martedì 27 ottobre 2009

Forza City.....sempre??

Fascino e bellezza sono due cose totalmente distinte,la bellezza solitamente è universalmente riconosciuta,il fascino invece deve essere individuato ma scovarlo non è sempre alla portata di tutti.La bellezza del Manchester United non può di certo sfuggire a nessun appassionato di calcio,una storia ricca di trionfi,giocatori incredibili e tecnici che hanno fatto la storia. Il fascino del Manchester City invece, viene riconosciuto da pochi perchè aldilà di qualche timido lampo non ha mai lasciato il segno. Diciotto titoli nazionali a due per lo United senza contare i 7 titoli internazionali a uno e i trentuno trofei nazionali a dieci. Nonostante questi numeri impietosi la citta di Manchester è spaccata a metà,gran parte del resto del mondo invece rimane estasiato dallo splendore dello United(difatti secondo solo al Real per introiti nel merchandising). Nel 99 mentre lo United vinceva una delle finali più emozionanti della storia del calcio, il City giocava uno spareggio con il Gillingham, da una parte Giggs e Cole che alzavano il trofeo più importante,da un altra Tiatto e Shaun Goater(idolo)si giocavano un play-off ai rigori. Il fascino del City è sempre stato questo,è perfettamente capace di annaspare nella melma con una classe disarmante,umiltà e tenacia sono le uniche armi da contrapporre alla spocchiosa forza del sempre più arrogante United. Dal 2007 qualcosa è però cambiato,i primi liquidi portati dal loschissimo ex premier thailandese Thaksin Shinawatra,hanno portato una ventata di strafottenza anche in casa City, come un burino che fa tredici al totocalcio, gli skyblues, non abituati a tali somme, sperperano soldi e la possibilità di riuscire a contare qualcosa dopo tanti anni. Passa un anno i debiti di Shinawatra portano il club vicino al fallimento e qui entra scena Mansour Bin Zayed Al Nahyam che rileva il city e l'affida ad Al Mubarak(che da solo ogni anno guadagna 3 miliardi di euro)la storia recente è di dominio pubblico, con acquisti del calibro di Adebayor,Barry,Toure e lo smacco Tevez ai danni dello United. In tutto questo a rimetterci è il fascino del City costruito con l'orgoglio e non con le sterline,tifosi come me innamorati di quel suo essere inferiore nel gioco ma incredibilmente superiore nei comportamenti e nello stile, si ritrovano spiazzati. E' come passare dall'essere fidanzato con una ragazza normale a una strafiga che tutti invidiano. Il tempo con i soldi e i trofei laveranno via l'orgoglio e la tenacia di questa squadra che riusciva a farci sognare con il fascino della sua sfortuna.

10 commenti:

  1. "Cosa c'è di meglio dello United? Il City!" (Jimmy Grimble, al talent scout dello United che gli chiedeva di firmare per le giovanili del Man Utd).

    Per chi non lo avesse visto "Jimmy Grimble" è un film del 1999.

    Riporto la trama come descritta su Wikipedia: "Jimmy Grimble è un ragazzino di 15 anni di Manchester con un grandissimo talento nel gioco del calcio. La sua timidezza, la sua difficile situazione familiare ed il tifare per il Manchester City invece che per il Manchester United gli precludono molte vie, impedendogli di inserirsi a scuola e quindi ad avere amicizie. Entrato nella squadra di calcio della scuola riesce a guadagnarsi il rispetto di tutti, grazie a degli "scarpini magici" che un'anziana donna gli ha regalato; Jimmy quando li indossa si sente sicuro di sè e tutto diventa possibile.Ma a causa dell'invidia di Burley (un suo compagno di squadra) Jimmy perderà quegli scarpini e si renderà conto che quello che saprà fare in campo sarà soltanto merito dei suoi piedi.Un film che riflette sull'autodeterminazione e la fiducia in se stessi."

