lunedì 18 gennaio 2010

Appunti del lunedì


(C'è solo un Gus)
Cambia il giorno ma non la stringatezza di alcuni appunti sulla domenica appena trascorsa e la settimana che sta per cominciare.
1. Perde finalmente il Manchester City di Mancini (contro l'Everton), ma era prevedibile che al primo soffio di vento un po' più serio il ciuffo si sarebbe mosso. Ciò non toglie che secondo me il Mancio -non lo dirà mai, e non è solo scaramanzia- punta molto in alto in questa Premier. Per me è tutta pretattica quella del quarto posto; Mancini non è tipo da accontentarsi delle briciole. Approfittando della strana sindrome depressiva che sta cogliendo i cugini cittadini in questa stagione (una sorta di insoddisfazione latente verso tutto e tutti, allenatore storico compreso), del calo di zuccheri che a un certo punto attanaglierà l'attempata truppa di Ancelotti e della perdita dell'entusiasmo che segna ogni momento caldo della stagione dell'Arsenal (con conseguente afflosciamento modello soufflé) (lo so, ora sta giocando bene, ma arriverà), il tutto condito dal non dover pensare agli impegni infrasettimanali in Champions, prevedo una volata primaverile dei citizens che li porterà verso vette oggi inaspettate.
2. Ma la vera notizia che viene d'Oltremanica e che vale la pena segnalare è che finalmente Gustavo Poyet ha trovato la quadratura del cerchio con il suo Brighton, la squadra più corsara della League One. Sono contento per l'ex centrocampista uruguaiano, uomo schietto, corretto e grande lettore di Mario Benedetti. In particolare la coppia d'oro dell'attacco dei seagulls, Murray-Forster, ha purgato pure a Walsall, e ora tutto la città col pier più bello del mondo si appresta a vivere la grande avventura in FA Cup in casa dell'Aston Villa. La sorpresa è annunciata.
3. Il calciomercato (che più che altro sembra un ipermercato) italiano è sempre scoppiettante e così non si fa in tempo a salutare l'addio ad un'eterna promessa come Osvaldo (si è accasato al mio amato Espanyol, ma per fortuna non ha inciso nella sconfitta dei pericos contro il mio amatissimo Osasuna) che bisogna dare il benvenuto al salvador de la patria argentina, il centrocampista che con un suo gol ha portato l'albiceleste ai Mondiali, quel Bolatti appena acquistato dalla Fiorentina e i cui auspici più ottimisti possono prefigurarne un avvenire alla Bèrtolo.
4. Pare saltato il passaggio della Bestia all'Inter, nonostante io, Tato e Nesat ci fossimo offerti di portarlo ad Appiano Gentile con la nostra macchina. Sembra che l'Inter ora punti a uno tra Ledesma e Kolarov, che tanto il primo è gratis e il secondo si può scambiare con un paio di primavera più il fenomeno da baraccone Arnautovic. A parte gli scherzi questo scambio saltato è un peccato, un brutto presagio della possibile non conferma estiva di Burdisso, giocatore al quale ormai -lo confesso- mi sono affezionato. Speriamo che Moratti cambi idea e ci faccia l'ennesimo regalo.
5. Pradè sta cercando di piazzare Pit ed Esposito ma per il momento non ci sono squadre che si sono fatte avanti.  Lo dico perchè magari qualcuno di voi che gioca i tornei di calciotto di Roma Nord potrebbe essere interessato.
6. Infine la notizia che tutti aspettavamo e che ci stava lasciando col fiato sospeso ormai da settimane: Alberto Paloschi ha sconfitto l'aggueritissima concorrenza di Nicola Pozzi e Davide Santon ed ha vinto il concorso Gillette come promessa più promettente del calcio italiano. Pare abbiano votato in 5 in tutta Italia.

ps Aggiunge il grande Dominic direttamente da Brighton&Hove: "The Seagulls have won three in a row. Another new manager, Gus Poyet, is working wonders with a terrible, lazy, very one-dimensional squad. This Saturday it's FA Cup. Albion have Aston Villa at Villa Park. 6,000 fans travelling. There could be some trouble in Birmingham, though Brighton's firm is non-existent".

