giovedì 24 dicembre 2009

Una Juve trrropppoo bbuonaaa fiu fiu fiu fiu fiuuuuu

La diciassettesima giornata ha lasciato un impronta significativa sul campionato. Il turno è stato in parte rovinato dai circa 500 rinvii causa neve e gelo, cosa ovviamente vergognosa se si pensa che in Francia e Inghilterra (non Gabon e Honduras) hanno rinviato causa maltempo una sola partita a testa. Al di là delle cavalcate vincenti che vedono protagoniste Palermo, Roma, Napoli e un ritrovato Livorno (vola! Serse vola!), la svolta di questa serie A coincide con il "Dramma" consumatosi nella glaciale Torino. Intorno al match dell'Olimpico (quello fasullo) si sono accesi infiniti dibattiti con radio,televisioni,giornali e tifosi letteralmente scatenati.In tutta questa bagarre sono passati inosservati determinati segnali piuttosto inquietanti, come il continuo tentativo di ausilio nei confronti del club bianconero. Un rigore troppo limpido per non essere concesso, viene fatto ripetere, Marchisio che decide di segare le gambe con un entrata da codice penale al povero Carboni e viene soltanto ammonito ed infine i favolosi 6 minuti di recupero.

Da 2 anni a questa parte si cerca in maniera quasi ossessiva di riportare la Juventus ad alti livelli, proteggendola forse più di 4 anni fa, per dare un definitivo colpo di spugna alle passate magagne. Il ritorno di Bettega è un vero capolavoro, nessuno dice niente, nessuno si azzarda a far notare che se si chiamava "Triade" vuol dire che gli elementi a comporla erano 3, ovvero, Moggi, Giraudo e pensa un po'.. il redivivo Bettega (no... ma ovviamente diranno che Bettega non ne sapeva nulla). Il colpo da maestro di Juventus-Catania è però nonostante tutto opera del buon Ciro, un uomo che con la sua insipienza tattica salverà il mondo dal guardiolismo,un uomo che con la sostituzione di Felipe Melo dopo 31 minuti ha bruciato 25 milioni di euro. Un esonero sarebbe un onta nei riguardi di chi lo ha "segnalato" (o imposto??) senza contare che un eventuale allontanamento di Ferrara segnerebbe l'ennesima sconfitta della dirigenza.

Gia la dirigenza,qualche anno fa Lapo annunciò una sorta di restyling per far risultare più simpatica questa squadra martoriata dallo scandalo, io ancora sto aspettando, se poi si mette alla presidenza un simpaticone quale Blanc, ci si allontana e non poco da questo nobile obiettivo. Si parla tanto di Felipe Melo, addirittura viene premiato quale bidone dell'anno, si parla troppo poco del nuovo messia Diego che veniva annunciato alla presentazione come quel giocatore che "Ha vestito la stessa maglia di Pelè e porta lo stesso nome di Maradona", che forse potrebbe effettivamente dimostrare qualcosa con in panchina qualcuno che l'allenatore non lo fa per gioco, per adesso altro non è che uno Sgro ma privo di personalità. Non si parla per niente invece di Amauri che doveva essere la salvezza della nostra Italia (con nessun diritto) ma che ora come ora non giocherebbe titolare neanche con la nazionale uzbeka.

Chiudo con Cannavaro, la difesa di certe televisioni e di qualche giornale nei confronti di questo giocatore è assolutamente ridicola, un mondiale vinto da capitano evidentemente è una sorta di immunità, se poi a questo si aggiunge il pallone d'oro più scandaloso della storia dai tempi di Mattias Sammer (che scippo a Buffon), Cannavaro si trasforma in un semi-Dio esente da tutte le sacrosante critiche, mosse dai tifosi juventini e della Nazionale. Non ho mai amato la Juve, rimpiango chi però regalava a questa società un minimo di charme, chi sicuramente avrebbe salutato Ferrara dopo una manciata di giornate, chi ha contribuito (volente o nolente) a quello scempio chiamato Calciopoli ma che comunque resta nel bene e nel male un signore del nostro calcio,sono certo che l'avvocato, ovunque sia, guardando la vecchia signora, stia scuotendo la testa più di chiunque altro....

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Sinceramente, quando ho letto di Bettega ho provato un profondo dispiacere.

    E le telvisioni subito a riabilitarne l'immagine. Annoverando assoluzioni su assoluzioni. E' vero, Bettega ne è uscito pulito e se ne deve prendere atto. Ma calciopoli, come dici bene, è stato di più che un'assoluzione o una malefatta una tantum.

    Mi sento preso per i fondelli. Ogni giorno di più.

    Per quanto riguarda il recupero... guarda che sei in errore. Si sa che a Torino, se la Juve è sotto, si gioca a oltranza. E' proprio una regola.

    RispondiElimina
  3. La Juve DEVE riprendere Moggi una volta finita la squalifica

    RispondiElimina