caso mentre il grande Milan con giocolieri, gauchi e piedi d'oro dipingano il calcio a pennellate eleganti..ieri sera è parso più che altro un circo di periferia, con un domatore incapace di far ruggire i suoi leoni che al contrario hanno miagolato per novanta minuti.. nonostante la superiorità numerica.

    Ieri sera alla fine della partita ho ripensato ai miei 15 anni.. alle partite di coppa Uefa contro il Guingamp alle 5 del pomeriggio e le sgroppate di Ciccio Colonnese dietro a qualche attaccante mediocre..

    E invece ieri sera l'Inter si è fatta bella, ha messo il suo vestito migliore, il suo rossetto più sensuale, il suo profumo più avvolgente e sedendosi al pianoforte mi ha cullato con l'Arabesque di Debussy..

    Grazie Ragazzi.

    RispondiElimina
  12. Andiamo con ordine, che qui c'è qualcuno che mette molta carne al fuoco:

    - Malesani avrebbe dovuto ritirarsi dopo la sconsolata discesa agli inferi con l'Hellas Verona. Da quel momento è segnato, anche oltre i suoi demeriti, e le sue squadre con lui. E comunque, la scomparsa del Siena dal calcio che conta non sarà uno di quegli avvenimenti che fanno epoca.

    - Greezo, a me Modesto è sempre piaciuto, e mi dispiacque il suo non arrivo alla Roma, dopo mesi (sic) di corteggiamento (Pradè neanche questo ha fatto). Tutt'oggi sarebbe un ottimo vice-Riise, ma farà bene anche da voi.

    - Zio, bè, è plausibile la tua ricostruzione Lippi-centrica, e se così è, allora, l'anno prossimo gli faranno pagare il conto. Comunque grazie per aver citato Sandra Milo, spero che Google la associ al blog quando uno la cerca..

    - Flavio, mi sembri troppo critico col Milan, tutto d'un colpo; se ieri avesse vinto (e con un allenatore qualsiasi in panchina avrebbe vinto. Anche con Sandra Milo avrebbe vinto) e fosse così potenzialmente in testa, diresti le stesse cose? Comunque è mancato Nesta, e un paio di terzini veri in difesa, questo è sicuro. (Ma per consolarti, guarda che gol ha preso la Costa d'Avorio ieri contro l'Algeria, una difesa peggiore la si trova sempre).

    - Su Mourinho posso aggiungere poco a quanto dico sempre. Mi sta antipaticissimo, Gegen lo sa, tutti lo sanno. Detesto questo suo fare sempre troppe polemiche: una va bene, ok, l'hai fatta, hai detto una cosa (costruita ma) simpatica, provocatoria, originale, ma perchè poi continuare? Ieri, per esempio: ti lamenti per l'arbitraggio, quando in realtà hai poco di cui lamentarti; che bisogno c'è poi di tirare in ballo Totti? O di infangare la serie A? O di fare il piagnisteo da straniero incompreso?
    Però è uno in gamba, che sa fare il suo bel lavoro, c'è poco da dire.

    - Sir Lope (..), dici così anche perchè sono finiti i tempi in cui abitavi sopra il karaoke, e sul Naviglio ogni sera non si dormiva mai..comunque sì, goditi questo derby impeccabile e storico, ma non sognare troppo perchè i tempi dell'Helsingborgs, di Darko Pancev e Julio Velasco ci mettono poco a tornare..grazie a te!

    RispondiElimina
  13. Tutti dite che l'espulsione di Sneijder è sacrosanta, sicuramente l'olandese non ha brillato per intelligenza, ma è realistico oggi mutilare una partita per un vaffa?
    Io credo che la parolaccia oggi sia da intendere in una maniera un po'più laica. Perché mutilare una partita per una parola che nella vita di tutti i giorni pesa meno di zero?
    Bisognerebbe utilizzare uno strumento più efficace e meno controproducente per lo spettacolo magari una sanzione patrimoniale 30.000 a turpiloquio e vedi come tutti starebbero più tranquilli.

    RispondiElimina
  14. Io dico espulsione sacrosanta, non importa che il giocatore sia Sneijder dell'Inter o Pulzetti del Livorno o che la partita sia Inter-Milan o Albinoleffe-Sassuolo. Sacrosanta proprio perchè Sneijder non ha brillato per intelligenza e si è reso protagonista di una scenetta ridicola (ma poi, per cosa? perchè nell'azione precedente l'arbitro l'aveva ostacolato? O perchè ha ammonito Lucio per una simulazione a centrocampo? mah, mi sembrano motivi così stupidi...). Premessa a tutto ciò: l'arbitro ha il cervello di un bimbo delle elementari che porta il pallone al campetto e vuole essere protagonista a tutti i costi. Insomma, Sneijder è stato quanto meno avventato a provocare in quel modo quel pazzo in casacchina gialla, inadeguato per una partita di questa importanza, tanto più pericoloso perchè in tasca aveva due cartellini e poteva disporne a piacimento o a tiramento di sedere.