31 commenti:

  1. - Su Mancini aggiungo che si ritrova pure due nuove rogne da grattare: (i) la (più che giustficata e comprensibile) tristezza di Adebayor, che in questo momento è in Togo con i compagni di nazionale (li sta ospitando in casa) e non a breve tornerà a giocare (non si sente pronto, logicamente); (ii) la crisi imbarazzante di Robinho. Proprio lui che dovrebbe essere uno degli elementi in grado di colmare il gap dai top team;

    - Ferrara si deve dimettere. Sta sbattendo la testa contro il muro. Non accetto la giustificazione degli infortuni: anche Ranieri aveva lo stesso problema ma è lo stesso riuscito a formare un gruppo e ad ottenere dei risultati;

    - Nel Paulistao che sta iniziando, debutta con la maglia del Corinthians il buon vecchio Roberto Carlos. Sempre per rimanere in Brasile, sottolineo che nell'attacco del Flamengo campione Adriano sarà affiancato da Wagner Love;

    - Dopo la vittoria sul Boro, ecco riaffacciarsi lo Sheffield United alla zona playoff. Le gallesi tremano;

    - Suonala ancora, Dinho.

    RispondiElimina
  2. Scusatemi, ma se apriamo i dibattiti sull'appena trascorsa domenica pallonara mi trovo costretto ad uscire allo scoperto: sono due giorni che attendo che qualcuno mi dia il "LA" per aprire il dibattito sul Sellerone di Pavullo, ma giacchè nessuno dice nulla, faccio tutto da solo.

    Domenica a tratti normali, soliti riti scaramantici, borghetti nella tasca destra, bolletta snai nella sinistra, ed al collo la fida vecchia e logora sciarpa regalatami a 5 anni da mio padre.

    L'aria, almeno per me, era già frizzante, certo che la prima all'olimpico con la mia fresca qualifica di pater familias dovesse regalarmi qualcosa di magico o, per lo meno, di insolito.

    Detto fatto: come non capitava ormai da dieci anni, bastano tre minuti e subito si vede qualcosa di impensabile ed ormai dimenticato: un cross e, udite udite, un attaccante che addirittura stoppa, mette palla a terra e la smista sulla fascia.

    Mi sento mancare, cerco conforto nel primo borghetti della giornata, ma nulla.

    Passano altri cinque minuti, altro cross (questa volta di quella meraviglia del calcio che risponde al nome di Juan) e altro stop, apertura sulla fascia, controcross al centro ed incornata di poco a lato.

    Non mi sento niente bene, Vasco, il beone che siede davanti a me, se ne accorge, e mi incoraggia a bere un po' della sua grappetta da discount, che rifiuto con grande devozione.

    La partita continua così, tra una spallata, un colpo d'anca e qualche manata, insomma, roba di calcio vecchio stampo, di sabbia in faccia e fango in mezzo alle dita dei piedi.

    Fatto sta che oggi sono felice: abbiamo preso - ovviamente in prestito - un vecchio e logoro attaccante dinoccolato e tecnicamente da rivedere.

    Ma signori, dieci anni dieci senza un attaccante vecchia scuola non sono cosa facile da dimenticare, e pertanto me lo godo così, senza pensarci tanto, speranzoso di rivedere presto quel lungagnone impertinente correre con quell'andatura barcollante sotto la Sud arrotandosi un orecchio. Il tutto come se avvenisse da lunghi anni.

    RispondiElimina
  3. non capisco quel "Finalmente"per la sconfitta del Manchester City....è l'odio per Mancini???
    in realtà perdere a Liverpool ci sta.......Credoche Mancio comunque punti realmente al quarto posto....al massimo il terzo....il derby di coppa con lo united fornirà maggiori indicazioni in tal senso......bello questo calciomercato...il 30 mi aspetto dei colpi meravigliosi.....quelli che ti fanno perdere il fantacalcio tipo Mariano Pavone al Catania....Baptista ora so cazzi,dove a chi lo possiamo impaccare?è come i cellulari con dentro l'argilla che ti mollano i napoletani a portaportese su questo argomento vorrei sentire la voce di Inminoranza....Paloschi,Santon e Pozzi.....un altro panchinaro no??che ne so...Simone Inzaghi,Plasmati o magari hoffer.

