giovedì 15 ottobre 2009

questa storia

Anno 1996. Quel gran genio del calcio che fu l'ing. Ferlaino porta all'ombra del vesuvio dal Botafogo per sei miliardi del vecchio conio (avete presente quante banconote verdi da cinque mila sono?) Joubert Araujo Martins, meglio conosciuto come Beto, detto in patria Tric Trac o, come veniva chiamato a Napoli, "O' Nire". L'investitura fu di quelle importanti. "E' un fenomeno", disse Zagallo, famoso ct della Selecao. Giunse a Napoli carico di belle speranze: le sue e quelle dei tifosi. Ebbe, come in ogni storia che si rispetti, il suo momento di gloria: semifinale di Coppa Italia, Inter-Napoli, gol e corsa sotto la curva B a cui segue, in pieno spirito partenopeo, pianto e proclamazione a furor di popolo. Segue la finalissima con il Vicenza: l'allora allenatore azzuro Montefusco, subentrato in corsa a Simoni, lascia il brasiliano tristemente in panchina, nonostante la resistenza in campo dell'ultimo reduce del grande Napoli, "Rambo" Policano e di un giovanissimo Alain Boghossian. Rumors dicono che tale esclusione sia stata dovuta ad una presunta relazione del nostro eroe con la figlia minorenne di un non meglio precisato dirigente del Napoli. Questa storia finisce con il ritorno di Beto in Brasile, dove il Gremio fu incredibilmente disposto a spendere 8 miliardi per acquistarlo. Ferlaino era risucito in un altro miracolo. Il suo fu un ritorno trionfale, suggellato dalla vittoria con la Selecao della Coppa America del 1999. Io ho però un'immagine scolpita nel cuore di questo brasiliano dagli occhi tristi, un po' Aristoteles e un po' Machado de Assis: quella famosa finale con lui in panchina.. anzi non proprio in panchina, ma steso a piedi nudi e senza maglia sul prato ad attendere il suo momento che non arrivò mai.

5 commenti:

  1. Di seguito le squadre di club in cui Beto ha militato. Credo che solo Vieri e Bellamy abbiano dimostrato meno attaccamento alla maglia.

    Squadre di club1
    1996 Botafogo
    1996-1997 Napoli
    1998 Grêmio
    1999 Flamengo
    2000 San Paolo
    2001 Flamengo
    2002 Fluminense
    2003 Consadole Sapporo
    2003-2004 Vasco da Gama
    2004-2006 Sanfrecce Hiroshima
    2007 Itumbiara
    2007 Brasiliense
    2007-2008 Vasco da Gama
    2009 Confiança
    2009- CFZ Imbituba

    Quanto a "miracoli in uscita", credo che la cessione di Beto sia superata solo dalla classe di Luciano Moggi: 8 miliardi di lire per Iuliano dal Maiorca...

    RispondiElimina
  2. stavo cercando il tabellino della finale d andata giocata a Napoli...ne ho trovato un altro di quattro giorni dopo la finale,Napoli Vicenza 1 a 0....goal di Beto.
    Comunque grande Montefusco un allenatore alla Giaguaro Castellini o alla Ezio Sella(tiè fatti queste 5 partite poi torna nel tuo loculo). Adesso Vincenzino Montefusco fa il ds al real Marcianise.

    RispondiElimina
  3. La cosa pazzesca è che Beto sta ancora giocando. Ma quanti anni ha? Che vergogna il campionato carioca (e ci credo che pure Adriano e Ronaldo fanno i fenomeni).

    RispondiElimina
  4. Ho ancora negli occhi un suo gol fantastico a Marassi contro la Samp

    RispondiElimina
  5. gran gol veramente: tunnel al difensore (penso fosse Mannini, ma non ci giurerei) e botta a girare sotto il sette.

    Da segnalare peraltro che fu forse l'unico lampo in una stagione a tratti sconcertanti chiusa con la vittoria della solita Juve davanti ad un Parma splendido.

    RispondiElimina