lunedì 19 ottobre 2009

CVD

..seppur nella certezza di essere additato come presunto piagnone o peggio ancora come "il solito romanista" due righe su ciò che abbiamo visto ieri sera tengo a scriverle. Sabato 17 ottobre, ore 13.30: a bordo della mia automobile, di ritorno da una splendida spesa nel mercato vecchio di piazza testaccio (che di per sé richiederebbe un paio di post a parte, forse perchè io attraggo le chiacchere della gente per costituzione), interviene su radio sport inaspettatamente Stefano Petrucci. Il tema è, ovviamente, l'imminente match di S.Siro ma la sua discussione parte, neanche a farlo a posta, da un premessa: .."Premesso che arbitrerà Rosetti e quindi mi aspetto di tutto".. e lì dico basta - cambio stazione - ed inaseptatamente mi dice anche bene perchè becco uno splendido pezzo di Vic Damone che è tutto un motivetto in allegria - scusate la divagazione. Dove ero rimasto? Ah, ecco, basta dico : non ricominciamo con questa prevenzione e questi alibi da provinciale!. Ore 22.40, domenica 18 ottobre 2009. Mi alzo dal divano, francamente nervoso, saluto mio padre (che non è nervoso, ma francamente incazzato) salto in groppa alla mia vecchia bici e penso. (io penso tra virgolette, scusate, ma penso proprio tra virgolette). "Sara mai possibile che Riise, anni 29, un passato nel Liverpool, non sa fare la diagonale difensiva? Io la so fare la diagonale difensiva, altrochè! Sono il re della diagonale difensiva io.. ed anche del fuorigioco. Ergo, sono meglio di Riise!" Questa mia virgolettata costatazione mi aveva già rincuorato ed a tratti lusingato quando poi penso un po' più attentamente (quindi doppie virgolette per gli attenti lettori).. ""Certo però che quel rigore un po' così non mi convince - difensore scivoloso difensore pericoloso - però la palla va dall'altra parte. Anche su Menez c'era quel rigore netto ed espulsione. Forse se si fosse buttato.."" ALT ""Se si fosse buttato??"" L'ho pensato io (è doppiamente virgolettatto) e l'anno detto un po' tutti in TV. Questo ha 22 anni, non fa altro che stare per terra, è sempre moscio, rotto, irritante ed una volta che dimostra un po' di palle si doveva buttare? A questo punto del mio ragionamento mi sono incazzato anche io: ho pensato alla faccio di rosetti, alla corsa a fine primo tempo di galliani giù negli spogliatoti, a Nesta che trattiene Okaka, a leonardo impeccabile nel suo Tailler, a Pizzarro che spaccava tutto, a mio padre che spaccava tutto ed ho pensato ancora un po'. """Sbaglio, o qui qualcuno cogliona qualcuno?""". Dopodichè, mestamente, sono tornato a pensare agli errori tattici di Ranieri e quella cazzo di diagonale che Riise vi assicuro proprio non sa fare...

6 commenti:

  1. Cosa significa il titolo "CVD"?

    Da romanista intristito, condivido la tua bella analisi intimista. Riise non è la prima volta che ci regala queste perle; perlomeno ha regalato anche il canto del cigno a Ronaldinho (era dal 2006 che non faceva un'apertura del genere).
    Burdisso mi piace un sacco pero' meglio che non si butta più in area, tanto certi arbitri non aspettano altro.
    Rosetti è una garanzia per queste partite, io lo stavo solo aspettando il momento X (e quando è entrato Inzaghi ho capito che era aria di rigore).
    Detto questo, spero che questa partita non si converta nel solito alibi per tutta la stagione della Roma. Ieri è stato un pianto vedere una squadra più forte che rinuncia a giocare; due pensionati sulle fasce; due terzini bloccati in difesa; un senso generale di provinciale codardia. Sarò anche prevenuto ma meglio perdere a viso aperto che non vincere in trincea.

    Caro Ranieri, come diceva Jackson Pollock, è inutile sparare con una pistola scarica.

    RispondiElimina
  2. Spero che il tempo dia ragione al mo pupillo Guberti. Ha corsa e qualità. Manca di esperienza, ma certo quella non può accumularla stando panchina.

    Spero che non si faccia l'errore di mandarlo via afrettatamente, piuttosta sia sacrificato Cerci.

    RispondiElimina
  3. Credo che Ranieri stia semplicemente cercando di quadrare la squadra. Darle una forma e degli spazi, incurante dei risultati e di tattiche spregiudicate. Ci vuole un poco di pazienza. Credo sia durissima prendere in mano in corsa una squadra come quella forgiata in vari anni da Spalletti. Senza portare stravolgimenti provare a rodare meccanismi prudenti passo passo mi sembra sensato. Ma voi, da bravi provinciali, avete sempre fretta...

    RispondiElimina
  4. Ps: Rosetti è 10 anni che è scandaloso.
    Ps2: Tato non entrare nel loop degli stranieri che non sanno fare la diagonale. Ti fai male. L'unico che è arrivato in Italia e sapeva cosa fosse era Thuram. Quando andò a difendere in Spagna, i tifosi del Barcellona credevano fosse un marziano, una forma di vita fino a quel momento sconosciuta.

    RispondiElimina
  5. Ad onor di cronaca, Thuram era un marziano.

    Trattasi dell'unico giocatore di origine africana con il concetto di tattica nel cervello.

    Un marziano per l'appunto.

    Domanda: secondo voi, è consentibile mandare Leonardo in panchina in veste di allenatore?

    E se si, può presentarsi tutto in tiro che a confronto Mancini sembra mazzone col cappelletto di lana sugli occhi?

    Se fossi del Milan io sarei incazzato come un ape.

    RispondiElimina
  6. Per la cronaca, Thuram non è di origine africana, ma caraibica (della Guadalupa, colonia francese), altrimenti non potrebbr avere "alcun concetto di tattica nel cervello" (questo lo provò già Cesare Lombroso in una celebre opera del 1898). Anzi ricordo una puntata dello "Sciagurato Egidio" in cui smentiva di essere cresciuto in un camion, nonostante testimonianze in quel senso.

    Ranieri è semplicemente un coñazo, una palla di allenatore: sentivo prima la conferenza stampa di Prandelli che diceva "noi non dobbiamo mai pensare al risultato, noi dobbiamo esaltarci con il gioco". Musica per le mie orecchie.

    Leonardo è fichissimo e fashionissimo; il trench di domenica sera era di un'eleganza ineguagliabile; dev'essere un tentativo Sky di acchiappare quelle fasce di pubblico che sono ancora reticenti al calcio, come le ragazzine e gli omosessuali (peraltro anch'essi, sempre secondo una celebre opera di Lombroso, mentalmente incapacitati dal comprendere la diagonale).

    RispondiElimina