    RispondiElimina
  4. "Finalmente" è per Mancini, certo, iniziava a starmi antipatica questa sua imbattibilità, anche se penso sarà una delle poche sconfitte della stagione.

    Baptista in effetti è rimasto un bell'accollo (peraltro sentivo oggi che l'acquisto in realtà è saltato perchè è saltato il passaggio di Amantino Mancini al Marsiglia, ma dimmi te), però è anche vero che ormai il campo dovrebbe vederlo davvero raramente.

    Su Toni, Tato, ho provato le tue stesse sensazioni. Ignominiosamente abbandonato dai miei compagni d'abbonamento (ehm ehm), per una volta mi sono potuto concentrare sulla partita e ho visto davvero un bel primo tempo. Però sono convinto che Toni vada cercato e sfruttato di più, voglio vedere molti più cross (nel secondo tempo: zero) e, quindi, ali più gagliarde in campo.

    Io tra Simone Inzaghi, Plasmati e Hoffer preferisco giocare in dieci.

    RispondiElimina
  5. Io credo che Baptista a giugno avrà comunque mercato. Complicherà un pò le cose una non convocazione da parte di Dunga, ma ricordiamoci che in Spagna gode ancora di molta stima. Esposito, invece, fosse per me farebbe fatica a trovare ingaggi anche in Serie B... ma è un'opinione, nulla di più. A me non è mai piaciuto, come Tavano. Non so a cosa servano centravanti con quelle caratteristiche.

    Personalmente, se il Mancio fa bene, mi fa piacere. L'italian style è sempre un bene che trionfi.

    E che mi dite di Llama del Catania. Secondo me, nell'attesa del miglior Pastore, è la vera rivelazione a livello di squadre piccole.

    RispondiElimina
  6. Come non detto... Esposito va al Livorno...

    RispondiElimina
  7. è dell'ultim'ora la notizia che il procuratore di Burdisso abbia chiesto per il suo assistito un ingaggio di quattro anni a circa 3 milioni di euro (ovvero quanto prendeva all'Inter). Spero che tale notizia si confermi fasulla, altrimenti non saprei che pensare.

    Anche sulla valutazione che ne da l'inter avevo già da ridire (circa 8 milioni!) ma questo è il colmo.

    Se i fatti sono questi, per me può tornare da dove è partito. Dopo l'illusorio primo mese in giallorosso è tornato sui suoi livelli, ovvero sulla sufficienza intervallata da vuoti totali.


    A quelle cifre io punto su Andreolli, che poi tanto più scarso di Burdisso non è.

    Pensateci, se salta Burdisso a giugno, la roma si trova "costretta" a non vendere Mexes o , peggio ancora, Juan.

    Sembrerebbe che non tutti i mali vengono per nuocere..


    sempre su fronte ingaggi: pare che Simplicio abbia raggiunto un accordo di massima con la roma. Bene, bis, a me piace e può tornare comodo..in coppa italia.

    Si parla di 2.2 milioni all'anno. Qui so tutti pazzi: queste cifre per un trentunenne da parcheggiare in pamchina?

    Qualcuno fermi pradè, questa volta con la forza per favore.

    RispondiElimina
  8. Si esalta spesso Corvino e mai Lo Monaco e l interessante rete di osservatori che ha il catania calcio in Argentina e sudamerica.
    Vargas(per me il miglior esterno del campionato),Andujar(portiere più che onesto scartato dal palermo),Spolli,Martinez...ovviamente LLama e Izco......ovviamente Lo Monaco non viene esaltato perchè è odioso....

    Simplicio per come è messa(economicamente) la Roma è addirittura un lusso.....questo è il mercato che possiamo fare..

    Bostero ma questo Gimenez??

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto preciso che la notizia riguardo il problema ingaggio di Burdisso l'ha confermata anche studio sport poco fa.

