domenica 31 gennaio 2010

La sedia del dentista



Mai come nei giorni del ciclone Terry occorre raccontare la storia di uno scandalo, di un gol e di un'esultanza. La nostra mente, dunque, non può non correre al più alticcio clown calcistico dell'era moderna: Paul Gascoigne. La trama del copione è sempre la stessa: scandalo, goal e catarsi... Catarsi incarnata da una delle esultanze più fotografate degli ultimi anni. Cominciamo con ordine. La storia inizia qualche tempo prima di Euro '96, una manifestazione generazionale per i sudditi di sua maestà, uno spettacolo architettato per presentare al mondo la nuova Cool Britannia calcistica, a trenta anni dal titolo mondiale e, soprattutto, ripulita dopo le sanzioni subite a causa del noto fenomeno ultras. Nel periodo immadiatamente precedente al torneo la nazionale inglese, per sfuggire le pressioni interne, si rifugia in oriente per preparare come si deve la competizione casalinga. L'oriente, nella percezione europea, è spesso associato alla calma, all'armonia interiore che si riflette nel rapporto strutturale tra natura ed essere umano; insomma, sembrerebbe proprio il luogo adatto dove preparare una missione da compiere, un'impresa da realizzare. La storia narra, invece, che una sera i giocatori decidono di uscire e, in barba ai principi taoisti, decidono di darsi alla pazza gioia nel China Jump Club di Hong Kong.


Quella serata non potrà essere facilmente dimenticata poiché fu teatro dell'immortale rito della dentist's chair, ovvero un drinking game dove il protagonista-paziente, immobile su una sedia inclinata, viene irrorato di un miscuglio alcolico direttamente nel cavo orale da un improvvisato dentista. La storia, che fece il giro del mondo, è anche riportata in Addicted, famosa biografia di Tony Adams, dove si narra che tra le pazienti di questo improvvisato laboratorio odontoiatrico vi fu anche la spice girl Geri Halliwell, che si sottopose con piacere alla visita di Dr. Gazza e compagni i quali, in ossequio al giuramento di Ippocrate, la visitarono dalla testa ai piedi facendo scorrere fiumi di tequila sul corpo nudo della disponibile paziente. Gli strani metodi del Dr. Gazza non furono proprio salutati con favore dalla comunità, scientifica e non solo, britannica e, ancora oggi, l'episodio è ricordato come l'epitome della dipendenza da alcol, della bassezza personale e umana degli inglorious footballers d'oltremanica (se aggiungiamo anche che il volo di ritorno della Catahy Pacific fu messo a ferro e fuoco da alcuni giocatori sbronzi che con le loro devastazioni causarono migliaia di sterline di danni, possiamo capire che il ritiro della compagine di Venables non fu proprio all'insegna della concentrazione e della tranquillità). Come detto tante volte, però, è proprio il campo a fornire la catarsi alle malefatte dei calciatori (Terry docet). L'occasione per il Dr. Gazza e i suoi assistenti si presentò il 15.6.1996, la partita è un classico Inghilterra - Scozia e la cornice è quella di Wembley. Insomma, football is coming home - come diceva l'inno dell'europeo - alla massima potenza.

L'equilibrio è rotto da un lampo di genio del talento di Newcastle, che lanciato da Psycho Stuart Pearce salta un Hendry immobile come un cardo scozzese con un morbido sombrero e infila il pallone in rete con un preciso tiro al volo. Da lì in avanti il delirio. Gazza con un look biondo platino a metà strada fra Sick Boy di Trainspotting e Ezio Greggio alza le braccia al cielo, corre e si lascia cadere sulla morbida erba del tempio londinese. I compagni corrono, lo accerchiano, spunta un borraccia e Sheringam gli spruzza un cospiquo getto d'acqua in bocca, a mimare proprio la dentist's chair tanto vituperata. Il cerchio dunque si chiude, e l'immagine di Gazza in posizione da paziente è perfettamente speculare a quella che lo vedeva maestro di cerimonie del delirio orgiastico in quel di Hong Kong. Insomma, quella del dentista è solo l'ennesima maschera indossata dal più grande dioniso del calcio, perché solo se sei capace di giocare al dentista con i tuoi amici al bar puoi fare un gol così.

12 commenti:

  1. Bellissimo aneddoto, che per una volta rende LB più pub che bar sport.
    Prima domanda: ma che ci faceva Geri Halliwell a Hong Kong?
    Seconda domanda: tu pensi che le stesse cose accadano anche a Casa Azzurri?
    Terza e ultima domanda: come festeggeranno il gol di JT al prossimo Mondiale?