    RispondiElimina
  2. Io l'ho visto. E' un film fantastico (con quegli scarpini vecchi, di cuoio, obbiettivamente brutti). Se non mi ricordo male, peraltro, nel film c'è pure Robert Carlyle.
    La questione del City è insidiosa. A prima battuta, per noi che del City possiamo essere giusto romantici simpatizzanti (ma non tifosi abbonati allo stadio), questa ricostruzione in chiave fantozziana ci piace e ci riempie di orgoglio. Voglio dire, si sfonda -almeno con me- una porta aperta: per me il calcio è sofferenza, e mi piacciono solo le squadre che soffrono (tutti sanno che quando vivevo a Barcellona -l'anno del doblete- sono diventato un grande tifoso dell'Espanyol. Il caro Nesat si ricorderà quella serata strappalacrime all'Olimpico di Montjuic, in cui ci salvammo all'ultimo minuto dell'ultima partita, mentre, non so, Maxi Lopez era ancora ubriaco di cava).
    Ciò detto, relativismo-culturalmente parlando, siamo davvero sicuri che i nostri giovani tifosi del City non siano contenti di avere finalmente uno squadrone? Di poter vincere e piangere -anche loro- lacrime di Borghetti?
    Non lo so, dico per dire, ma a volte questo tipo di ragionamenti mi ricorda un po' chi critica dal suo salotto di via Monti Parioli, col filippino che gli sta servendo la cena, la guerra in Iraq, quando magari forse dovremmo prima chiedere a un pischello iracheno cosa ne pensa, se è contento oppure no.
    Comunque per quanto mi riguarda la frase finale dell'articolo è già storia ("Il tempo con i soldi e i trofei laveranno via l'orgoglio e la tenacia di questa squadra che riusciva a farci sognare con il fascino della sua sfortuna").

    RispondiElimina
  3. "tifosi come me innamorati di quel suo essere inferiore nel gioco ma incredibilmente superiore nei comportamenti e nello stile, si ritrovano spiazzati." era ovviamente rivolto a chi ama il city da fuori manchester...credo che i tifosi "Veri" non abbiamno mai smesso di godere dal giorno dell arrivo dello sceicco..(peraltro come giusto che sia)


    jimmy grimble è stato il mio primo vero approccio al city....è un film favoletta..ma lo trovo geniale...non mi ricordo chi di voi tifa sheffield united...ma segnalo questo film sempre inglese(probabilmente gia lo conosci)..

    http://en.wikipedia.org/wiki/When_Saturday_Comes_(film)


    in italiano si chiama sabato nel pallone

    RispondiElimina
  4. E' Bostero il nostro membro della BBC (BladesBusinessCrew)!!

    Comunque sono stupendi questi film calcistici inglesi super fittizi, e anche la scheda di wikipedia regala delle chicche, tipo questa: "In 2006, when Manchester United played Sheffield United at Bramall Lane in the Premier League, the announcer jokingly stated that "the last time this fixture was played, it was won with a penalty by Sean Bean."

    Ad ogni modo non l'avevo mai sentito questo film.

    RispondiElimina
  5. "come un burino che fa tredici al totocalcio"

    non credo che possa esistere metafora migliore per quello che è successo al city..

    mi ricorda, a grandi lineee, i primi passi del chelsea di Abramovich. Peró quella squadra ha ottenuto qualche successo e ora rappresenta la colonna del chelsea attuale, non sono sicuro che il city riesca a concludere qualcosa comprando cosí...

    RispondiElimina
  6. il city non ha comprato male a parer mio....Toure,Barry,Adebayor e Tevez..si deve continuare a costruire intorno a questi 4 giocatori...ho paura però che la mania di grandezza dello sceicco porterà il city ad ingaggiare chiunque senza seguire una logica...fino ad ora però mi sembra stiano facendo un ottimo lavoro.

    RispondiElimina
  7. Il chelsea di Abramovich andò così così solo la prima stagione, per quanto si fermò in semifinale di Champions. L'artefice della campagna acquisti non proprio leggendaria (crespo, veron, mutu tutti non pervenuti) fu - udite udite- CLAUDIO RANIERI!!!!

    RispondiElimina
  8. E' che non sentiva la squadra "sua"..

    RispondiElimina
  9. proprio Kricio mi aveva messo in guardia su quel che riguarda il simpatico Ranieri...condoglianze mi disse il giorno dopo l'annuncio...ora capisco il perchè(anche se gia lo sospettavo).

    RispondiElimina
  10. Quello che piú mi ha fatto incazzare di Ranieri nei 2 anni alla juve..è quello che ho definito come "l'immobilismo"..non si muove..stai perdendo in casa contro il lecce? no problem..niente cambi..o peggio vinci 1 a zero in casa contro il lecce..a difendere e gestire..ho visto milioni di partite l'anno scorso cosí..è fastidioso. e poi cambi come appunto pit x taddei..ma perchè? a mio avviso, manca anche di polso. L'anno scorso Camoranesi era da far sparire da Torino, se non ricordo male è entrato in 3 partite consecutive e si è fatto espellere. uno cosí non gli devi fare vedere piú il campo e poi la gestione di Giovinco, relegato a fascia sinistra di centrocampo a 4,no mi dispiace non lo digerisco proprio.

    RispondiElimina