    Su Gimenez: semplicemente quello che è successo è un miracolo.

    RispondiElimina
  10. Alcune considerazioni si rendono necessarie:
    - Bostero, parliamo della qualità di una vita che ti permette di guardare studio sport del pomeriggio;
    - Non facciamo scherzi: Mauro Esposito non lo vuole più nessuno. L'Esposito che si è comprato il Livorno è tale "Andrea Esposito classe 1986 dal Genoa", difensore che -con mio sommo sbigottimento- gode anche di una convocazione in Nazionale (mah..);
    - Gli stipendi di chi viene dall'Inter sono quello che sono, gonfiatissimi, l'ennesimo danno fatto da Moratti al calcio italiano;
    - Ciò non toglie che io Burdisso lo terrei, limando un po' le cifre, ma lo terrei: piuttosto sacrificherei Mexes (che la "prospettiva storica" ha smascherato come un bravo ragazzo ma un mezzo bluff in area di rigore). Sinceramente, "l'insipido" Andreolli non mi dà grosse garanzie. E comunque, io terrei tutti, perchè non si può scommettere sulla salute di Dio Juan;
    - Simplicio non è male ma è un vecchio, che ci facciamo con un altro Perrotta? Piuttosto che giochino Cerci e Menez. E poi a quelle cifre -concordo con Tato- non è un affare, ma una follia, pure se dovesse arrivare gratis;
    - Ma Llama lo dite per la punizione che ha segnato o perchè l'avete visto giocare? Io sinceramente -e per fortuna- avrò visto sì e no 6 partite degli etnei, e mi sembrano tutti uguali (fungibili) i loro giocatori. Per esempio secondo me Izco e Llama sono la stessa persona. Poi Spolli ho visto ogni tanto che fa delle cazzate terribili, dev'essere un bel pippone. Ciò non toglie che tanto di cappello a chi ha portato Vargas dal Perù, veramente un campionissimo (l'ennesimo che Pradè si è fatto sfuggire quando sembrava fatta);
    - Bruno Gimenez, con quella faccia, quel nome e quei capelli, è un cantante di bolero anni '60, e a Bologna l'ha portato Pupi Avati perchè gli serve per l'ennesimo film musicale sulla sua gioventù.

    RispondiElimina
  11. Altro che! Ho pure visto Boca Estudiantes del Torneo del Verano l'altro giorno! (Non sia mai che io mi perda una partita dove gioca Juan Sebastian Veron)

    RispondiElimina
  12. con l'ufficialità del passaggio dell'ottavo nano Datolo all'Olympiakos pare oramai chiaro che anche Bolatti.. dopo non essere riuscito a togliere il posto al giocatore più sopravvalutato del panorama calcistico e della catena di montaggio di Termini Imerese (Montolivo).. finirà in un programma della Dandini..
    dato che in via Turati la "prospettiva storica" non sanno cosa sia mi sa che Mexes l'avevano prenotato per giugno.. e solo la terza apparizione di Fatima Nesta potrà salvarci dal suo approdo meneghino.. per favore tenetevelo stretti alla consolle del Goa che sennò mi metto a piangere..

    RispondiElimina
  13. "L'attaccante Lucho Figueroa torna in Argentina: ha firmato per il Rosario Central, dopo la rescissione del contratto col Genoa".

    Ma qualcuno può spiegarmi perchè non ha mai sfondato? Piuttosto che al Rosario Central -il cui fascino è indiscutibile- non poteva andare a fare il centravanti del Siena o il vice-Gila a Firenze?

    RispondiElimina
  14. Su Batista, forse, un po' ve l'ho tirata! Ma sarebbe stato un regalo assurdo. C'è tempo comunque, per me il biscotto si concretizzerà l'ultimo giorno. C'è anche la situazione Okaka.
    Bolatti è l'ennesimo giocatore seguito per 2 anni dalla Lazio e comprato in 2 giorni da un'altra squadra. Se vanno via Ledesma e Kolarov con le cessioni della gestione lotito si potrebbe fare una squadra da Champions. Oltretutto si è visto chiaramente che Pandev era fuori per scelta tecnica alla Lazio, la linea difensiva dell'Avv. Gentile era davvero credibile. Lo sapete che la Lazio a Bilancio ha 4 mln di euro di spese legali? Praticamente l'ingaggio di un buon giocatore...