    Su Mou non mi pronuncio, chè in una stagione e mezzo ancora non ho capito se sia un genio o un cretino.

    RispondiElimina
  15. Comunque Snejider non l'ha espulso per il vaffa, ma per l'applauso di due minuti. Per me ci può stare, eccome.

    RispondiElimina
  16. io credo che ci siamo scordati di menzionare un dato emerso da questa giornata sportiva, ovvero che la Lazio ha un piede in serie B.
    Gioca il peggior calcio del campionato, non ha praticamente uno schema offensivo, l'ambiente è distrutto, la qualità media della rosa è da retrocessione e l'allenatore sta facendo di tutto per peggiorare le cose. Aggiungerei inoltre che le concorrenti sono fin troppo agguerrite per non preoccuparsi. Considerato un Chievo già quasi salvo (28 punti e un ottimo calcio espresso dall'undici di Di Carlo), vedo un Bologna che con Colomba sta andando alla grande, un Livorno in netta ripresa (bisogna vedere cosa succederà con il dopo-Cosmi), un Catania travolgente (attenta Roma domani). Secondo me nelle ultime giornate sarà una battaglia a tre tra Lazio, Atalanta ed Udinese. Se ne salverà solo una. Sembra la pubblicità dell'isola dei famosi. In verità, è qualcosa di molto peggio. Roba da botte di valium e malox a fiumi.
    Aprile e maggio non sono così lontani.

    Un caloroso saluto a tutti
    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  17. hai ragione fornaretto, io temo davvero e lo dico da mesi. La migliore notizia di ieri è stata le dimissioni di Cosmi, una manna, ora Spinelli (l'unico uomo che ha superato la fantasia di moliere) richiamerà ruotolo e il livorno dovrebbe riprendere il declino che aveva prima di Serse.
    Lo scontro diretto con l'atalanta è stato rivelatore della miseria biancazzurra di quest'anno.
    Fornaretto ti prego, condividi con noi del blog il tuo illuminato auspicio per ferrara.. semplicemente geniale

    RispondiElimina
  18. Concordo con Flavio sui presunti campioni che passeggiano oramai da tempo lungo il viale del tramonto.. Sulla società che spaccia il 23enne Abate e il 27enne Antonini come giovani e sulla stampa che scodinzolando acconsente non mi pronuncio.. Ma se Leo decide di schierare Favalli e non dare fiducia a Darmian (20 anni, tutta la trafila nelle nazionali giovanili e poi.. in prestito al Padova) la responsabilità è sua..
    Sull’altra sponda del Naviglio invece Mou ha fatto esordire Santon e Krhin (che in due non hanno l’età di Gattuso..).. e qui la scelta di scavalcare la cortina di ferro (genio o cretino) s’impone.. Più che tiranno del protagonismo.. che attira cristologicamente su di sé le ire di Biscardi per redimere la squadra dal mortale peccato del libero arbitrio (cosa che con molto successo fanno tecnici di elevata caratura come Capello, Lippi o Ferguson.. loro sì fedeli della Lettera ai Romani) a me pare invece l’oltreuomo nietzschiano che viene a rivelarsi a noi.. e su di noi impone la sua volontà di potenza.. solo tra secoli ce ne accorgeremo..
    Dispiace per gli amici blaugrana (e se volete tirargli una testa di maiale la prossima volta che viene al Camp Nou ne faremo insieme un’allegra porchetta) ma al di là di cadute di stile (come Beretta / Barnetta).. uno che faceva l’interprete di Sir Bobby Robson e si presenta agli inventori del football come lo speciale.. uno che regge ad armi pari la sapienza dialettica di Ferguson e che fa entrare illegalmente il suo cane in Inghilterra per non sottoporlo a quarantena (e soprattutto lo chiama Gullit, il cane..) mi pare abbia superato la condizione umana.. E quando poi sceso in Italia accusa i giornalisti di essere soggetti a prostituzione intellettuale.. così.. tanto per gradire.. beh.. è uno che è venuto a liberarci dalla tirannia dell’uomo triste e rancoroso e ad insegnarci a danzare con gioia.. e perciò noi, io per primo, non lo possiamo capire..

