mercoledì 14 ottobre 2009

Dubbi rossoneri e bei tempi olandesi che non ritornano

"Huntelaar-Pavlyuchenko MiIan vicino allo scambio La stampa inglese è convinta della trattativa per portare al Tottenham l'olandese che sta deludendo a Milano in cambio dell'attaccante russo, che però piace anche allo Zenit San Pietroburgo" Dionigi, da grande (e presumo unico) esperto di calcio russo, illuminaci: non era meglio Pavel Pogrebnyak (ora in forza allo Stoccarda)? Su Huntelaar che se ne va, invece, credo nessuno abbia niente da dire. Argomento non affrontabile.

2 commenti:

  1. Intanto ti ringrazio per l'apertura di credito ma devo puntuallizare: le mie competenze di calcio russo derivano solo dall'assidua frequentazione del ristorante Rasputin di Madrid (zona La Latina), dove i camerieri (rigorosamente della Mancha) erano costretti a vestirsi da cosacchi. In realtà ho anche un vecchio informatore a Rostov (già tifoso dello Ska Rostov, poi vendutosi allo Spartak Mosca, ora simpatizzante per lo Zenit di San Pietroburgo) che a volte mi segnala possibili picchetti.
    Detto questo, Pavlyuchenko è centravanti esile ed elegante, sembra Nureyev, è fortissimo ed ha quello charme vintage-chic da aristocrazia russa scappata nel '17 che si presta benissimo all'ambiente della Scala meneghina. Tuttavia, Pogrebnyak è ancora più forte, è centravanti spietato e concreto, più stile KGB, e questo lo posso dire perchè non l'ho mai visto giocare, e dunque il mio pensiero non è inquinato da facili giudizi. Il problema, in ogni caso, si porrebbe per Massimo Mauro, che non credo sia odontoiatricamente in grado di pronunciare entrambi i nomi.

    Su Huntelaar, soprannominato in Spagna "el cazador" (il cacciatore), può citarsi allora l'omonima canzone di Nacho Vegas: "Vivo come un cacciatore/in solitudine, senza fede nè amore/la mia preda sta sempre da un'altra parte". L'argomento pero' si può affrontare: bisognerebbe vederlo in un'altra squadra italiana, più alla sua portata, tipo il Piacenza o la Triestina.

    RispondiElimina
  2. Comunque vada Huntelaar segna con la Roma... José Mari docet...

    Una riflessione: perché ad un mese dalla chiusura del mercato già si parla sempre di altri scambi che avverranno fra più di due mesi?

    In questo mercato mediatico permanente si nascondono molti problemi del buon vecchio calcio

    RispondiElimina