    RispondiElimina
  15. Piccolo e delle volte stolto Dionigi che conosce anche il terzino sinistro di riserva del Murcia e poi si perde quando si parla delle piccole squadre in serie A......Per quel che riguarda Spolli posso dirti che si tratta di un signor centrale,purtroppo vive in simbiosi con il cartellino giallo, lo vedo bene tra un paio di stagioni alla fiorentina o in una tedesca medioalta. Per la Gazzetta ha la media del 6 in 14 partite(ora certo non è che sia la bibbia ma significa che qualcuno ha visto qualcosa di buono,so gia che deriderai con presunzione questa statistica).......per quello che riguarda Llama...sta facendo un stagione più che onesta e corre come un dannato...izco invece(seguito per motivi di fantacalcio due stagioni fa..e poi mi chiedo perchè arrivo sempre terzultimo)ha decisamente meno talento del compagno e non credo avrà mai mercato....ma sono 3 anni di fila che gioca con qualunque allenatore anche fuori ruolo...un motivo ci sarà?

    non è vero che Mauro Esposito non ha mercato....lo vuole la Salernitana...che ha anche Montervino,Fava e Cozza...e sono sulle tracce anche di Sentimenti IV...

    "Tale" Andrea Esposito dionigi è un ragazzo ex Lecce(centrale e terzino destro se non sbaglio)salentino di nascita..che effettivamente lo scorso anno brillò in più di un occasione. E' figlio della primavera leccese che trionfò in finale con l'inter(e forse vinse anche l'anno dopo nuovamente ai danni della pazza inter e tutte e due le volte ai rigori..sempre se non sbaglio ma mi sa che mi sbaglio). Storico il suo goal nei minuti finali di un Lecce Milan della scorsa stagione...ovviamente è stato cercato da pradè....ovviamente pradè non è ruscito a prenderlo(manco Andrea Esposito!)...la presenza in nazionale la conta comunque in una partita(non mi ricordo assolutamente con chi..)in quella splendida amichevole dove giocarono Mascara e Pellissier(pellissier è andato anche in goal)...non fa molto testo quella convocazione,credo siano stati convocati anche Maurizia Paradiso,Zuzzurro e Mango

    Gegen L avv Gentile secondo me a centrocampo è meglio di Mauri....

    RispondiElimina
  16. Effettivamente a volte mi perdo con le gozzaniane "piccole squadre di serie A", mi sembrano tutti uguali i loro giocatori (per esempio, per me, gente come Ficagna o Zoboli o Miglionico sono intercambiabili, quando non sono la stessa persona). Però questo Esposito davvero non mi suonava..grazie Nesat per essere un almanacco vivente.
    Però di Mango (il re del pop mediterraneo) in Nazionale mi ricordavo anche io, quello sì.

    Ma al di là degli esotici argentini che ne popolano ogni ruolo, tu -considerate anche le tue frequentazioni etnee- pensi che il simpatico Catania si salverà anche quest'anno?

    RispondiElimina
  17. Facciamo che il Catania non si salva quest'anno. Perchè un altro purgatorio del Bologna in B non lo reggerei.

    RispondiElimina
  18. La bella notizia del giorno è che "Fatima" Nesta è rientrato in Nazionale. Largo ai vecchi, adesso manca solo il capitano.

    RispondiElimina
  19. Anche Pavone centravanti dell'estudiantes campione di Argentina con Simeone in panchina.

    RispondiElimina
  20. Maxi Lopez sotto l'Etna -notizia shock del giorno, e probabilmente dell'intero calciomercato invernale- è, per dirlo con Gegenschlag, "l'ennesimo giocatore seguito per 2 anni dalla Lazio e comprato in 2 giorni da un'altra squadra".
    Mariano Pavone era anche (o è tuttora) una sega di centravanti del Betis Siviglia, tanto che l'anno scorso ha contribuito a mandare in segunda divisiòn la gloriosa compagine bianco-verde.
    Comunque sarebbe stupendo un attacco pesante tutto argentino, il moro e il biondo poi, una sorta di tronisti del gol..