    RispondiElimina
  19. Va anche considerato il suo merito di non essere un ex calciatore e quindi di poter quasi sabotare l'ambiente. Il suo non conformismo nasce dal non essere parte del gioco, ma un osservatore, un freddo colonizzatore di un mondo di stolidi.
    Sull'interpretazione Nietzscheana sono d'accordo, ma non si può non considerare il surplus di magia logico-intellettuale, le sue sono frasi da Wiener Kreis, da capitale della decorazione, il suo linguaggio è fatto di funzioni, provocazioni di eterna sublimazione della vittoria e della sconfitta nel fiume della betise. Il calcio italiano lo ha in mano lui, il circo gira intorno a lui. La prostituzione intellettuale poi è la definizione più azzeccata della stampa italiana dell'ultimo secolo.
    Grazie Mou

    RispondiElimina
  20. Concordo a pieno con l'analisi del personaggio Mou, anche se serbo ancora dei dubbi sull'allenatore Mou, perchè a mio modesto parere non può essere probante un campionato (ahinoi) mediocre come quello in corso per una squadra che da sola investe più o meno quanto investono le altre "grandi" tutte insieme.

    Ciò detto, attendiamo il responso dell'incontro-scontro con Ancellotti per capirne di più.

    La dialettica da voi poc'anzi proposta ha snocciolato a dovere la figura e l'estitica del personaggio in questione, e devo dire che ritengo anch'io che nella sua scoraggiante arroganza e nel suo protagonismo militante ci sia in fondo più di quanto traspare.

    Ciò detto, la constatazione che va però senz'altro fatta è una ed una sola: Mou è incontrovertibilmente uno stronzo.

    RispondiElimina
  21. Caro Gegenschlag,

    purtroppo quello che tu chiami "illuminato auspicio per ferrara" non è farina del mio sacco.
    A fine partita, ho ricevuto un messaggio dalla mia fidanzata, che da Londra mi diceva: "Ferrara sulle orme di Pessotto".
    L'ho sempre amata, da sabato sera l'amo ancora di più

    Il Fornaretto

    RispondiElimina
  22. Sicuramente Mou non è uno stupido. Credo sia tra i migliori 5-6 attualmente. Tuttavia, c'è da dire che quest'anno ha sbagliato parecchio. Non dimentichiamoci che ha una corrazzata a confronto degli altri (anche in Europa). Eppure qualche partita e qualche primo tempo li ha letteralmente regalati all'avversario. Un ultima cosa, non mi piace la gestione di Santon e Balotelli.

    RispondiElimina
  23. Per me, Mourinho o non Mourinho, il Chelsea farà polpette dell'Inter.
    Ma tanto io non azzecco mai un pronostico...

    RispondiElimina
  24. ElSeniorDionigi: posso assicurarti che la mia critica alla società rossonera non spunta all'improvviso dopo la debacle del derby, ma è frutto di constatazioni e valutazioni che vanno avanti dall'estate 2006. Il quadro generale è piuttosto chiaro a gran parte del tifo rossonero, diciamo quella che corrisponde al profilo "nonMauroSuma" : ridimensionamento, dovuto sia al disimpegno economico della proprietà (a quanto pare gli eredi, in particolare Marina, ritengono ormai il Milan più un fastidio che altro) sia all'incapacità di Galliani di portare avanti un progetto competitivo senza poter contare sul potere d'acquisto garantito da Berlusconi. Le ultime quattro campagne acquisti sono una sintesi di questa situazione: pochi soldi e spesi male (Oliveira, Oddo, Zambrotta, Ronaldo, Ronaldinho, Huntelaar) con le felici eccezioni di Pato e Thiago Silva, portati, guarda caso, da Leonardo, così come Kaka (quando ci ha provato Braida a far acquisti in Sudamerica è tornato a Milano con un allegro carico di fenomeni parastatali quali Grimi, Viudez, Cardacio, Mattioni). Nel frattempo i protagonisti del ciclo Ancelottiano hanno tutti varcato la soglia dei 30 ed il divario con l'Inter e le grandi Europa si fa ogni anno più evidente in quanto puntualmente si preferisce ricorrere a dei tappabuchi anzichè rimediare alle gravi garanze della rosa, sia nei titolari (es: Beckham, o Abate arretrato terzino) che nelle riserve (es: Favalli a sostituire Nesta). Voglio proprio vedere dove andranno a parare quando non ci sarà più nulla da raschiare in fondo al barile...
    Ciao!