    RispondiElimina
  2. Le risposte:

    1. -CENSORED-PARENTAL ADVISORY WARNING-
    2. Ovvio. Io lo do per scontato
    3. -CENSORED-PARENTAL ADVISORY WARNING-

    RispondiElimina
  3. Io a Gazza gli voglio bene. Come a tutti i calciatori alcolizzati britannici (forse perchè mi rivedo un po' nella condizione di calciatore alcolizzato).
    Inoltre, episodio di qualche anno fa (vado a memoria e spero di essere il più aderente possibile alla realtà, se qualcuno se lo ricorda meglio mi corregga). Su internet inizia a circolare la notizia che Gazza sia scomparso, che neanche la sua famiglia sappia dov'è. Poi, addirittura, che sia morto. La notizia corre, i tabloid si scatenano. Un giornalista chiama a casa di Gascoigne, o di qualche suo parente, insomma, risultato: risponde il cognato. Domanda del giornalista: "Dov'è Gazza? Che fine ha fatto? E' vero che è morto?" Risposta del cognato: "No, veramente l'abbiamo ritrovato: era al pub."
    Pura e semplice poesia.

    RispondiElimina
  4. Era prorpio al pub.. e nemmeno tanto lontano.. semplicemente al pub sotto casa.... A fare quello che più gli piace insieme al tirare calci al pallone, fare sesso e assumere sostanze psicotrope.. Un satiro danzante.. che genera il mito perchè ne è sostanza costituente.. Un officiante di Eleusi.. che ci ricorda che la gioia è eccesso.. come è stato eccessivo il suo gol alla Scozia..
    PS. E per godere dei festeggiamenti del gol di JT ai mondiali.. vi invito tutti a Londra che li rimettiamo in scena tali e quali nel giardino di zia Betty a Buckingham Palace..

    RispondiElimina
  5. Un giorno non tanto lontano un paziente commentatore come fu Nonno di Panopoli si metterà a tavolino e raccoglierà le gesta di Gazza.
    Sembra quasi che i suoi picchi sportivi siano un mero trait d'union che consenta di addentrarsi nel mistero Gazza.
    In questo Paul usa il calcio indossando la veste del pontefice, attraverso le sue gesta sportive edifica un ponte che ci conduce nella radura della sua follia.
    Follia che è, come diceva Zolla, il segno che si è osato sollevare quesiti profondi senza essersene resi conto, una inconsapevole richiesta di conoscenza: "il folle osò bussare alla porta oltre la quale si scaglionano i gradi superiori dell'essere e sta scontando di averli intravisti con la mente impreparata".
    Raccontare Gascoigne significa guardare l'ombra che per forza accompagna l'illuminazione, significa cercare di svelare il senso illuminativo delle ossessioni e delle coazioni vedere "la malattia come una sequela di significanti ai quali è sottratto il significato".

    Per me Gazza resterà una stella fammiggiante color Lager, ne esalterò le gesta, lo vedrò in ogni bottiglia di Newcastle Brown ale....

    RispondiElimina
  6. Ma chi è il nuovo Gazza secondo voi? In questi borissimi anni zero, chi ha raccolto il suo testimone? Se ci pensate, quasi nessuno. Alla fine, quello che ci si avvicina di più è Adriano, ma nei brasiliani non c'è poesia, solo un certo alito trash.
    E in Inghilterra? Possibile che troppi soldi, troppe wags, troppo spettacolo abbiano azzerato queste sacche di anarchia? Finiti i vari Gazza, Adams, Merson, Le Tissier, Collymore, il vuoto? Escludiamo Joey Barton, che è monotematico (menare e basta), Lee Bowyer (troppo working class), John Terry (troppo ricco), e gli scandaletti già dimenticati (tipo Micah Richards, Steven Gerrard), chi rimane? Rooney avrebbe proprio le physique-du-role, ma si è pure sposato a Portofino..Mi sono dimenticato qualcuno?

    RispondiElimina
  7. Prima di Gazza solo Aleister Crowley. Dopo il nulla...

    RispondiElimina
  8. no no no DIonigi.....cercare il nuovo gazza è come cercare il nuovo maradona...impossibile che ne rinasca uno uguale......che storie stupende escono dalla tastiera di Gegen....

    RispondiElimina
  9. D'accordo con Nesat.

    Gazza sul lastrico finì pure in una menomata serie cinese...

    @Dionigi: hai dimenticato Fowler.

    RispondiElimina
  10. http://www.redmuseum.net/Grez/gazza.txt

    piccola enciclopedia di follie del nostro eroe

    RispondiElimina
  11. Purtroppo, a scandire il passo sinistro dei tempi che ci ospitano è giunta la notizia che la dentist's chair sarà bandita in una nuova legge contro l'alcolismo....

    http://www.mirror.co.uk/news/top-stories/2010/01/19/gazza-s-dentist-chair-drink-stunt-to-be-banned-under-new-laws-to-combat-binge-drinking-115875-21978074/

    RispondiElimina
  12. Un articolo degno di essere salvato, stampato, e puntato sulla bacheca di sughero di ogni cucina che si rispetti.

    Così un domani, quando i vostri figli vi chiederanno: papà ma che ricetta è questa?

    Risponderete: sono le semplici gesta di un eroe del calcio. Uno che la canna dell'acqua non la usava per bere, ma per mimare minzioni.

    Giù il cappello.

    C.

    RispondiElimina