    RispondiElimina
  21. Dionigi come si chiama quel coatto con il codino che giocava lo scorso anno(e forse pure questo)qualcosa garcia mi pare....comunque.....non so se si salverà o meno il simpaticissimo Catania.....però ultimamente giochicchia a calcio...non riesco a capire se Sinisa sia un bluff o meno...quello che è certo è che tutta quanta la cricca di Lacrime di borghetti dovrebbe passare una giornata intera in quella favolosa città regina del trash....senza calcolare che Catania è inspiegabilmente la città con le donne più belle del nostro paese(per quello che riguarda il cibo poi...che ve lo dico a fa...).
    Merita un post il conflitto tra Catania e Atletico Catania......un qualcosa di splendido credetemi....

    RispondiElimina
  22. penso ti riferisci a sergio garcia, un boro pazzesco col codino, che gioca in b col betis (ex saragozza e ex anche nazionale). un bomber di grande cuore, ma porta sfiga (due retrocessioni di fila con buone squadre..).
    eccolo in tutte le sue fogge:

    http://images.google.com/images?hl=it&rls=com.microsoft:it:IE-SearchBox&rlz=1I7DVXA_en&q=sergio%20garcia%20betis&lr=&um=1&ie=UTF-8&sa=N&tab=wi

    RispondiElimina
  23. Pur senza esserci mai stato Catania l'ho sempre percepita come la città più sensuale d'Italia.. Sarà per aver letto Brancati e il grande Ercole Patti in tenera età..
    Anche io Sinisa non so giudicarlo ancora...
    Comunque il catania si sta riforzando e col Massimino modello Ali Sami Yen dei tempi migliori diventa pericolosa per le rivali salvezza (Lazio e Bologna su tutte).

    RispondiElimina
  24. Beh, forse non lo sapete e forse non ve ne fregherà nulla,ma oltre e essere un romano interista ho anche origini catanesi.
    La città non è per nulla trash (le paeriferie non contano,se non non si salva più nessuna citta!) e sottoscrivo sia sul cibo che sulle belle donne.
    Parlando delle sue squadre, anche a me in passato giunsero racconti che avevano quasi del leggendario e mi piacerebbe se postaste qualcosa.
    Per la salvezza la vedo dura,ma ci spero.

    Raccogliendo l'invito di Nesat, dirò la mia sull'affare (?) Baptista.
    Il punto interrogativo tra parentesi non è casuale: stimo il buon Julio dai tempi del Sevilla ( e da quando mi svoltava il centrocampo a football manager..).In inghilterra e a Madrid ha avuto prestazioni alternanti e avevo seguito il suo approdo alla Roma con molta curiosità e interesse. Non so se non si sia ambientato, se non si sia inserito nei nuovi moduli (ma anche in quelli di Spalletti..), fatto sta che, oggi come oggi, sono più contento così.Il dubbio rimane. Vi confido infatti che, quando davano per fatta la cosa, nutrivo una seppur timida speranza di una sua esplosione in nerazzurro.
    Su Burdisso dico che alla fine non credo gli rinnoveranno il contratto e la Roma potrà ingaggiarlo a giugno,sicuramente per meno di 8 mil.A Milano è stato un buon tappabuchi, a volte anche affidabile. Meglio averne di giocatori duttili come el Padroncito, ma all'Inter tornerebbe a fare praticamente solo panchina;e a 3 mil. l'anno! Allora tengo Materazzi e Cordoba, grazie.E, visti i tempi, quanto avrebbe fatto comodo ora un Viera? Vorrebbe riprendersi un posto in nazionale per gli ultimi mondiali della sua carriera. Ma se è sempre rotto da quando ha lasciato Londra, come farà?
    E la Roma sarebbe costretta a non poter più vendere Mexes o Juan.Da una parte è un bene, ma dall'altra, visto che giustamente De Rossi è intoccabile, con chi farà cassa?