    RispondiElimina
  25. Quasi quasi potrei spingermi a dire che Mourinho, dopo Fernando Pessoa (che comunque è nato 1888), è il più grande portoghese nato nel secolo scorso.

    Flavio: Dammi un tuo recapito che ti mando Lotito immediatamente a moralizzare e didascalizzare il Milan.

    RispondiElimina
  26. Non spingerti: non renderesti giustizia ad Abel Xavier. Indimenticato protagonista dei campionati portoghese, italiano, spagnolo, olandese, inglese, turco, tedesco, di nuovo italiano (te lo ricordi, Tato? E voi Nesat e Dionigi?), di nuovo inglese e americano.

    Io non lo dimentico.

    RispondiElimina
  27. Per chiudere il cerchio perchè non portare l'ossigenato Abel Xavier al Milan? L'età, 38 anni, è quella giusta.. potrebbe fare compagnia a Favalli.. andare con lui a pesca nel Lambro o alla bocciofila dell'Arci di via Besenzanica.. L'ultima squadra, i Galaxy, è quella giusta, potrebbe ridere degli ultimi gossip su Donovan con Beckham mentre passeggiano in Via Montenapoleone.. anche Abel è stato sempre molto attento al fashion come ricorderete a Roma.. Quanto al calcio giocato.. beh.. alla società rossonera è sempre parso l'ultimo dei problemi.. Vedi gli acquisti marketing di Goldenballs e Dentinho..
    Sul fronte societario.. mi pare che i passivi di bilancio di una squadra di calcio siano detassabili dalla società madre (se il Milan chiude a -50 Mediaset paga 50 in meno di tasse).. dubito quindi che al di là degli allarmi lanciati dai Maurosumas, Piermarina o Piersilvio se ne vogliano davvero liberare..
    Ah, un'ultima cosa.. Abel Xavier s'è appena convertito all'Islam.. "dopo un periodo tribolato ho trovato conforto nell'Islam, a poco a poco ho imparato a conoscere una religione che professa pace, giustizia, libertà e speranza" anche politicamente il suo acquisto diventerebbe debordante e sovversivo..

    RispondiElimina
  28. Wow!2 minuti per il blog!......
    L'espulsione di Sneijder è sacrosanta se non altro perchè Rocchi dopo i vaffanculo in 22 dialetti diversi e i 92 minuti d applausi,ha fatto finta di nulla si è girato ed ha alzato la mano come per dire "Vai ,vattene non ti voglio buttare fuori"si è rigirato e Sneijder tanto forte quanto ebete... era ancora la a battere le mani......e mi parlano del buonsenso del direttore di gara???parlano di cartellino giallo???ma le sanno le regole??

    ovviamente l'Inter con Snejder in campo avrebbe tranquillamente replicato l'andata.

    Mourinho è un genio.....con qualche caduta di stile...ma comunque un genio.....diverso da alcuni suoi colleghi mezzi effemminati che parlano per luoghi comuni.Per me se Josè allenasse il Siena il Siena sarebbe gia quasi salvo non è solo uno che muove la bocca è anche un grande allenatore....

    Leonardo al milan fa quel che può...con quello che ha.....Abate è un ottimo esterno e un pessimo terzino....Antonini è antonini..e Favalli a 49 anni è ora che si troviun hobby meno faticoso...Dida è ridicolo(Storari se lo magna)..........(CONTINUA)

    RispondiElimina
  29. .......La Roma a Torino ha fatto il suo... è veramente in un ottimo momento e per quanto non lo sopporti sono contento per Ranieri(certo senza scordarmi che lo scorso anno il "testaccino"durante la vittoria all olimpico si abbracciava e baciava Del Piero)......Mazzarri è veramente un fenomeno è riuscito a dare a questo Napoli la stessa forza di quella "disperata"Reggina di qualche stagione fa. Delio Rossi può seriamente portare il Palermo in Champions(Zamparini permettendo),sono davvero contento per un giocatore onesto come Liverani(per cui stravedo) che è tornato sui livelli di Perugia......Ciro a papà ha perso 8 partite di cui 4 in casa,con la moglie di quale dirigente deve essere beccato per essere finalmente esonerato??ah Fornaretto LA TUA RAGAZZA HA VINTO IL PREMIO BATTUTA DEL 2010 SU LACRIME DI BORGHETTI.....Guidolin riposa per la volata finale,non riesco ad inquadrare il Bologna squadra di pippe o si salva tranquilla??e scusate ma quello di Gimenez non era un caso??
    Rooney al Barca??magari così la smette di rompere la minchia al City.

    RispondiElimina