    RispondiElimina
  25. No Inminoranza.....lascia stare le periferie....quando dico trash(ovviamente in toni tutt altro che dispregiativi)mi riferisco a tutta Catania...e credimi so di cosa parlo...

    Nessuna persona sana di mente può dispiacersi del mancato arrivo di QUESTO e sottolineo QUESTO baptista.....un giocatore che comunque il suo l ha fatto per quello che riguarda la scorsa stagione.......Burdisso è utile,ha grinta....questo non significa però che mi devo andare a svenare per averlo ,altrimenti arrivederci e grazie di tutto....la Roma farà cassa con un dei due centrali,con Doni (anche se poco,plusvalenza pura)e credo con Taddei(ultima occasione per venderlo.....)sempre che Santa Rita non riesca a farci la grazia e porti un presidente ricco e con tanta voglia di buttare soldi.......

    RispondiElimina
  26. Per quanto mi sforzi, io non riesco a capire perchè Vieira nella sua carriera sia sempre stato considerato "forte". Per me è solo un mezzo centrcampista sopravvalutato. All'Arsenal ha azzeccato una stagione, alla Juve finì che per due anni Emerson dovette giocare per due, all'Inter ma chi se lo ricorda, in Nazionale a ringraziare che c'era gente forte a far la differenza (uno su tutti, perchè tanto di quello stiamo parlando).

    A me Taddei è sempre piaciuto, invece. Forse qualche acciacco di troppo negli ultimi tempi. Ma è una signora ala.

    RispondiElimina
  27. Scusate, ma la possibilità che la Roma vada in Champions e pertanto non abbia necessità di far cassa nessuno la prende in considerazione?

    Se ci pensate tra ingaggi e qualche soldino sarebbe sufficiente liberarsi di Doni, Giginho e Baptista.. senza dunque dover vendere alcun giocatore di calcio.

    Pura utopia la mia?

    RispondiElimina
  28. Sono d'accordo Tato. Baptista e Cicinho si vendono non per far cassa, ma perchè sono delle pippe.

    RispondiElimina
  29. Per carità è da prendere in considerazione come ipotesi:

    - prima arriva l'Inter di riffa o di raffa;
    - secondo il Milan;

    - tra le quattro finirà pure, realisticamente, la Juventus (più che Candreva, la Befana ha fatto trovare nella calza Roberto Bettega);

    - rimangono Roma, Napoli e Fiorentina.

    La viola ha la Champions ed il Bayern Monaco è in balia della discontinuità. Non escludo a prescindere un passaggio del turno, anche alla luce del fatto che sulle rive dell'Arno ha ripreso a bollare Mutu. Certo la coppa per ora ha influito in maniera paurosa sul campionato. Il Napoli ha solo il campionato, perderà qualche punto per strada ma per me continuerà a stare in alto. La Roma ha la Uefa e un Totti malconcio, ma un Ranieri in più.

    Io dico 40%, 20% e il resto Roma. Pensa anche che la Fiorentina l'anno scorso ha fatto un ritorno da paura. Sicuro arriva cmq la Uefa per la Roma. Non vedo altre pretendenti che possano competere.

    Sarebbe ghiotto vedere la Juventus scivolare al sesto settimo posto.

    Cicinho è da cedere. Il problema è trovare a chi...

    RispondiElimina
  30. Sono più o meno d'accordo, anche se quest'anno la Fiorentina spara spesso a salve.

    Secondo me alla fine la Roma ce la farà, anche se difficlmente si eviterà le forche caudine dei preliminari.

    Da tenere d'occhio secondo me anche il Milan, che se per sbaglio non trova il jolly questa domenica nel derby rischia seriamente di ricadere in depressione.

    Il napoli meriterebbe eccome, ma purtroppo cederà il passo alla Juventus in un modo o - sopratutto - nell'altro.

    Mi sbaglierò, ma la viola quest'anno secondo me si giocherà il sesto posto con il Palermo.

    La Champions prende troppo energie e purtroppo Mutu quest'anno gioca ad intermittenza.

    RispondiElimina